il cognome questo sconosciuto

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Re: il cognome questo sconosciuto

Messaggioda pierluigic » venerdì 8 febbraio 2019, 0:10

Per Messanensis
Purtroppo col cellulare non riesco a leggere devo aspettare fino a domenica
Comunque grazie
pierluigic
 
Messaggi: 828
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: il cognome questo sconosciuto

Messaggioda pierluigic » venerdì 8 febbraio 2019, 18:54

quando sono fuori capita sovente che mi cada la connessione del cellulare ( perdo tutto cio' che ho scritto ) e sono costretto a scrivere a pezzi
scusatemi
ho scaricato il libro ( grazie ancora a Messanensis mi pare interessantissimo)
e mi pare a una prima occhiata che gens Valeria abbia ragione

ho ricevuto questo
Il cognome non definisce l'identità meglio di quanto non faccia il patronimico, pensi ad esempio al fatto che il cognome è diffuso su molti consanguinei che spesso possiedono tradizioni onomastiche comuni (possono chiamarsi tutti nello stesso modo). A MIlano, ad esempio, dove i nomi di famiglia cominciano molto prima, è difficilissimo capire con chi abbiamo a che fare già ai primi del XII secolo.


in realta' il sistema toscano che comprende nome nome del padre e negli atti notarili nome del nonno
presuppone che i discendenti di Tizio e Caio figli di Sempronio e nipoti di Anselmo perdano la loro connessione parentale solo dopo due generazioni
T1 di Tizio di Sempronio
T2 di T1 di Tizio

Direi che non e' come pensavo
non sempre l'araldica precede il cognome

comunque il cognome non appare in tutti i luoghi italiani nel medesimo momento

mi interesserebbe molto capire che cosa e' successo nel Regno ( Sicilia e Napoletano )
Ultima modifica di pierluigic il venerdì 8 febbraio 2019, 19:03, modificato 2 volte in totale.
pierluigic
 
Messaggi: 828
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: il cognome questo sconosciuto

Messaggioda pierluigic » venerdì 8 febbraio 2019, 19:01

nell'Italia medioevale i rapporti tra i comuni erano regolati spesso da patti rattificati dal giuramento di centinaia di cittadini che giurando impegnavano se ed i propri dipendenti al rispetto di quanto stabilito
interessante e' questo libro dove e' preso in considerazione un giuramento di cittadini pisani presente sul Caleffo vecchio deòl comune di Siena ma dove nelle note si parla di altri giuramenti in altri comuni del Nord
http://www.genealogiadavini.it/italia/La_popolazione_pisana_nel_Duecento_dal_p.pdf
pierluigic
 
Messaggi: 828
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: il cognome questo sconosciuto

Messaggioda Cav.OSSML » venerdì 8 febbraio 2019, 19:08

In Sardegna nei Condaghi (sec. XI-XIII), che erano essenzialmente documenti amministrativi in uso nella Sardegna bizantina e giudicale, troviamo non soltanto i cognomi semplici ma anche quelli doppi: segno evidente che i cognomi si moltiplicavano e alle volte vi era la necessità di evitare le omonimie dei casati.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 485
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Re: il cognome questo sconosciuto

Messaggioda pierluigic » venerdì 8 febbraio 2019, 19:12

un sistema interessante il cognome del padre e quello della madre
puo' fare qualche esempio
e secondo lei quando si puo' iniziare a parlare in Sardegna di uso di un vero e proprio cognome nei documenti ?
pierluigic
 
Messaggi: 828
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: il cognome questo sconosciuto

Messaggioda Cav.OSSML » venerdì 8 febbraio 2019, 19:32

pierluigic ha scritto:un sistema interessante il cognome del padre e quello della madre
puo' fare qualche esempio
e secondo lei quando si puo' iniziare a parlare in Sardegna di uso di un vero e proprio cognome nei documenti ?

Quali esempi Lorenzo Manconi nel suo dizionario dei cognomi sardi riporta: de serra mannu, de lacon delella, d’orruu seke, altimonte madau, de serra cariga, de lacon cannau, d’acene durosara, de lacon de iana, de lacon d’uras.
Come detto, questi cognomi doppi traggono origine o dalla unione di casate o dalla necessità di evitare omonimia fra i rami di una stessa casata e, come detto, di essi non mancano casi nei Condaghi.
Una curiosità: in Sardegna non si riscontravano originariamente cognomi di aristocratici con l’aggiunta del luogo di origine o del feudo di famiglia.
Tale aggiunta ebbe luogo soltanto quando le grandi casate si divisero in diversi rami: Amat di San Filippo, Manca di Villa Hermosa, Manca di Mores, Sanjust di Teulada, ecc..
Secondo gli studiosi in Sardegna l’uso del cognome incominciò ad apparire verso il Mille.
Cordiali saluti.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 485
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense

Precedente

Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti