Pagina 1 di 1

Tombe e titoli

MessaggioInviato: domenica 22 ottobre 2017, 15:20
da Frederick
Gentili forumisti,
mi chiedo quali siano gli usi relativi alľuso dei titoli nobiliari nelle tombe e come essi si differenzino nelle varie regioni italiane.
Grazie a chi potrà fornirmi informazioni sulľargomento.

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: domenica 22 ottobre 2017, 19:46
da contegufo
Salve

Credo che oggi essendo la materia ignorata dallo Stato ci sia ampia possibilità di millantare un titolo nobiliare. Sebbene ieri questo sarebbe stato impossibile ho seri dubbi che incaricati dalla Consulta Araldica sarebbero andati a verificare la veridicità di certe epigrafi.
Circa oggi nessuno esclude che qualcuno si sia autocelebrato con titoli o nobiliari o accademici fasulli ma se questo non nuoce a nessuno la cosa dovrebbe finire lì, diversamente visto che il defunto non è inquisibile resta da vedere se gli eredi subentrano in quanto a responsabilità.
Se si tratta di risarcire in solido è possibile che gli eredi subentrino quanto però all'abuso di titoli non saprei, servirebbe un giurista.....

Saluti

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: martedì 24 ottobre 2017, 19:00
da Elmar Lang
E dire che sulla mia tomba con monumento equestre, vorrei far scrivere i titoli di

Esarca ed dell'Alta Valsugana; Consignore di Bosco, Sant'Agnese e Barbanìga; Sommo Magistrato Imperiale al M.te Calisio e S. Colomba...

...ma non vorrei creare problemi legali ai miei eredi...

Però però, con 'sti titoli, potrei anche mettere su un ordine farlocco, sicuramente ambìto da schiere di postulanti...

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 1:22
da contegufo
Caro Esarca

Una ormai defunta signora fece preparare la tomba con su scritto tutto il necessario ad esclusione della data del decesso.
Gli fu raccontato che qualcuno aveva messo dei fiori credendo che fosse già passata a miglior vita.
Qualora questa sig.ra che era maestra si fosse qualificata per dott.ssa e prof.ssa ed avesse messo questi titoli già sulla lapide, fin tanto che era in vita, in linea teorica sarebbe stata imputata di usurpazione di titolo.
Da defunta il "reato" si prescrive e niente ricade sugli eredi, se invece l'epigrafe viene composta dagli eredi dichiarati il falso forse potrebbero rispondere.
Credo che la giustizia abbia ben altro da fare tuttavia siccome siamo al caffè a discutere sul sesso degli angeli......

Saluti all'Esarca a cui però manca lo stemma!

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 7:18
da Elmar Lang
Spero di avere ancora tempo, benché si debba sempre rammentare l'evangelico "estote parati!"
Mobiliterò un amico, araldista peritissimo, che saprà creare uno stemma da far impallidire imperi e regni di questa terra.
Per l'ordine farlocco sotto il mio gran magistero, sarà cosa più facile...

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 10:52
da Tilius
Frederick ha scritto:Gentili forumisti,
mi chiedo quali siano gli usi relativi alľuso dei titoli nobiliari nelle tombe e come essi si differenzino nelle varie regioni italiane.
Grazie a chi potrà fornirmi informazioni sulľargomento.


Signori,
cosa ne dite di tornare sulla richiesta iniziale del nostro gentile amico?

Non é che bisogna parlare sempre di millanterie a ogni piè sospinto...
In passato i titoli nobiliari erano una realtà attuale (e ancora oggi molti li "detengono" legittimamente per eredità storica, ancorché con minima o nulla tutela da parte della presente legislazione), e la cosa ovviamente si rifletteva sulla prassi delle iscrizioni sepolcrali.

GRAZIE.

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 11:52
da contegufo
Salve

Aggiungo nel dire che una eredità può essere accettata o no nel senso che ci possono essere anche delle passività o degli obblighi, come eventuali tributi, quindi stà al/agli eredi vedere se conviene facendo una attenta ricognizione ben articolata.
Qualora tutti rinuncino è lo Stato che diventa automaticamente erede.
Và anche detto che c'è un anno di tempo per esercitare il diritto.
Molto spesso l'iscrizione sepolcrale svela la verità mettendo da parte i titoli di cortesia che erano di abitudine.
Se le lettere patenti attribuivano il titolo (es. di Conte) al mpr. (maschio primogenito) eventuali fratelli e sorelle potevano vantare solo il titolo "dei conti" ma appunto per cortesia in genere erano tutti appellati come conti e contesse, salvo poi svelare - ai più leggendo l'epigrafe tombale - che in realtà erano come sopraddetto.
Se per esempio il de cuius era stato condannato per furto e nel frattempo non aveva ancora risarcito il danno evidentemente spetta agli eredi l'incombenza di provvedere qualora accettino l'eredità.

Saluti

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 12:27
da Tilius
Qua un paio di esempi dalla Certosa di Bologna.
A volte l'iscrizione, ancorché dettagliata, suscita più domande di quanti siano i dubbi che sciogle.
Conte vero o conte (come contessa la moglie) come titolo di cortesia, "scalato" da quello familiare di marchesi?
Il cognome é Montanari o Bianchini? Oppure é Montanari Bianchini col titolo marchionale che insiste sul (secondo) cognome e quindi presumibilmente senza predicato?
Cavaliere di che ordine (considerato che i cavalierati ereditari o comunque non connessi a un ordine, in Italia sono rarissimissimi)?

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 13:42
da antonio33
Tilius ha scritto:Qua un paio di esempi dalla Certosa di Bologna.
A volte l'iscrizione, ancorché dettagliata, suscita più domande di quanti siano i dubbi che sciogle.
Il cognome é Montanari o Bianchini? Oppure é Montanari Bianchini col titolo marchionale che insiste sul (secondo) cognome e quindi presumibilmente senza predicato?


Mi sento un po' chiamato in causa. La famiglia Bianchini (cognome assai diffuso, la qual cosa complica notevolmente le ricerche...) vanta innumerevoli rami i quali, tra nobiltà patentata, effettiva e di cortesia, e tra matrimoni con varie nobildonne (spesso le ultime superstiti del loro ramo), si sono fregiati di un mare di titoli e di cognomi.
In realtà, siccome il ceppo originario è molto antico, è difficile conoscere la verità. Ho anche il sospetto che, in molti casi, si tratti di omonimie, conseguenti, tuttavia, la stessa motivazione.
I cosiddetti conti Bianchini di Rimini, in realtà erano patrizi di San Marino, anche se affermavano legami antichi, ma sospetti, di parentela con l'omonima famiglia patrizia di Bologna. Un po' come i conti Spina, patrizi di Rimini.
Esiste, in un archivio privato, anche qualcosa di molto simile a un'antica patente, ma nulla che possa essere certo.
Nella realtà, le fortune dei rami romagnoli furono legate quasi sicuramente all'ascesa dei Malatesti, che furono ufficialmente solo vicari del Papa, e quindi, sempre ufficialmente, non nobili. In merito a questa discutibile e già discussa affermazione, mi rimetto alla dotta e saggia opinione dell'esimio storico Bardo...
Comunque sia, è sempre bene tener presente che su di una lapide chiunque può affermare ciò che vuole, e che di nobili a suon di chiacchiere sono pieni chiese e cimiteri.
Idem per i conti e marchesi di cui tratta l'amico Tilius...

Saluto tutti.
Antonio

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 20:25
da contegufo
Cavaliere di che ordine (considerato che i cavalierati ereditari o comunque non connessi a un ordine, in Italia sono rarissimissimi)?


Nonostante la Consulta Araldica del Regno (leggi Manno) di abbia cacciati quasi all'ultimo posto della gerarchia titolata.
Hanno origine per lo più sarda.

http://www.araldicasardegna.org/indice.htm

saluti

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 21:09
da contegufo
Salve

Dall' Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano 1922 trovo.
Montanari Bianchini. Marchese, m. Disc. da Antonio (1857), Conte di Valdoppio, Id. id. Conte Palatino, m. Id. (1837) Patrizio di Bologna, m. Id. id., orig. Romagna, dim. Bologna.

Carranti. Patrizio di Imola, quale contessa!

Il predicato di Valdoppio NON risulta nel prontuario del Pagnotta.

Le epigrafi sono completamente sbagliate!

Saluti

Re: Tombe e titoli

MessaggioInviato: mercoledì 25 ottobre 2017, 23:34
da antonio33
Ciao, Contegufo!
Sì, siamo nella nebbia fitta che sale dal mare... [confused.gif]
E, come dice qualcuno, anche a Rimini e dintorni, un titolo di conte non si nega a nessuno!
Saluto tutti.
Antonio