Pagina 3 di 3

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: mercoledì 7 novembre 2018, 15:29
da Nicolella De Vicaris
Eh.... bella domanda Victor. Il gentleman di oggi, secondo il mio piccolo parere personale e dei ragazzi miei coetanei anch'essi di famiglie nobili, è questo : nelle occasioni o durante lavori un po più "in" (interviste in tv, documentari in palazzi d'epoca, cene formali, visite di personaggi illustri nel tuo paese. ...) vestirsi elegante, anche sportivo ma non troppo, con appunto un piccolo accessorio, come dice il nostro amico qui sopra, che ricorda il proprio status di nobile. Sempre contegno garbato e senza snobberia ovviamente, altrimenti i tuoi coetanei ti prendono in antipatia [thumb_yello.gif] . Ma, proprio perché essendo nobili di censo e magari essendo ragazzi di specchiata virtù riconosciuta da amici e concittadini, dimostrare la propria nobiltà con un anello in metallo prezioso con stemma, per esempio. Io sto pensando di farmi fare da un gioielliere qui a Martina un piccolo anello in argento con lo stemma dei De Vicaris, premesso che addosso non ho mai portato nemmeno gli anelli del pacco di patatine [jump.gif] per spregio mio assoluto dell'atteggiarsi, però. ...oh, dopo 900 anni di nobiltà, venti edizioni del Grande Fratello, decine di libri su di me fatti da Rai e università e vent'anni di carriera da ricercatore e musicista poco poco me la voglio profumare anch'io [glasses3.gif] Buona vita a tutti.

Don Damiano

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: mercoledì 7 novembre 2018, 15:31
da Nicolella De Vicaris
Il Grande Fratello preso come esempio della spacconeria italiana [dev.gif]

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: mercoledì 19 dicembre 2018, 21:13
da Alessio Bruno Bedini
Il discorso "orlo dei pantaloni" anche è molto importante.. in giro se ne vedono un po' di tutti i colori ..

Immagine

Immagine


Finanche il nostro ex presidente del Consiglio durante un impegno ufficiale..

Immagine

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: giovedì 20 dicembre 2018, 11:59
da Nicolella De Vicaris
Pettinarsi e aggiustare il bàvero del cappotto no? Cos'è? il look trasandato è il nuovo simbolo dell'eleganza? Un ceffone in piena faccia a tutti e quattro [dev.gif] e passa la voglia di atteggiarsi. E toglièteli gli occhiali scuri, non vi "aggiungono" un bel niente se non nascondere l'eventuale congiuntivite. Gli occhi sono lo specchio dell'anima, e nasconderli significa che hai qualcosa da nascondere. Io ho smesso di portare occhiali scuri nel 1999. Saluti.

Don Damiano

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: giovedì 20 dicembre 2018, 17:02
da Cristiano Ciani
c'è chi si mette degli occhiali da sole per avere più carisma e sintomatico mistero (cit.)

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: giovedì 20 dicembre 2018, 17:23
da Elmar Lang
... come ad esempio, i carismatici "Tonton Macoutes" di "Papa-doc" Duvalier...

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: giovedì 20 dicembre 2018, 18:28
da Cristiano Ciani
Forse un pochino meno. Ma poco poco. [bangin.gif]

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2018, 6:48
da Elmar Lang
Infatti, credo che i tre (gentil)uomini in occhiali scuri ritratti in foto, alla sola vista da lontano di un Tonton Macoute, fuggirebbero a gambe levate, chiamando la mamma.

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2018, 10:01
da Tilius
Nicolella De Vicaris ha scritto:Cos'è? il look trasandato è il nuovo simbolo dell'eleganza?

Exactly.
Fa chic e non impegna.
Oltre che fare tanto gggiovane, ça va sans dire.

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2018, 15:03
da Nicolella De Vicaris
Più vedo 'sta gente meno esco di casa o me ne vado a mare (come faccio da anni). Pfui.

Damy

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: venerdì 21 dicembre 2018, 15:11
da Elmar Lang
Certi, nell'agghindarsi in cotal guisa, si definiscono "neo-dandy"...

Vien nostalgia dello stile degli "Encroyables" e delle "Merveilleuses".

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: martedì 25 dicembre 2018, 11:25
da Nicolella De Vicaris
Senza una lira nel portafoglio e pieni di debiti contratti per pagarsi tatuaggi stupidi, giacche assurde e SUV parcheggiati sempre fuori posto. Una persona della mia famiglia (ovviamente nonposso dire chi è ) un giorno (anzi, una notte) stufa dell'arroganza di uno di questi gaga' che per anni parcheggiava il suo Mercedes con arroganza nel nostro condominio come il naso di sua suocera, ando' e glielo graffio' tutto con le chiavi [dev.gif] Pero', siccome è persona di chiesa, poi si pentì e andò a confessarsi dal prete [angel] Perché la gente si atteggia???

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: domenica 20 gennaio 2019, 4:21
da decio mure
Come già è stato intelligentemente detto: se i vestiti sono di buona fattura, ed il fisico regge, possono essere usati per anni, ed “aggiustati” nel tempo dal proprio sarto di fiducia.

Non mi piace comprare compulsivamente vestiti ogni cambio di stagione e riempire i miei armadi di abiti che non indosserò mai, come se fossi una diva di Hollywood o uno sceicco saudita. È un atteggiamento frivolo e sprecone (ed anche potendo permettermelo, preferisco spendere i miei soldi in altri modi)

A tal proposito giudico positivamente l’atteggiamento del principe Carlo, che da 30 anni fa tenere ai suoi sarti materiale per riparare gli abiti

https://www.telegraph.co.uk/royal-family/2018/11/13/thrifty-prince-charles-keeps-bag-scrap-material-repair-suits/

Re: Il look del Cavaliere ovvero mai sbagliare outfit

MessaggioInviato: domenica 27 gennaio 2019, 18:40
da AndreaSperelli
Contribuisco a questa discussione per precisare che l'abbigliamento che si vede nelle vetrine dei negozi, definito come "foggia moderna", non è assolutamente quello che si conosce come abbigliamento classico, ma semplicemente una sua controfigura che stilisti vari hanno proposto per garantire una periodica vendita dei loro capi.

L'abito classico segue le sue regole e muta molto lentamente, vi sono tessuti adatti per un abito, ma non per un blazer e viceversa, gilet appropriati sotto un tipo di giacca e non su un'altra...o altre piccole regole come il famoso "no brown in town" (più che altro seguito dagli inglesi), e dal fatto che un blazer blu andrebbe indossato con scarpe marroni e mai nere. In sostanza un abito che segue criteri classici non segue e non è moda, rimanendo praticamente immutato nel corso degli anni.

I revers strettissimi e le giacche corte non fanno parte del repertorio classico, inoltre la questione dei bottoni dipende dal tipo di abito che si desidera fare. Consiglio di non guadare quello che propongono oggi la aziende di moda, o semai fare il contrario. L'abito classico si fa dal sarto, nei negozi non ci si dovrebbe proprio andare salvo rare eccezioni.

Per quanto riguarda il cambio degli abiti (intendendo quelli classici nel vero senso della parola) ho un'opinione differente, essi si cambiano quando non servono più o quando l'usura lo richiede, altrimenti ben venga usare una capotto appartenuto al padre o al nonno, anzi, è un vanto!

Alcuni video interessanti:

O' Mast (documentario sulla sartoria napoletana): https://youtu.be/h1vcwyRf4GA
La sartoria non fa moda: https://youtu.be/cECpaIKaICc