S.A.R. la granduchessa Anastasia Romanov

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Secondo Voi, Anna Anderson era la stessa persona di Anastasia Romanov?

SI
0
Nessun voto
No
6
100%
 
Voti totali : 6

S.A.R. la granduchessa Anastasia Romanov

Messaggioda MMT » martedì 21 ottobre 2003, 1:29

Carissimi signori,

vorrei "uscire un po' dalle righe" proponendovi un mistero storico.
Nel 1989 venne resa pubblica la notizia che alla fine degli anni settanta erano stati rinvenuti in un bosco nei pressi di Ekaterinburg, undici scheletri. Riesumati nel 1991, appartenevano ai quattro servitori al seguito dei Romanov e a sette membri della famiglia imperiale russa. All'appello mancavano due corpi: con molta probabilità quello dello zarevic Alessio e della granduchessa Anastasia. Verosimilmente essi vennero bruciati nel bosco da alcuni congiurati. Eppure nel 1920, fu ricoverata in un ospedale psichiatrico di Berlino una giovane confusa e smarrita che dichiarò più tardi di essere la granduchessa Anastasia, figlia dell'ultimo zar Nicola II. Registrata col nome di Anna Anderson raccontò molti particolari della sua fuga di due anni prima. Ad avvalorare queste "fantasie" vi era anche l'incredibile somiglianza di Anna con Anastasia: si somigliavano in ogni particolare, persino in un neo della spalla e in un lieve difetto ad un dito della mano e dell'alluce.
Immagine
Inoltre la presunta Anastasia impressionava per i modi aristocratici e per la conoscenza di numerosi ed intimi aneddoti e dettagli della vita di corte e della stessa famiglia imperiale. Ella venne riconosciuta come l'ultima dei Romanov da numerosi servitori e anche da parenti dello zar (come i cugini prussiani dello zar, sull'esempio del Kaiser Guglielmo), anche se i Reali inglesi, a comonciare da Lord Mountbatten (a suo tempo fidanzato della cugina Maria, terzogenita dello zar), hanno sempre rifiutato anche soltanto d'incontrare Anastasia-Anna Anderson.
Dopo le iniziali incertezze, cominciarono a sorgere numerosi dubbi, anche in capo a quegli stessi parenti che, in un primo tempo, si dicevano convinti di trovarsi di fronte alla granduchessa Anastasia. Ad un certo punto, tra le varie considerazioni fatte, in un contesto alquanto caotico, si ventilò l'ipotesi che la ragazza fosse in realtà una contadina polacca, Franziska Schwanzkowska, riconosciuta da alcuni famigliari.
Si tentò ogni tipo di analisi per verificare la vera identità di Anna Anderson, compresa quella della voce, il tutto fino al 1970, quando un tribunale tedesco dichiarò che non sussistevano prove per affermare che essa fosse l'ultima erede dellafamiglia Romanov. Ciononostante i dubbi rimasero, e la stessa Anna Anderson, che fino all'ultimo dichiarò tenacemente di essere la granduchessa Anastasia, si è portata il segreto nella tomba, con la sua morte nel 1984.
La donna venne però clamorosamente smentita dieci anni più tardi, quando il (dubbioso) test del DNA eseguito sui suoi resti, sentenziò, definitivamente, che Anna Anderson era in realtà la polacca Franziska Schwanzkowska.
Il caso dunque sembrerebbe chiuso, ma non completamente, in quanto, nonostante il risultato delle analisi, numerosi studiosi ed esperti continuano a scavare a fondo nella vita della presunta granduchessa, alla ricerca di un qualcosa, di qualche elemento in grado di risolvere uno dei più grandi misteri della storia contemporanea.

Secondo il Vostro parere, la Anderson mentiva? La granduchessa sarebbe dunque morta veramente nel 1918 assieme ai suoi cari?
Immagine

Aspettando i Vostri commenti e le Vostre risposte,
Michele Tuccimei di Sezze
MMT
 
Messaggi: 4650
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Messaggioda pierfe » martedì 21 ottobre 2003, 9:51

Il test del DNA è stato chiaro e indiscutibile Anna Anderson non era la granduchessa Anastasia...
Fra i grandi impostori del passato Anna Anderson è uno dei tanti casi... un altro clamoroso è il caso Karl Naudorff
Chi continua ad indagare è perchè ama il romanzo...
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2147
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Messaggioda MMT » martedì 21 ottobre 2003, 20:30

Eh già, l'orologiaio Karl Wilhelm Naundorff sosteneva di essere il Delfino Luigi Carlo di Borbone (quello che sarebbe stato Luigi XVII), figlio di Luigi XVI e Maria Antonietta, scomparso nel 1795 all'età di 10 anni.
Immagine
Mi pare che riuscì a convincere persino la nutrice dell'autentico Delfino. Ma anche lui fu smascherato dal test del DNA, compiuto sui suoi resti nel 1950. Ma il suo DNA non risultava essere compatibile con quello della Regina Maria Antonietta e di altri membri della famiglia reale. Il vero Delfino, si scoprì di recente (se non erro nel 2000), morì di tubercolosi nella sua cella. Si fecero esami col DNA preso dal suo cuore e con il DNA della madre: essi combaciavano.

Caro Pier Felice, ammetto che quella sulla Anderson era una provocazione! :wink:

Cordialmente,
Michele Tuccimei di Sezze
MMT
 
Messaggi: 4650
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma


Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti