La svolta dei Savoia

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

La svolta dei Savoia

Messaggioda stefano55 » mercoledì 15 gennaio 2020, 10:02

https://www.corriere.it/cronache/20_gen ... 4a4b.shtml

Buondì, leggendo il "Corriere" mi sono appena imbattuto in questo articolo. Cosa ne pensate?
stefano55
 
Messaggi: 226
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2012, 15:02

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Cav.OSSML » mercoledì 15 gennaio 2020, 11:49

Recentemente (analogamente a quanto disposto ora da S.A.R. il Principe Vittorio Emanuele di Savoia), in occasione della S. Messa del Pellegrinaggio del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, tenutasi presso l’Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro il 14 maggio 2016, S.A.R. il Principe Carlo di Borbone delle Due Sicilie, Duca di Castro, Capo della Reale Casa, ha reso pubblico “l’Atto di Roma” del 12 maggio precedente, con il quale ha modificato le regole di successione sinora in vigore nella Reale Casa di Borbone delle Due Sicilie, allo scopo di renderle compatibili con l’ordinamento internazionale ed europeo vigente che proscrive qualsivoglia forma di discriminazione tra uomo e donna, non solo nel godimento dei diritti e delle libertà, ma anche nell’esercizio di qualsiasi funzione pubblica.
Per Casa Savoia la diretta discendenza nella qualifica di Capo della Real Casa e Gran Maestro degli Ordini Dinastici sarà riservata alla discendenza di entrambi i sessi in infinito secondo il criterio della primogenitura assoluta.
Il problema giuridico è che, secondo una tesi (ne abbiamo già discusso in questo forum), il Capo di una Casa Reale non più regnante non può modificare le leggi di successione relative alla propria Casa.
In ogni caso la "svolta" era prevedibile e, all'atto pratico, sarà soprattutto interessante vedere come reagirà (se reagirà) il ramo Savoia-Aosta all'abolizione della legge salica da parte di S.A.R. il Principe Vittorio Emanuele di Savoia.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 577
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Cav.OSSML » mercoledì 15 gennaio 2020, 12:39

S.A.R., il Principe Vittorio Emanuele di Savoia, oltre ad aver decretato, come avviene per gran parte delle Case Reali, che anche per la Real Casa di Savoia, verrà d'ora innanzi applicata alla diretta discendenza la regola della primogenitura assoluta, con prelazione della linea rispetto al grado, ha altresì conferito alla Sua Diletta Nipote Principessa Vittoria Cristina Chiara Adelaide Maria il trattamento di Altezza Reale, la qualità di Principessa Reale e il titolo di Principessa di Carignano seguito dal titolo di Marchesa d'Ivrea, mentre alla Sua Diletta Nipote Principessa Luisa Giovanna Bianca Agata Gavina Maria il trattamento di Altezza Reale, la qualità di Principessa Reale e il titolo di Principessa di Chieri seguito dal titolo di Contessa di Salemi.
Permettetemi di esprimere calorose congratulazioni alle due splendide Auguste Fanciulle Reali.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 577
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 15 gennaio 2020, 16:25

Gli ordini dinastici si stanno ormai (quasi tutti) trasformando in burla.
Non tifo per nessuna delle parti in causa ma il gran maestro donna di un ordine cosi antico e prestigioso come l'OSSML sarebbe cosa RIDICOLA.
Stessa cosa per il prestigioso SMOCSG.. ugualmente ridicolo il solo pensare a un gran maestro in gonnella.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6894
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda stefano55 » mercoledì 15 gennaio 2020, 17:15

Alessio Bruno Bedini ha scritto:... ridicolo il solo pensare a un gran maestro in gonnella.

Condivido... Ma se mancano figli maschi che si fa? Circa il Duca di Castro ho qualche dubbio che sia considerabile il Gran Maestro del SMOCSG. D'altra parte le continue migrazioni di cui ho notizia, dal ramo francese allo spagnolo, sono una concreta testimonianza sull'opinione maturata dagli ambienti cavallereschi.
stefano55
 
Messaggi: 226
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2012, 15:02

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 15 gennaio 2020, 17:21

Sia nei Savoia sia nei Borbone due Sicilie non mi sembra manchino eredi maschi.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6894
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Cav.OSSML » mercoledì 15 gennaio 2020, 17:58

E´comprensibile che un Gran Maestro di un Ordine Dinastico donna possa non piacere a qualcuno, ma va comunque dato atto della sensibilità sia di S.A.R. Carlo di Borbone delle Due Sicilie prima, che di S.A.R. Vittorio Emanuele di Savoia adesso, di aver saputo interpretare i “segni dei tempi”, adeguando spontaneamente le regole successorie della propria Casata e quelle degli Ordini Dinastici che ne dipendono all’evoluzione del costume e del diritto contemporaneo, volti entrambi alla eliminazione di ogni forma di discriminazione tra le persone, ed in particolare diretti all´attuazione del principio di uguaglianza fra uomini e donne.
Vi è chi sostiene che la legge salica in questi casi non possa essere modificata, e ciò anche perchè non esistono gli organi della Stato necessari a garantire la correttezza istituzionale delle decisioni.
Ma è dato replicare sul punto che proprio perchè non esiste un organo in merito, i Capi delle Casate in questione saranno perfettamente liberi di instaurare nuovi regolamenti.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 577
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda stefano55 » mercoledì 15 gennaio 2020, 19:26

Chi deve il proprio prestigio alla tradizione farebbe bene a rispettarla, quanto meno per gratitudine verso la buona sorte. Perché è facile essere coerenti quando non costa nulla. Il risultato sarebbe un ritorno in termini di rispetto e apprezzamento...
stefano55
 
Messaggi: 226
Iscritto il: lunedì 13 febbraio 2012, 15:02

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Cav.OSSML » mercoledì 15 gennaio 2020, 20:00

stefano55 ha scritto:Chi deve il proprio prestigio alla tradizione farebbe bene a rispettarla, quanto meno per gratitudine verso la buona sorte. Perché è facile essere coerenti quando non costa nulla. Il risultato sarebbe un ritorno in termini di rispetto e apprezzamento...

Nel richiamare la tradizione e nel richiederne il rispetto Le assicuro che per quanto mi riguarda sfonda porte aperte.
Nel caso specifico ritengo però che rappresenti uno specifico dovere-prerogativa dei Capi di Real Case, siano essi regnanti che non, di offrire regole e direttive alle persone ed alle organizazioni (id est Ordini cavallereschi) che fanno capo a loro e di adeguarle alle mutate sensibilità ed alla naturale evoluzione della società odierna, per traghettarle nelle nuove epoche storiche, e garantirne così la sopravvivenza nei secoli.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 577
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 15 gennaio 2020, 20:11

Non è questione di tempi che cambiano.. un ordine religioso maschile rimane maschile
La storia di quella che fu la Sacra Religione Mauriziana non merita un Gran Maestro donna.
Che le donne si facciano un loro ordine se proprio ne vogliono uno.
Questo naturalmente vale per tutte le Religioni..
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6894
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Cav.OSSML » mercoledì 15 gennaio 2020, 20:54

Alessio Bruno Bedini ha scritto:Non è questione di tempi che cambiano.. un ordine religioso maschile rimane maschile
La storia di quella che fu la Sacra Religione Mauriziana non merita un Gran Maestro donna.
Che le donne si facciano un loro ordine se proprio ne vogliono uno.
Questo naturalmente vale per tutte le Religioni..

Tutti sanno che le donne ormai sono ovunque: ci sono nell’esercito, ci sono negli ordini cavallereschi, ci sono nei service club, ecc..
È evidente che i tempi sono cambiati.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 577
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda alfabravo » giovedì 16 gennaio 2020, 8:21

cambiati in meglio o in peggio ?

alfabravo
alfabravo
 
Messaggi: 916
Iscritto il: venerdì 18 marzo 2005, 21:11

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Elmar Lang » giovedì 16 gennaio 2020, 8:58

Alessio Bruno Bedini ha scritto:(...) ugualmente ridicolo il solo pensare a un gran maestro in gonnella.


"Honni soit qui mal y pense"...
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3345
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Cav.OSSML » giovedì 16 gennaio 2020, 10:16

alfabravo ha scritto:cambiati in meglio o in peggio ?

Mi è tornata in mente una battuta dello statista inglese Sir Winston Leonard Spencer Churchill all’indirizzo di un collega parlamentare il quale si sgolava per convincere i pari che tra uomo e donna vi fosse solo una piccola differenza. Egli si alzò e urlò, tra l’ilarità generale: “Hurrà for the little difference!”.
Penso che voler applicare alla realtà dei principi giusti ed universali in modo estremo, innaturale e forzato, come spesso oggi accade, abbia uno sgradevole sapore ideologico e conduca a degli effetti distorcenti e negativi.
Partendo dall’assunto che la legge salica sia immodificabile, la Consulta dei Senatori del Regno del ramo Savoia-Aosta si è espressa contro il motu proprio di S.A.R. Vittorio Emanuele di Savoia per cambiare le regole della successione al trono aprendo alle donne.
Come del resto prevedibile, la disputa dinastica tra il ramo Savoia-Carignano e quello Savoia-Aosta purtroppo si è rinfocolata.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 577
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: La svolta dei Savoia

Messaggioda Elmar Lang » giovedì 16 gennaio 2020, 13:29

Credo che proprio in Gran Bretagna (la mia citazione del motto della Giarrettiera era voluta), le donne giunte alla suprema carica del Regno, quali Elisabetta I, Vittoria ed Elisabetta II, abbiano dato e stiano dando buona prova di sé, mi pare...
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3345
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Prossimo

Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti