Tavole ordini della CINA

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Tavole ordini della CINA

Messaggioda Mario Volpe » sabato 18 agosto 2018, 17:36

Tornando al continente asiatico, inserisco oggi nella rubrica sulle tavole illustrative degli ordini ed onorificenze internazionali una serie dedicata alla Cina. Essendo una delle nazioni più vaste e popolose del pianeta, la Cina non poteva che essere “grande” anche nel suo sistema premiale, e mi ci sono volute 29 tavole (e una marea di ricerche e lavoro grafico) per illustrare le – spesso piuttosto complesse e articolate – strutture delle principali onorificenze e distinzioni istituite nel paese tra la fine della monarchia imperiale e l’attuale Repubblica Popolare (passando per diverse rivoluzioni interne, invasioni esterne e conflitti locali e mondiali). Come per altre nazioni asiatiche, l’usanza di creare onorificenze sul modello europeo, strutturate su più classi e con insegne indossabili con placche e decorazioni con nastri da spalla, da collo o da petto, si è avviata in concomitanza con l’intensificarsi dei rapporti (e dei contrasti) politici e commerciali con le superpotenze europee dalla seconda metà dell’Ottocento.
Il primo ordine cinese vero e proprio, ossia l’Ordine del Doppio Dragone, fu istituito nel 1882 ed era essenzialmente destinato agli stranieri. Quest’ultimo subirà poi diverse ristrutturazioni, che lo porteranno a diventare uno dei più complessi ordini in assoluto nel panorama mondiale (con ben 11 diversi livelli di decorazioni). Per le prime onorificenze imperiali, ho preferito utilizzare ove disponibili delle illustrazioni tratte da opuscoli e pubblicazioni originali dell’epoca, sia per ragioni di omogeneità (ad esempio nel caso del primo tipo del Doppio Dragone, le cui insegne furono prodotte in una grande varietà di modelli, sia da artigiani locali che europei), sia per l’estrema scarsità di esemplari originali in circolazione, soprattutto per gli ultimi ordini creati dai sovrani Qing, di fatto conferiti in una manciata di concessioni prima della caduta del regime (come ad esempio i vari Ordini dei Dragoni o il Grande Ordine del Trono). I sistemi di identificazione delle varie classi degli ordini cinesi imperiali e delle prime repubbliche, è sicuramente uno dei più particolari ed articolati in assoluto, ed è basato su molteplici codici che variano dai diversi tipi di pietre semi-preziose incastonate nelle decorazioni (perle, corallo, giada, ecc.), dal numero di piccole stellette presenti nelle insegne e nelle placche, oppure dal diverso assortimento di colori dei nastri e di alcune componenti delle decorazioni.
Ho raggruppato i principali ordini e distinzioni creati nel corso della storia cinese in quattro cicli principali: il periodo della fine dell’Impero, quello della formazione della Prima Repubblica di Yuan Shi Kai, il periodo della Repubblica Nazionalista di Chiang Kai Shek e della successiva Repubblica di Taiwan, e il periodo della Repubblica Popolare Cinese. Va inoltre ricordato il gruppo di onorificenze istituite nello Stato fantoccio cinese del Manciukuo’, di fatto controllato dal Giappone (già trattate nella sezione dedicata al Giappone), nonché un ordine istituito dal Governo di occupazione giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale, illustrato unitamente a questo gruppo.
Interessanti le simbologie e il design adottati nel sistema premiale cinese, che fanno spesso riferimento, con una buona dose di esotismo, alle tradizioni ed ai tipici miti orientali regionali. Alcuni ordini hanno subito nel tempo delle trasformazioni piuttosto radicali sia nel design delle insegne, che nella struttura delle varie classi, come il già accennato Ordine del Doppio Dragone o l’Ordine della Giada Brillante e, in considerazione della complessità strutturale di talune onorificenze, ho preferito suddividerne l’illustrazione in due o tre tavole separate. In generale, la qualità delle decorazioni cinesi è rimasta di buon livello, sia nei metalli che negli smalti, almeno fino all'avvento della Repubblica Popolare. Ben diverso il discorso dell’aspetto scarno e semplificato e della spesso più modesta qualità di esecuzione delle onorificenze di stampo comunista della Repubblica Popolare (per lo più al merito militare), inizialmente ispirate dalla Rivoluzione Culturale e dai profondi cambiamenti ideologico-sociali avviati nel paese da Mao Tze Tung. Una recente riforma normativa adottata dal Governo cinese, ha determinato la ristrutturazione e modifica delle insegne di alcune vecchie onorificenze, e l’istituzione di qualche nuova distinzione, che ho cercato di inserire correttamente nelle relative tavole.
Oltre ai problemi più sopra accennati sull'ampiezza e complessità del sistema premiale cinese, va tenuta presente anche la scarsa disponibilità di fonti affidabili e complete sull'argomento, sia in occidente (dove sono stati recentemente pubblicati alcuni interessanti testi a prezzi però piuttosto esorbitanti), sia in lingua originale (dove ci si deve anche confrontare con le difficoltà di traduzione). Merita inoltre essere ricordato come il periodo transitorio che ha fatto seguito alla caduta della dinastia Qing e all'instaurazione di governi rivoluzionari repubblicani dei “Signori della Guerra”, ha determinato durante la guerra civile che ne scaturì la produzione di numerose decorazioni “non ufficiali” nei più disparati settori di merito e servizio, delle quali non ho voluto tener conto nelle tavole.
Nel recente passato, segnalo infine, il mercato faleristico cinese è stato invaso da montagne di decorazioni di bassissima qualità, per lo più inventate o frutto di maldestre imitazioni proprio in riferimento al periodo della guerra civile e degli albori della rivoluzione comunista, ingenerando se possibile ancora più confusione nel già complicato panorama premiale cinese.
Scusandomi per la prolissità di questa introduzione (evidentemente la grandiosità della Cina ha finito per contagiarmi), continuo a contare, come di consueto, sulle vostre conoscenze, fonti, archivi e biblioteche, per integrare le mie lacune e correggere i miei errori, mancanze e imperfezioni, invitandovi ad esaminare – sempre se e quando ne avrete la voglia e il tempo – il gruppo delle tavole che seguono. ;)

IMPERO DELLA CINA

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3540
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: Tavole ordini della CINA

Messaggioda Mario Volpe » sabato 18 agosto 2018, 17:48

REPUBBLICA DELLA CINA - GOVERNO DEL BEIYANG

Immagine Immagine

Immagine Immagine

REPUBBLICA DI CINA (Taiwan)

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3540
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma

Re: Tavole ordini della CINA

Messaggioda Mario Volpe » sabato 18 agosto 2018, 18:02

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine

REPUBBLICA DELLA CINA - GOVERNO NAZIONALE RIORGANIZZATO (CONTROLLATO DAL GIAPPONE)

Immagine

REPUBBLICA POPOLARE CINESE

Immagine Immagine

Immagine
Si Deus nobiscum quis contra nos
(motto dell'Ordine di Filippo il Magnanimo - Assia-Darmstadt)
Avatar utente
Mario Volpe
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 3540
Iscritto il: sabato 1 aprile 2006, 18:58
Località: Roma


Torna a Tavole illustrative ordini cavallereschi e onorificenze internazionali



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite