"Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Manifestazioni ed eventi di organizzazioni in Italia e nel mondo/Demonstrations and events of organizations in Italy and in the world

Moderatore: Alessio Bruno Bedini

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Tilius » mercoledì 23 giugno 2010, 18:57

E se questa originaria collocazione viennese venisse a cadere, perderemmo pure il supporto geografico... e con esso l'unico concreto motivo di suppore una connessione con un cavaliere del Toson d'Oro... :D
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12159
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Pantheon » giovedì 24 giugno 2010, 14:22

...eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee....Ho compreso come la pensa sull'argomento ! [bangin.gif]
Si figuri che per me non è nemmeno dell'epoca indicata ! Ma questo è un'altro discorso... [offtopic.gif]
L'ho visionato dal vivo, abbastanza bene, tuttavia non desidero inerpicarmi in un "terreno scivolosissimo" che riguarda gli expertise su taluni pezzi... [sweatdrop.gif] [sweatdrop.gif] [sweatdrop.gif]
Il pensiero da me espresso si basava essenzialmente su una grossolana valutazione del criterio scientifico utilizzato dagli autori per realizzare la scheda del bene; hanno certamente privilegiato un filone, una sorta di leitmotiv che attraversa tutta l'opera, per puntellare le loro tesi cercando di dargli una coerenza epistemologica (ndr. non è un caso aver messo la scheda dello scudo e quella dell'armoriale del Toson d'oro in quel modo).
I cataloghi delle mostre non sono per gli addetti ai lavori...E poi, per dirla tutta, già sul titolo stesso ci sarebbe tanto da dire... [dev.gif]

In questo senso...Altrimenti qualcuno potrebbe pensare che collaboro con le case editrici: così non è ! [nonono.gif]


La scienza può essere solo ciò che è, non ciò che potrebbe essere.
(Albert Einstein)
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Tilius » giovedì 24 giugno 2010, 15:23

Pantheon ha scritto:...eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee....Ho compreso come la pensa sull'argomento ! [bangin.gif]
Si figuri che per me non è nemmeno dell'epoca indicata !


Ma adesso sono curioso ed ESIGO sapere la Sua opinione in merito! (... ma non ci si dava del Tu fra spiriti affini del Forum?... vabò, anyway, va bene il Lei, va bene tutto basta che non sia il Voi [dev.gif] )
Un pezzo seicentesco di gusto nostalgico? Una pastiche storicista di taglio neorinascimentale, orttocentesca o peggio (ergo un falso bello e buono, in sostanza)? Mi dica! Non mi lasci nell'assillo del dubbio! :D

E poi, per dirla tutta, già sul titolo stesso ci sarebbe tanto da dire... [dev.gif]


Qua sfonda una porta aperta, e mi permetto di autocitarmi (visto che mi provoca... [dev.gif] ) dal mio primo intervento di apertura di questa discussione:

Tilius ha scritto:Certo, il titolo é di quelli tali da provocare più di un prurito agli specialisti. Dettato da evidenti ragioni di marketing (e marketing di bassa macellazione...)
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12159
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Pantheon » giovedì 24 giugno 2010, 15:54

Ohibo !
Non se la sarà presa ? Non te la sarai presa ? Grazie per questa concessione ma ritenevo (io) fosse importante, se non altro, rispettare un'anzianità di forum...Sono onorato ! E non non scherzo questa volta...
ORDINE MIO
1. Confesso di non aver letto tutti i post, compreso il Tuo di esordio
2. Visto che sei interessato ti dico, perchè Ti stimo, che per me si tratta di un manufatto seicentesco, piemontese o in subordine lombardo.
Dico in subordine considerando i motivi manieristici poichè li collego più strettamente a manifatture lombarda (ndr. e non dei paesi bassi tout court come riportato sul testo).
Nel caso lombardo mi ridarebbe una datazione cinquecentesca, seconda metà.

Spero di aver fugato ogni dubbio, a 360 gradi...
Ciao !
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Tilius » giovedì 24 giugno 2010, 17:26

Io non me la prendo mai [angel] (il mio stato di salute non me lo consente... [dev.gif] )
E un po' impudentemente (e molto ingenuamente) spero che gli altri facciano altrettanto :D .

Sono doppiamente contento del fatto che Tu non avessi presente il mio post iniziale, perché allora significa che siamo entrambi pervenuti in maniera indipendente a un giudizio alquanto critico su quel titolo. [thumb_yello.gif]

Effettivamente certe raffinatezze molli ed estenuate che si riscontrano in quella decorazione non si attagliano molto bene ad un'epoca ancora ruspante (sebbene già in piena temperie manierista...) quale era il 1560 ca. proposto in catalogo (vado a memoria... purtroppo non lo ho disponibile)... Alcuni passaggi (specificamente il nudino maschile in alto a destra... pardon, sinistra per chi porta lo scudo) mi ricordano vagamente le cose di un Adriaen de Vries già maturo... ergo pienamente seicentesche. [thumb_yello.gif]
Chissà se é stata una analoga suggestione in chi ha redatto il catalogo a collocare geograficamente lo scudo nei Paesi Bassi... [hmm.gif]
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12159
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Pantheon » giovedì 24 giugno 2010, 18:13

Adriaen de Vries...Sì, sì, mi trovi d'accordo... Tra l'altro è stato anche a Torino presso il duca "Testa di fuoco ", ricordo di aver luggiucchiato, qualche tempo fa, una pubblicazione del Prof. Settis...
Ciò potrebbe in effetti aver influenzato gli autori del catalogo per varie ragioni...Non da ultimo quelle autoreferenziali vista la massiccia presenza, tra gli autori e collaboratori, di funzionari della Sopr. e di altre istituzioni museali piemontesi...
[thumb_yello.gif]

[offtopic.gif]
Quando me la prendo seriamente, accade molto molto molto raramente, non sento ragione e mi "arrocco" con la torre !!! Per poi arrivare alla "variante del dragone" che prelude battaglie all'ultimo sangue...Mi si passi la metafora scacchistica

LUX IN AMICITIA LUCET !
[thumbup.gif]
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda de la cerda » venerdì 25 giugno 2010, 11:06

:o
Forse era Testa di Ferro ;)
de la cerda
 
Messaggi: 611
Iscritto il: sabato 28 novembre 2009, 13:21
Località: Loarre

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda bardo » venerdì 25 giugno 2010, 12:56

de la cerda ha scritto::o
Forse era Testa di Ferro ;)


Carlo Emanuele I di Savoia (1562-1630) venne soprannominato Testa di fuoco per la propensione all'ars bellica, ad essere soprannominato Testa di Ferro invece fu Emanuele Filiberto I di Savoia (1528-1580), il padre di Carlo Emanuele I. [thumb_yello.gif]

saluti ;)

Luca
Tempus loquendi, tempus tacendi.

Associazione Storico-Culturale RiminiSparita
Avatar utente
bardo
 
Messaggi: 1429
Iscritto il: martedì 23 marzo 2010, 1:45
Località: Rimini

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Pantheon » venerdì 25 giugno 2010, 15:01

de la cerda ha scritto::o
Forse era Testa di Ferro ;)


[yikes.gif] [ops.gif]
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Pantheon » venerdì 25 giugno 2010, 15:02

bardo ha scritto:
de la cerda ha scritto::o
Forse era Testa di Ferro ;)


Carlo Emanuele I di Savoia (1562-1630) venne soprannominato Testa di fuoco per la propensione all'ars bellica, ad essere soprannominato Testa di Ferro invece fu Emanuele Filiberto I di Savoia (1528-1580), il padre di Carlo Emanuele I. [thumb_yello.gif]

saluti ;)

Luca


[notworthy.gif]
Pantheon
 
Messaggi: 3277
Iscritto il: giovedì 8 aprile 2010, 13:29

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Tilius » domenica 27 giugno 2010, 10:18

Tilius ha scritto:Qesto é il collare (numero 8) conferito a Francesco Ricciardi e oggi al Museo di San Martino.
Immagine
Purtroppo la fotografia non é granché. Identico é comunque il collare conservato al musée national de la Légion d'honneur,
Immagine
Questo é il collare numero 2, attribuito al principe Achille (Carlo Luigi Napoleone) Murat, figlio di re Gioacchino.


Volendo dare al nostro real Ordine delle Due Sicilie una maggiore distinzione e decoro;
Abbiamo DECRETATO e DECRETIAMO quanto siegue:
Art. 1. Son create nel detto Ordine tredici collane d'oro che saranno portate in tutte le grandi cerimonie da Noi e da dodici dignitarj dell'Ordine che ne saranno decorati.
2. Questa collana sarà composta di quindici medaglie d'oro contornate da una corona di alloro, nel mezzo delle quali saranno espressi in ismalto gli emblemi che rappresentano le provincie del nostro regno. Queste medaglie saranno legate insieme da sirene di smalto bianco, con coda di color marino. Queste medaglie sosterranno una medaglia più grande di color azzurro, ove nel mezzo sarà scolpita la nostra effigie colla legenda: Joachim Napoleo, tertio regni anno: da questa medaglia penderà la stella dell'Ordine.
3. Questa decorazione sarà da Noi stessi posta al collo de' dignitarj dell'Ordine che l'avranno ottenuta.
4. I Principi della nostra real famiglia, i quattro gran dignitarj dell'Ordine membri del gran consiglio ed i capi delle coorti otterranno da Noi questa decorazione, a misura che qualcheduna delle dette collane resterà vacante.
5. Il gran Cancelliere dell'Ordine conserverà le dette collane numerate dal numero 1 sino al numero 13: e quando alcune di esse sarà da Noi conferita, egli esigerà una ricevuta dal dignitario rivestito della medesima; con obbligo della restituzione di detta collana all'Ordine dopo la sua morte, e di un ammenda proporzionata a carico de' suoi eredit, in caso che non fosse restituita.
6. Il gran Cancelliere dell'Ordine farà tenere un registro separata del passaggio di ciascuna collana; notando le date in cui la medesima sarà stata ricevuta da un dignitario, o restituita.
7. Ci riserbiamo di creare nell'Ordine altre collane simili in aumento di questo numero, nel caso che lo giudicassimo opportuno.
8. Il gran Cancelliere ed il gran Tesoriere dell'Ordine, nella parte che a ciascuno spetta, sono incaricati dell'esecuzione del presente decreto

dato in Napoli, 28 gennaio 1811
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Amministratore
 
Messaggi: 12159
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: "Cavalieri. Dai Templari a Napoleone"

Messaggioda Pasquale M. M. Onorati » domenica 27 giugno 2010, 10:30

Caro Tilius,
grazie per la segnalazione.
Sarebbe interessante conoscere le analoghe norme (forse) emanate per i grandi collari della SS.ma Annunziata.
A presto.
PMMO
Fructum affert in patientia
Pasquale M. M. Onorati
 
Messaggi: 1795
Iscritto il: venerdì 4 giugno 2004, 17:34
Località: Caserta - Terra di Lavoro

Precedente

Torna a Manifestazioni/Eventi



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti