Pagina 1 di 1

Tavole ordini RUSSIA: IMPERO, URSS e FEDERAZIONE RUSSA

MessaggioInviato: domenica 25 giugno 2017, 22:05
da Mario Volpe
Proseguo oggi nella mia rubrica sulle tavole illustrative degli ordini ed onorificenze (in particolare dell’Est Europeo), presentandovi una serie dedicata alla Russia, una nazione che nel corso della sua storia ha sempre dedicato grande attenzione al settore degli onori e dei sistemi premiali. Nei tre cicli principali nei quali si sono sviluppati gli ordini e le onorificenze russe, ossia quello imperiale, quello sovietico e quello attuale della Federazione post-comunista, abbiamo assistito ad un’alternanza di stili e simbologie che hanno alla fine determinato l’attuale ibrido costituito da un lato, ad un ritorno – dopo quasi esattamente cent’anni – alle originali onorificenze zariste e, dall'altro, ad una prosecuzione de-sovietizzata di alcune delle principali onorificenze del periodo comunista.
Da notare che nel gruppo degli ordini del periodo monarchico si sono inseriti ben tre sodalizi cavallereschi di origine straniera: due originariamente fondati in Polonia - l’Aquila Bianca ed il San Stanislao (e per un breve periodo anche la Virtuti Militari) - assorbiti nel sistema zarista dopo l’annessione della Polonia alla fine del 1700, e l’altro fondato nel 1735 come Ordine di S. Anna e come ordine dinastico nel Ducato tedesco di Holstein, e inserito dallo Zar Paolo I (discendente dei Duchi di Holstein-Gottorp) nel patrimonio cavalleresco russo nel 1797. L’Ordine russo più antico è (e rimane a tutt'oggi) l’Ordine di Sant'Andrea, fondato da Pietro il Grande nel 1698.
Il periodo sovietico, scaturito dalla violenta Rivoluzione di Ottobre del 1917 – che avrebbe dovuto delegittimare definitivamente il ricco e corposo sistema onorifico-cavalleresco zarista, basato soprattutto sui privilegi nobiliari e di ceto/censo – vide invece il proliferare di un nuovo consistente gruppo di ordini e distinzioni, per lo più basati sul concetto della concedibilità ripetuta per successione di meriti. Il che determinò il fenomeno dei pettorali stracolmi di decorazioni che molti ricorderanno, in particolare in riferimento alle uniformi dei Marescialli e dei Generali dell’Unione Sovietica. La struttura, il design (inclusa la particolare acconciatura "pentagonale" del nastro) e le simbologie delle decorazioni sovietiche, hanno tra l’altro fatto da modello per oltre quarant'anni per diversi sistemi premiali dei Paesi dell’Est Europeo, divenuti dopo la Seconda Guerra Mondiale membri del Patto di Varsavia.
Come sempre, conto sulle vostre conoscenze, fonti, archivi e biblioteche, per integrare le mie lacune e correggere i miei errori, mancanze e imperfezioni, invitandovi ad esaminare – sempre se e quando ne avrete la voglia e il tempo – il gruppo delle tavole che seguono. ;)

FEDERAZIONE RUSSA

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine

Re: Tavole Ordini della Russia, Impero zarista, URSS e Feder

MessaggioInviato: domenica 25 giugno 2017, 22:08
da Mario Volpe
UNIONE DELLE REPUBBLICHE SOCIALISTE SOVIETICHE

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Re: Tavole Ordini della Russia, Impero zarista, URSS e Fed.

MessaggioInviato: domenica 25 giugno 2017, 22:14
da Mario Volpe
IMPERO RUSSO

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine

Immagine Immagine