Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Manifestazioni ed eventi di organizzazioni in Italia e nel mondo/Demonstrations and events of organizations in Italy and in the world

Moderatore: Alessio Bruno Bedini

Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda GENS VALERIA » mercoledì 25 gennaio 2012, 15:12

Ricevo, con molto piacere pubblico:

Immagine


Convegno araldico "Hic sunt leones"

"HIC SUNT LEONES": stemmi e simbologia pubblica dei Comuni della Provincia di Brescia. Storia, identità, istituzioni.

Presentazione dello "Stemmario Bresciano" (Provincia di Brescia - Grafo Edizioni).
Brescia, Chiesa di San Giorgio, Piazzetta San Giorgio, venerdì 27 gennaio 2012, ore 10,30

Programma del convegno:

- Saluto dell'Assessore alla Cultura della Provincia di Brescia Silvia Razzi e inizio dei lavori

- Alessandro Savorelli, (Scuola Normale Superiore di Pisa)
"Stemmario bresciano" di Marco Foppoli. Storia critica di una tradizione simbolica incompresa.

- Marco Foppoli, (Academie Internationale d'Héraldique)
Una galleria di stemmi bresciani tra storia, arte, identità e burocrazia.

- Marcello Zane, (Storico, giornalista)
Stemmi di un carattere: indole e temperamento bresciano nelle simbologie municipali.

- Vieri Favini, (Società Svizzera di Araldica)
“Leo guelfo”, “liliis aueris”, “rastro rubeo”: marchi di militanza politica nell'araldica dei comuni della provincia di Brescia.

Moderartore: Roberto Denti
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 5280
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda marco foppoli » sabato 4 febbraio 2012, 14:18

Ringrazio Sergio de Mitri per la gentile segnalazione del nostro Hic sunt leones. Il convegno è stata un'ottima "giornata araldica", occasione per Brescia di ospitare relatori di eccellente valore come Vieri Favini, Marcello Zane e Alessandro Savorelli. Dopo il saluto dell'Assessore Silvia Razzi che spiegato le ragioni dell'interesse delle istituzioni per quest'opera, Alessandro Savorelli ha delineato l'ormai irrinunciabile metodo storico-scientifico che si deve richiedere ad una pubblicazioni di araldica esemplificando con chiarezza quello che il Lettore deve valutare per distinguere una trattazione seria della disciplina talvolta ancora affrontata con scarso rigore e qualche "faciloneria". Marcello Zane ha rilevato caratteri e attitudini della brescianità sedimentate negli stemmi comunali, mentre Vieri Favini ha dibattuto sull'inattesa e diffusa presenza di una particolare e locale simbologia di parte guelfa che distingue molte arme antiche di comuni bresciani nella maggior parte distinti da un guelfismo radicato e viscerale: da fiorentino, si è sentito "araldicamente a casa" :D. Il sottoscritto ha brevemente illustrato l'evoluzione storico iconografica degli stemmi civici bresciani con esempi significativi per pregio artistico, documentario o araldico.

Per chi fosse interessato ad una breve galleria di stemmi dello Stemmario Bresciano e a qualche immagine della giornata rimando alla pagina dedicata che ho approntato sul mio "Fb corner" :D.
Un saluto cordiale,
Marco Foppoli

http://www.facebook.com/media/set/?set= ... 465&type=3
Avatar utente
marco foppoli
 
Messaggi: 165
Iscritto il: venerdì 21 novembre 2003, 13:12

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda Sigillum1 » sabato 4 febbraio 2012, 16:54

Caro Marco, peccato non esser stati presenti...avevo ricevuto la brochure ma, di questi tempi, allontanarsi da Bologna è davvero difficile, si raggiunge a fatica l'Archiginnasio...E gli stemmi sono bellissimi...i miei complimenti...In attesa che ci procuriamo il volume (come ce lo procuriamo?), non vorresti raccontarci qualcosa di questa sorprendente simbologia guelfa? Ciao a tutti. Silvia
Silvia
Sigillum1
 
Messaggi: 688
Iscritto il: lunedì 14 maggio 2007, 18:34
Località: Bologna

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda marco foppoli » sabato 4 febbraio 2012, 17:32

Cara Silvia,

sarebbe stato davvero bello averti tra noi. Parte del mio lavoro, della mia visione sulle dinamiche simboliche nelle nostre città medioevali è il risultato di un seme gettato anche da una Tua lezione un po' lontana, una lezione che avevo avuto la fortuna di conoscere l'anno dopo la mia maturità... ricordi quel libro dalla copertina molto sobria :D :D :D sugli emblemi delle milizie medioevali di Bologna :D?

Essendo in debito quindi, per sommi capi, posso anticiparti alcuni dati che sono nuovi. Innanzi tutto ho rilevato un dato sin'ora assolutamente inedito, ovvero che il pavese istituzionale del comune medioevale bresciano era plurimo e in perfetto "stile toscano" - ma lo si avverte come toscano più perchè le simili attestazioni lombarde (anche a Milano la Credenza aveva un suo stemma che resta ignoto) scomparvero per la più precoce crisi dei comuni nel nord rispetto alla Toscana - era composto dagli stemmi del Comune di Brescia, del Popolo di Brescia e di Re Carlo d'Angiò: così disponevano gli statuti bresciani tardo duecenteschi. E da un'ampia serie di evidenze documentarie e araldiche, da utilissimi raffronti comparativi e da un unico, raro rilievo araldico tardo duecentesco che ho scoperto "abbandonato e incompreso" :D nelle cantine di un locale spazio museale (sic!) appare verosimile che lo stemma attuale, il leone azzurro, fosse in reltà lo stemma del Popolo di Brescia che sostituì all'avvento del "Comune di Popolo" alla fine del dugento :D il primigenio stemma del Comune aristocratico; un emblema questo di tipo vessillare, un'insegna coerente con la maggior parte degli stemmi di origine vessillare dei grandi comuni padani.
Radicato dal XIV s. l'uso del giglio fiorentino - numerosi contingenti alleati di Firenze operarono frequentemente nel Bresciano, usato come avamposto guelfo nel nord prima contro Federico II e poi nella campagna di Enrico VII - abbinato al lambello/rastrello angioino come segno di parte guelfa usato dai Comuni e da famiglie che, per l'evoluzione in partitanza filoveneziana del guelfismo bresciano, paradossalmente si ritrovò a simboleggiare l'aderenza al governo di Venezia attraverso l'emblema di Firenze. Una dinamica che si percepisce praticata in modo consapevole.

Queste alcune anticipazioni che ovviamente nel volume sono delineate e fondate su una lunga analisi storico-documentaria; il volume è in vendita nelle librerie essendo stato stampato dalla Grafo (http://www.grafo.it) la principale casa editrice specializzata in cose bresciane.

Un caro saluto,

Marco
Avatar utente
marco foppoli
 
Messaggi: 165
Iscritto il: venerdì 21 novembre 2003, 13:12

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda contegufo » sabato 4 febbraio 2012, 23:34

Salve

Titolo: Stemmario Bresciano, Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia

Immagine

Titolo: Stemmario Bresciano, Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia
Autore: Marco Foppoli
Editore: Grafo 2012
Dimensioni: cm 21x29,7, 232 pp., 235 ill
Prezzo: € 40
http://www.grafo.it/

saluti
Immagine
Avatar utente
contegufo
 
Messaggi: 2609
Iscritto il: sabato 1 maggio 2010, 21:13
Località: Repubblica di Lucca

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda Sigillum1 » domenica 5 febbraio 2012, 0:34

Grazie, caro Marco, anche del tuo ricordo di quel libretto d'altri tempi, cui sono in fondo molto affezionata, ma soprattutto per il tuo lavoro...Le anticipazioni sono ghiottissime (ancor più per chi è nato, come noi Bolognesi, fra i gigli...) e abbiamo tanto bisogno, qui in Italia, di serie e documentate ricerche araldiche, come le tue. Vedrò poi quell' incompreso rilievo araldico, una chicca, immagino. Ciao a te e a tutti. Silvia
Silvia
Sigillum1
 
Messaggi: 688
Iscritto il: lunedì 14 maggio 2007, 18:34
Località: Bologna

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda Sorante » mercoledì 7 marzo 2012, 17:00

E' stata davvero una splendida giornata "araldica"; come l'ha definita l'autore. Ancor migliore il libro. E ancor meglio l'aver potuto conoscere chi l'ha scritto, non solo ammirato (da anni) artista e studioso, ma anche persona disponibilissima al dialogo e alla condivisione del suo sapere (non poca cosa).

marco foppoli ha scritto: e da un unico, raro rilievo araldico tardo duecentesco che ho scoperto "abbandonato e incompreso" :D nelle cantine di un locale spazio museale (sic!) appare verosimile che lo stemma attuale, il leone azzurro, fosse in reltà lo stemma del Popolo di Brescia che sostituì all'avvento del "Comune di Popolo" alla fine del dugento :D il primigenio stemma del Comune aristocratico; un emblema questo di tipo vessillare, un'insegna coerente con la maggior parte degli stemmi di origine vessillare dei grandi comuni padani.


Per chi volesse gettare un'occhiata al rilievo araldico...viewtopic.php?f=1&t=13256&p=156076&hilit=brusato#p156076
(a parte le mie dilettantistiche ipotesi errate -ma erano infatti richiesta d'aiuto-, si possono vedere le foto della lapide tratte dalla "Storia di Brescia").
Se non in vita in morte
Sorante
 
Messaggi: 207
Iscritto il: venerdì 29 aprile 2011, 16:35

Re: Brescia , Convegno Araldico "Hic sunt leones"

Messaggioda Maurizio Cosentino » giovedì 8 marzo 2012, 11:03

Ho ricevuto una copia del libro pochi giorni fa, è incredibilmente ricco e bello. Desidero, inoltre, ringraziare Marco Foppoli per avermi autografato la copia inviatami dalla Grafo. L'autore e l'editore sono una vera coppia vincente [thumb_yello.gif].
...sed sunt quoque qui scire volunt ut aedificent / et charitas est. / Et item qui scire volunt ut aedificentur, / et prudentia est.
Maurizio Cosentino
 
Messaggi: 243
Iscritto il: martedì 3 novembre 2009, 14:30
Località: Napoli


Torna a Manifestazioni/Eventi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti