“Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

“Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda Bartolomei Bastoni » sabato 8 novembre 2014, 13:31

Gentilissimi forumisti,

segnalo il libro appena pubblicato: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria” del Conte Angelo Squarti Perla (autore dell’ormai introvabile “Titoli e Nobiltà nelle Marche”).

La prefazione è di S.A.R. Amedeo di Savoia, Duca d’Aosta. La monografia contiene un elenco dei patriziati, delle nobiltà, dei titoli, dei predicati e delle qualifiche delle famiglie umbre, o estere con titoli umbri, con riferimento al singolo Decreto originario di Concessione o all’anno di Aggregazione o, in carenza, all’indicazione della partecipazione della Famiglia all’Amministrazione Municipale. Elenco aggiornato fino al XXI secolo.
Il nuovo libro è edito da Intermedia Edizioni.
L’opera araldico-genealogica è interessante, ricca di dettagli e di approfondimenti. Spero di riuscire ad allegare una foto della copertina.

Cordiali saluti

Bartolomei Bastoni
Bartolomei Bastoni
 
Messaggi: 34
Iscritto il: lunedì 23 giugno 2008, 23:10

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda Romegas » sabato 8 novembre 2014, 16:07

Grazie per la notizia. Ho provveduto ad ordinarlo.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3943
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » sabato 8 novembre 2014, 16:14

Grazie per la segnalazione.
L'ho visto anche io sul sito dell'editore e su Amazon

http://www.intermediaedizioni.it/index. ... er=product

http://www.amazon.it/nellUmbria-riferim ... oli+umbria
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6229
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda contegufo » sabato 8 novembre 2014, 18:45

Salve

L' Umbria fin dal secolo XVI fu dominio dello Stato della Chiesa e nel 1540 si scatenò la guerra del sale repressa duramente da Papa Paolo III.
Per quasi 300 anni l'Umbria e cioè dalla metà del Cinquecento fino ai primi anni del secolo scorso seguì le sorti dello Stato Pontificio.

Premesso questo allora mi domando se patriziati, nobiltà, titoli, e predicati non fossero concessione dello Stato della Chiesa, aspetto di cui non vi è cenno nel titolo del libro.
Vorrei un chiarimento in merito, grazie

Saluti
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2124
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » sabato 8 novembre 2014, 19:01

I patriziati e i titoli di nobiltà civica erano gestiti dagli stessi comuni.

Abbiamo discusso in passato di questo argomento e in alcuni casi era il consiglio comunale che deliberava.

Non ne so però molto di più perché non ho mai approfondito tale argomento.

Dovremmo chiedere al nostro amico Eugubino che sicuramente sa come funzionavano le cose a Gubbio.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6229
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda GENS VALERIA » domenica 16 novembre 2014, 15:53

Storicamente, per essere considerata nobile, una comunità doveva vivere in città o borgo libero ( non soggetto né ad altra città, né a famiglie feudali ) e godere giurisdizione sul contado circostante, la cosiddetta separazione di ceto è certamente conditio sine qua non tuttavia di difficile e contrastata dimostrazione in assenza di elenchi esclusivi , attualmente viene considerata maggiormente la gestione del potere concreto ( legislativo, esecutivo , e parzialmente giudiziario al quale solo un numero limitato di famiglie di un borgo-città si avvicendavano.

Non ho letto ancora il libro, è indubbio, tuttavia , che la terra umbra abbia avuto una ricchissima rete di città e borghi governati da famiglie di nobiltà cittadina e patriziale , elette dal popolo e cooptate tra di esse e quindi , col tempo e assunto stile di vita "more nobilium" diventate èlite di governo . alcuni esempi :

Cittadella della Pieve nob m.f.
Gubbio patr e nob m.f.
Perugia patr e nob m.f.
Assisi nob m.f.
Foligno patr e nob m.f.
Spoleto patr nob m.f.
Terni patr e nob m.f.
Norcia nob. m.f.
Todi patr nob m.f.
Narni nob m.f.
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4921
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda MMT » lunedì 29 dicembre 2014, 18:39

anche Cascia ebbe un patriziato o una nobiltà riconosciuta dalla Consulta.
MMT
 
Messaggi: 4638
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda GENS VALERIA » martedì 30 dicembre 2014, 22:21

MMT ha scritto:anche Cascia ebbe un patriziato o una nobiltà riconosciuta dalla Consulta.

Bene !
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4921
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda Romegas » giovedì 15 gennaio 2015, 19:58

Nulla da dire sulla validità del testo ma rispetto a quello sulle Marche con le sue appendici, l'ho trovato più scarno ovvero privo di illustrazioni. Peccato.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3943
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda Romegas » giovedì 15 gennaio 2015, 19:58

Nulla da dire sulla validità del testo ma rispetto a quello sulle Marche con le sue appendici, l'ho trovato più scarno ovvero privo di illustrazioni. Peccato.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 3943
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: “Titoli e Nobiltà nell’Umbria”

Messaggioda RFVS » domenica 26 marzo 2017, 18:10

MMT ha scritto:anche Cascia ebbe un patriziato o una nobiltà riconosciuta dalla Consulta.


Hai notizie in merito alle famiglie?
Riccardo Francalancia Vivanti Siebzehner
Associazione Culturale Terra di Viareggio - http://www.terradiviareggio.it
Avatar utente
RFVS
 
Messaggi: 1738
Iscritto il: mercoledì 15 agosto 2007, 11:40
Località: Viareggio (Toscana)


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite