Il mio primo libro di araldica

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

primo libro

Messaggioda Fabio7131 » domenica 20 febbraio 2005, 15:17

Gentili lettori

il mio primo libro di Araldica è stato la copia anastatica dell'Enciclopedia DIDEROT - D'ALAMBERT

poi nel tempo molti altri e per ultimo ARALDICA della Mondadori (90 Euro! me lo sono regalato ieri)

che ne pensati di quella edizione ?



Fabio Curone
Avatar utente
Fabio7131
 
Messaggi: 303
Iscritto il: lunedì 17 gennaio 2005, 19:10
Località: Milano - Castelnuovo Scrivia

Re: primo libro

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 21 febbraio 2005, 17:31

Fabio7131 ha scritto:Gentili lettori
il mio primo libro di Araldica è stato la copia anastatica dell'Enciclopedia DIDEROT - D'ALAMBERT
poi nel tempo molti altri e per ultimo ARALDICA della Mondadori (90 Euro! me lo sono regalato ieri)
che ne pensati di quella edizione ?
Fabio Curone


Caro Fabio,
se si riferisce all'anastatica della Diderot, dipende... ce ne sono state due nel corso degli ultimi decenni, la prima edita a Parigi verso il 1989, l'altra forse italiana e di una decina d'anni più tarda.

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Diderot

Messaggioda Fabio7131 » lunedì 21 febbraio 2005, 20:08

La prima naturalmente! :D pero oggi sul mercatino dei libri ho trovato quella italiana per 6 euro ...naturalmente subito acquistata



Fabio Gaspare Curone
Avatar utente
Fabio7131
 
Messaggi: 303
Iscritto il: lunedì 17 gennaio 2005, 19:10
Località: Milano - Castelnuovo Scrivia

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 21 febbraio 2005, 20:16

...che rispetto all'altra ha lo svantaggio delle riproduzioni più in piccolo, il che pesa parecchio sulla leggibilità dei testi e la visibilità dei disegni! :wink:

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Cottoneum » lunedì 21 febbraio 2005, 21:28

Caro fra' Eusanio, perdoni l'ardire... :oops:

...qual è stato il suo primo libro d'araldica? :oops:


Timidamente
Avatar utente
Cottoneum
 
Messaggi: 826
Iscritto il: sabato 30 ottobre 2004, 23:15
Località: Milano

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 21 febbraio 2005, 21:51

La timidezza è mia, perchè così molto si disvela della veneranda età del vecchio frate...

...il primo fu la Grammatica araldica del cavalier Felice Tribolati, con la superba prefazione del Crollalanza, edito in seconda edizione nel 1904 (se ben ricordo) e caduto fra le mani del non ancor vecchio, né ancor frate, non molto oltre... :oops:

...un testo che tuttora ogni studioso ed appassionato dovrebbe avere, e leggere più volte.

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Cottoneum » lunedì 21 febbraio 2005, 21:53

Un testo davvero eccellente.
Lei ha mai pensato di scrivere un trattato di araldica?



(La timidezza mia è dovuta alla temerarietà con cui oso porre una domanda a uno studioso illustre come Lei)
Avatar utente
Cottoneum
 
Messaggi: 826
Iscritto il: sabato 30 ottobre 2004, 23:15
Località: Milano

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » lunedì 21 febbraio 2005, 22:01

Gio Cairo ha scritto:Un testo davvero eccellente.
Lei ha mai pensato di scrivere un trattato di araldica?
(La timidezza mia è dovuta alla temerarietà con cui oso porre una domanda a uno studioso illustre come Lei)


Lei è troppo buono, ma nessuna domanda deve intimidirci. Nè a porla, né a rispondervi.

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda FP » giovedì 24 marzo 2005, 13:17

Riapro un po' il topic :wink:

Anch'io non ho cominciato con nessun libro in particolare...Ma da piccolo, guardando il palazzo della famiglia di mia madre, il suo arco, il suo chiostro, le sue pietre antiche, il suo stemma, pensai subito che dovevo scoprire cosa c'era dietro! Così mi narrarono della storia di famiglia, delle passate "avventure" di cavalieri antichissimi, degli affreschi andati perduti...Sapete come sono i bambini, no? Così corsi dai più anziani e mi feci spiegare tutto. Dopo di che, cominciai a vedere gli stemmi raffigurati nel libro Lucoli, profilo storico di Don Filippo Murri, nel quale si parla della nostra famiglia, e me ne innamorai :2: ! Passai poi a L'Aquila, dove vidi gli stemmari di Emidio Mariani e del Crispomonti. Un'esperienza notevole (o almeno così è stato per me...)!
E da lì...eccomi qua! :D
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1462
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 24 marzo 2005, 17:20

Raccontaci :wink: meglio di codesti stemmari, caro Francesco...

...dove sono conservati? Sono ancora consultabili? Come sono costituiti? :P

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Guido5 » giovedì 5 maggio 2005, 13:08

Ho cominciato con ... i faldoni del fondo Cartari Febei all'Archivio di Stato di Roma, poi sono passato al barone Antonio Manno, commissario regio presso la Consulta Araldica con "Regolamento tecnico-araldico" e "Vocabolario araldico ufficiale".
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5012
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » giovedì 5 maggio 2005, 15:30

Guido5 ha scritto:Ho cominciato con ... i faldoni del fondo Cartari Febei all'Archivio di Stato di Roma,

...una parte dei quali fu edita nel 1978 a Spoleto (giacchè si trattava della parte "spoletina" di essi) da Marcello del Piazzo.

poi sono passato al barone Antonio Manno, commissario regio presso la Consulta Araldica con "Regolamento tecnico-araldico" e "Vocabolario araldico ufficiale".


...e poi? :wink:

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Guido5 » giovedì 5 maggio 2005, 22:51

Fratri Eusanio Ocrensi (?) GuidoV (id est "Guido5") salutem plurimam dicit.
Scripsisti:

[quote]Marcello del Piazzo ... e poi? [/quote]

E poi lo stesso del Piazzo, autore con Giacomo Bascapè del formidabile "Insegne e simboli - Araldica pubblica e privata medievale e moderna", mons. Bruno Bernard Heim anche con l'interessantissimo "Or & Argent" e non manca Caratti di Valfrei, anche se preferisce i fogli di carta agli "spreadsheets". Questo per limitarmi ad alcuni libri che ho letteralmente a portata di mano. Sono infatti anche un "topo di biblioteca" e non avrei mai pensato di trovare in quella dell'Università salesiana uno Spreti in edizione originale mentre la "Vittorio Emanuele" ha in sala di lettura l'anastatica di Forni.
A proposito di computer, conoscete l'URL
<http://opac.sbn.it/cgi-bin/IccuForm.pl?form=WebFrame>?
con Soggetto=araldica vengono fuori 171 documenti... Ciao a tutti!
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5012
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » venerdì 6 maggio 2005, 18:57

Guido5 ha scritto:...(omissis)...E poi lo stesso del Piazzo, autore con Giacomo Bascapè del formidabile "Insegne e simboli - Araldica pubblica e privata medievale e moderna"...(omissis)...


A suo tempo, un buon testo, purtroppo del tutto privo di indici (indispensabili in volumi di cotal mole).

Bene :D vale
fraeusanio@live.it
---
Detestabile è la falsa umiltà (Sant'Agostino, Esposizione sul Salmo 118, 2)
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12914
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

Messaggioda Davide Shamà » sabato 7 maggio 2005, 0:03

Almanach de Gotha 1866, regalo di mio padre. Avevo 15 o 16 anni credo.
Davide Shamà
 

PrecedenteProssimo

Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti