DNA e famiglia Canter

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

DNA e famiglia Canter

Messaggioda MAX08 » martedì 20 ottobre 2009, 13:48

Gent.li Forumisti,

tramite Ysearch ho notato che il mio cromosoma Y è condiviso da numerose persone che appartengono alla famiglia anglosassone " Canter ".

Ho fatto delle brevi ricerche in internet ma non sono riuscito a trovare molto. Volevo sapere, più che altro, in che parte del Regno Unito tale cognome è diffuso e se vi sono degli alberi genealogici pubblicati on line.

Grazie a tutti.
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 553
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda Guido5 » martedì 20 ottobre 2009, 14:09

Caro Max,
i siti che si occupano dei Canter sono migliaia. Puoi dare un'occhiata per esempio a http://www.genealogytoday.com/surname/finder.mv?Surname=Canter dove, cercando "distribution", troverai risposta a una delle tue domande, anche se il dato risale al 1891.

Ciao a tutti!
Guido5
Guido Buldrini - Fides Salvum Fecit
Guido5
Amministratore
 
Messaggi: 5023
Iscritto il: mercoledì 4 maggio 2005, 16:16
Località: Roma

Re: Dna e famiglia Canter

Messaggioda PatriziaP » martedì 20 ottobre 2009, 14:18

Gentile Max,

ti invio alcuni collegamenti

http://www.searchforancestors.com/surna ... canter.php -> l'origine del cognome

http://www.ancestry.com/facts/canter-name-meaning.ashx -> il suo significato

http://www.ancestry.com/facts/canter-fa ... ry-uk.ashx -> diffusione del cognome in Inghilterra e nel Galles nel 1891

http://www.ancestry.com/facts/canter-fa ... y-sct.ashx -> diffusione del cognome in Scozia nel 1891

http://www.ancestry.com/facts/canter-fa ... story.ashx -> diffusione del cognome negli Stati Uniti nel 1920

http://search.ancestry.com/cgi-bin/sse. ... sln=canter -> e qui puoi trovare un po' di alberi genealogici pubblicati on line

Buon lavoro!
Saluti
Patrizia
Ultima modifica di PatriziaP il martedì 20 ottobre 2009, 18:49, modificato 1 volta in totale.
PatriziaP
 
Messaggi: 50
Iscritto il: sabato 29 agosto 2009, 16:22
Località: Genova

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda PatriziaP » martedì 20 ottobre 2009, 14:51

Ho travato un altro link interessante

http://www.192.com/all/search/?looking_ ... &location=

si tratta dell'elenco telefonico inglese per eccellenza (un mix tra Pagine Bianche e Pagine Gialle). Qui ti trovi già nella pagina relativa ai Canter. Come puoi vedere ce ne sono 200 in tutto il Regno Unito al momento. Nella colonna di sinistra li trovi suddivisi per "nome di battesimo", "cognome", "età", "occupazione", "località".

Per accedere ai dati individuali degli utenti oppure agli atti di nascita, matrimonio e/o morte (vedi "Family Records" in fondo alla colonna di sinistra) che vanno dal 1837 al 2004, o visionare il censimento del 1861, devi registrarti al sito dove vieni reindirizzato (https://secure.192.com/registration/ind ... &family=84)

Mi sembra un'ottima risorsa.

Saluti a tutti
Patrizia
Ultima modifica di PatriziaP il martedì 20 ottobre 2009, 14:57, modificato 1 volta in totale.
PatriziaP
 
Messaggi: 50
Iscritto il: sabato 29 agosto 2009, 16:22
Località: Genova

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda Salvennor » martedì 20 ottobre 2009, 14:55

Si, esattamente. I Canter sono una stirpe originaria della regione del Galles. Esistono circa sette persone Canter per milione di abitanti in Gran Bretagna, cioè in totale circa 450 persone con tale cognome nelle isole britanniche. E negli Stati Uniti invece esistono ben ventisei persone Canter per ogni milione di abitanti USA, dunque in totale circa seimila o forse più individui con tale cognome in USA. E nel resto del mondo esistono altri Canter.
Ciò conferma che un cognome, o meglio una stirpe, che tende a distribuirsi in un territorio molto più ampio di quello di origine tende a moltiplicarsi in misura molto maggiore rispetto a una condizione di confinamento. E spesso nel luogo di origine il cognome divente una percentuale minoritaria rispetto al totale. E così il cognome Canter è diventato abbastanza diffuso da poter essere utilizzato come riferimento per le ricerche sul DNA.
Fatto che però non sarebbe valido per cognomi come Smith, Taylor, Gonzales, Lopez ecc.., che già nel medievo avevano varie origini diverse, varie zone di origine indipendenti nelle isole britanniche e nella penisola iberica.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1024
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda MAX08 » martedì 20 ottobre 2009, 18:28

Gentili Forumisti,

grazie per l'interessamento. Volevo chiedere una cosa a Salvennor : dove trova tutti questi interessantissimi dati statistici ? Inoltre volevo aggiungere che probabilmente il cognome in questione è anch'esso di derivazione " professionale ". Questo si può verificare anche qui oltre che su altri siti :

http://www.nationaltrustnames.org.uk/Na ... &type=name

Personalmente credo abbia una antica origine francese e che significhi " cantore "; dico questo in quanto nell' attuale francese " cantare " e " cantore " possiamo tradurli come " chanter " e " cantor ". Premetto che io non sono un linguista e quindi se ho preso un granchio chiedo venia in anticipo... ;)

Grazie di cuore a tutti ancora.
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 553
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda PatriziaP » martedì 20 ottobre 2009, 18:48

MAX08 ha scritto:Personalmente credo abbia una antica origine francese e che significhi " cantore "; dico questo in quanto nell' attuale francese " cantare " e " cantore " possiamo tradurli come " chanter " e " cantor ".

Se segui il primo link che ti avevo indicato, avrai conferma che la tua ipotesi è corretta.
PatriziaP
 
Messaggi: 50
Iscritto il: sabato 29 agosto 2009, 16:22
Località: Genova

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda MAX08 » martedì 20 ottobre 2009, 18:57

Grazie mille, scusa ma mi sono concentrato di più sulla distribuzione e non mi ero accorto di questo bel link.

[sweatdrop.gif] [sweatdrop.gif] [sweatdrop.gif]
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 553
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda Salvennor » martedì 20 ottobre 2009, 19:24

Per MAX08: I dati relativi a tale cognome li ho rilevati dal seguente sito
http://www.publicprofiler.org/worldnames/Default.aspx

Sito peraltro segnalato proprio in vari Topic del presente sito "I nostri avi", da parte di utenti dello stesso. E così l'ho utilizzato anche io.
Per quanto riguarda la questione dell'espansione dei cognomi che tendono a distribuirsi in zone più ampie, è una questione di biologia e di concetti di probabilità e statistica, anche in relazione alle forti epidemie e carestie che colpirono l'Europa per secoli. In pratica il concetto è che se x es nel 1400 ho 30 famiglie con cognome A concentrate tutte nella stessa cittadina, e sempre nell'anno 1400 nella stessa regione ho 30 famiglie con cognome B distribuite in 15 comuni sparsi nella regione, allora è molto probabile che 4 secoli dopo il cognome A si sia quasi estinto, mentre per il cognome B possono esistere anche, a inizi 800, centinaia di famiglie, x es 200 o anche più di 400 nuclei (dipende da molti fattori). Il concetto è questo in parole semplici.
Per capire l'influenza che le epidemie hanno avuto nella demografia basti pensare che nella mia regione verso il 1370 esistevano circa 290000 abitanti, e dopo alcune ulteriori epidemie, delle quali una veramente intensa, la popolazione si attestò verso il 1400-1405 intorno ai 93000 abitanti. A circa un terzo della popolazione originaria.
Nei circa 160 anni successivi la popolazione isolana si riportò, però con varie oscillazioni anche forti, a circa 280000 abitanti, e a circa 300000 a inizi 600. Tali oscillazioni hanno avuto appunto effetti forti sia sulla distribuzione dei cognomi e sia su vari fattori genetici (non lo dico io, ci sono pubblicazioni scientifiche).
Per quanto riguarda il significato del cognome Canter ciò non sorprende se si pensa alle zone geografiche in questione, cioè Galles e Francia settentrionale. A scuola avevano spiegato che i Cantori antichi avevano grande importanza nella cultura di quelle zone. Però credo che tra i vari personaggi che nel medioevo furono appellati per la prima volta con tale termine, solo uno o cmq pochissimi hanno dato avvio alla discendenza attuale del cognome. E tale ceppo si trovava, o cmq si è sviluppato, proprio nel Galles.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1024
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda Morello » giovedì 22 ottobre 2009, 8:36

Confermo quanto scritto da Salvennor. Anni addietro, per una ricerca a più mani, compilai una rubrica alfabetica da un Liber Mortuorum (1625-1669) conservato nella Biblioteca Diocesana, e tra le varie scoperte ci fu quella di una famiglia dal cognome originale: d'Appetito. Cognome già inesistente nella mia città nel 1751 (catasto Onciario). Ebbene nel corso di poco più di 70 anni, essendo probabilmente un cognome solo diffuso nel mio centro, la famiglia si era estinta anche a causa della pestilenza del 1656-57 che dalle mie parti fece molte vittime. Non so quanti d'Appetito ho contato tra i defunti in quel registro seicentesco. Ecco come una famiglia molto ramificata, con più nuclei, ma all'interno di un unico centro abitato, in meno di un secolo si è estinta.
Cordialmente.
Morello
Morello
 
Messaggi: 1043
Iscritto il: lunedì 19 settembre 2005, 8:42

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda Salvennor » giovedì 22 ottobre 2009, 15:30

Morello ha scritto:Confermo quanto scritto da Salvennor. Anni addietro, per una ricerca a più mani, compilai una rubrica alfabetica da un Liber Mortuorum (1625-1669) conservato nella Biblioteca Diocesana, e tra le varie scoperte ci fu quella di una famiglia dal cognome originale: d'Appetito. Cognome già inesistente nella mia città nel 1751 (catasto Onciario). Ebbene nel corso di poco più di 70 anni, essendo probabilmente un cognome solo diffuso nel mio centro, la famiglia si era estinta anche a causa della pestilenza del 1656-57 che dalle mie parti fece molte vittime. Non so quanti d'Appetito ho contato tra i defunti in quel registro seicentesco. Ecco come una famiglia molto ramificata, con più nuclei, ma all'interno di un unico centro abitato, in meno di un secolo si è estinta.
Cordialmente.
Morello

Interessante. E infatti anche nella mia regione a metà 600 si verificò una ulteriore disastrosa epidemia che nuovamente decimò una elevata percentuale della popolazione; naturalmente l'intensità della epidemia non fu la stessa per tutte le zone, e inoltre le varie zone venivano colpite in momenti diversi, anche nell'arco di due o tre anni. E queste ultime caratteristiche potenziano l'influenza positiva dell'eventuale ampia distribuzione nel territorio di famiglie con stesso cognome (e in genere con antico uguale luogo d'origine per tale regione), rispetto ad una presenza concentrata, a parità di numero di nuclei. Ovviamente deve esistere anche un motivo per una presenza distribuita. Per ceppi omonimi nati indipendentemente in luoghi diversi di una certa regione abbastanza ampia, senza parentela, la distribuzione è legata al tipo di termine indicante il cognome, x es Rossi, nomi di mestieri o toponimi diffusi ecc.. Invece per cognomi nati, per una certa regione, in una ben determinata zona ristretta, la futura ampia distribuzione può essere legata o a motivi migratori, o anche a motivi politico-amministrativi. Per questi ultimi ciò è accaduto nella mia regione per vari cognomi. Anche per il mio si nota che quando i feudatari Carroz e altri estesero il controllo aragonese a zone molto vaste, ecco che dai documenti iniziano a comparire per vari centri, dove prima erano assenti, famiglie mie omonime, provenienti (quelle del 300 e 400) tutte dalla stessa zona. E ciò ha innescato la successiva diffusione. Per i Canter forse il motivo è legato all'emigrazione nelle varie colonie, magari anche per motivi politici e religiosi.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1024
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: DNA e famiglia Canter

Messaggioda MAX08 » venerdì 23 ottobre 2009, 20:56

Grazie nuovamente per l'interesse che dimostrate per questo argomento. Volevo chiedervi di valutare questa " strampalata " [sweatdrop.gif] ipotesi : è possibile che il cognome CANTER nasca sia come cognome " indipendente " sia come una errata trascrizione del cognome, comunque presente in Inghilterra anche se in aree non limitrofe, ebraico CANTOR ?

Questo alla luce del fatto che il mio aplogruppo è G e questo spiegherebbe la presenza di un gruppo " iranico " in un paese tipicamente celtico.

Per la cronaca il Cantor, da quanto ne so, dovrebbe essere un funzionario della sinagoga assistente del Rabbi.

Grazie a tutti.
quod homines de Cenedese, Belluno, et Feltre erant liberi homines et nobiles (a.D. 1179) - Massimo Della Giustina

http://www.ascenedese.it
https://independent.academia.edu/massimodellagiustina
Avatar utente
MAX08
 
Messaggi: 553
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 13:10
Località: Pedemontana veneta


Torna a Genealogia genetica - DNA



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti