Armoriali e scritture

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

Armoriali e scritture

Messaggioda estense » martedì 11 febbraio 2014, 10:29

buongiorno a tutti

le insegne del primo dei due stemmari veneti sono inserite in base dati e in linea, ora si passa al secondo, che ha una scrittura decisamente più ardua. a leggere Moresini ci ho messo un po' e ho dovuto riscontrare il nome con gli stemmi già in BD...

non ho molta esperienza paleografica, ma ho sempre più l'impressione che nessuno dei due sia del Seicento, come sostiene il nostro catalogo antico.

quello ora nel DB (alfa.o.3.2) mi sembra del Cinque, in quella scrittura ho presente liriche del petrarchismo e lettere. è notevole che annota l'immigrazione in città non solo da Padova o dalla trevisana, o da Roma Ferrara e Firenze, ma anche: "vennero in Riv'Alta da Torcello / Burano / Malamocco". i confini nei secoli cambiano :)

per quest'altro (alfa.o.3.5), intanto ho fatto una ricerca veloce e la scrittura più somigliante che ho trovato direi sia una notarile del primo Quattro nell'archivio di Sondrio. adesso sento alla scuola di archivistica qui. d'altronde, ci starebbe che a compilare una raccolta così ordinata sia stato un notaio.

la datazione mi sembra una cosa non secondaria per l'attestazione degli stemmi: se l'armoriale fosse del '4 o del primo '5, sarebbe il più antico finora emerso in biblioteca.

se qualcuno avesse suggerimenti, saranno molto ben accetti, come tutte le segnalazioni di errore per il materiale in linea. grazie in anticipo.
Avatar utente
estense
 
Messaggi: 28
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2014, 15:13

Re: Armoriali e scritture

Messaggioda Salvanèl » martedì 11 febbraio 2014, 18:46

Non è facile datare un manoscritto senza poterlo esaminare direttamente.
Alfa 0.3.2 ha una grafia riferibile alla seconda metà del XVI.
Alfa 0.3.5 al periodo tra l’ultimo quarto del XV e il primo del XVI.
Un esame delle filigrane sarebbe decisivo e si potrebbe datare la carta addirittura al decennio. Esistono molti repertori a stampa delle filigrane, anche on line: Briquet, Charles; Moïse Mosin, Vladimir A.; Piccard, Gerhard

http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/BR.php
http://www.piccard-online.de/start.php
http://www.wasserzeichen-online.de/wzis/index.php
http://www.ksbm.oeaw.ac.at/_scripts/php/PPO.php?vol=15.1

Le legature sembrerebbero essere del XVII. Purtroppo non è stato digitalizzato il dorso, importante per la datazione.

è notevole che annota l'immigrazione in città non solo da Padova o dalla trevisana, o da Roma Ferrara e Firenze, ma anche: "vennero in Riv'Alta da Torcello / Burano / Malamocco". i confini nei secoli cambiano


Molti stemmari veneziani riportano le stesse notizie. Si confronti ad esempio lo

Stemmario veneziano Orsini De Marzo / a cura di Niccolò Orsini De Marzo. – Milano : Orsini De Marzo, 2007 della prima metà del XVI
Avatar utente
Salvanèl
 
Messaggi: 397
Iscritto il: domenica 17 ottobre 2010, 11:30

Re: Armoriali e scritture

Messaggioda estense » martedì 11 febbraio 2014, 20:00

Salvanèl ha scritto:Alfa 0.3.2 ha una grafia riferibile alla seconda metà del XVI.
Alfa 0.3.5 al periodo tra l’ultimo quarto del XV e il primo del XVI.
...
Le legature sembrerebbero essere del XVII. Purtroppo non è stato digitalizzato il dorso, importante per la datazione.


Le sue risposte corrispondono a quanto mi hanno appena comunicato della scuola dell'archivio di stato. Strano che il vecchio catalogo storico abbia preso un abbaglio simile. Steso a fine '7, di solito è abbastanza attento, e a distanza di 150-200 anni quelle scritture dovevano conoscerle. Forse un errore di trascrizione nella dattilografia di 50 anni fa, controllerò l'originale ms.

Sì, la legatura è del '7, è la stessa che riveste parecchi nostri codici, viene tradizionalmente chiamata 'tiraboschiana in bazzana rossa'. Temo che il nostro predecessore abbia agito con meno vincoli di quelli usuali oggigiorno, e che nello slancio del riordino molte legature antiche siano allora andate perse.

BTW, alfa.o, non alfa.zero: per il fondo antico, le lettere indicano gli armadi della sala manoscritti antica (lettera greca per i mss.), poi palchetto e posizione sullo stesso.

Grazie, anche per i vari riferimenti
Avatar utente
estense
 
Messaggi: 28
Iscritto il: domenica 26 gennaio 2014, 15:13


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti