Federico II e la prelatura nullius di S. Lucia

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Federico II e la prelatura nullius di S. Lucia

Messaggioda Messanensis » mercoledì 30 aprile 2003, 13:21

Nel 1206 l'imperatore Federico II elevò la diocesi di S. Lucia del Mela (Messina) a "Prelatura nullius", rendendola così esente da qualsiasi ingerenza gerarchica, dipendente direttamente e soltanto dalla S. Sede (in precedenza essa era assoggettata al Vescovo di Patti). Quindi la concesse al proprio Cappellano maggiore Gregorio Mostaccio.

Un documento del 1250 ci dice che il territorio luciese era assai gradito all'imperatore come luogo di villeggiatura e di piacere ("utile pro deliciis regis"), tanto che lo stesso Federico II diede alla cittadina il titolo di "urbs deliciae nostrae".
Un apprezzato studioso di storia locale, Padre Giovanni Parisi, osserva in un suo libro come l'amenità del sito, il clima puro e salubre, la feracità delle campagne circostanti e la possibilità di allegre battute di caccia nei boscosi monti che facevano da cornice alla cittadina, da sole non poterono essere determinanti nella decisione di elevare la diocesi di S. Lucia a prelatura nullius. Infatti, anche se il territorio luciese fosse rimasto alle dipendenze del Vescovo di Patti, nessuno avrebbe impedito un tale svago all'imperatore!
Secondo lo stesso Padre Parisi in realtà S. Lucia era luogo di ritrovo tra l'imperatore ed i poeti della "scuola siciliana", i quali svolgevano tutti importanti ruoli a corte o nell'amministrazione sveva; perciò in questi segreti convegni politico-letterari (ed anche esoterici) l'imperatore non voleva lo sguardo indiscreto del Vescovo di Patti e ciò si poteva ottenere soltanto facendo dipendere il territorio luciese dalla lontana Roma.

Secondo voi è plausibile questa ipotesi di Padre Parisi? Altrimenti quale motivo avrebbe potuto spingere Federico II a creare questa "prelatura nullius" (e quella successiva di Altamura nel 1248)?
Rosario Basile

Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1435
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Messaggioda santo » sabato 7 giugno 2003, 15:35

questa ipotesi è una cosa senza senso... cose da "buddaci"...

Santo de Santo
santo
 

Messaggioda Messanensis » sabato 7 giugno 2003, 19:05

santo ha scritto:questa ipotesi è una cosa senza senso... cose da "buddaci"...

Santo de Santo


Fino a prova contraria sono buddaci solo i messinesi e non anche gli abitanti della provincia di Messina! Padre Parisi è nato a Pace del Mela....
Rosario Basile

Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1435
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina


Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti