Riacquisizione del titolo nobiliare

Per discutere, di tutto un po' sulle nostre materie / Discussions of a general nature on our topics

Moderatore: Guido5

Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Lariosauro » martedì 6 novembre 2018, 1:12

Buonasera
I genitori di mio suocero hanno rinunciato al titolo nobiliare in seguito alla proclamazione della Repubblica.
Ora, morto mio suocero e mia moglie, mia figlia vorrebbe sapere se le è possibile riacquisire il titolo che fu dei suoi bisnonni.
Sapete darmi qualche indicazione in merito?
Ringrazio della cortese attenzione e vi auguro una buona serata.
Lariosauro
 
Messaggi: 2
Iscritto il: martedì 6 novembre 2018, 0:48

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda pierfe » martedì 6 novembre 2018, 1:42

Lariosauro ha scritto:Buonasera
I genitori di mio suocero hanno rinunciato al titolo nobiliare in seguito alla proclamazione della Repubblica.
Ora, morto mio suocero e mia moglie, mia figlia vorrebbe sapere se le è possibile riacquisire il titolo che fu dei suoi bisnonni.
Sapete darmi qualche indicazione in merito?
Ringrazio della cortese attenzione e vi auguro una buona serata.

,
Per essere un titolo nobiliare certificato doveva essere riconosciuta dallo Stato, se lo era non ha rinunciato perchè dal 1° gennaio 1948 non aveva più rilevanza giuridica.
Sua figlia discendente di famiglia nobile oppure no, è l'erede del patrimonio incorporeo storico delle famiglie da cui discende, cosa che i britannici chiamono "incorporeal hereditaments".
Se il padre di suo suocero era titolare di un titolo nobiliare riconosciuto ovviamente sua figlia (ma anche suo marito ovviamente) sarebbe classificabile come discendente di una famiglia nobile.
Ma per questo dovrei sapere di più.
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Lariosauro » martedì 6 novembre 2018, 17:06

Buongiorno,
La ringrazio della sua esaustiva quanto sollecita risposta.

A quanto mi è dato sapere l'ultima a fregiarsi del titolo nobiliare è stata Maria Cleofe Velini (Coniugata Kauffmann).
La famiglia trae origini dalla zona di Tradate, nel Comasco, ove avevano una residenza nel comune di Lurago Marinone.
Proprio dal collegio di Tradate il nonno di Maria Cleofe (se non vado errato Giovanbattista Velini, ma posso verificare) era stato eletto per 9 volte Senatore del Regno d'Italia.
Mi è stato raccontato da mio suocero e da sua madre, che ho avuto la fortuna di conoscere, che il nonno fu generale dell'esercito Piemontese con il quale partecipò all'assedio di Sebastopoli, la guerra di Crimea e diverse altre campagne, poi fu il più giovane Tenente Generale dell'esercito del Regno d'Italia e, al comando dei Granatieri di Sardegna (il suo reggimento), partecipò alla gerra al brigantaggio in Calabria.
Abbiamo un bellissimo medagliere che custodiamo in cassetta di sicurezza con le numerose onoreficenze a lui conferite a partire da quello dell ordine di Mejidiyye ottenuta durante la guerra di Crimea per proseguire con l'onoreficenza di commendatore dell'ordine di San Maurizio e Lazzaro, alla medaglia della Pace di Milano, di alcune battaglie Garibaldine, quella di Commendatore del Regno d'Italia e la Stella di Grande Uffiziale.

Le chiedo quindi un'ultima cosa, se fosse cosi cortesemente da indicarmi a chi rivolgermi per avere conferma se effettivamente mia figlia ppossa avere diritto a quel titolo.

Ancora La ringrazio e le porgo i miei saluti.
Lariosauro
 
Messaggi: 2
Iscritto il: martedì 6 novembre 2018, 0:48

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda pierfe » martedì 6 novembre 2018, 19:22

Ho letto quanto ha scritto ma una famiglia Velini oppure Kauffmann non risulta iscritta negli Elenchi Ufficiali della Nobiltà Italiana.
Questo non vuol dire che la famiglia potrebbe essere nobile il dr Paolo Tournon che fu un dirigente della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Ufficio Araldico) scrisse che ci sono almeno 2000 famiglie nobili NON iscritte negli Elenchi.
Cosa posso dire oggi non essendo il riconoscimento della nobiltà da parte dello Stato, non può rivolgersi a nessuno che possa portare ad un riconoscimento ufficiale dello Stato.
Pier Felice degli Uberti
Pier Felice degli Uberti
Sine virtute nulla nobilitas
pierfe
Presidente IAGI
 
Messaggi: 2182
Iscritto il: domenica 12 gennaio 2003, 2:11
Località: Bologna

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda contegufo » mercoledì 7 novembre 2018, 12:47

Il dr Paolo Tournon che fu un dirigente della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Ufficio Araldico) scrisse che ci sono almeno 2000 famiglie nobili NON iscritte negli Elenchi


L'Italia è il paese dei condoni e delle sanatorie alcune delle quali finite come peggio non si potrebbe immaginare.
Le 2000 famiglie non iscritte per svariati motivi hanno sì perso il treno del riconoscimento da parte del passato stato monarchico ma è pur vero che la nobiltà non si perde certo per un atto burocratico ovvero una autosanatoria corroborata dall'iscrizione nei noti prontuari potrebbe soddisfare la vanità di qualcuno.
Ho scoperto famiglie NON iscritte e NON censite nel Libro d'oro del Collegio Araldico di Roma posto spesso come esempio......

Saluti
Immagine
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2421
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Egon von Kaltenbach » martedì 13 novembre 2018, 22:53

In ogni caso il suddetto avo non risulta nell'elenco ufficiale dei senatori del Regno: http://notes9.senato.it/web/senregno.ns ... o?OpenPage
Egon von Kaltenbach
 
Messaggi: 307
Iscritto il: sabato 6 ottobre 2012, 21:08

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda smn » mercoledì 14 novembre 2018, 8:13

Egon von Kaltenbach ha scritto:In ogni caso il suddetto avo non risulta nell'elenco ufficiale dei senatori del Regno: http://notes9.senato.it/web/senregno.ns ... o?OpenPage

Se si tratta di Attilio Velini era Deputato non Senatore del Regno: https://storia.camera.it/deputato/attilio-velini-18390428
smn
 
Messaggi: 205
Iscritto il: lunedì 25 febbraio 2013, 19:22

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Tilius » mercoledì 14 novembre 2018, 15:16

Lariosauro ha scritto:Proprio dal collegio di Tradate il nonno di Maria Cleofe (se non vado errato Giovanbattista Velini, ma posso verificare) era stato eletto per 9 volte Senatore del Regno d'Italia.


Il Senato del Regno era (salvo qualche senatore di diritto) di esclusiva nomina regia, e la carica era a vita (ergo si veniva nominati, e una volta sola).

smn ha scritto:
Egon von Kaltenbach ha scritto:In ogni caso il suddetto avo non risulta nell'elenco ufficiale dei senatori del Regno: http://notes9.senato.it/web/senregno.ns ... o?OpenPage

Se si tratta di Attilio Velini era Deputato non Senatore del Regno: https://storia.camera.it/deputato/attilio-velini-18390428


Infatti. [thumb_yello.gif] Ferma restando la molteplice elezione, l'alternativa che fosse deputato e non senatore era la via più plausibile da battere (salvo omonimie sempre in agguato [dev.gif] )
...
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12423
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Egon von Kaltenbach » mercoledì 14 novembre 2018, 22:37

Inoltre si parla espressamente di titolo nobiliare e non di condizione nobiliare: a rigore la nobiltà titolata è solo quella investita di un titolo feudale: barone, conte, marchese ... mentre l'avo in argomento poteva essere nobile, ma non in possesso di un titolo. Quale sarebbe stato allora detto titolo? In ogni caso, la famiglia non compare in alcuna di tali fattispecie nell'Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana edito nel 1933 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Consulta Araldica del Regno.
Egon von Kaltenbach
 
Messaggi: 307
Iscritto il: sabato 6 ottobre 2012, 21:08

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Elmar Lang » domenica 18 novembre 2018, 8:52

Credo che l'unica strada da battere, sia quella di intraprendere una seria ricerca genealogica grazie alla quale, sperabilmente, giungere a scoprire se e chi in famiglia, nel passato più o meno remoto, fosse in possesso di un titolo nobiliare.

Ricerca genealogica seria dicevo, perché oggidì la società pullula di sedicenti esperti, i quali sono in grado di fornire a chiunque, dietro compenso più o meno lauto, ogni sorta di "ricerca" ove anche colui il cui cognome fosse "Tontodimamma" (nulla iniuria, ma cognome che ricordo presente nel 1971, nell'elenco telefonico di Roma) si vedrebbe rilasciata un'artistica pseudo-pergamena con arzigogolata storia dei nobili lombi da cui il Nostro discendesse, blasone compreso.

In caso di risultato positivo nella ricerca, la cosa andrebbe considerata unicamente quale patrimonio storico della propria famiglia, amorevolmente curandone il ricordo.
Non fidatevi mai delle statistiche, se non siete stati voi a falsificarle. (P. Kalpholz)
Avatar utente
Elmar Lang
 
Messaggi: 3079
Iscritto il: mercoledì 6 ottobre 2004, 10:02
Località: Nord Italia

Re: Riacquisizione del titolo nobiliare

Messaggioda Cav.OSSML » domenica 18 novembre 2018, 10:51

Mi trovo perfettamente d’accordo su quanto affermato da Elmar Lang riguardo ad una ricerca genealogica seria.
Una ricerca genealogica veritiera è presupposto indispensabile per garantire la serietà, soprattutto verso se stessi.
Secondo me, per preservare la serietà alla materia, la suddetta ricerca, deve accompagnarsi anche al rispetto delle regole che avevano in passato regolato lo status nobiliare.
Ad esempio, di norma il figlio di un borghese e di una nobile non era un nobile e il figlio secondogenito di un barone non era un barone ma un nobile dei baroni.
Ad un cultore della materia fa storcere un po’ il naso sentir dire per esempio da qualcuno: “una mia ava da parte materna nel medioevo era iscritta alla nobiltà di un certo luogo e quindi io oggi sono un nobile”.
Ovviamente il dato relativo all’ava nobile va gelosamente custodito e considerato unicamente quale patrimonio storico della propria famiglia.
Le tradizioni sono le patenti di nobilità dei popoli.
Avatar utente
Cav.OSSML
 
Messaggi: 406
Iscritto il: giovedì 29 settembre 2011, 15:40
Località: Castrum Maiense


Torna a Piazza Principale / Main Square



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti