testo sugli stemmi

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

testo sugli stemmi

Messaggioda valia » sabato 3 luglio 2004, 1:37

Volevo chiedere un consiglio su un testo da comprare.
Cerco un libro che parli prettamente sugli stemmi, la storia e come realizzarli.
Desidero approfondire e realizzare uno stemma per la mia famiglia.
grazie
valia
 
Messaggi: 21
Iscritto il: sabato 8 febbraio 2003, 1:10
Località: Napoli/Avellino

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 5 luglio 2004, 20:59

Cara Valia,
la sua domanda è tanto semplice, quanto profonda, e per questo volentieri mi permetto di darle qualche suggerimento.

Di libri sugli stemmi, è ovvio, ce n'è (quasi) a non finire; ma di libri che (se ben interpreto la sua richiesta) guidino ed assistano nella creazione e realizzazione di uno stemma, molti meno.

Nella sezione Bibliografia troverà il dettaglio dei due testi che qui le consiglio (libro "generico": F. Tribolati, Grammatica araldica; libro "guida": L. Caratti di Valfrè, Araldica - guide Mondadori)

Però, soprattutto qualora si tratti di partire da zero nella sua creazione, dopo aver iniziato ad approfondire la materia con i testi detti (ed eventualmente con altri indicati dalle rispettive bibliografie), più che ai libri le converrebbe rivolgersi a qualche persona esperta...

...se crede, noi siamo anche a sua disposizione! :wink:

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda valia » giovedì 8 luglio 2004, 0:07

La ringrazio per la risposta e sono lieta di chiedere aiuto a Voi per la realizzazione del mio stemma...curiosando nel sito ho letto (solo dopo) che anche qualcun'altro ha realizzato il suo stemma seguendo i suoi consigli...comincio nel chiedere: che forma devo usare? Posso scegliere il colore blu come fondo? (Mi piace) E si possono inserire piu' elementi in uno stemma? nel mio caso la mia famiglia è vasta e svolgono diversi mestieri: musica, poesia e letteratura, medicina, legge...è un po' complicato vero? Buona lettura Valia
valia
 
Messaggi: 21
Iscritto il: sabato 8 febbraio 2003, 1:10
Località: Napoli/Avellino

Messaggioda Franz Joseph von Trotta » giovedì 8 luglio 2004, 13:29

Gentile Vania,

brava nel prendersi la libertà di crearsi “propia autoritate”, come diceva il giurista Bartolo da Sassoferrato, il suo stemma.

Per la sua composizione, essendo l'araldica quasi un alfabeto di segni, sarà davvero necessario almeno un primo sguardo all'abc: al momento i testi che Le sono già stati consigliati in Italia sono ancora un punto di partenza.

Ho notato tuttavia che La composizione di uno stemma da parte di amici sprovvisti di uno tradizionale, è stata frutto di un lungo itinerario durato anche anni (!) con il "gusto araldico" che via via si affinava. Quindi, se non ha in vista una scadenza araldica a breve (sa, una volta c'erano battaglie improvvise, tornei e sfide dell'ultim'ora… oggi non saprei) non abbia fretta.

Se posso azzardare un solo suggerimento iniziale, non cada nella “sindrome del tutto”, tipica di quei volenterosi comunelli che, dovendo adottare poco prima delle elezioni un nuovo stemma civico, eccoli a comporre d’araldica inserendo il castello segno della storia del borgo, un bisante dorato buon auspico per le attività economiche, una rondella d’argento per quelle industriali, il muflone carnivoro bizzarria zoologica delle proprie selve, il ponte romano del proprio fiume, la palma del patrono martire S. Iracondo… ecc. ecc.

Si ricordi che spesso in araldica “una parte è segno del tutto” e che sugli scudi “chi meno ha più ha”; potrebbe inizare a pensare ad uno o due dettagli al massimo caratteristici della sua storia familiare che poi potrà cominciare a pensare come sviluppare araldicamente.

Un saluto cordiale.

F.J.V.T.
«Ich bin das Wilde, Dumpfe, das man schlug,
Das man erschlagen, weil es fremd und stumm…»
G. Kolmar
Avatar utente
Franz Joseph von Trotta
 
Messaggi: 1664
Iscritto il: martedì 2 dicembre 2003, 13:57

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 8 luglio 2004, 14:57

Cara Valia,
nel condividere appieno il ragionamento dell'amico Franz Joseph (che qui :P saluto e ringrazio), mi permetto di chiosare direttamente la sua risposta:
valia ha scritto:La ringrazio per la risposta e sono lieta di chiedere aiuto a Voi per la realizzazione del mio stemma...

Grazie a lei della fiducia, e dell'onore... :wink:

curiosando nel sito ho letto (solo dopo) che anche qualcun'altro ha realizzato il suo stemma seguendo i suoi consigli...comincio nel chiedere: che forma devo usare?

Quella che preferisce, magari in funzione delle figure che conterrà :wink: ... se possibile, meglio uno scudo sannitico, o semirotondo.

Posso scegliere il colore blu come fondo? (Mi piace)

E il blu, araldicamente d'azzurro, sia il colore del suo campo! :P

E si possono inserire piu' elementi in uno stemma? nel mio caso la mia famiglia è vasta e svolgono diversi mestieri: musica, poesia e letteratura, medicina, legge...è un po' complicato vero? Buona lettura Valia


:shock: Tutto è possibile, ma... riassumendo il "von Trotta-pensiero", cum grano salis! 8)

Bene :D valete
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti