Famiglia Bernucci

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda marybernucci » lunedì 15 ottobre 2018, 12:30

Chiedo scusa se mi inserisco nel discorso, ma facendo una ricerca su internet sulla mia famiglia di origine, mi sono imbattuta nella vostra discussione.
Nella mia famiglia, è noto che il cognome Bernucci fosse quello della moglie, acquisito in seguito ad un cambio di "Stato". Mi spiego meglio, il mio avo era originario dello Stato di San Marino, dove, prima dell'avvento del turismo, non si viveva proprio benissimo. Quando questo avo sposò una Bernucci, di famiglia benestante e romagnola, pensò bene di cambiare lo Stato di residenza acquisendo il cognome della moglie e la cittadinanza italiana. Non so se si tratti degli stessi avi, ma forse il discorso è "applicabile" anche al vostro caso.
marybernucci
 
Messaggi: 4
Iscritto il: martedì 9 ottobre 2018, 9:22

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Titolabieno » lunedì 15 ottobre 2018, 13:10

Buongiorno, intanto grazie per il suo prezioso intervento, sinceramente non so se siamo imparentati. Ancora non ho visto la documentazione refertata dai ricercatori del mio caso, in quanto abbiamo problemi di accesso all'archivio parrocchiale dovuti alle bizze del custode, tra un pò finisco per perdere la pazienza e vado dal vescovo per fargli dare una strigliata, non è possibile che costui stia facendoci perdere un sacco di tempo e non si capisce bene il motivo. Comunque tornando a noi, quando vedrò i documenti forse riusciremo a schiarirci le idee. Il mio contesto geografico non è San Marino ma una frazione del comune di Cingoli in provincia di Macerata. La frazione di Castel S Angelo. Una frazione dove la maggior parte dei residenti era di estrazione contadina, fatto salvo qualche possidente. Non ho notizie particolari sulla famiglia Bernucci, sul fatto che fosse una famiglia più o meno benestante. Il mio bisnonno tra l'altro emigrò in Argentina a 18 anni in cerca di lavoro, quindi segno che non aveva grandi ricchezze, almeno a quella data. La famiglia Grimaldi oggi in quella frazione non c'è più, mia madre dice che durante la guerra qualche Grimaldi ancora c'era e lei ricorda che erano di ceto medio superiore forse alla famiglia Bernucci. Sò che i Grimaldi invece erano a Treia, comune confinante con Cingoli, dove vi fu un certo cardinale Grimaldi. In territorio di Treia, al confine con quello di Cingoli, nelle vicinanze della chiesetta di S Apollinare a Monte dove fu battezzato il mio quadrisnonno materno, ci sono oggi i ruderi del Castello di Monteacuto, in alcune pergamene conservate all'accademia georgica di Treia, si riporta il nome del primo proprietario conosciuto tale Gezeramo di Albrico, e di un suo nipote scavezzacollo Grimaldo dal quale alcuni storici locali farebbero discendere la famiglia Grimaldi di Treia. Sempre secondo alcuni studiosi locali e non solo, i proprietari di tale maniero, scesero in Italia al seguito di Federico I di Svevia, gli stessi nomi Albrico, Grimaldo, sarebbero nomi con origine germanica. Un fatto curioso, mio nonno materno aveva capigliatura Biondo rossiccia, il mio bisnonno aveva capelli chiari anche lui, parlando con un vecchietto un giorno al cimitero, gli dissi che mio nonno era di Castel S Angelo e di cognome faceva Bernucci, e lui mi rispose che ricordava questi Bernucci, e mi disse se non ricordo male se sono quelli che ricordo io avevano i capelli biondastri? Gli dissi mio nonno almeno aveva i capelli chiari.
Stiamo facendo fantasia ovviamente, ma sono cose alle quali non ho mai dato importanza, ma quando il ricercatore mi disse che probabilmente questo Grimaldi sposò la Signora Maria Bernucci agli inizi del 1700 e i figli acquisirono il cognome della madre, e quindi mia madre discendesse dalla famiglia Grimaldi e non Bernucci, mi sono balzati in mente questi particolari dei capelli biondastri rossicci dei miei nonni, del fatto che in un certo periodo risiedevano alle pendici del Monte Acuto sulla cui sommità ci sono quei ruderi, e che quel castello forse era di proprietà di avi della famiglia Grimaldi che risiedette poi a Treia.
Forse sono tutti ragionamenti fatti a caso, ma al momento posso solo che fare ipotesi. Fra un pò vedremo se ci sono sviluppi
Titolabieno
 
Messaggi: 87
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » martedì 16 ottobre 2018, 18:56

Da indagini fatte nella nostra biblioteca di famiglia ho trovato solo un albergo Grimaldi a Treia. I Grimaldi, antichissima famiglia normanna (Grimoaldo fu uno dei sacerdoti che nel 1087 presero parte alla traslazione delle ossa di San Nicola a bari) sono originari di Salerno e sono oggi la famiglia regnante del principato di Monaco; don Francesco Grimaldi è oggi il parroco titolare della chiesa madre di Grottaglie, qua in provincia di Taranto. Può darsi che non vi è alcun nesso fra i Grimaldi di Treia tuoi antenati e i piu celebri Grimaldi di Monaco; se mi dai maggiori informazioni su questo cardinal Grimaldi attestato a Treia posso indirizzare le ricerche in tal senso. Alla prossima!

Damiano Nicolella De Vicaris
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Titolabieno » martedì 16 ottobre 2018, 21:58

Nicola Grimaldi
Cardinale, n. Treia 1768, m. Roma 1845. Ebbe prestigiosi incarichi sotto Pio VII, Leone XII, Pio VIII e Gregorio XVI che lo nominò Governatore di Forlì.
Titolabieno
 
Messaggi: 87
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Titolabieno » martedì 16 ottobre 2018, 21:59

Nicolella De Vicaris ha scritto:Da indagini fatte nella nostra biblioteca di famiglia ho trovato solo un albergo Grimaldi a Treia. I Grimaldi, antichissima famiglia normanna (Grimoaldo fu uno dei sacerdoti che nel 1087 presero parte alla traslazione delle ossa di San Nicola a bari) sono originari di Salerno e sono oggi la famiglia regnante del principato di Monaco; don Francesco Grimaldi è oggi il parroco titolare della chiesa madre di Grottaglie, qua in provincia di Taranto. Può darsi che non vi è alcun nesso fra i Grimaldi di Treia tuoi antenati e i piu celebri Grimaldi di Monaco; se mi dai maggiori informazioni su questo cardinal Grimaldi attestato a Treia posso indirizzare le ricerche in tal senso. Alla prossima!


http://www.prolocotreia.it/index.php?op ... Itemid=606
http://www.prolocotreia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2&Itemid=606
https://imgur.com/a/4FlttLF

https://books.google.it/books?id=sCxOAQAAMAAJ&pg=PA33&lpg=PA33&dq=cardinale+grimaldi+treia&source=bl&ots=kVSWRVtD6L&sig=-HW9YenDFB0SZCkXt9Ec9XvtGYo&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwjyhr3934veAhUrzIUKHeSvCLo4ChDoATADegQIChAB#v=onepage&q=cardinale%20grimaldi%20treia&f=false
A pagina 33 e 34 del volume di cui ho postato il link trova notizie sul cardinale Grimaldi
Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni

Anche in questo volume si parla del Cardinale Grimaldi
Del funere solenne per l'anniversario della morte del cardinale Niccola Grimaldi celebrato in Treia il gennaio 1846 e del monumento erettogli dal riconoscente nipote ed erede conte Grimaldo Grimaldi / relazione di Venanzio Broglio conte d'Aiano
Loreto : Tip. Rossi, 1846
X p., [2] c. di tav. ; 23 cm.
Codice SBN UMC0654273

https://books.google.it/books?id=w37ijFCfT84C&pg=PA6&lpg=PA6&dq=grimaldo+di+aureliano&source=bl&ots=xrxKl6Lzzl&sig=wqI2JP7tSmle-tZ1BtV7C_BTYQg&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwi5yoDK54veAhXRyIUKHYUBDHUQ6AEwD3oECAgQAQ#v=onepage&q=grimaldo%20di%20aureliano&f=false
nel volume di cui sopra ho postato il link dove vengono riportati alcuni personaggi legati al castello di Monte Acuto si ipotizza che Grimaldo di Aureliano signorotto stravagante del castello diede poi inizio alla famiglia Grimaldi treiese. Unico errore a mio avviso di questa pubblicazione è la citazione Gezzeramo Grimaldi, dico errore o meglio dubbio, poichè nelle pergamene medievali conservate all'Accademia Georgica si parla di Gezeramo di Albrico signorotto del castello di Monte Acuto che accettò a metà dell'anno 1100 di incastellarsi in MOntecchio (odierna Treia) successivamente il nipote scellerato tal Grimaldo di Aureliano si rivoltò e riprese con le armi la rocca di Monte Acuto e scorazzò per diversi anni per il contado treiese spargendo terrore,tanto che fu messa una taglia su costui,e fu anche fatto un processo in contumacia. Da quel che mi risulta questi personaggi Albrico, suo figlio Gezeramo, il nipote Aureliano e infine Grimaldo non sono citati nelle pergamene come Grimaldi,mentre nel volume che ho linkato sopra parrebbe vengano tutti additati come Grimaldi. Il titolo del volume è Sopra alcuni uomini illustri delle famiglie Picene Grimaldi, Gentilucci,Servanzi cenni storici scritti dal Can Giovanni Carlo Gentili nella esaltazione di monsignore Filippo Sav. de Conti Grimaldi alla sedia vescovile di Sanseverino Marche Tip.Mancini 1838
Titolabieno
 
Messaggi: 87
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » mercoledì 17 ottobre 2018, 8:06

Grimaldi è nome proprio diffuso in età normanna. Trascrivo da "Storia di Bari dalla conquista normanna al ducato sforzesco", di Francesco Tateo, edizioni Laterza :

".....un testamento dell'aprile 1331. In questo caso Grimoaldo, canonico della chiesa di San Nicola (la celebre basilica barese n.d.r.), fra gli altri lasciti istituisce a favore del sacerdote Andrea, suo nipote, il legato di sette libri a patto che, morto il beneficiario, i manoscritti passino allabasilica".

Secondo il racconto del monaco benedettino Niceforo compilato pochissimo tempo dopo la traslazione delle reliquie di San Nicola da Mura in Turchia a Bari il 9 maggio 1087, "le ossa furono avvolte dal sacerdote Grimoaldo, che faceva parte del gruppo (dei marinai baresi trafugatoriz) in "bombicino novo indumento" (in un indumento nuovo fatto di bombace, stoffa ricavata dalla bambagia; si interpreta ciò come una cotta sacerdotale del tipo impiegato nel medioevo ) e portate così alle navi ".

Questi due sacerdoti di nome Grimoaldo o Grimaldi sicuramente non saranno parenti dei Grimaldi di Treia, e nemmeno sono sicuro che quelli di Treia siano parenti dei più celebri Grimaldi di monaco, ma ciò ti attesta la diffusione e l'omonimia del nome Grimaldo/Grimaldi, nonché la sicura origine normanna. Dimmi in quale chiesa di quale paese è sepolto il cardinale. Ora vedo "Bernucci" se è attestato fra le mie carte relative alla repubblica di San marino. Buona giornata.
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Titolabieno » mercoledì 17 ottobre 2018, 9:49

Nicolella De Vicaris ha scritto:...Dimmi in quale chiesa di quale paese è sepolto il cardinale. Ora vedo "Bernucci" se è attestato fra le mie carte relative alla repubblica di San marino. Buona giornata.

Non so se ha dato uno sguardo ai link che le ho postato sopra,c'è tutta la storia del Cardinale Grimaldi.Comunque riporto testualmente "Giunto all'eta' di 76 anni un accesso di umori alla testa ed al petto incominciò l'ultima sua lunga e penosa malattia tollerata per 70 giorni con edificante rassegnazione, e della quale restò vittima,dopo aver ricevuto tutti i conforti di ns santissima religione, in Roma il di 11 gennaio 1845 alle ore italiane cinque e mezzo della notte, compianto pel suo attaccamento alla Santa Sede,per la sua pietà, criterio,saggezza,prudenza,fermezza, ingegno rapido e profondo, memoria prodigiosa, intelligenza, gusto ed amore per le antichità e per le arti per cui era possessore di molti preziosi e importanti oggetti ad esse appartenenti,e per le altre doti di cui andava adorno. Nella Chiesa di S.Salvatore in Lauro della congregazione Picena ebbero luogo le solenni esequie, nelle quali il cardinal Luigi Lambruschini segretario di Stato, come camerlengo del sacro collegio pontificò la messa di requie,ed ivi giusta la disposizione del defunto fu tumulato il suo cadavere nella cappella di S Emidio, la prima delle laterali,dopo l'altare maggiore, dove il nipote ed erede conte Grimaldo Grimaldi gli ha eretto un monumento marmoreo ove si vede il busto delcardinale rappresentato al vivo dallo scultore Filippo Gnaccherini, con sottoposta onorevole iscrizione. ...dispose che il cuore estratto dal suo cadavere fosse trasportato a Treia e depositato nella cappella di sua nobile famiglia in testimonianza perenne del suo affetto patrio"
Titolabieno
 
Messaggi: 87
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » mercoledì 17 ottobre 2018, 16:47

Notizie sparse dalla guida rossa del Touring "Roma e dintorni" edita a Milano nel 1977:

"La chiesa di San Salvatore in Lauro,cosiddetta da un o di alloro anticamente ivi esistente, fondata nel XII secolo (...) nel 1669 fu acquistata dalla Confraternita dei Piceni per la loro "nazione" ".

La guida TCI non cita la tomba del cardinale, fatto sta che questa chiesa sembra essere stata consacrata in passato a un gruppo di devoti marchigiani non meglio specificato, detto "Congregazione Picena o dei Piceni", di cui il tuo antenato cardinale può esser stato parte al punto da essere sepolto lì. Prova a fare ricerche in tal senso. Sui Grimaldi ti ho detto tutto quello che sapevo, al massimo ti posso delineare qualche cenno sui Grimaldi di Salerno concittadini di noi De Vicaris. Ad maiora!
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » mercoledì 17 ottobre 2018, 17:12

Ho ora spulciato tutti i miei documenti sulla Repubblica di San Marino, incluso un raro depliant edito nel 1964 dall' "Ente governativo per il turismo sport e spettacolo"; niente da fare, nessun Bernucci. Prova a vedere negli elenchi dei Capitani Reggenti della piccolissima Repubblica, (se riesci a procurarteli) che datano dal 1244 e che vengono rieletti ogni sei mesi, potrebbe esserci qualche Bernucci. Niente anche nello stradario di san marino, non vi è alcuna via dedicata ai bernucci. Se mi dici qualche altro paese marchigiano in cui fare ricerca, continuo nelle mie indagini. Saluti.

Damiano Nicolella De Vicaris
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Titolabieno » giovedì 18 ottobre 2018, 14:06

Comunque pochi minuti fà il ricercatore mi ha informato che la ricerca si è sblocccata, ma da Cingoli si è spostata nel vicino comune di Staffolo nella Vallesina provincia di Ancona, e siamo quasi agli inizi del 1600 con Simone di Grimaldo.
Così anche la mia famiglia materna sarebbe proveniente da Staffolo come quella di mio padre. A Cingoli pare che nel 1600 ci fu un vero esodo di Staffolani verso Cingoli, so di altri cognomi provenienti da quell'area e stabilitisi successivamente a Cingoli. Quindi nulla a che vedere con i Grimaldi di Treia
Titolabieno
 
Messaggi: 87
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » venerdì 19 ottobre 2018, 12:08

Aspetta mie notizie, vedo se indirizzo la ricerca in tal senso.

Damiano
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » venerdì 19 ottobre 2018, 16:05

Verificato, niente su Staffolo.
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Titolabieno » martedì 18 dicembre 2018, 13:37

Mi è stato consegnato il lavoro finale sulla ricostruzione genealogica della mia famiglia materna Bernucci. Stando al lavoro consegnatomi, si è riusciti ad arrivare alla fine del 1400 primissimi del 1500 in quanto l'atto più antico rinvenuto è un atto di morte di un antenato che aveva 80 anni e che quindi era nato stando all'atto circa nel 1525, nell'atto si cita il nome del padre che quindi nell'ipotesi fosse diventato padre all'età di 25 anni, potrebbe essere nato nel 1500 o poco prima o poco dopo. In questo lungo escursus abbiamo scoperto che la mia famiglia materna non è Bernucci in quanto ad un certo punto alcuni personaggi pur essendo stati battezzati col cognome paterno furono poi all'atto del matrimonio nominati e iscritti col cognome della madre così risulta anche dagli atti di battesimo dei loro figli. Non si capisce perchè questi personaggi vengono nominati ad un certo punto col cognome materno. Attualmente il cognome è Bernucci ma risalendo indietro troviamo il 27/3/1831 un battesimo di Esuperanzio Pietro Pernucci figlio di Domenico Pernucci e Anna Scamuffa. La coppia Domenico Pernucci e Anna Scamuffa ebbe sette figli dei quali solo il primo fu battezzato come Pernucci, gli altri risulterebbero Bernucci. Dei sette figli il mio antenato diretto è Francesco Bernucci nato a Serralta di S Severino Marche l'1/4/1834.
Torniamo a Domenico Pernucci, egli nacque il 12/4/1802 da Bernardino Grimaldi e qui nasce l'inghippo. La cosa strana è che il cognome Bernucci diventa Grimaldi stranamente. Dalla ricerca si scopre infatti che in questo periodo fine 1700 primi 1800, alcuni soggetti assumono il cognome materno invece di quello paterno e Bernardino Grimaldi battezzato come Bernardino Grimaldi nel matrimonio viene citato come Bernardino Bernucci o Pernucci (cognome della madre). Il perchè di questa modifica non è dato saperla al momento.
Il padre di Bernardino Grimaldi poi divenuto Bernucci, era Domenico Gremaldi (non Grimaldi) nato a Castel Colognola il15/1/1727.
Domenico Gremaldi era figlio di Egidio Maria Gremaldi nato il 2/7/1696
Egidio Maria era figlio di Domenico Grimaldi (non Gremaldi) nato il 23/9/1657
Domenico era figlio di Antonio Grimaldi nato il 6/3/1611
e qui inizia un altra trasformazione infatti troviamo che Antonio Grimaldi viene citato nel battesimo come Antonio di Gilio di Gremaldo (Gilio secondo il ricercatore sta per Egidio ed in effetti dalle ns parti in dialetto spesso Egidio viene citato come Gidio, Giglio, Gilio)
Costui era figlio di Egidio di Grimaldo e Antonia entrambi di Staffolo (AN)
Egidio di Grimaldo di Girolamo (Hieronimus) detto Gilio nacque il 6/9/1579 da Grimaldo del Maro sempre a Staffolo in provincia di Ancona e qui abbiamo un altro cambiamento (nasce il cognome Del Maro)
Grimaldo del Maro nasce circa nel 1525 e muore all'età di circa 80 anni il 15/2/1605 da Girolamo del Maro che forse nasce a fine 1400 o primissimi del 1500.
Dopo questo breve escursus possiamo riassumere che Bernucci non è il cognome reale della mia famiglia materna, non si sa per quale motivo a fine 1700 abbandonarono il cognome Grimaldi o Gremaldi per quello materno Bernucci o Pernucci.
Quindi mia madre discende da questa famiglia Grimaldi o Gremaldi. Ma scopriamo inoltre che andando indietro nella prima metà del 1500 il cognome non era neppure Gremaldi o Grimaldi derivanti da Grimaldo, bensì Del Maro o Del Maris. Ora cosa significhi Del Maro o Del maris non ne ho la più pallida idea. A quale categoria appartenga un cognome Del Maro o Del Maris non ne ho idea.
Cercando in internet ho trovato che in Liguria esisterebbe una certa Valle Del Maro, anticamente provenivano da li? Oppure Maro sta per Mario? Oppure Maro sta per abbreviativo di Marinaro? Certo Staffolo non sta in riva al mare ma sulle colline dell'entroterra Anconetano, le colline del verdicchio a Est di Jesi al confine con Cingoli, che fossero dei marinai arrivati per qualche motivo nell'entroterra risalendo nel medioevo lungo il fiume Esino? Tutto può essere. Certamente ora brancolo nel buio. Qualcuno sa o si è imbattuto mai in questo cognome Del Maro? Io sinceramente dalle mie parti non mi sono mai imbattuto in simile cognome. Non conosco nemmeno un eventuale termine dialettale.
Titolabieno
 
Messaggi: 87
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Nicolella De Vicaris » martedì 18 dicembre 2018, 18:30

Booooh??? Da noi a Martina è attestato in pochissimi esemplari il cognome "Mari", potrebbe benissimo essere qualche abbreviazione. In tal caso (ipotesi molto tirata per le orecchie) "Del Maro" potrebbe significare "appartenente alla famiglia Marò o Mari", ma non ho idea dell'esistenza di tale famiglia. Oppure potrebbe essere un errore di trascrizione ed essere in realtà "Del Moro", cognome esistente, che ricorda una antica origine saracena (i "Mori" fino al Seicento in Italia e Spagna erano per antonomasia i pirati saraceni che assaltavano le nostre coste). Esistente in antico da noi ed oggi attestato in Campania (ma non credo abbia a che fare con te) il cognome "Mauro",alcune volte nobilitato in "De Mauro", come un Pietro pittore del Settecento martinese che , raggiunta la maturità artistica e stilistica e una posizione pregiata, si "autonobilito'" firmandosi "De Mauro", il che ha fatto scervellare per anni noi storici del Duemila perché pensavamo di trovarci di fronte a due pittori differenti. L'analisi dei registri parrocchiali ci ha dato poi ragione, ovvero era la stessa persona. Di più nin zo. Saluti.

Damy
Nicolella De Vicaris
 
Messaggi: 145
Iscritto il: martedì 10 aprile 2018, 19:38

Re: Famiglia Bernucci

Messaggioda Guido5 » mercoledì 19 dicembre 2018, 23:43

Caro Damiano,
meglio evitare equivoci e non definire il "de" o "De" come nobilitante. Ho una collega il cui padre teneva molto a quella preposizione (e con l'iniziale minuscola) ma proprio il "de", a Malta, veniva usato per il cognome degli ex schiavi. De Borg, per esempio, è il cognome di uno che è stato schiavo di una qualche famiglia Borg...
Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5122
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 3 ospiti