ceto dirigente e ceto dominante

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

ceto dirigente e ceto dominante

Messaggioda pierluigic » sabato 18 aprile 2020, 7:58

Nella nostra eta' alcuni ( non moltissimi a dire il vero ) hanno l'impressione che i nostri ceti dirigenti siano manovrati da forze oscure che stanno dietro lo scenario
Che vi sia in definitiva uno scollamento tra ceto dirigente nazionale ed un oscuro gruppo di persone che operano sull'economia globale muovendo le cose nell'interesse di pochi adepti
Quella che viene chiamata "Finanza internazionale"oppure una " mafia internazionale"
Quindi un fenomeno sovranazionale che opera secondo regole non etiche
Mi piacerebbe sentire delle opinioni
Capire su un forum che si occupa di storia , la percezione che si ha di questo eventuale fenomeno
Cioe' ci troviamo di fronte a qualcosa di reale o siamo di fronte ad una semplice "teoria del complotto" ?
Oppure ci troviamo semplicemente di fronte ad un neccanismo ?

Nei tempi moderni la storia e' "naturale" od organizzata ?

grazie per l'eventuale attenzione
pierluigi
pierluigic
 
Messaggi: 1056
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: ceto dirigente e ceto dominante

Messaggioda VictorIII » domenica 19 aprile 2020, 18:20

Caro Pierluigi,
I will write in more detail this evening but I want to make a quick note now.
As you yourself have become a visible champion of the tenets of this forum - a place where genealogical speculation is frowned upon, I would think we can all agree that “non genealogical” speculation is even worse and less tolerable. It is totally beneath the high academic value of this forum and I even say so as a completely ignorant amateur.

Directly - these world illuminati conspiracies are worthless drivel that exploit and stretch connections that simply don’t exist in the manner they are suggested. I think you agree with this, so why even create such a topic here? I say so with respect, and of course just my amateur and American opinion.
Cari saluti as always, and hoping you are safe and sound,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 415
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: ceto dirigente e ceto dominante

Messaggioda pierluigic » domenica 19 aprile 2020, 21:05

.
Victor
devo averti pestato i piedi senza accorgermene
scusami se l'ho fatto
trovo un poco polemiche le tue riflessioni
comprendo le tue difficolta' con la lingua e quindi non ci faccio caso

nessuna teoria del complotto
stavo tentando di stimolare una riflessione sulla globalizzazione e sulla finanza internazionale
Sulla complessita' e sulla interconnessione dei problemi nazionali
E come molti dei tradizionali problemi storici hanno oggi bisogno di un respiro piu' vasto a fronte della velocita' del processo di azione e reazione
Ma puo' essere che non interessi nessuno o che io non abbia saputo spiegarmi
pierluigic
 
Messaggi: 1056
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: ceto dirigente e ceto dominante

Messaggioda malgoth » lunedì 20 aprile 2020, 16:29

Caro Pierluigi,
il mio modesto parere che per rispondere alla tua domanda, nel modo più corrispondente alla realtà, basti avere come "stella polare" e guida la Storia: sia nella sua versione "macro" che "micro".
L'uomo è sempre rimasto il medesimo, pur adattandosi ai vari processi storici; forse, sono cambiate le dinamiche e, soprattutto, gli "strumenti utilizzati" (prima le armi, adesso la finanza).
"Strumenti", comunque, che sono sempre stati "suonati" da pochi uomini; un "elite" politica, proveniente spesso da quelle famiglie dedite proprio a quel tipo di "musica".

Ecco, forse grazie all'ascensore sociale e ai fisiologici mutamenti della microstoria familiare vi può essere stato, nei secoli, qualche individuo che è divenuto "musicista" per le sue particolarità qualità personali e qualche nota famiglia di "musicisti" che è scompara o del tutto o, perchè, confluita in altra famiglia di diverso cognome.

Insomma, in sintesi, la storia sia locale che di più ampio respiro ci insegna che siano sempre stati, in realtà, Pochi a decidere per molti....anche in quelle che definiamo Rivoluzioni...una loro attenta lettura, infatti, ci fa scoprire che tra i Promotori vi siano sempre i "soliti noti"...in modo da "cambiare tutto, affinchè nulla cambi..." [arf2.gif] [angel] [bangin.gif]

Salutoni [cheers.gif]
malgoth
 
Messaggi: 388
Iscritto il: sabato 14 aprile 2007, 20:06

Re: ceto dirigente e ceto dominante

Messaggioda pierluigic » lunedì 20 aprile 2020, 17:58

Ho sicuramente posto male il quesito visto che ho tratto in inganno sia te Malgoth che Victor III
Il mio e' un lamento
Questo e' un post dove tutto non e' facile da esprimere , dove ci sono moltissime cose in piu' da dire sotto tanti punti di vista
Certo le cose sono sempre andate cosi ma non e' un buon motivo per non provare a cambiarle proprio magari facendo appello alle soluzioni che hanno dato loro i nostri antenati


in realta' volevo mettere in evidenza come questa pandemia dovrebbe servire a darci una scossa ( ne dubito )
Ci siamo impigriti , siamo ingrassati e siamo diventati lenti , abbiamo la testa pesante
E' la storia del ranocchio che gettato in una pentola di acqua bollente schizza in alto piu' forte che puo'
ma che messo in una pentola di acqua fredda con la fiamma accesa sotto se ne sta tranquillo fino a morire bollito
Gli stati nazionali ed in particolare l'Italia ,hanno sviluppato una classe politica di basso livello culturale
cavillosa ( troppi avvocati ) poca gente che sappia veramente cosa e' il lavoro
Classe politica che ha una sola abilita' : parlare di qualunque cosa spesso non sapendone niente
L'Aquila una citta magnifica e' stata distrutta dal terremoto , le sue macerie sono ancora dove le ha lasciate il terremoto
con le risate di chi vedeva un occasione di far denaro
Al momento di comperare le mascherine ci siamo improvvisamente resi conto che in Italia non si producevano piu' perche' costava troppo fabbricarle in Italia
Stessa storia per i reagenti perche' non abbiamo piu' un industria chimica
La siderurgia e' svenduta agli indiani , molti troppi prodotti con marchio italiano sono in mano straniera ..........................
Abbiamo chiesto gli eurobond e ci e' stato risposto che non si voleva condividere con noi il rischio italiano
E' la cosa ha una sua logica abbiamo un debito pazzesco che con questa pandemia diventera' ancora piu' pazzesco
Questi i ceti dirigenti !

Nel mondo la ricchezza si concentra nelle mani di sempre meno persone
Una volta un ' azienda aveva tempi di crescita abbastanza lenti e si consolidava con gli acquisti di beni e di attrezzature
Oggi in qualunque parte del mondo vi e' una commistione tra produzione e finanza e molto del mondo produttivo e' basato sul debito e sul prestito
Quindi assistiamo ad enormi bolle finanziarie e anche le realta' che appaiono piu' solide possono scoppiare da un momento all'altro
I principi etici ? se una grossa multinazionale americana decide di vendere in Italia un diserbante altamente tossico lo vende e se gli impongono di ritirarlo gli danno il tempo di esaurire le scorte
Usa stampa e televisione per annebbiarci il cervello

Il nostro senso di giustizia , la nostra pietas , la nostra incapacita' di sfruttare le risorse umane hanno fatto del nostro Sud una terra di organizzazioni mafiose
Ogni debolezza umana e' sfruttata : droga , prostituzione , rifiuti , difficolta' finanziarie ( strozzo , manovalanza acquisizione a prezzi da fame ) , commercio di organi
E noi siamo rassegnati sappiamo che stiamo sul ring adeguandoci a tutte le regole con un avversario che ha un tirapugni nel guantone e usa i colpi sotto la cintura

Questi sono i ceti dominanti !
.
pierluigic
 
Messaggi: 1056
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it


Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti