Cultura del vaso campaniforme

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Cultura del vaso campaniforme

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » sabato 3 marzo 2018, 14:13

La cultura del vaso campaniforme (in inglese "Bell-Beaker culture") si riferisce a un periodo della tarda età del rame (2900–1800 a.C. circa), in cui si diffuse questa tipologia di ceramica. https://en.wikipedia.org/wiki/Beaker_culture

Questa cultura si diffuse nell'Europa occidentale e centrale a partire dal 2750 aC prima di scomparire tra il 2200 e il 1800 aC e il meccanismo della sua espansione è un argomento di dibattito da molto tempo. http://eurogenes.blogspot.it/2017/05/th ... th_10.html

Le migrazioni umane hanno avuto un ruolo importante nella diffusione degli individui appartenenti alla cultura Bell Beaker, che si sono diffusi verso la penisola iberica, la penisola italica ma anche le isole britanniche.
In Gran Bretagna infatti sono stati trovati diversi scheletri a questo periodo, geneticamente strettamente imparentati agli individui associati ai Beaker dell'area del Basso Reno.
https://www.theguardian.com/science/201 ... tudy-shows
https://www.haaretz.com/archaeology/MAG ... -1.5843019

Qualche giorno fa un caro amico, il dottor Richard Rocca, mi ha informato che il campione E09569, proveniente dalla Bell Beaker culture è, come me R1b+ U152+ L2+ BY2825+.
Questo, sicuramente un mio antenato diretto o un mio parente stretto, è stato trovato ad Augusta in Germania ed è stato datato tra il 2397 e il 2149 A.C.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6472
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Cultura del vaso campaniforme

Messaggioda Nessuno » sabato 3 marzo 2018, 19:31

Ciao Alessio, grazie per la segnalazione.

Ecco il collegamento al saggio: https://www.nature.com/articles/nature25738

Ci sono prove osteologiche di utilizzo del cavallo come mezzo di trasporto su un individuo R-U152+L2+

Inoltre, pare che le mutazioni figlie di L23, cioè L51 e Z2103 abbiano viaggiato insieme da Yamna all'Ungheria.

In Spagna, grandi notizie: R-V88 (cfr. Genetiker), I2a e G2a fino al Calcolitico e primo campaniforme. Dopo il 2500 a.C. arriva R-M269 con componente steppica rilevante. Forse sono i primi indoeuropei del sostrato lusitano, ligure e di qualche ramo italo-celtico poi soppiantato da Iberico e Celtiberico. Un individuo R-P312+ è stato trovato al centro di un kurgan nei pressi di Burgos (El Virgazal). Molto interessante...
Nessuno
 
Messaggi: 216
Iscritto il: lunedì 9 febbraio 2009, 22:08


Torna a Genealogia genetica - DNA



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite