Funerali nobiliari

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Funerali nobiliari

Messaggioda Baronevalmont » sabato 8 febbraio 2003, 1:13

Cari amici del forum,

leggendo un libro sui personaggi che hanno caratterizzato la vita della Città del Vaticano nel secolo scorso, ho trovato scritto che il conte Della Torre, già direttore dell'Osservatore Romano, quando morì ebbe delle esequie particolarmente solenni (e in questo nulla di strano, vista la statura del personaggio!), con il rispetto di particolari solennità proprie dei funerali di persone appartenenti a famiglie nobiliari. In merito, nel testo si faceva cenno al fatto che la bara fosse stata posta direttamente per terra.
Qualcuno sa dirmi quali fossero queste usanze, la loro origine, e se ancora sono rispettate?


Baronevalmont
Nec me gestorum paenitet.
Baronevalmont
 
Messaggi: 61
Iscritto il: martedì 14 gennaio 2003, 0:15
Località: Roma

Re: Funerali nobiliari

Messaggioda pierfe » lunedì 10 febbraio 2003, 18:49

Baronevalmont ha scritto:Cari amici del forum,

leggendo un libro sui personaggi che hanno caratterizzato la vita della Città del Vaticano nel secolo scorso, ho trovato scritto che il conte Della Torre, già direttore dell'Osservatore Romano, quando morì ebbe delle esequie particolarmente solenni (e in questo nulla di strano, vista la statura del personaggio!), con il rispetto di particolari solennità proprie dei funerali di persone appartenenti a famiglie nobiliari. In merito, nel testo si faceva cenno al fatto che la bara fosse stata posta direttamente per terra.
Qualcuno sa dirmi quali fossero queste usanze, la loro origine, e se ancora sono rispettate?


Baronevalmont


Esistono alcuni autori che trattano dei funerali nobiliari.
Uno per tutti ricordo Stefano Guazzo che Nella civile conversazione (opera del secolo XVI) accenna ai funerali.
La pratica di dare sepultura in un certo modo alla bassa e all'alta nobiltà era compito degli Araldi inglesi del College of Arms.
Dato che la morte è uguale per tutti chi ha avuto di più dalla vita (il nobile)... da morto è uguale agli altri e quindi il contatto con la terra dalla quale tutti veniamo è un obbligo. Ecco perchè mettere la bara a terra durante il funerale si dice ancora oggi more nobilium
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2099
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda Hans Mehr » mercoledì 12 febbraio 2003, 0:47

:?:
Hans Mehr
 

Messaggioda sparavieri » lunedì 6 ottobre 2003, 16:52

Sempre precisissimo il gentil signor Pier Felice degli Uberti :oops:

I nobili hanno questa "prerogativa" di essere appoggiati a terra durante i funerali (ora estesa a persone di elevata statura morale, etc.) in più ricordo che i prelati usualmente vengono deposti con la "testa" che guarda l'altare, mentre normalmente le bare vengono deposte con la "testa" rivolta al popolo.
sparavieri
 

Messaggioda michele » mercoledì 8 ottobre 2003, 20:04

sparavieri ha scritto:Sempre precisissimo il gentil signor Pier Felice degli Uberti :oops:

I nobili hanno questa "prerogativa" di essere appoggiati a terra durante i funerali (ora estesa a persone di elevata statura morale, etc.) in più ricordo che i prelati usualmente vengono deposti con la "testa" che guarda l'altare, mentre normalmente le bare vengono deposte con la "testa" rivolta al popolo.


Il "Rito delle esequie"prevede che tutti gli ecclesiastici,di qualunque grado
vengano posti con la testa rivolta all'altare,durante i funerali.

cordialmente

michele sordillo
michele
 
Messaggi: 5
Iscritto il: sabato 15 marzo 2003, 18:35
Località: san giorgio la molara

Messaggioda sparavieri » giovedì 9 ottobre 2003, 23:39

appunto cio' che ho detto :)
sparavieri
 


Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti