QUALE CREDITO DARE AL MUGNOS?

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

QUALE CREDITO DARE AL MUGNOS?

Messaggioda Rogerius Rex » martedì 12 settembre 2006, 14:10

Filadelfo Mugnos, "Famiglie nobili, titolate, feudatarie ed antiche nobili del Regno di Sicilia", Palermo 1647-70.

Quale credito dare a questa e, più in generale, ad altre opere di Mugnos?

E' vero che molte sue affermazioni sono solo frutto della fantasia dell'autore? :cry:
Rogerius Rex
 
Messaggi: 136
Iscritto il: mercoledì 6 settembre 2006, 17:31

Quale credito dare al Mugnos?

Messaggioda alfabravo » martedì 12 settembre 2006, 15:33

Egr. Sig. Maucieri,

credo che le opere del Mugnos dimostino il ricercatore instancabile di questioni araldiche e genealogiche. Certamente, contengono delle inesattezze ma tenga presente l'epoca nella quale furono compilate e, senza di esse, forse, non credo sarebbero state possibili le pubblicazioni dei suoi posteri.

Distinti saluti da Ritter
alfabravo
 
Messaggi: 928
Iscritto il: venerdì 18 marzo 2005, 21:11

Messaggioda fra' Eusanio da Ocre » martedì 12 settembre 2006, 15:34

La tua opinione è da sottoscrivere appieno, carissimo Ritter.

Bene :D vale
"Quando il mediocre plagia il maestro, ne copia anche gli errori"
---
Detestabile è la falsa umiltà
Chiedete a Icaro se con i copiaincolla Immagine si arriva in cielo
Avatar utente
fra' Eusanio da Ocre
 
Messaggi: 12913
Iscritto il: mercoledì 7 maggio 2003, 21:14

a

Messaggioda Carfi » mercoledì 13 settembre 2006, 0:47

gentile Ritter,
lei ha sintetizzato con poche ma efficaci parole il tutto.
Molta fantasia unita a molta verità; queste due componenti hanno posto le prime basi per tutti i cultori siciliani di araldica dei secoli successivi.
Criticare e ragionare oggi, con il senno "moderno" è per noi facile.
Mettiamo il Mugnos in bella evidenza, al posto d'onore, in libreria, ma serviamoci di testi più validi e recenti.
Consiglio però, dopo aver letto gli altri autori, prima di arrivare a conclusioni definitive, di andarlo a rileggere.
Leggendolo, e ben pesando con il bilancino quanto ha scritto, gli renderemo il giusto onore che merita.
Parafrasando: se non ci fosse stato Omero, con tutte le sue divinità a portata di mano, non avremmo saputo nulla di quei tempi.

Giuseppe Carfì di Serra Rovetto Boscopiano
--------------------------------------------------
per Aspera Ardua
Avatar utente
Carfi
 
Messaggi: 590
Iscritto il: venerdì 24 marzo 2006, 23:16

Re: QUALE CREDITO DARE AL MUGNOS?

Messaggioda Messanensis » mercoledì 13 settembre 2006, 14:59

Danilo Maucieri ha scritto:E' vero che molte sue affermazioni sono solo frutto della fantasia dell'autore? :cry:


Sì, sopratutto quando parla delle origini delle varie famiglie. Come già è stato scritto i suoi lavori hanno un grande valore per l'epoca in cui furono scritti e forniscono preziose informazioni. Però bisogna dire che secondo A. Mango di Casalgerardo egli si servì di documenti falsi e di alcuni di essi ne fu addirittura l'artefice. Ovviamente non tutta l'opera del Mugnos è fatta di leggende e documenti falsi. Basta fare un pò di attenzione.
Rosario Basile

Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1620
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

a

Messaggioda Carfi » mercoledì 13 settembre 2006, 15:41

Come vedi, caro Danilo,
le risposte che ti sono state date, convergono con quanto ho io già scritto:
molta fantasia olimpica, molte invenzioni, e molta verità.
Sta a te,leggendo altri testi più moderni ed attendibili, pesare con il bilancino quanto leggi sul Mugnos.
Ricordiamoci sempre, che per quei tempi, fece un bel lavoro, e mise le basi per una "enciclopedia" araldica siciliana.

Adesso ti stuzzico: perchè non scrivi qualcosa, sulla famiglia più importante di Giarratana (RG). Sai bene a chi mi riferisco.
Se tu
i interessa saperlo, quand'ero studentello, e passavo per via Ruggero Settimo, a Vittoria (RG), mi chiedevo chi fosse costui.
I miei prof. di storia, anche quelli del superiore, (uno di essi ha vinto addirittura il Campiello, mi rispose che era Ruggero VII, figlio di Ruggero d'Altavilla).
Spiegaci tu invece chi era.
Suvvia, sei un esperto di storia locale.

Stammi bene

Giuseppe Carfì di Serra Rovetto Boscopiano
----------------------------------------------------
per Aspera Ardua
Avatar utente
Carfi
 
Messaggi: 590
Iscritto il: venerdì 24 marzo 2006, 23:16

Messaggioda Rogerius Rex » mercoledì 13 settembre 2006, 19:55

Caro Prof. Carfì,
la ringrazio per la sua considerazione, sicuramente esagerata (conosco i miei limiti). So a chi si riferisce e avevo già pensato ad un lavoro del genere fatto come si deve (ne è uscito uno anni fa, che già le segnalai, ma è veramente penoso nei contenuti e fatto coi piedi...non un solo ritratto, non un solo riferimento agli eredi attuali e a all'archivio della famiglia, ove l'autore avrebbe potuto trovare ben altre e più dettagliate informazioni!), e in parte l'ho già avviato, ma mi serve tempo per visionare tutti gli archivi che ho in mente...
Per quanto riguarda il caro Ruggero Settimo, non mi va di salire in cattedra per un personaggio fin troppo famoso (comunque tutti hanno a casa un'enciclopedia...)...però colgo la palla al balzo e la stuzzico io a mia volta: lo sa che durante una delle mie ricerche archivistiche ho trovato la lista ufficiale con tutti i congiurati dei moti del 1848\1849?...

A presto e grazie di tutto.
Ultima modifica di Rogerius Rex il lunedì 24 agosto 2009, 23:42, modificato 1 volta in totale.
Rogerius Rex
 
Messaggi: 136
Iscritto il: mercoledì 6 settembre 2006, 17:31

a

Messaggioda Carfi » mercoledì 13 settembre 2006, 20:38

caro Danilo,
"e vai..................", per adesso scrivi qualcosa, in seguito darai migliori e maggiori notizie.
Fallo però sul Topic apposito, Settimo, che ho creato in Storia di Famiglia.
Per lo stemma, non ti preoccupare, ci penserò io o qualche altro amico, (lo sai che ce ne hai tanti nel Forum?).
Ricordo lo stemma che mi mandasti anni or sono, in bianco e nero e quasi illegibile.
Stavolta lo metteremo a colori.
Fai un altro Topic sull'argomento dei congiuratori. Abbiamo bisogno di verità, di Storia.
Attendiamo.
Complimenti.

Giuseppe Carfì di Serra Rovetto Boscopiano
-------------------------------------------------
per Aspera Ardua

:D :D :D :D :D :D :D
Avatar utente
Carfi
 
Messaggi: 590
Iscritto il: venerdì 24 marzo 2006, 23:16

Messaggioda Rogerius Rex » mercoledì 13 settembre 2006, 20:43

Quello stemma in bianco e nero che le inviai è superato, ormai ho il Palizzolo Gravina (che riporta la stemma a colori); inoltre nella cripta della Chiesa Madre di Giarratana esiste un portale funebre con scolpito lo stemma della casata, posso fornire la foto.
Per i congiurati mi spiace, ma avevo intenzione di pubblicare la lista diversamente. Magari curerò un topic dopo la pubblicazione.

Saluti
Rogerius Rex
 
Messaggi: 136
Iscritto il: mercoledì 6 settembre 2006, 17:31

Messaggioda Rogerius Rex » mercoledì 13 settembre 2006, 20:49

Grazie a tutti per la calorosissima accoglienza nel sito! :roll:
Rogerius Rex
 
Messaggi: 136
Iscritto il: mercoledì 6 settembre 2006, 17:31

Messaggioda F.V.T.P.d.S » giovedì 14 settembre 2006, 16:57

Secondo il mio modestissimo parere l'opera del Mugnos deve essere considerata ammirevole e poco fantasiosa....alcuni la considerano negativamente a causa delle numerosissime incertezze e lacune, che tra l'altro coinvolgono anche il mio casato, che hanno minato la credibiltà di tuttal'opera....
F.V.T.P.d.S
 
Messaggi: 6
Iscritto il: martedì 12 settembre 2006, 16:50
Località: Nord Italia


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti