Simboli imbarazzanti

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Re: Simboli imbarazzanti

Messaggioda Elmar Lang » domenica 6 gennaio 2019, 13:19

La ditta "Boy-London" utilizza la Hoheitsadler del III Reich, priva di svastica, da molti, molti anni.

Abbigliamento dal gusto assai discutibile e "trucido".

Per giustizia, io metto sullo stesso piano le simbologie nazifasciste e comuniste. Tutti e tre i sistemi, sono stati in egual misura liberticidi, razzisti ed assassini di massa.

A quello comunista, riconosco una migliore organizzazione ed un computo finale di morti ammazzati decisamente superiore, a suo modo e nel suo "campo", addirittura antesignano della globalizzazione...
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3194
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Simboli imbarazzanti

Messaggioda fabrizio guinzio » domenica 6 gennaio 2019, 22:47

Sinceramente trovo semplicemente assurdo, ridicolo che dei simboli possano essere imbarazzanti e oggetto di qualsiasi tipo di proibizione. La falce dei contadini, il martello degli operai, la svastica alias croce uncinata emblema plurimillenario ancora usato in Finlandia, il fascio littorio repubblicano emblema dell'attuale stato francese, il fascio littorio monarchico emblema con la spada e sotto la corona della Guardia Civil spagnola etc. etc. Una domanda: esistono monarchie in cui sono presenti giuridicamente tali divieti? Ripeto, legalmente perchè è chiaro che vestirsi da S.S. o Guardie Rosse in G.B. non è opportuno nemmeno a Carnevale, lo hanno constatato colleghi militari britannici!
fabrizio guinzio
 
Messaggi: 1824
Iscritto il: mercoledì 12 settembre 2007, 13:43
Località: fiumicino

Re: Simboli imbarazzanti

Messaggioda Cav.OSSML » lunedì 7 gennaio 2019, 2:46

fabrizio guinzio ha scritto:Sinceramente trovo semplicemente assurdo, ridicolo che dei simboli possano essere imbarazzanti e oggetto di qualsiasi tipo di proibizione. La falce dei contadini, il martello degli operai, la svastica alias croce uncinata emblema plurimillenario ancora usato in Finlandia, il fascio littorio repubblicano emblema dell'attuale stato francese, il fascio littorio monarchico emblema con la spada e sotto la corona della Guardia Civil spagnola etc. etc. Una domanda: esistono monarchie in cui sono presenti giuridicamente tali divieti? Ripeto, legalmente perchè è chiaro che vestirsi da S.S. o Guardie Rosse in G.B. non è opportuno nemmeno a Carnevale, lo hanno constatato colleghi militari britannici!

Condivido.
Anche il Principe Harry (se non ricordo male nell’anno 2005) era andato a una festa in uniforme nazista, ed era stato naturalmente fotografato e la foto era finita in prima pagina sul quotidiano popolare “Sun”.
La gaffe nazista, come è stata definita in Gran Bretagna, ha provocato vari problemi al Principe Harry, il quale era stato pure denominato dai giornali dell’epoca "Harry the Nazi".
Lo sdegno provocato dallo scandalo è comprensibile dato che la presunta apologia del nazismo in Gran Bretagna è veramente malvista: la famiglia reale da quasi un secolo ha rinnegato le proprie origini tedesche.
Pur essendo discendente infatti dal casato tedesco dei Sassonia-Coburgo-Gotha (nome, quest'ultimo, introdotto dalla Regina Vittoria, discendente diretta degli Hannover, per matrimonio), nel 1917 ha optato per il nome Windsor.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 512
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: Simboli imbarazzanti

Messaggioda Tilius » lunedì 7 gennaio 2019, 11:20

fabrizio guinzio ha scritto:la svastica alias croce uncinata emblema plurimillenario ancora usato in Finlandia

Con qualche imbarazzo, tanto é vero che le svastiche sono state ad esempio eliminate (decenni fa) dal collare della Rosa Bianca.
Una domanda: esistono monarchie in cui sono presenti giuridicamente tali divieti?

Perché solo le monarchie?
Tipicamente gli stati legiferano in base ai propri trascorsi storici, non a quelli del resto del mondo.
Pertanto la Germania ha una legislazione rigorosissima, quasi paranoica, contro l'uso di simboli nazisti (propriamente tali: ergo le svastiche sono vietate, non così le aquile o le croci di ferro se prive di svastica o altri simboli nazisti).
Anche l'Austria ha norme specifiche.
Ungheria, Francia, Russia, Ucraina hanno anch'esse norme contro (fra gli altri) i simboli nazisti (e in alcuni casi si tratta di norme introdotte o modificate in tempi alquanto recenti).
Non sono al corrente di quali siano le disposizioni di legge nelle nazioni già occupate dai nazisti (es. Danimarca, Norvegia, Olanda, Belgio, Polonia).
In quasi nessun altro paese (nemmeno Israele, nemmeno gli USA dove anzi l'ostentazione di simboli nazisti ha ottenuto l'avvallo della Corte Suprema in nome della freedom of speech tutelata dal Primo Emendamento) esistono legisalazioni specifiche contro i simboli nazisti.
E quindi (ad esempio, in casa nostra) per rintuzzare i nostalgici troppo esuberanti bisogna ricorrere a più generiche norme sull'odio razziale et simili. Che, essendo generiche, ed essendo una simbologia, vieppiù già "censurata", assai poco attiva sul versante di promozione dell'odio e della discriminazione, difficilmente porteranno a condanne in casi come questi, per manifesta inapplicabilità della legge.

Il fascio littorio associato al Fascismo é una visione iconografica tipicamente italiana, e quasi esclusivamente tale.
Nel resto del mondo é prioritaria la visione del fascio legata all'antichità romana.
L'equivalente visivo del "fascism" é quasi ovunque la svastica.

In Spagna esiste una legislazione specifica contro la simbologia franchista, ed anzi il quadro legislativo in materia si sta inasprendo nel corso degli anni.
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12596
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Simboli imbarazzanti

Messaggioda Cav.OSSML » lunedì 7 gennaio 2019, 12:43

Infatti, in Italia la Corte Costituzionale e la Corte Suprema di Cassazione hanno costantemente sostenuto che i reati di apologia del fascismo e di manifestazioni fasciste sono compatibili con il principio di libera manifestazione del pensiero e le condotte assumono rilievo penale solo se sussistono «condizioni di pubblicità tali da rappresentare un concreto tentativo di raccogliere adesioni ad un progetto di ricostituzione del partito fascista”.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 512
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Precedente

Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti