Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda GENS VALERIA » venerdì 26 giugno 2015, 15:02

STEMMARIO GENOVESE Orsini De Marzo

Edizione a cura di Niccolò Orsini De Marzo e Michel Popoff
Pagg. 768 - F.to 21x30 cm - Ril. in tela - Sovracc. plastificata.
PREZZO DI SOTTOSCRIZIONE FINO AL 31 LUGLIO 2015
€ 149,50 INVECE DI € 230,00 (SCONTO 35%)
CONSEGNA PREVISTA ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2015

Secondo una nota di possesso coeva, questo importante codice manoscritto fu redatto da
Odoardo Gandusio ed acquistato nel 1694 dal patrizio genovese Gian Agostino Botti
(Botta); esso è attualmente conservato nella collezione privata della Familienstiftung
Haus Orsini Dea Paravicini.

Il manoscritto si compone essenzialmente di due parti: la prima comprende notizie
storiche ed elenchi di anziani, consoli, ambasciatori, podestà, ecclesiastici, nobili,
mercanti, artigiani, ecc. per servire alla storia della Repubblica di Genova, ed è riprodotta
nella presente edizione in bianco e nero; la seconda parte, invece, di alto interesse
araldico e di singolare valore artistico, raffigura gli stemmi di 308 famiglie patrizie
genovesi, fornendo altresì in molti casi più di una variante dell’arma gentilizia - per un
totale di ben 500 stemmi - e notizie storico-genealogiche su ciascun casato
: essa è quindi
riprodotta a colori nella presente edizione. Una prefazione a cura di Niccolo’ Orsini De
Marzo precede la riproduzione del codice ed introduce allo studio dell’araldica genovese
e delle sue particolarità e curiosità, mentre un’appendice in francese – la lingua franca
dell’araldica – contiene le blasonature degli stemmi ad opera di Michel Popoff.
Sesto volume, dopo quelli dedicati a Firenze (Stemmario e Priorista), Bologna,
Venezia e Napoli, della Edizione Europea delle Fonti per l’Araldica e la Genealogia
conservate in Collezioni Private - The European Edition of the Sources for Heraldry and
Genealogy conserved in Private Collections, quest’opera, dalle caratteristiche editoriali
di pregio, misura 21x30 cm e consta di ben 768 pagine, di cui 345 sono le tavole a colori
dello stemmario e 360 quelle, ricche di notizie manoscritte, riprodotte in bianco e nero.
Il volume, rilegato in tela, è cucito a refe e le titolature sono impresse a caratteri d’oro;
il tutto è protetto da una sovraccoperta plastificata per una migliore conservazione.

L’elenco degli stemmi raffigurati è consultabile su http://www.orsinidemarzo.com.

ELENCO ALFABETICO DEGLI STEMMI RAFFIGURATI NELLO STEMMARIO GENOVESE ODM:

Adorni (Adorno) (2) - Albaro (s. v.) - Albora (Albara, Albera) - Amandola (De’) (Dell’Amandola) - Amico (D’) (2) - Andora
(Andorra) (2) - Arquata (3) - Axereti (Assereto) (2) - Ayroli
Baciadonna (Basadonna) (2) - Balbi (Balbo) - Baliani (Bagliani) - Bancha (Dalla) (Dalla Banca) - Bargagli (6) - Bava -
Bellochi (Bellocchi) (2) - Benedetti (De) (2) - Benigasi - Bernisoni - Bianchi (Bianco) (3) - Bigna (2) - Biscotti - Boccanegra
(3) - Boeri (Boveri) (3) - Bogiani (Boggiani, Boggiano) (3) - Bombelli - Bondenari (2) - Bonfanti (Bonfante) - Bonivento
(Boniventi) - Borlasca (3) - Borsotti (2) - Borzoni (2) - Botti (Botta) (3) - Bozomi (Bozomo) - Bracelli (3) - Brignali
(Brignale) - Brignole (2) - Buena (Bona) - Buroni (2)
Calisani - Calvi - Camilla (3) - Camogli - Canalli (Canali) - Canessa (2) - Canetti (3) - Canevali (Canevale) (2) - Carbonara -
Caressa (Carezza) (2) - Carmandini - Carrega - Cassana (Casana) (3) - Castagna (2) - Castagnola (2) - Castiglioni
(Castiglione) (2) - Castro (De) (Da Castello) - Cattanei (Cattaneo) (3) - Cavana (Cavanna) (2) - Cavi - Cazanova (Casanova)
(3) - Cazella (Cascella) (2) - Cazeri - Ceba - Centurioni (Centurione) - Ceva (2) - Chiavari (8) - Chiavega (Chiavica) (2) -
Chiesa (Della Chiesa) - Cigala (Cicala) (2) - Clavaresa (2) - Compiani (Compiano) - Conforti (Conforto) (2) - Conny
(Connio) - Coronata (2) - Costa (7) - Costapellegrina - Cramagnola (Carmagnola) - Cravesana (Clavesana) - Croce (Dalla)
(Della Croce) - Crovara (Croara) (2) - Croza (Crosa) - Curli (Curlo) - Cybo
Dabene (Dabbene) (2) - Davagna - Delfini (Delfino) (2) - Dernice - Donati (Donato) (2) - Durazzi (Durazzo)
Embriachi (Embriaco, Embriaci) (2)
Fabiani - Facy (De Faccio) (3) - Falamonica - Fatinanti - Federici - Feretti (Ferechi) - Ferrari (De Ferrari) (3) - Fieschi -
Foglieta (Foglietta) - Fornari (De Fornari) - Fossa (2) - Franceschi (De) - Franchi (De Franchi) - Franzoni (Franzone,
Fransone) - Fregosi (Fregoso, Campofregoso) (3) - Frevanti (Frevante) - Frugoni
Galli (Gallo) - Galliani (Gallerani) (4) - Gambarotta (3) - Garbarini (Garbarino) - Garibaldi (2) - Gatilusi - Gavi (Gavio) (3) -
Gentili (Gentile) - Giordani (Giordano) - Giorgy (Giorgi) (2) - Giovardi - Giovi - Giudici (4) - Giusiani (Giussani) (2) -
Giustigniani (Giustiniani) - Goani (2) - Griffi (Griffo) - Grilli (Grillo) - Grimaldi - Gropalli (Groppallo) - Grossi (Grosso) -
Gualteri (Gualtieri) - Guarachi (Guaracchi) - Guarchi - Guastavini (Guastavino) - Guizolfi (3) - Gurleri (2)
Honeti (Oneto, Oneti)
Illioni (De) - Illuminatis (De’) - Imperiali (Imperiale) - Interiani (Interiano) - Invrea - Isola - Italiani
Lazagna - Lazaro (De) - Lecavella (Leccavela) - Lercari (Lercaro) - Lerice (Lerici) - Levanti (Levanto) (5) - Lomellini
(Lomellino) - Luxori (Luxoro)
Magioli (2) - Magnaschi (Magnasco) - Maineri (Mayneri, Majneri) - Malfanti (Malfante) - Mandello (Mandelli) - Marabotti
(Malabotti) (2) - Maragliani (2) - Marco (De) (2) - Marenghi (Marengo) (s. v.) - Mari (De Mari) - Marini (Marino) -
Marocelli - Maruffi (3) - Massa - Mecota (s. v.) - Mercanti - Miconi (Migoni, Migone) (2) - Moneglia (7) - Mongiardini
(Mongiardino) (s. v.) - Monsia - Montaldi (2) - Montani (Montano) - Montebruno - Montenegri (Montenegro) - Morchi -
Morelli - Moroni (Morone) - Morta (2) - Mortari (Mortara) - Mortora (Mortola) - Mosca - Mulasana (Mulassana, Mulassano)
- Mulfini (Molfino, Molfino, Morfino, Morfini) - Multedi (Multedo) (2) - Mussi (Musso) (2)
Navoni - Negro (Di) - Negroni (Negrone) (2) - Novara (Novaro) (2) - Nove (Da) (Novi) (3)
Oderici - Odoni - Oliva (6) - Oria (D’) (Doria) - Ottoni (Ottone)
Pallavicini (Palavicino) - Palmari (2) - Palodi (Parodi) - Pansani - Parisola - Pasqua - Passagi (Passaglio, Pazzaglia) (2) -
Passiani (Da Passano) (3) - Pastine (2) - Pasturini (Pastorini, Pastorino) (2) - Paxeri (Passeri) - Pedarlbes - Pelerani (Pellerani)
(2) - Pelisoni (Pellissone, Pellissoni) - Pernice - Petra (Pietra) - Petrasanta (Pietrasanta) - Piaggia (Piaggio) (2) - Piane (Dalle)
(Delle Piane) (4) - Picaluga (Piccaluga, Pizzaluga) - Piccameglio (Piccamiglio, Pizzamiglio) - Pichenotti - Pietraroggia (2) -
Pinelli (3) - Pini (Del Pino) (2) - Pipi (Pippi) - Platoni (2) - Poggi (Poggio) - Pogliasca - Poirani (2) - Ponsoni (Ponzoni) -
Ponti (Del Ponte) - Porrata - Pozzi (Del Pozzo) (3) - Prati (Prato) (2) - Promontori (Promontorio) (2)
Quarto (Da) (s. v.)
Raggi (Raggio) - Rapalli (Rapallo) (3) - Ravaschieri - Raymondi (Raimondi, Rajmondi) (2) - Re (3) - Rebuffi (Rebuffo) (2) -
Recchi (Recco) (2) - Ricardi (Riccardi) (2) - Ricci (5) - Richema (Richeme, Richermi) - Ricoboni (Riccoboni, Riccobono) -
Riparola (Rivarola) (2) - Rocca (3) - Roccatagliata (2) - Rodini (Rodino) (2) - Romeri (Romeo) (3) - Rossi (5) - Rottoli
(Rottori) (2) - Rovere (Dalla) (Della Rovere) - Rovereti (Rovereto) (2)
Sale - Saluzzi - Salvaghi (Salvago) - Salvo (De) - Santo Petro (De) (San Pietro, Sampietro) (2) - Saoli (Sauli) - Savignoni
(Savignone) (2) - Scaglia (2) - Scorza - Scotti (Scotto) (2) - Segni - Semini (Semino) (2) - Senarega (2) - Senestrari
(Senestraro) - Serpegli (Serpelio) - Serra (2) - Serravalle - Sesini - Signore (De) - Siorba (Sorba) - Sisti - Soffia (Sophia) -
Solari (Solaro) (2) - Sopranis (Soprani) - Spinola - Squarciafici (Squarciafichi) (2) - Stella - Stratta (Strada)
Tagliacarne - Tassi (Tasso) - Terrili (Terrile) - Torre (Dalla) (Della Torre) (3) - Torriglia
Ultramarini (Ultramarino) - Usodimare
Vaccari (Vaccaro) (2) - Valdetari (Valdettaro) (3) - Vallebella - Varesi (Varese) (2) - Vassalli (Vassallo) - Venerosi - Venti
(Vento) (2) - Vernazza (3) - Via (2) - Viacana - Viali (Viale) - Vignoli (2) - Vitali (3) - Vivaldi - Viviani (2) - Volta (Dalla)
(Della Volta) (3) - Voltabi (Voltabbio, Voltaggio)
Zerbi - Zerbini (3) - Zini (Zino) (2) - Zoagli (2)


Per informazioni:
http://www.orsinidemarzo.com.

Immagine
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5125
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda Romegas » venerdì 26 giugno 2015, 16:22

Ottimo. Molto interessante
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4513
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda diegocompagnoni » mercoledì 1 luglio 2015, 10:25

[quote="GENS VALERIA"]STEMMARIO GENOVESE Orsini De Marzo


Il manoscritto si compone essenzialmente di due parti: la prima comprende notizie
storiche ed elenchi di anziani, consoli, ambasciatori, podestà, ecclesiastici, nobili,
mercanti, artigiani, ecc. per servire alla storia della Repubblica di Genova...

Interessante che siano riportate notizie ed elenchi anche riguardanti mercanti e artigiani. E' vero che si trattava di classi sociali intermedie, ma mi sorge una domanda: era uso all'epoca riportare tali notizie oppure questo manoscritto costituisce un esempio presocchè unico?
Chiedo scusa per la mia ignoranza! ;)
Cordiali saluti
D.C.
diegocompagnoni
 
Messaggi: 159
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2011, 21:57

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda GENS VALERIA » mercoledì 1 luglio 2015, 11:27

diegocompagnoni ha scritto:
GENS VALERIA ha scritto:STEMMARIO GENOVESE Orsini De Marzo


Il manoscritto si compone essenzialmente di due parti: la prima comprende notizie
storiche ed elenchi di anziani, consoli, ambasciatori, podestà, ecclesiastici, nobili,
mercanti, artigiani, ecc. per servire alla storia della Repubblica di Genova...

Interessante che siano riportate notizie ed elenchi anche riguardanti mercanti e artigiani. E' vero che si trattava di classi sociali intermedie, ma mi sorge una domanda: era uso all'epoca riportare tali notizie oppure questo manoscritto costituisce un esempio pressoché unico?
Chiedo scusa per la mia ignoranza! ;)
Cordiali saluti
D.C.

Qui abbiamo tutti da imparare ;)
Mi pare vengano riportate le famiglie più in vista , quelle blasonate ( nel vero senso della parola ).
C'è da sottolineare che pressoché tutte le famiglie del ceto dominante genovese erano mercanti o si erano date in passato alla mercatura ( anche se non al minuto ) come a Venezia , come a Firenze.
Alcuni ricchi artigiani ( artieri ) erano dotati di stemma ed ambivano ad una difficile nobilitazione.
I nobiles ed i populares erano " partiti politici " più che ceti ed il governo spesso passava di mano tra loro.
Furono alla fine gli alberghi populares che negli ultimi secoli tennero ben stretto il potere.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5125
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda diegocompagnoni » mercoledì 1 luglio 2015, 11:47

La ringrazio per queste informazioni storiche. Essendo le famiglie nobili genovesi prevalentemente non d'origine feudale, non mi meraviglia che avessero esercitato la mercatura. Mi meraviglia invece il fatto che ci fossero degli artigiani, seppur ricchi, con tanto di stemma e inseriti in quest'opera! Lei mi spiega che "ambivano ad una difficile nobilitazione". Mi chiedo: qualcuna di queste famiglie, magari dopo secoli, è riuscita a soddisfare le proprie ambizioni, anche se mi rendo conto sia piuttosto difficile? E poi, so che, almeno per quanto riguarda il regno di Sicilia, con cent'anni di distintà civiltà e vita more nobilium si poteva acquisire uno status equirabile alla nobiltà generica ed eventualmente si poteva avere anche la possibilità di essere nobilitati ufficialmete con un' investitura. Valeva anche negli altri stati preunitari? Grazie!
D.C.
diegocompagnoni
 
Messaggi: 159
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2011, 21:57

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda GENS VALERIA » mercoledì 1 luglio 2015, 12:56

diegocompagnoni ha scritto:La ringrazio per queste informazioni storiche. Essendo le famiglie nobili genovesi prevalentemente non d'origine feudale, non mi meraviglia che avessero esercitato la mercatura. Mi meraviglia invece il fatto che ci fossero degli artigiani, seppur ricchi, con tanto di stemma e inseriti in quest'opera! Lei mi spiega che "ambivano ad una difficile nobilitazione". Mi chiedo: qualcuna di queste famiglie, magari dopo secoli, è riuscita a soddisfare le proprie ambizioni, anche se mi rendo conto sia piuttosto difficile? E poi, so che, almeno per quanto riguarda il regno di Sicilia, con cent'anni di distintà civiltà e vita more nobilium si poteva acquisire uno status equirabile alla nobiltà generica ed eventualmente si poteva avere anche la possibilità di essere nobilitati ufficialmete con un' investitura. Valeva anche negli altri stati preunitari? Grazie!
D.C.

Domanda scabrosissima . [cool.gif]
Impariamo a distinguere le tante nobiltà italiane preunitarie, ognuna con leggi e consuetudini diverse, la situazione duo siciliana era particolare per molte caratteristiche uniche.
Liguria:
Il teoria , ogni anno, dalla riforma Doria , dovevano essere ammesse alla "magistratura" genovese, alcune famiglie " emergenti" dalle Riviere
( di Ponente e Levante ), di fatto questo difficilmente accadeva, per un arroccamento " in difensiva" delle famiglie che detenevano il potere a Genova.
Le famiglie di origine feudale , che spesso mantenevano feudi appenninici per garantirsi un "rifugio sicuro" , erano guardate a vista ( vedi la fine ingloriosa dei Fieschi ) , il ricambio del ceto nobile era abbastanza ... scarso e spesso , solo, tra gli Alberghi popolari.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5125
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda diegocompagnoni » giovedì 2 luglio 2015, 17:43

La ringrazio per queste interresanti informazioni! ;)
diegocompagnoni
 
Messaggi: 159
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2011, 21:57

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda De Vineis » mercoledì 25 novembre 2015, 13:14

Complimenti per la interessante iniziativa, che consente la fruizione di un testo altrimenti nell'ordinario difficilmente fruibile ed il confronto con altri di simile argomento e periodo conservati nelle biblioteche genovesi.

L'indicazione di nobili, mercanti e artefici, come è stato giustamente sopra indicato, deriva da una circostanza "politica" più che sociale: nobili, mercanti e artefici erano le tre classi in cui si divideva il consiglio dei cittadini prima della riforma del 1528, quindi non è anomalo che siano indicati nel testo citato, così come in altri testi che si occupano di famiglie genovesi. Quello che contava a Genova era essere "cives", ossia godere dei diritti politici, che appunto spettavano solo ad una minoranza qualificata degli abitanti: prova ne è che con la Riforma di Andrea Doria si riconosce che tutti gli ascritti al Liber Civitatis sono nobili, fra i malumori delle famiglie appartenenti al partito nobile (e che porteranno al colpo di stato del 1576). Le due fazioni di Nobiles e Populares (mercanti e artefici) erano poi divise come di consueto in Albi e Nigri (Ghibellini e Guelfi): il che portò fra Trecento e Quattrocento a lotte intestine che fecero perdere a Genova il suo impero, la sua potenza e per un certo periodo anche la sua indipendenza. A Genova gli artefici erano potenti perché la città era la principale produttrice di tessuti di seta in Europa e, accanto a piccoli imprenditori (diremmo oggi), vi erano veri e propri magnati; una legge autorizzò specificamente i nobili a svolgere l'attività di seataro, per farli stare al passo con i nuovi ricchi.
Inoltre a Genova alcuni ricchi senza sangue blu pagavano per utilizzare cognomi nobili o per essere aggregati ad Alberghi nobiliari (e quindi erano di fazione nobile), e discendenti di stirpi feudali (in particolare della Riviera di Levante) erano Artefici, e quindi di fazione popolare.

Quindi è veramente difficile parlare per categorie assolute di nobiltà nella Genova di quei secoli.
De Vineis
 
Messaggi: 91
Iscritto il: giovedì 4 aprile 2013, 20:27

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda GENS VALERIA » mercoledì 25 novembre 2015, 15:34

De Vineis ha scritto:Complimenti per la interessante iniziativa, che consente la fruizione di un testo altrimenti nell'ordinario difficilmente fruibile ed il confronto con altri di simile argomento e periodo conservati nelle biblioteche genovesi.

L'indicazione di nobili, mercanti e artefici, come è stato giustamente sopra indicato, deriva da una circostanza "politica" più che sociale: nobili, mercanti e artefici erano le tre classi in cui si divideva il consiglio dei cittadini prima della riforma del 1528, quindi non è anomalo che siano indicati nel testo citato, così come in altri testi che si occupano di famiglie genovesi. Quello che contava a Genova era essere "cives", ossia godere dei diritti politici, che appunto spettavano solo ad una minoranza qualificata degli abitanti: prova ne è che con la Riforma di Andrea Doria si riconosce che tutti gli ascritti al Liber Civitatis sono nobili, fra i malumori delle famiglie appartenenti al partito nobile (e che porteranno al colpo di stato del 1576). Le due fazioni di Nobiles e Populares (mercanti e artefici) erano poi divise come di consueto in Albi e Nigri (Ghibellini e Guelfi): il che portò fra Trecento e Quattrocento a lotte intestine che fecero perdere a Genova il suo impero, la sua potenza e per un certo periodo anche la sua indipendenza. A Genova gli artefici erano potenti perché la città era la principale produttrice di tessuti di seta in Europa e, accanto a piccoli imprenditori (diremmo oggi), vi erano veri e propri magnati; una legge autorizzò specificamente i nobili a svolgere l'attività di seataro, per farli stare al passo con i nuovi ricchi.
Inoltre a Genova alcuni ricchi senza sangue blu pagavano per utilizzare cognomi nobili o per essere aggregati ad Alberghi nobiliari (e quindi erano di fazione nobile), e discendenti di stirpi feudali (in particolare della Riviera di Levante) erano Artefici, e quindi di fazione popolare.

Quindi è veramente difficile parlare per categorie assolute di nobiltà nella Genova di quei secoli.


Scrivi cose giuste ma eviterei di generalizzare il concetto di Nobiltà in Liguria, per schiarirci le idee occorre leggere di Andrea Lercari :
La nobiltà civica a Genova e in Liguria dal Comune consolare alla Repubblica aristocratica, in Le aristocrazie cittadine. Evoluzione dei ceti dirigenti urbani nei secoli XV-XVIII, a cura di Marino Zorzi, Marcello Fracanzani, Italo Quadrio, edito dall’Associazione Nobiliare Regionale Veneta, Venezia 2009, pp. 227-362 ,
consultabile gratuitamente nel PDF:
http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=& ... eRgpMZUCkg

Con l'avvertenza di considerare che la nobiltà in Liguria comprese Feudatari, nobili del Sacro Romano Impero ed altre casate riconosciute da F.H. diversamente dalla Genovese Repubblica, seppur residenti nel suo territorio.

Normalmente Le casate riconosciute ufficialmente sono quelle descritte dallo Scorza :Le famiglie nobili genovesi incluse nel Libro d'Oro delle Repubblica .

Cordiali saluti
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5125
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda De Vineis » mercoledì 25 novembre 2015, 16:34

Conosco il testo del Lercari ed è molto puntuale ed articolato. La mia voleva solo essere una risposta al quesito sull'indicazione specifica nel libro di mercanti ed artigiani: lungi da me voler generalizzare su una realtà così complessa :)

Anzi, forse mi sono espresso male, ma volevo concludere nel senso che, proprio per la sua complessità, la nobiltà genovese (intesa come nobiltà dell'intera Repubblica e feudi imperiali), può difficilmente essere definita con concetti assoluti, ma va analizzata nel suo contesto spazio temporale, nella fonte da cui ha tratto origine, etc.

Fa comunque piacere che se ne parli ;)
De Vineis
 
Messaggi: 91
Iscritto il: giovedì 4 aprile 2013, 20:27

Re: Novità editoriale araldica : Stemmario Genovese

Messaggioda GENS VALERIA » mercoledì 25 novembre 2015, 17:48

De Vineis ha scritto:Conosco il testo del Lercari ed è molto puntuale ed articolato. La mia voleva solo essere una risposta al quesito sull'indicazione specifica nel libro di mercanti ed artigiani: lungi da me voler generalizzare su una realtà così complessa :)

Anzi, forse mi sono espresso male, ma volevo concludere nel senso che, proprio per la sua complessità, la nobiltà genovese (intesa come nobiltà dell'intera Repubblica e feudi imperiali), può difficilmente essere definita con concetti assoluti, ma va analizzata nel suo contesto spazio temporale, nella fonte da cui ha tratto origine, etc.

Fa comunque piacere che se ne parli ;)


Si , sono del parere che comunque, la pietra miliare della nobiltà genovese rimane il Liber Nobilitaris del 1528.
Scrivo ciò , ben considerando che la nobiltà ligure non iniziò né terminò all'epoca.
Rimane il corollario che la nobiltà ligure è sinonimo di famiglie appartenenti al ceto dirigente aggregate agli "alberghi "della Dominante .
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5125
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti