Pagina 1 di 1

Conte Neri Capponi R.I.P.

MessaggioInviato: venerdì 14 dicembre 2018, 10:10
da Cristiano Ciani
E' deceduto ieri, solennità di Santa Lucia, all'età di 93 anni, il Conte Neri Capponi, Patrizio Fiorentino. Non sto qui a rilevare l'importanza del Conti nel mondo cavalleresco, e, in particolar modo, il suo ruolo nella ripresa dell'attività degli Ordini di Casa Asburgo Lorena. Il Conte Capponi ha trasmesso molto alle generazioni successive, specialmente per quanto riguarda la preservazione dell'usus antiquior della Santa Messa. Per me, goliarda, tuttavia, resta indelebile il ricordo di quello che, tra gli anni 60 e 70, fece per garantire la continuità della goliardia fiorentina. Sostenne, infatti, senza paura, il Gran Maestro del Sovrano e Commendevolissimo Ordine Goliardico di San Salvi Fabio Massimo Favelli, nell'evitare lo scioglimento dell'Ordine voluto da certi sessantottardi attempati. Di tutti i titoli che aveva, teneva in gran conto quello spensierato di Gran Croce e Pari di San Salvi. Iddio accolga questo Suo servo fedele. Le esequie si terranno domani, sabato 15, nella Chiesa di Santa Lucia ai Magnoli a Firenze, Via dei Bardi.

Re: Conte Neri Capponi R.I.P.

MessaggioInviato: sabato 15 dicembre 2018, 0:15
da Memini
Bellissima figura, conosciuta durante i Pellegrinaggi a Loreto.
Sentite condoglianze ai familiari. [knight.gif]

Re: Conte Neri Capponi R.I.P.

MessaggioInviato: sabato 15 dicembre 2018, 10:36
da Alessio Bruno Bedini
Sentite condoglianze.
Riposi in pace.

Re: Conte Neri Capponi R.I.P.

MessaggioInviato: sabato 15 dicembre 2018, 11:56
da Cav.OSSML
Possa essere di conforto sapere che una persona così speciale non sarà mai dimenticata.
R.I.P.

Re: Conte Neri Capponi R.I.P.

MessaggioInviato: sabato 15 dicembre 2018, 19:23
da pierfe
Ieri mentre andavo a Roma leggendo il Corriere della Sera ho appreso della morte dell'avv. Neri Capponi, patrizio fiorentino, gli studiosi di diritto nobiliare hanno perso un luminare della materia come pure lo era nel diritto canonico.
Un grande che ha caratterizzato la seconda metà del '900 per la militanza nella democrazia cristiana fiorentina, una visione corretta del diritto canonico, ed una serità indiscutibile nella materia cavalleresca da conoscitore di genealogia ed araldica.
Fece parte delle commissioni sugli ordini cavalleresci organizzate dall'on. Alberto Lembo presso il MAE, rappresentando gli ordini toscani.
Ma un aspetto che merita ed è stato ricordato da Cristiano Ciani è che fu anche un vero goliarda che aderì sempre ai sani principi della goliardia italiana.
Lui teneva particolarmente al diritto storico al titolo di Conte, e soffrì molto perchè l'organizzazione privata a cui si rivolse non lo volle "riconoscere".
Anche se un tale riconoscimento gli era dovuto e che sicuramente se ci fosse stato il regno d'Italia avrebbe ottenuto dal re con Reali Lettere Patenti.
Diventammo amici solo alla fine del secolo scorso, perchè non conoscendoci di persona aveva un pregiudizio sulla mia militanza nella Real Hidalgos de España e il mio legame con SAR l'Infante Don Carlos, Duca di Calabria; quando avemmo la possibilità di scambiarci idee il suo pensiero su di me mutò radicalmente, e diventammo amici, tanto che divenne un solerte collaboratore della rivista Nobiltà, e socio ordinario dell'Istituto Araldico Genealogico Italiano.
La fiducia nelle nostre organizzazioni fu sempre dimostrata e particolarmente quando volle che il figlio Niccolò partecipasse a suo nome ad un nostro convegno.
Per me è davvero una grave perdita particolarmente per l'amico con il quale avevo modo di scambiare opinioni che mi davano certezze nelle nostre materie.
Caro Neri RIP
Pier Felice