Blasonario bolognese

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

Blasonario bolognese

Messaggioda Reginella » martedì 3 ottobre 2006, 14:28

...sto sempre attingendo al cassone della dote...
http://badigit.comune.bologna.it/canetoli/index.html
Nel caso avessi sbagliato sezione, prego di perdonarmi! spostate pure i collegamenti dove più opportuno, eventualmene.
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 3 ottobre 2006, 14:38

Riporto i dati dell'opera:

Il Blasone bolognese, cioè Arme gentilizie di famiglie bolognesi, nobili, cittadinesche e aggregate

Il Blasone bolognese, cioè Arme gentilizie di famiglie bolognesi, nobili, cittadinesche e aggregate, è la più importante raccolta di stemmi, o più propriamente scudi, e cimieri dell'area bolognese.
L'opera, pubblicata a Bologna tra il 1791 e il 1795, venne concepita da Floriano Canetoli, che si adoperò personalmente nella raccolta degli stemmi, facendo richiesta alle varie famiglie nobili e ‘cittadine’ bolognesi affinché gli trasmettessero l’arma e l’impresa, come si ricava dalla prefazione dell'abate Francesco Alessio Fiori (o Dal Fiore).
La raccolta è costituita quasi interamente da tavole calcografiche: solo la prefazione, la dedica a Gioseffo Remondini nel tomo II e quella a Giuseppe Rosini nel tomo V sono a stampa. Una particolarità del Blasone bolognese è che tutte le raffigurazioni incise (3623 stemmi, 1088 cimieri, 84 insegne, cornici e figure), sono colorate a mano, ad acquerello, con un effetto cromatico di grande bellezza.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 7024
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Messaggioda Zaccheo » venerdì 13 ottobre 2006, 23:58

Gentili Signori e Signore,
chi di Voi saprebbe fornirmi ulteriori dettagli :roll: relativamente al poderoso libro Stemmario Bolognese edito dalla casa editrice Orsini De Marzo?
Questo stemmario settecentesco, già di proprietà Ghiselli, indi di un ramo dei Malvezzi ed attualmente conservato a Parigi in una collezione privata, è in realtà composto da diversi manoscritti araldici, il cui nucleo principale è tuttavia riferibile a due mani principali. Esso è fondamentale per la storia civile ed ecclesiastica bolognese, riportando un totale di 1891 stemmi. Di questi, 454 sono gli stemmi dei capitani del popolo e podestà bolognesi (dal 1258 al 1532), 188 dei legati e governatori pontifici (dal 1327 al 1747), 32 dei vescovi cittadini (dal 1154 al principio del Settecento) e 26 di cardinali e papi di origine bolognese, tutti cronologicamente ordinati. Seguono 97 armi gentilizie delle famiglie della nobiltà senatoriale (42 estinte e 55 fiorenti all'epoca della compilazione) e 862 stemmi di famiglie cittadine bolognesi (per quest'ultime vi sono interessanti notizie manoscritte, che sono trascritte in appendice allo stemmario), accanto ai 15 dei collegi di studio. Di altra mano sono invece gli stemmi (24) di coloro che, a vario titolo, signoreggiarono sulla città, ma anche delle 30 compagnie delle arti - di questi si danno due versioni con varianti negli smalti - e delle 45 compagnie spirituali, mentre ad altro artista è riferibile la raffigurazione degli stemmi (34) dei capitoli e delle istituzioni religiose locali, seguiti da quelli (37) di numerosi ordini cavallereschi, di mano ancor differente. Infine, un manoscritto riproduce un quindicina di monumenti araldici siti nel chiostro dei Domenicani, con i relativi stemmi (19) ed iscrizioni. In appendice si pubblicano anche quattro tavole araldiche attribuibili al Pasquali Alidosi, ed una di mano non identificata, interpolate nella legatura del codice. L'elenco alfabetico di tutti i 1891 stemmi raffigurati è consultabile qui.

Sembrerebbe un'opera pregevole :shock: anche e soprattutto per la parte riguardante l'araldica ecclesiastica (che a me molto interessa :wink:) del capoluogo romagnolo.

Attendo lumi.... 8)

Ferrante
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2243
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Messaggioda Guido5 » sabato 14 ottobre 2006, 1:31

Lo “Stemmario Bolognese” Orsini De Marzo (via Cernaia 11 - 20121 Milano - Fax 02.45499161) costa € 235,00. Si tratta di 496 pagine formato 210x297 mm (cioè A4), rilegate in tela. Il codice ISBN è 88-7531-099-8.
Meno cara è la consultazione del “Blasone bolognese, cioè Arme gentilizie di famiglie bolognesi, nobili, cittadinesche e aggregate”, la più importante raccolta dell'area bolognese con i suoi 3.623 stemmi, 1.088 cimieri, 84 insegne, cornici e figure visibili, come è stato già detto, a http://badigit.comune.bologna.it/canetoli/index.html.
A Ferrante faccio notare che Bologna è il capoluogo dell’Emilia-Romagna ma è in quella parte dove, scendendo lungo la strada statale 9, se ti fermavi in casa di un contadino e chiedevi da bere, ti facevano sedere e ti davano acqua a volontà. Sempre in provincia di Bologna ma un po’ più giù, da dove il Sillaro (che credo faccia da confine anche fra le diocesi di Bologna e Imola) attraversa la via Emilia, i contadini invece dell’acqua ti davano vino. Da questo ti accorgevi di essere in Romagna…

Ciao a tutti!
Guido5
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5164
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Messaggioda Reginella » sabato 14 ottobre 2006, 9:04

Confermo! :D ...io sono della parte "idrofila" :D
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena

Messaggioda Zaccheo » sabato 14 ottobre 2006, 11:28

Guido5 ha scritto:(omissis) A Ferrante faccio notare che Bologna è il capoluogo dell’Emilia-Romagna ma è in quella parte dove, scendendo lungo la strada statale 9, se ti fermavi in casa di un contadino e chiedevi da bere, ti facevano sedere e ti davano acqua a volontà. Sempre in provincia di Bologna ma un po’ più giù, da dove il Sillaro (che credo faccia da confine anche fra le diocesi di Bologna e Imola) attraversa la via Emilia, i contadini invece dell’acqua ti davano vino. Da questo ti accorgevi di essere in Romagna…

Grazie gentile Guido :P, per la precisazione di carattere geografico (nonchè "eno-sociologica" :wink:!!) che mi hai fornito.
Nella mia somma ignoranza :oops: ho sempre ritenuto Bologna nel territorio della Romagna :? (anche se prossima al confine emiliano)!
Grazie, inoltre, per le delucidazioni fornite a riguardo dei due stemmari di cui chiedevo un giudizio comparativo....anche se rimane valida la mia richiesta di informazioni specifiche sull'araldica ecclesiastica eventualmente contenuta nelle due opere :roll:.

Cordialmente
Ferrante
"Gli Israeliti si accamperanno ciascuno vicino alla sua insegna con i simboli dei casati paterni" (Numeri 2,2)
Avatar utente
Zaccheo
 
Messaggi: 2243
Iscritto il: domenica 7 agosto 2005, 22:51
Località: Roma

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » sabato 14 ottobre 2006, 15:11

Reginella ha scritto:Confermo! :D ...io sono della parte "idrofila" :D


Siccome Modena è nata nelle paludi, bastava piantare un bastone appuntito per fare una fontanina; allora i modenesi, anche per via del decoro, invece dei bastoni iniziano a usare la trivella per fare i pozzi...

:wink: ...dal che, le due trivelle decussate dell'arma modenese...

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda antonio_conti » lunedì 16 ottobre 2006, 15:28

In un topic intitolato "Blasonario bolognese", alla bibliografia fino ad ora citata credo debba essere aggiunto
GIUSEPPE PLESSI, Le Insignia degli anziani del comune dal 1530 al 1796 : catalogo-inventario . Un'opera ormai fuori commercio, ma reperibile nelle migliori biblioteche.

La descrizione degli stemmi degli Anziani del Comune di Bologna permette di cogliere l'evoluzione nel tempo degli stemmi delle più importanti famiglie nobili bolognesi.

Antonio :wink:
Libertà vo cercando
antonio_conti
 
Messaggi: 827
Iscritto il: venerdì 21 febbraio 2003, 0:35
Località: Fano & Urbino

Messaggioda Reginella » martedì 17 ottobre 2006, 18:10

Grazie Antonio, non lo conoscevo!!! :D
MCM

"Non ristare!"
“SINT VT SVNT AVT NON SINT”
Avatar utente
Reginella
 
Messaggi: 904
Iscritto il: lunedì 2 ottobre 2006, 14:27
Località: Modena


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti