Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda AndreaSperelli » martedì 20 marzo 2012, 23:20

Sull'argomento si potrebbero scrivere trattati, anche se in linea di massima le regole sono semplici e inquivocabili, pertanto sull'argomento non si può dire che c'e' confusione, ma forse cattiva infromazione (in particolare divulgata da negozianti dell'ultima ora).

Gli ultimi due interventi sono stati molto chiari, pertanto per riassumere a beneficio di tutti (tralasciando le varianti moderne), possiamo dire che l'abito da sera "tradizionale" è così composto:

Smoking (dinner jacket):

- Giacca nera con revers in seta a lancia o sciallati, priva di alcun tipo di "spacco" posteriore e taschini senza quella sorta di patella di cui ora non ricordo il nome
- Pantalone con singolo gallone (banda di seta)
- Camicia bianca con polsini doppi (preferibilmente con sparato in piquet), collo diplomatico o "semplice"
- Bretelle nere
- Scarpa nera lucida o in lacca
- Fascia nera o gilet nero fatti dello stesso tessuto dell'abito

Frac:

- Marsina nera
- Pantalone con doppio gallone (singolo gallone comuque tollerato)
- Camicia bianca con polsini singoli e collo diplomatico
- Scarpa nera lucida o in lacca (per chi osa ci sono le pumps che sarebbero a dire il vero le più adatte)
- Bretelle in seta bianca
- Gilet bianco in piquet
- Guanti bianchi (tipicamente in cotone, ma preferibilemente in pelle di capretto)

Sul frac non si dovrebbe indossare il cappotto, ma solo un mantello nero, inoltre l'unico cappello tollerabile è il cilindro nero (il bastone con pomello bianco ormai lo trovo eccessivo).

Poi si potrebbe proseguire parlando delle diverse tipologie di camicie, bottoni ecc... in ogni modo una interessante raccolta di informazioni la può trovare qui: http://www.blacktieguide.com

Si tenga pure a mente che in linea di massima le regole di base valgono ovunque, ma piccole variazione ci possono essere da paese a paese.

A.S.
Honneur, Valeur, Distinction, Considération
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 850
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda gnr56 » lunedì 26 marzo 2012, 10:00

All'inizio del 3d, nell'intervento do Kratos, i pedalini sono indicati, per il frac, di colore nero, mentre mi risulta che , in orgine, fossero rigorosamente bianchi. Confermate?

Domanda: per gli ufficiali in servizio ed in congedo (autorizzati), la divisa di gala come si porta a seconda delle occasioni descritte? E le decorazioni?
gnr56
 
Messaggi: 1177
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2009, 16:53

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda AndreaSperelli » lunedì 26 marzo 2012, 14:20

gnr56 ha scritto:All'inizio del 3d, nell'intervento do Kratos, i pedalini sono indicati, per il frac, di colore nero, mentre mi risulta che , in orgine, fossero rigorosamente bianchi. Confermate?

Domanda: per gli ufficiali in servizio ed in congedo (autorizzati), la divisa di gala come si porta a seconda delle occasioni descritte? E le decorazioni?


Pedalini ?
Honneur, Valeur, Distinction, Considération
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 850
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda Tilius » lunedì 26 marzo 2012, 14:54

AndreaSperelli ha scritto:Pedalini ?

Calzini.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11658
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda Guido5 » lunedì 26 marzo 2012, 15:17

Cari amici,
né calzini né pedalini (che sono poi la stessa cosa...) bensì calze lunghe, anche per le uniformi... Almeno questo è il consiglio che viene dato in genere.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5012
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda gnr56 » lunedì 26 marzo 2012, 16:40

Ripeto la domanda: mi risulta che, in origine, sul frac si usassero i pedalini bianchi e non neri, moda recente.

Vi risulta?
Ultima modifica di gnr56 il lunedì 26 marzo 2012, 18:41, modificato 1 volta in totale.
gnr56
 
Messaggi: 1177
Iscritto il: giovedì 11 giugno 2009, 16:53

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda Tilius » lunedì 26 marzo 2012, 18:06

gnr56 ha scritto:mi risulta che, in origine, sul frac si usaasero i pedalini bianchi e non neri, moda recente.

Inorridisco al sol pensiero... Immagine
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11658
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda ROBERTO B. » lunedì 26 marzo 2012, 18:45

Gent.mo Gnr56

Nel mio piccolo, per aiutarLa Le consiglierei di leggere il regolamento per la disciplina delle uniformi SMD-G 010 edito dallo SMD V reparto uff. affari gen. (liberamente consultabile in internet).

Altresì vorrei rammentarLe che l'uso dell'uniforme da cerimonia è stato esteso ai Marescialli ed ai Sergenti prima, ed ai Volontari in Servizio Permanente poi.

Per i pedalini le posso assicurare che ai militari ne vengono dati di tutti i colori ma non bianchi!!! se si escludono quelli di prima vestizione da utilizzarsi nelle attività ginniche.

Infine per completezza sull'utilizzo dei calzini bianchi....quoto l'intervento di Tillius.... [jump.gif]
Del Re custodi e della legge schiavi sol del dover usi obbedir tacendo e tacendo morir, terror de' rei modesti ignoti eroi vittime oscure e grandi anime salde in salde membra mostran nei volti austeri nei securi occhi nei larghi lacerati petti...
ROBERTO B.
 
Messaggi: 100
Iscritto il: martedì 31 gennaio 2012, 20:28
Località: Palmi (RC)

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda AndreaSperelli » venerdì 30 marzo 2012, 0:10

Sarebbe interessante trattare in maggior dettaglio ciò che idealmente si dovrebbe portare sul capo indossando gli abiti qui citati. In Italia in cilindro viene usato molto poco, anche se sarebbe l'unico cappello accettabile su frac e tight, vige però una scarsissima conoscenza in merito ai modelli e, a mio avviso, in merito ai colori utilizzabili nelle varie occasioni.

Voi cosa ne pensate ? ;)

A.S.
Honneur, Valeur, Distinction, Considération
Avatar utente
AndreaSperelli
 
Messaggi: 850
Iscritto il: sabato 13 gennaio 2007, 1:33

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda antcas74 » mercoledì 4 aprile 2012, 11:39

gnr56 ha scritto:All'inizio del 3d, nell'intervento do Kratos, i pedalini sono indicati, per il frac, di colore nero, mentre mi risulta che , in orgine, fossero rigorosamente bianchi. Confermate?

Domanda: per gli ufficiali in servizio ed in congedo (autorizzati), la divisa di gala come si porta a seconda delle occasioni descritte? E le decorazioni?


Allora, da consultazione di testi antichi e recenti leggo e confermo quanto segue:
Sotto il Frac la calza prevista era (USA ed Europa) bianca lunga e rigorosamente in seta (non pedalini) e la logica era ed è quella di intonare le calze alla cravatta (white tie). Gli Inglesi che avversano le calze chiare sotto i completi, trovando disdicevole l' uso della calza bianche hanno introdotto la consuetudine di usare le stesse calze in uso allo smoking: Nera preferibilmente in seta, ma tollerata anche in cotone o in lana purché lunga, non cascante e liscia (non a costine). Così come in Italia ed in altri paesi si è diffusa l' abitudine di usare sotto il Frac i pantaloni con gallone di seta singolo (come per lo smoking) invece del gallone doppio (tipico del frac) e si è diffusa altresì l' abitudine di usare il polsino doppio della camicia (come per lo smoking) quando invece il frac vorrebbe i polsini semplici, sempre chiusi dai gemelli.
Alla luce di quanto sopra le innovazioni sostituiscono le tradizioni fino a soppiantarle ma non per questo le tradizioni diventano "illecite" quindi se qualche Gentleman di vecchio stampo vuole usare le calze in seta bianca non può essere apostrofato come portatore di cattivo gusto (o peggio!).
Infine per la divisa nera dei Militari, in qualunque versione (Cerimonia, G.U. Cerimonia, Sera, Società e Gala) il calzino è sempre nero e lungo!
antcas74
 
Messaggi: 70
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2012, 11:14

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda Tilius » mercoledì 4 aprile 2012, 11:53

AndreaSperelli ha scritto:In Italia in cilindro viene usato molto poco, anche se sarebbe l'unico cappello accettabile su frac e tight, vige però una scarsissima conoscenza in merito ai modelli e, a mio avviso, in merito ai colori utilizzabili nelle varie occasioni.

Voi cosa ne pensate ? ;)

A.S.


1. Condanniamo l'uso nordico del nero e delle tinte neutre che dànno alle strade delle città di pioggia neve nebbia la fangosa melanconia ferma o precipitante di enormi tronchi pietroni e tartarughe travolti da un torrente marrone.
2. Condanniamo i vari copricapo passatisti che stonano con l'estetica la praticità e la velocità della nostra grande civiltà meccanica, come ad esempio il presuntuoso cilindro che vieta il passo di corsa e calamita i funerali.
D'agosto, nelle piazze italiane allagate di abbagliante luce e torrido silenzio, il cappello nero o grigio del passante galleggiano tristi come sterchi.
Colore! Occorre colore per gareggiare con il sole d'Italia.


F.T. MARINETTI
FRANCESCO MONARCHI
ENRICO PRAMPOLINI
MINO SOMENZI

Manifesto Futurista del Cappello Italiano, 1933
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11658
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda antonio33 » mercoledì 4 aprile 2012, 12:47

Tilius ha scritto:
gnr56 ha scritto:mi risulta che, in origine, sul frac si usaasero i pedalini bianchi e non neri, moda recente.

Inorridisco al sol pensiero... Immagine


Citando Montanelli, anch'io inorridisco all'idea del polpaccio flaccido...., (essendo il forum apolitico, non ho il coraggio di citar quale fosse il partito...) che emergerebbe dal bianco pedalino. Le orrende mode ritornano inesorabilmente. [cry.gif]

Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1072
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda antcas74 » mercoledì 4 aprile 2012, 15:40

A scanso di equivoci ribadisco che le calze bianche da Frac non sono pedalini ma calze bianche di seta al polpaccio con o senza giarrettiera e non cascanti!
Spero nessuno inorridisca!
Approfitto per segnalare che sul frac si usano d' inverno cilindro nero, mantello nero e guanti in capretto bianchi.
D' estate cilindro nero e guanti in cotone bianchi.
I guanti vanno sempre tenuti in mano anche se non indossati e l' ideale sarebbe indossare il sinistro tenendo con la mano sx anche il destro.
Nei ricevimenti invernali (teatri ambasciate ecc.) è lecito usare un cappello floscio tipo Borsalino (mai bombetta riservata allo smoking) ed un cappotto nero (o comunque scurissimo) tipo Chesterfield o all' Inglese o a doppiopetto col collo a punta di lancia (non trench!) e sono ammessi col cappotto i guanti in capretto neri, fermo restando che cappotto, cappello e guani neri andranno lasciati al guardarobba ed andranno tirati fuori i guanti in cotone bianchi da indossareo o tenere a vista anche all' interno!
Siccome sono nuovo del forum ho una proposta per tutti: Cerchiamo di scambiarci le informazioni in ns. possesso con spirito di amicizia e collaborazione partendo dal presupposto che sbagliare è umano?
Io amo mettere a disposizione degli altri ciò che so e se ho dubbi li esprimo ed amo ricevere informazioni dove ne son carente!
Invece ODIO montare in cattedra o peggio sul pulpito ed insultare, quindi come non lo faccio io non gradisco vederlo fare.
Se non dovessi ricomparire prima, auguro a tutti Voi ed alle Vs. Famiglie una Buona Pasqua!
antcas74
 
Messaggi: 70
Iscritto il: lunedì 2 aprile 2012, 11:14

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda Cronista di Livonia » mercoledì 4 aprile 2012, 18:07

Qualche considerazione.

Il frac si è inserito su un modo di vestire ben diverso e lo ha in parte sostituito in parte assorbito. Ho il sospetto che le calze bianche al ginocchio derivino dall'uso, ancora in vigore alla Corte di San Giacomo, di indossare pantaloni o brache al ginocchio che necessitavano di una calza di seta al di sotto, questa era spesso bianca, talvolta nera. Il frac in tale guisa fungeva da abito di corte.

Il commento dei futuristi sul vestiario, per quanto interessante come curiosità, lo lascio a loro, specie quello sul cilindro, che è cappello di grande eleganza. Son quasi tentato di vestire di nero con cilindro domani e potrei farlo per Pasqua (magari indossando una redingote così da staccarmi ancor più da loro).

Sui cilindri ha scritto qualcosa un appassionato inglese (Charles Rupert Tsua) nel suo blog (into the hidden clouds), si tratta di un lungo articolo che viene costantemente aggiornato e mi sembra assai completo e ben fatto. Personalmente, pur avendo un buon cilindro nero lucido da sera (feltro non seta) tendo ad usare un cilindro di feltro di lana nero, ahimè opaco e non gradito dall'estensore del blog in questione, ma dato lo scarso riguardo che ho potuto verificare di persona per oggetti altrui dal costo minimo intorno ai 400 Euro preferisco non rischiare l'infarto ed usare un cilindro più "da battaglia" salvo casi particolari.

Sui guanti bianchi, piccola correzione, pur apprezzando il consiglio d'indossare il sinistro e stringervi il destro non indossato, devo fare presente che i guanti vanno indossati eccome quando si balla, è una attenzione, un riguardo verso l'abito della Dama.

Resto invece estremamente perplesso davanti all'idea, mai sentita ne vista prima, di utilizzare un cappello diverso dal cilindro con il frac. Personalmente se dovendo indossare il frac non avessi un cilindro eviterei qualsiasi copricapo.
Cordialmente,

Il Cronista di Livonia
Ultima modifica di Cronista di Livonia il mercoledì 4 aprile 2012, 22:59, modificato 1 volta in totale.
Cronista di Livonia
 
Messaggi: 999
Iscritto il: lunedì 10 luglio 2006, 14:09

Re: Frac, tight, smoking, blazer: come, quando e perché

Messaggioda antonio33 » mercoledì 4 aprile 2012, 22:45

antcas74 ha scritto: Io amo mettere a disposizione degli altri ciò che so e se ho dubbi li esprimo ed amo ricevere informazioni dove ne son carente!
Invece ODIO montare in cattedra o peggio sul pulpito ed insultare, quindi come non lo faccio io non gradisco vederlo fare.
Se non dovessi ricomparire prima, auguro a tutti Voi ed alle Vs. Famiglie una Buona Pasqua!


Gentile amico, sul pedalino bianco, o come si voglia chiamarlo, io non ne faccio una questione di etichetta, bensì di gusto mio personale. Pertanto mai salirei in cattedra e son ben lieto che ci siano opinioni diverse e vari commenti. Spero proprio, dato che non è mia intenzione farlo, che nessuno debba sentirsi insultato per quello che io penso. Non solo, qualora i miei gusti non fossero conformi alla sbobba che passa il convento, sarei altrettanto lieto di riconoscere che sono il classico pesce fuor d'acqua e che, pertanto, ho torto. Insomma, mi spiace molto e ODIEREI aver inavvertitamente offeso. Se così fosse, mi scuso.
Ricambio vivamente i suoi auguri. :D
Saluto tutti.
Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1072
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

PrecedenteProssimo

Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 5 ospiti