Consultazione dei Catasti Onciari.

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Re: Consultazione dei Catasti Onciari.

Messaggioda luigirusso66 » lunedì 30 dicembre 2019, 14:14

Per Tedeschi Giuseppe,
a titolo informativo nei Catasti Provvisori (1808-1815) di San Nicola la Strada Tedesco Vincenzo di Tredici aveva una rendita di 55,50 ducati per territori e il medesimo contribuente in Maddaloni aveva una rendita di 510,40 ducati per soli 8 moggia di terreno; molto probabilmente aveva un patrimonio immobiliare anche in Maddaloni.
Luigi Russo
luigirusso66
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2019, 13:54

Re: Consultazione dei Catasti Onciari.

Messaggioda tedeschigiuseppe » martedì 31 dicembre 2019, 2:48

Gentile dottor Russo,
Le sono veramente grato per le informazioni e la disponibilità manifestatami, tra l'altro fornendo delle notizie del tutto inedite per la famiglia, quali quelle relative a Maddaloni e San Nicola (sono state per caso tratte da "Caserta e i casali storici" ?).
Il Vincenzo da Lei rinvenuto è il mio caro trisavolo, il quale forse non fu esemplare nella gestione del patrimonio, dato che è stato l'ultimo "possidente" di famiglia !
Mi sto occupando di una ricerca genealogica a titolo puramente privato e da dilettante.
La famiglia è originaria di Caserta (Tredici), ma tale ramo casertano origina da un antenato definito oriundo in uno stato delle anime (MATTEO), purtroppo di ignota provenienza.
Per casa gira un opuscolo del 1907 nel quale un mio presunto avo (GIANBATTISTA) ricostruisce la genealogia della famiglia dagli albori fino appunto al 1907 (lo fece per rivendicare titoli nobiliari, come usanza dell'epoca): essa, di origine sveva, proverrebbe dalla Sicilia (XII sec.) per quindi trasferirsi a San Giovanni Incarico nel 1530 e quindi da lì a Frasso Telesino il secolo seguente, dove tuttora sussiste una discendenza, che comprende l'autore del suddetto libretto.
Ora, il mio "problema" è trovare il trait d'union tra tale famiglia e il ramo casertano dei TEDESCO (divenuto alla fine dell'ottocento TEDESCHI) originato dal suddetto Matteo l'oriundo.
I motivi che mi fanno ritenere sussistente il collegamento sono almeno due:
1) il suddetto libello del 1907 gira per casa da generazioni per una qualche ragione razionale, non lo hanno certo comprato su una bancarella;
2) soprattutto, antichi possedimenti di famiglia in Tredici di Caserta, ora ruderi, riportano il medesimo stemma gentilizio della famiglia TEDESCO di origine siciliana di cui sopra, che trovasi a sua volta riprodotto sul medesimo libello.
Il suddetto MATTEO potrebbe essere un avo distaccatosi da Frasso, o da San Giovanni Incarico, oppure da...... non sono riuscito ancora ad appurarlo.
Pensavo di tornare in Diocesi a Caserta (dove il personale è di squisita disponibilità) per rinvenire, con un po' di fortuna, qualche processetto matrimoniale del '600 per magari trovare il notaro di riferimento della famiglia all'epoca (se non erro il notaio serviva per raccogliere il consenso formale al matrimonio dei genitori); se ci riuscissi, avrei un'indicazione di partenza per continuare la ricerca presso i fondi notarili del '600 all'Archivio di Stato senza dovermelo passare tutto, per capire se il Matteo ha comprato/costruito l'immobile di Tredici, che appunto risale al '600 come confermato anche dalla Soprintendenza, per magari conoscerne anche la paternità.....
Ritiene, da esperto, che possa essere un buon modo di procedere?
Infine, chiedo a Lei e a tutti gli utenti, premesso che il vero piacere è fare ricerca in prima persona, ma abitando a diverse ore d'auto da Caserta non mi è possibile spostarmi con la frequenza che vorrei, se vi sono figure professionali che svolgono in genere ricerche su incarico presso gli Archivi di Stato...
Ancora grazie, al termine del lavoro gliene manderò una copia!
Giuseppe Tedeschi
tedeschigiuseppe
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2019, 1:43

Re: Consultazione dei Catasti Onciari.

Messaggioda tedeschigiuseppe » martedì 31 dicembre 2019, 2:50

Un ringraziamento anche al sig. Bedini per la disponibilità !
GT
tedeschigiuseppe
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2019, 1:43

Re: Consultazione dei Catasti Onciari.

Messaggioda luigirusso66 » martedì 31 dicembre 2019, 10:00

Le notizie sulle proprietà in San Nicola la Strada e Maddaloni sono tratte dai Catasti Provvisori dei rispettivi comuni (ho gli elenchi dei contribuenti per un precedente lavoro). I registri originali sono conservati presso l’Archivio di Stato di Caserta.

I Catasti Onciari, Caserta e casali, ABEdizioni, Pietrastornina, 2003:
p. 37: Il casale nella Descrizione sullo Stato di Caserta del Manni si dice abitato da circa 100 anime (19 famiglie) […], passò nel 1748 a 258 persone. Nel Catasto se ne precisano 277 […] La parrocchiale è stata sempre quella sotto il titolo di S. Matteo, sebbene la nuova costruzione sulla nicchia del portale, comparirà la data del 1769, anno in cui sarà ristrutturata dal parroco Ferraiolo, con due cappelle: una di S. Maria delle Grazie di patronato della famiglia Todesco [probabilmente Tedesco], l’altra, sotto lo stesso titolo, di patronato della famiglia Pastore, a cui apparteneva l’unico vero palazzo signorile rimasto in piedi […]
Ma, accantonato l’unico ricco del paese nella persona di Don Giacomo Pastore che vive civilmente e possiede il titolo di magnifico per sé, la sorella e la moglie, seguito da un componente della famiglia Tedesco, rientrano nella fascia intermedia i piccoli borghesi possessori di muli e giumente che, quasi sempre, danno anche una casa propria.

p. 40 [note]: 11. Vive civilmente Giacomo Pastore di 45 anni come vive civilmente Giuseppe Tedesco di 32 anni con la moglie possiede una casa con giardino e cappella, ma anche sei moggi e mezzo di terra a Vairano e 4 moggi a Tredici, alla Via Vecchia. In totale paga 501,19 once.

p. 120: 43. Vive civilmente Giuseppe Tedesco di 32 anni con la moglie Maria Truppa di 17 anni e i servi Maria Milano di 20 anni e Giacomo Vaccaro di 19 anni. In comune con il sacerdote suo fratello don Giovan Pietro. Giuseppe Tedesco possiede una casa con giardino e cappella, ma anche sei moggi e mezzo di terra a Vairano e moggi 4 a Tredici, alla via Vecchia. In totale paga 501,19 once.

Probabilmente Giuseppe Tedesco e Maria Truppo si sposarono proprio nel 1749 o al massimo l’anno precedente. Si potrebbe partire proprio dalla ricerca del loro processetto matrimoniale. Nell’Archivio della Diocesi di Caserta esistono degli elenchi consultabili al PC dei processetti matrimoniali.
Nel medesimo Archivio sono conservati anche degli Stati delle anime, sacra patrimonia (per il fratello sacerdote che non risulta negli elenchi degli ecclesiastici della diocesi nel Catasto del 1749) e probabilmente anche i registri parrocchiali (potrei chiedere se ci sono).
Credo che occorrerebbe partire da questi dati per collegarli prima a quelli del 1655.

Nel Catasto di Caserta del 1655 era già presente la famiglia (ho guardato meglio), denominata Todisco con Matteo deputato per il casale di Tredici, Marco quondam Andrea, giudice a contratti, ed altri.
Le posso mandare il file del Catasto. Se vuole può scrivermi una mail così le mando quello che ho.
Luigi Russo
luigirusso07@libero.it
luigirusso66
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2019, 13:54

Re: Consultazione dei Catasti Onciari.

Messaggioda tedeschigiuseppe » martedì 31 dicembre 2019, 16:23

Gentile dottor Russo,
Ancora grazie per le insperate informazioni che mi sta fornendo, in effetti tra Tedesco, Tedeschi , Todisco e Tedescho ho cambiato più volte cognome....
La mia mail è tedeschi@areaconsulenze.it
Qualsiasi contributo documentale sarà molto gradito !
Con i migliori auguri di buon anno a Lei e a tutti gli utenti del forum.
Giuseppe Tedeschi
tedeschigiuseppe
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2019, 1:43

Re: Consultazione dei Catasti Onciari.

Messaggioda luigirusso66 » venerdì 3 gennaio 2020, 10:12

tedeschigiuseppe ha scritto:Gentile dottor Russo,
La famiglia è originaria di Caserta (Tredici), ma tale ramo casertano origina da un antenato definito oriundo in uno stato delle anime (MATTEO), purtroppo di ignota provenienza.
Per casa gira un opuscolo del 1907 nel quale un mio presunto avo (GIANBATTISTA) ricostruisce la genealogia della famiglia dagli albori fino appunto al 1907 (lo fece per rivendicare titoli nobiliari, come usanza dell'epoca): essa, di origine sveva, proverrebbe dalla Sicilia (XII sec.) per quindi trasferirsi a San Giovanni Incarico nel 1530 e quindi da lì a Frasso Telesino il secolo seguente, dove tuttora sussiste una discendenza, che comprende l'autore del suddetto libretto.
Ora, il mio "problema" è trovare il trait d'union tra tale famiglia e il ramo casertano dei TEDESCO (divenuto alla fine dell'ottocento TEDESCHI) originato dal suddetto Matteo l'oriundo.
I motivi che mi fanno ritenere sussistente il collegamento sono almeno due:
1) il suddetto libello del 1907 gira per casa da generazioni per una qualche ragione razionale, non lo hanno certo comprato su una bancarella;
2) soprattutto, antichi possedimenti di famiglia in Tredici di Caserta, ora ruderi, riportano il medesimo stemma gentilizio della famiglia TEDESCO di origine siciliana di cui sopra, che trovasi a sua volta riprodotto sul medesimo libello.
Il suddetto MATTEO potrebbe essere un avo distaccatosi da Frasso, o da San Giovanni Incarico, oppure da...... non sono riuscito ancora ad appurarlo.
Pensavo di tornare in Diocesi a Caserta (dove il personale è di squisita disponibilità) per rinvenire, con un po' di fortuna, qualche processetto matrimoniale del '600 per magari trovare il notaro di riferimento della famiglia all'epoca (se non erro il notaio serviva per raccogliere il consenso formale al matrimonio dei genitori); se ci riuscissi, avrei un'indicazione di partenza per continuare la ricerca presso i fondi notarili del '600 all'Archivio di Stato senza dovermelo passare tutto, per capire se il Matteo ha comprato/costruito l'immobile di Tredici, che appunto risale al '600 come confermato anche dalla Soprintendenza, per magari conoscerne anche la paternità.....
Ritiene, da esperto, che possa essere un buon modo di procedere?

Riguardo all'opuscolo che detiene, se il lavoro di ricerca fatto con l'opuscolo è stato fatto consultando i documenti e basandosi su di essi può esserle da guida. Se non ha, tuttavia, la documentazione a sostegno le consiglio comunque di reperirla. Io di solito sono molto scettico su questo tipo di lavori, anche se non si mai dire. Ce ne sono anche alcuni fatti veramente bene.

Gli atti di stato civile di Caserta 1809-1865 sono reperibili on line sul portale Antenati.


Gli atti di Caserta successivi al 1865 e fino agli anni 1920 circa sono on line su Family search.

Per il XVIII secolo può avere come punto di riferimento il Catasto Onciario e muoversi attraverso i processetti matrimoniali e, se fossero disponibili i registri parrocchiali. Se la famiglia è stata in Tredici per diversi secoli, e mi sembra questo il caso, può essere una fortuna poter consultare i registri parrocchiali.

Gli Stati delle anime sono presenti nell'Archivio della Diocesi: non completi per tutti i casali: ne ho consultato uno del 1699, 1716, 1722. Può essere utile consultarli e farsi delle copie.

I notai a Caserta sono tanti ed io ci arriverei alla fine quando si hanno tanti elementi che la indirizzino a quello giusto.
luigirusso66
 
Messaggi: 34
Iscritto il: mercoledì 18 dicembre 2019, 13:54

Precedente

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti