Cardinale Antonio Maria Panebianco

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » lunedì 22 febbraio 2010, 16:14

Gentili Signori,
Per favore perdona il mio tentativo di scrivere in italiano. Sto facendo del mio meglio per studiare e imparare la lingua.
Scrivo in quanto riguarda una scoperta sorprendente, che mi venne in mente la notte scorsa.

Sono in possesso di un lavoro edizione 1822: "Brevi E Familiari. DISCORSI, Da premettersi al consueto esercizio di ossequio, Che ho divoti Della Vergina, Devono Praticare Nel Giorno Di Sabato a Todi, Nella Chiesa Di San Bonaventura, ed Altrove". In Fuligno, 1822. Presso la Tipografia Tomassini. Con Approvazione.

Ho acquistato questo libro in un negozio di antiquariato in Perugia, alcuni anni fa. E 'in ottime condizioni, con tutte le 315 pagine, perfettamente integro. Sono stato molto sorpreso quando ho trovato, all'interno delle pagine del libro, una pergamena da prima del 1750, stampato in latino. Questo è stato confermato come autentico da antiqurians.

Tuttavia, non scrivere a causa di questa carta pergamena scoperto, ma di qualcos'altro ...
Ieri sera, mi è stato stabilito di aprire questo antico in mio possesso, ancora una volta.

Questa volta è stata la scoperta più interessante. All'interno della pagina 15, utilizzato come un segnalibro, è stato accuratamente nascosto l'angolo di una lettera, scritta a mano e datata 1869.

La firma: "Card. Panebianco". Ciò che rende interessante questo artefatto del grande Cardinale nobile più importante, è il contenuto della lettera, scritta dal cardinale. In esso, si discute "il Giubileo", che all'epoca, nel 1869, era stato non-existant i due precedenti tentativi, nel 1800, e 1850. Estratti (e io lo fotocopia e post successivo):

"...che quella di assolvert (?) i Penitenti dall'Eresia?"... "...forza di esso assoluto dacensure, e casi riseravati, ... assoluto per la seconda volla ripetendo le opere ingiunte."
"Il Giubileo nova (?) consequida di nuovo purdherigretale (??)."
"straordinariecon chi dimand alle (?) beni(?) di essere absoluto, e... ingiunte, e luerare (?) il Giubileo."
"...tentiaria d (?) lo (?) Gunii (o Junii?), 1869. Card. Panebianco"

Vorrei assumere questa nobile cardinale di proprietà 'antica, probabilmente nel 1869. O forse la sua nota è stata inviata al proprietario del libro, dal Cardinale. Indipendentemente da ciò, ho pensato prudente per condividere questo pezzo umile ma interessante sia cattolico e nobile storia.

Come sapete, Antonio Maria (Niccolò) Cardinale Panebianco, OFM NATO (Nicolò Panebianco) nacque uno Terranova di Sicilia il 13 agosto 1805 dal conte Gaetano Panebianco e da Santa Solito. Nel 1853 fu chiamato a Roma dal papa e nominato consultore del tribunale dell'Inquisizione; successivamente questa carica fu estesa anche ai Sacri Riti e gli Affari Ecclesiastici straordinari. Infatti, con quest’ultima carica fu inviato in Romania per sanare una controversia sui matrimoni tra coniugi di diversa fede religiosa.

Grazie alle "sue nobili qualità di mente e di cuore che lo adornarono: intelligenza elevata, profondità di sapere, dirittura di mente, destrezza mirabile di consiglio, imparzialità nei giudizi. E queste doti, congiunte ad una rara modestia e ancor più rara semplicità di modi, gli conciliavano fiducia, rispetto e venerazione"[1], il 27 settembre 1861 papa Pio IX lo creò cardinale presbitero, divenendo l’unico cardinale in quel periodo eletto in Sicilia, con il titolo di San Girolamo degli Schiavoni che rinunziò il mese dopo per prendere quello dei Santi XII Apostoli.
Il 23 aprile 1863 divenne prefetto della congregazione delle indulgenze e delle reliquie e dal 30 marzo 1882 al 25 gennaio 1883 fu segretario della congregazione dell'inquisizione.

Morì a Roma il 21 novembre 1885. " Civiltà Cattolica, vol. XII, pag. 688



Distinti Saluti,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda Franz Chiarizia de Molise » lunedì 22 febbraio 2010, 22:46

Egregio,

complimenti per la scoperta!davvero grandiosa vista l'epoca e il personaggio in questione!

Sarebbe cosi' gentile da condividere con noi utenti una foto di questa pergamena??

Di nuovo congratulazioni!

FCdM
"...io non domando per la mia antica nobiltà, ne cariche ne onori..."
Generale Pietro Odoardo Chiarizia 1815

Turbo Procella e Ria Stagion Non Teme
Socio I.A.G.I
Socio A.I.O.C
Avatar utente
Franz Chiarizia de Molise
 
Messaggi: 685
Iscritto il: martedì 3 agosto 2004, 14:34
Località: Roma

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » lunedì 22 febbraio 2010, 23:47

Gentile Franz Chiarizia,

Vi ringrazio per la tua risposta e interesse. Ero entusiasta di trovare questo pezzo di storia, e solo il desiderio di essere in grado di comunicare meglio la mia gioia in italiano!

In primo luogo, una foto del libro, dipinte a mano:
Immagine

In secondo luogo, una foto della prima pagina:
Immagine

In terzo luogo, la lettera scritta dal Cardinale Panebianco:
Immagine

Distinti Saluti,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » lunedì 22 febbraio 2010, 23:54

Gentili Signori,

Qui troviamo la seconda citazione del "Giubileo", la data del 1869, e la firma del Cardinale mai eloquente Panebianco:
Immagine

Più vicino punto di vista:
Immagine

E, infine, una visione della pergamena anche trovato in precedenza, prima del 1750, scritta in Latino.
Immagine

La ringrazio nuovamente per l'interesse e la sincerità. Come ho detto, ho trovato alcuno sbocco più appropriato per condividere questa notizia con che con la frequentors del forum, tutti che tengo in grande considerazione, e tenendo con il massimo rispetto.

Distinti Saluti,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » mercoledì 24 febbraio 2010, 20:09

Gentili Signori,

Mi scuso di riesaminare questo tema. Tuttavia, ho scoperto che ciò che è stato scritto dal Cardinale Panebianco, fu a un certo punto, pubblicato nel "Acta et decreta sacrosancti et oecumenici Concilii Vaticani die 8. decembris 1869 a ss. d. n. Pio p. IX inchoati" , o "Acta ex iis decerpta quae apud Sanctam Sedem geruntur". Ho messo in "grassetto" o "bold", la parte del seguito che possono essere visualizzate nella lettera che ho trovato:

» Se nelle facoltà del Giubileo sia anche quella di assolvere
i Penitenti dall'eresia (1)?

» R. Affirmative, abiuratis prius, et retractatis erroribus prout
de iure.


» Se, durante il Giubileo, chi fosse già stato in forza di esso
assoluto da censure e casi riservati, ca
dendo di nuovo in casi
e censure riservate possa essere assoluto per la seconda volta
ripetendo le opere ingiunte
(2)?
» R. Negative.

» Se chi ha conseguito già una volta l'indulgenza del Giubileo
possa conseguirla di nuovo, purché ripeta
le opere ingiunte (3)?
» R. Affirmative.

» Se i Confessori possano usare delle facoltà straordinarie
con chi dimandasse bensì di essere assoluto, e
dispensato; ma
non avesse volontà di fare le opere ingiunte, e lucrare il Giu-
bileo (4)?

» R. Negative.

Datum Romae in S. Poenitentiaria die 1ª Iunii 1869.

ANTONIUS MARIA CARD. PANEBIANCO

Poenitentiarius Maior."

Le sarei molto grato per qualsiasi ulteriore informazione su questa scoperta, la lettera, o la sua pubblicazione. E 'molto interessante considerare la nobiltà del Cardinale, e il suo prestigio e lungo e dettagliato servizio come un principe della chiesa.

Distinti Saluti,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda Guido5 » mercoledì 24 febbraio 2010, 21:05

Caro Victor,
mi sono permesso di apportare qualche correzione a quanto hai riportato sopra in modo da renderlo comprensibile. Il fatto che si tratti del testo di un documento ufficiale mi fa presumere tuttavia che non si tratti di un autografo del card. Panebianco ma soltanto di una copia. La mia è tuttavia un'ipotesi che andrebbe verificata disponendo di uno scritto del Porporato.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5012
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » mercoledì 24 febbraio 2010, 21:14

Gentile Guido,
Capisco e ringrazio per la vostra risposta. Tuttavia, le fotografie non possono mostrare una cosa sono assolutamente certo - il lettera è sicuramente scritto a mano, con la penna, non ho dubbi.

Allora la domanda diventa - ha fatto qualcun altro scrivere questo, e segno come il cardinale? Sarebbe curioso che non sembra una copia di questo discorso sarebbe anche includere la firma del Cardinale, e non quotazioni?

Spero di non abusare della gentilezza e aiuto di questo forum, né l'intelletto di Guido5, che in questa materia, è certamente superiore alla mia.
Distinti Saluti,
Victor
Ultima modifica di VictorIII il mercoledì 24 febbraio 2010, 21:34, modificato 1 volta in totale.
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » mercoledì 24 febbraio 2010, 21:32

Gentile Guido5,

Per il tuo suggerimento molto utile, ho incluso la firma del Cardinale:
http://www.havelshouseofhistory.com/Panebianco,%20Antonio%20Maria%20Cardinal%20signature.jpg

In un certo senso, è lo stesso, in altri, molto diversi. Mi ricordo di una diversa, più chiara la firma del Cardinale, ieri. Cercherò di trovare anche questo. Nel frattempo le sarei grato tuo ulteriore parere, che io considero molto gentile e autorevole.
Distinti Saluti,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda Guido5 » mercoledì 24 febbraio 2010, 22:55

Caro Victor,
non occorre essere grafologi per constatare che le due firme sono completamente diverse:
Immagine
Tieni conto che nel 1869 le copie, autentiche o no, venivano fatte a mano, con penna e inchiostro.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5012
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda VictorIII » giovedì 25 febbraio 2010, 0:16

Guido5 ha scritto:Caro Victor,
non occorre essere grafologi per constatare che le due firme sono completamente diverse:
Tieni conto che nel 1869 le copie, autentiche o no, venivano fatte a mano, con penna e inchiostro.


Caro Guido5,
La ringrazio per la risposta. Sono d'accordo con te, le firme appaiono diverse. Io non spero invano di rivisitare un argomento già chiuso, ma almeno ha voluto fornire una firma terza, che appare diversa dalle altre due.

Immagine

Distinti Saluti,
Victor
VictorIII
 
Messaggi: 266
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda madelbi » mercoledì 14 giugno 2017, 18:29

Io credo che la firma riportata non sia del card Panebianco ma del suo segretario Don Ercole Mancini
madelbi
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 17:07

Re: Cardinale Antonio Maria Panebianco

Messaggioda madelbi » mercoledì 14 giugno 2017, 18:36

aggiungo in allegato un esempio di scrittura di Don Ercole Mancini
Allegati
ert.jpg
madelbi
 
Messaggi: 2
Iscritto il: mercoledì 14 giugno 2017, 17:07


Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron