Pagina 1 di 1

Gli Albini di Saludecio

MessaggioInviato: martedì 11 novembre 2014, 18:05
da antonio33
Non sono solito raccomandare, ma per gli amanti della storia locale e della genealogia, soprattutto romagnolo/marchigiani, non può mancare.
Gli Albini di Saludecio nei ricordi di un nonagenario scritto da Guglielmo Albini nel 1934, ristampa anastatica, Panozzo Editore, 223 pagine a solo 11 eurini.

Per Sergio De Mitri Valier, noto esperto di nobiltà veneziana:

Da mio Padre e da altri, ho più volte inteso che noi, Albini, proveniamo da Venezia e da famiglia patrizia.
Nel 1915, fui sorpreso di apprendere dalla Signora dell'Avvocato Montecchi, titolare di questa Pretura, che quella trasmigrazione è conosciuta nel Veneto.

Siamo prima del 1533.
Gli Albini erano detti conti...

Un altro passo:
Dallo studio araldico di Giovanni Dolcetti di Venezia, ho acquistato il VI volume del "Libro d'Argento delle Famiglie nobili cittadine" in cui è riprodotto lo stemma Albini, ma diverso da quello adottato dai nostri antenati.
Per Bardo: riusciamo a comparare i due stemmi?

Come di frequente succede, nell'albero genealogico ricorrono i matrimoni sempre tra le stesse famiglie e, come ebbi già modo di dire con il nostro Guido (che ne sa qualcosa...), i collegi di Faenza erano una sorta di antica agenzia matrimoniale.

Per Saludecio, volendo, qui una rinfrescatina:
viewtopic.php?f=1&t=14062&p=165602&hilit=saludecio#p16560

Immagine

Saluto tutti.
Antonio

Re: Gli Albini di Saludecio

MessaggioInviato: martedì 11 novembre 2014, 19:39
da bardo
Caro Antonio,
questo intanto è lo stemma Albini presente sulla lapide che ricorda Basilio Albini (1774-1851) di Saludecio, nella Chiesa Parrocchiale di San Biagio.

Immagine

un saluto ;)
Luca

Re: Gli Albini di Saludecio

MessaggioInviato: martedì 11 novembre 2014, 23:39
da antonio33
Quel vecchio vizio di bazzicare i cimiteri... [yikes.gif]
Grazie Luca!

Re: Gli Albini di Saludecio

MessaggioInviato: martedì 11 novembre 2014, 23:55
da Romegas
Di questa famiglia parla anche lo Squarti Perla nel suo libro sulla nobiltà marchigiana.