Bibliografia mirata

Discussioni ed informazioni sui tutti i testi che si possono reperire di araldica, genealogia, storia di famiglia, ordini cavallereschi e sistemi premiali / Discussions and information regarding all available texts on heraldry, genealogy, family history, orders of chivalry and systems of merit

Moderatori: Antonio Pompili, Alessio Bruno Bedini

Bibliografia mirata

Messaggioda Emiliano » sabato 23 marzo 2013, 16:22

Egregi esperti ed esperte,

innanzitutto buongiorno a tutti e complimenti per aver dato vita ad un forum di così alto livello tecnico. E' sempre un piacere vedere studiosi di livello confrontarsi e offrire ad altri le proprie competenze.
Sono un ricercatore medievista e mi occupo, oltreché degli aspetti bellici del medioevo romano, dell'ambito ostentativo aristocratico. Partendo da ciò è impossibile non confrontarsi con l'araldica.
Ho avuto modo di studiare e formarmi (per quel poco di cui posso parlare) sul Santi Mazzini e sul Pastoreau ma ora, visto che sto affrontando ricerche specifiche, ho bisogno di una formazione araldico-simbolica superiore per questo chiedo il vostro aiuto. Ritengo il Santi Mazzini essere stato un ottimo libro mi ha dato la possibilità di guardare un'arme e capire, in linea di massima, cosa volesse dire ma ho bisogno di avere maggiore formazione.

Entrando nello specifico ho necessità di avere testi affidabili fuori da ogni dubbio. Ho bisogno di sapere ogni legge che regola la costruzione geometrica e cromatica di un'arme ma ho bisogno che l'autore in questione sia esente da critiche rilevanti.
Ma oltre a ciò ho bisogno di un testo che risponda anche ai contenuti simbolici delle arme senza entrare nel "virtuosismo". Citando Pastoreau è "impossibile accostarsi al medioevo senza avere ben chiaro che ogni simbolo era una realtà accettata universalmente" e chiunque voglia comprendere e studiare correttamente il medioevo deve obbligatoriamente conoscere l'essenza e i significati dei simboli.

Per fare un esempio se parliamo dell'arme di casa Colonna (prima di Martino V) abbiamo uno stemma "di rosso alla colonna d'argento". La colonna rimanda, geograficamente e storicamente, al castrum omonimo però io da studioso del medioevo DEVO obbligatoriamente capire ed interpretare anche la carica simbolica di quest'arme. E quindi dovrò essere in grado di evidenziare e riconoscere i rimandi alla incrollabilità della colonna, alla purezza derivante dall'argento dello smalto ma, altresì, anche al rosso del sangue, del coraggio, della fides e via dicendo. E questo per ogni stemma con cui avrò a che fare.

Per concludere ripeto che ho trovato di grande aiuto il Santi Mazzini e ovviamente Pastoreau però vorrei avere da voi consigli su altri testi di rilievo.
Vorrei infine farvi notare questo libro (http://www.libreriauniversitaria.it/scienza-araldica-storia-senza-tempo/libro/9788862816045), in vendita su Libreria Universitaria, non presente nell'elenco di libri da voi consigliato.

Vi rinnovo i miei complimenti e vi ringrazio in anticipo per l'aiuto!
Emiliano
 
Messaggi: 4
Iscritto il: venerdì 22 marzo 2013, 16:45

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda T.G.Cravarezza » sabato 23 marzo 2013, 17:03

Nel ringraziare per i complimenti al forum e nel lasciare ad altri, più esperti di me in bibliografia ed araldica, di indicarle volumi "scevri da errori" (compito assai arduo), ci tengo a sottolineare una mia opinione in merito: non rischiamo di essere più realisti del re. Cosa voglio indicare? Il fatto che alle volte andiamo a ricercare negli stemmi una simbologia che non era stata presa in considerazione dal proprietario. Spesso si scrivono pagine su un dettaglio di un elemento di un singolo quarto di uno stemma, senza magari avere alcun appiglio sicuro che l'interpretazione fornita sia stata davvero anche quella del proprietario di quello stemma.
Quindi, benissimo conoscere la simbologia dietro i singoli smalti, dietro le partizioni..., ma non cadiamo nell'errore di pensare che l'arma della famiglia Rossi composta da uno scudo "di rosso", abbia chissà quali reconditi significati simbolici quando magari semplicemente la famiglia ha inteso scegliere un'arma parlante :)
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6580
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Emiliano » sabato 23 marzo 2013, 17:10

Grazie del benvenuto Tommaso, sono assolutamente d'accordo!
Per questo vorrei sentire altre campane ed altri campanari prima di proseguire. Più leggo testi di rilievo più la mia opinione potrà essere scientifica e meno pindarica!
Ultima modifica di Emiliano il sabato 23 marzo 2013, 18:08, modificato 1 volta in totale.
Emiliano
 
Messaggi: 4
Iscritto il: venerdì 22 marzo 2013, 16:45

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » sabato 23 marzo 2013, 17:47

Gentile Emiliano, benvenuto nel forum!

Entrando nello specifico ho necessità di avere testi affidabili fuori da ogni dubbio. Ho bisogno di sapere ogni legge che regola la costruzione geometrica e cromatica di un'arme ma ho bisogno che l'autore in questione sia esente da critiche rilevanti.


Ogni stemma è figlio è figlio del suo tempo. Per questo per capire alcuni stemmi occorre anche capire l'araldica di quel tempo. Infatti, ad esempio, l'araldica del Cinquecento è molto diversa da quella dell'Ottocento.
il primo consiglio che posso darti è quello di cominciare a studiare sulle opere del passato.Queste si possono facilemente reperire anche su Google Book gratuitamente.
Comincerei da classici come l'Enciclopedia araldico cavalleresca del Crollalanza, il Vocabulario Araldico del Camajani, le Riviste Araliche. In rete ci sono comunque tantissime opere anche del Cinquecento.

Ma oltre a ciò ho bisogno di un testo che risponda anche ai contenuti simbolici delle arme senza entrare nel "virtuosismo". Citando Pastoreau è "impossibile accostarsi al medioevo senza avere ben chiaro che ogni simbolo era una realtà accettata universalmente" e chiunque voglia comprendere e studiare correttamente il medioevo deve obbligatoriamente conoscere l'essenza e i significati dei simboli.


Qui la questione è più complicata perché si rischia, come ha detto giustamente Tomaso Cravarezza, di vedere cose che gli autori dello stemma non hanno visto.
Credo dunque che per fare questo tipo analisi occorra avere più elementi a disposione.
A presto
Alessio
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6999
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Emiliano » sabato 23 marzo 2013, 18:07

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Gentile Emiliano, benvenuto nel forum!
In rete ci sono comunque tantissime opere anche del Cinquecento.


Gentile Alessio grazie del benvenuto!
Potrei sapere a cosa ti riferisci nello specifico? Io per l'ambito romano conosco solo l'armerista della Casanatense peraltro copia di una copia quindi, storicamente, ben al di sotto dell'affidabile se preso da solo.
Mi sto gia muovendo per reperire i testi consigliati, grazie!

Non mi sapete dunque dire nulla sulla bontà o no del testo di Domenico Basile sull'araldica?
P.s. i testi da voi consigliati sono comunque validi per le mie necessità, posso pensare di acquistarli?
Emiliano
 
Messaggi: 4
Iscritto il: venerdì 22 marzo 2013, 16:45

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » sabato 23 marzo 2013, 20:16

Nello specifico delle opere cinquecentesche che si trovano online forse mi riferivo più ad opere di natura storico-genealogica che araldica come ad esempio l'Ammirato sulle famiglie napoletane (1580), il Barrio (1571) e il Marafioti (1601) sulla Calabria. Queste opere pur riportando cenni su stemmi araldici non possono definirsi certamente opere di araldica. Stemmari on line non mi ricordo se ce ne siano del Cinquecento. Mi sembra di ricordare qualcosa ma dovremmo chiedere conferma.
Per l'acquisto non saprei cosa consigliare perchè dipende dal tipo di ricerca.
Su alcuni argomenti però c'è poco da acquistare ma è decisamente meglio andare in archivio ....
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6999
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Romegas » sabato 23 marzo 2013, 23:25

Volevo consigliare anche le opere del Montauto, MANUALE DI ARALDICA, e, in inglese, il Fox-Davies, A COMPLETE GUIDE TO HERALDRY.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4906
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Emiliano » domenica 24 marzo 2013, 10:57

Caro Piero59 grazie dei suggerimenti ho trovato a poco il testo del Montauto e ho colto l'occasione per prendere anche il testo di Bartolo da Sassoferrato! [arf2.gif]
Emiliano
 
Messaggi: 4
Iscritto il: venerdì 22 marzo 2013, 16:45

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda g.paviolo » mercoledì 14 agosto 2013, 13:07

Vorrei segnalarvi l'attività da me svolta reperendo e trascrivendo fonti primarie quali i Testamenti conservati nei fondi notarili nell'Archivio di Stato di Roma. In particolare nella sezione "Testamenti" del Progetto "Oasservatorio su storia e scrittura delle donne a Roma e nel Lazio" all'indirizzo http://193.205.249.68:8080/scritturedidonne/Testamenti/HomeTestamenti.jsp sono liberamente fruibili i Testamenti delle donne delle famiglie Barberini, Borghese, Massimo d'Aracoeli, Muti-Bussi, Muti-Cesi, Pamphili e Spada unitamente alla genealogia delle famiglie ed a note biografiche.
Sul sito di self-publishing Lulu sono acquistabili i volumi da me curati realizzando la serie "I Testamenti dei Cardinali", anch'essi ricca fonte di notizie. La vetrina personale contenente i volumi già pubblicati è all'indirizzo http://www.lulu.com/spotlight/paviolo.
Ringrazio per la cortese attenzione.
g.paviolo
 
Messaggi: 2
Iscritto il: lunedì 24 marzo 2008, 23:02

Re: Bibliografia mirata

Messaggioda Romegas » venerdì 14 febbraio 2014, 19:04

Ho visto che ora l'opera completa del Crollalanza si può scaricare in PDF dal sito della Biblioteca Estense di Modena.
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4906
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma


Torna a Bibliografia Araldico-Genealogico-Cavalleresca



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti