Genealogia e DNA... si possono trovare discendenti?

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Genealogia e DNA... si possono trovare discendenti?

Messaggioda Grimaldi » venerdì 4 novembre 2005, 13:57

Cari amici
vi sottopongo questa notizia trovata sul web.
Secondo questa fonte è stata scoperta:

Una nuova tecnologia, messa a punto il mese scorso da scienziati australiani per isolare e leggere il dna raccolto da frammenti vecchi di cent'anni e più, come un capello o un pezzetto di pelle, promette di ribaltare sentenze e trovare colpevoli rimasti impuniti per oltre cent'anni.

Che ne pensate?
Avete pareri in merito? Considerazioni etiche o pragmatiche?

Saluti

G.
Grimaldi
 

Messaggioda eugubino » venerdì 4 novembre 2005, 15:16

Ho letto molte cose sui miracoli che potrebbe fare l'analisi del DNA.

La scrittrice Patricia Cornwel aveva acquistato e fatto analizzare (anche i reperti conservati dalla polizia inglese) alcune letere - magari avrà pure preso qualche fregatura - appartenute a quello che lei presumeva essere Jack lo squartatore. Ci ha scritto pure un libro.

Non mi meraviglierei quindi che a qualcuno venga in mente di far analizzare i reperti del caro estinto (o chi per lui) alla ricerca di "rivendicazioni" genealogiche e patrimoniali.

Insomma, la tecnica scientifica c'è, resta da vedere se sia facilmente applicabile e a chi.

Per gli aspetti etico-legali non saprei cosa dire, bisognerebbe vedere i casi concreti, uno per uno; bisognerebbe conoscere le leggi che - ora - regolano tale materia.
Avatar utente
eugubino
 
Messaggi: 1567
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2005, 15:29
Località: Gubbio

Messaggioda RobertoC » sabato 5 novembre 2005, 10:13

La mia prima osservazione è che questa tecnica non consente di rivelarci se X sia il vero padre di Y, se non per casi già dubbi, in cui esistono materiali comparativi (ad esempio quello del padre di Hitler, di cui pure si è parlato nel forum).
Il che a dire che l'utilità nel "nostro" campo mi sembra relativa, e cioè mirata ad offrire una controprova a fatti già chiari (si potrebbe, ad esempio, accertare od escludere che il primo Re d'Italia fosse veramente un Savoia).

La seconda osservazione è, come dire, di metodo.
Nel rimetterci ai risultati della ricerca, evidentemente compiamo un atto di fede di pari natura di quello che compiremmo se li rinnegassimo, e questo sia perché dichiariamo implicitamente di accettare supinamente il metodo (il protocollo scientifico adottato e il suo rispetto), sia perché operiamo una scelta di campo dando fiducia incondizionata alla ricerca.
Questa considerazione -che non è mia, ma del famosissimo Circolo di Vienna- rivela in un qualche senso il peso relativo dello strumento scelto.
Il che a dire che erriamo -a mio avviso- se ci poniamo di fronte a questa notizia come ad un evento senza alternative.

Ribaltando la domanda, quindi, vi chiedo io se questo è un evento senza alternative; se, cioè, non vi sono altre strade ipotizzabili per collegare X a Y.

Intendete quanto ho scritto come una specie di appunto, gettato sulla carta (elettronica) velocemente (direi: istintivamente), di getto.

Cordialità.
Roberto Celentano
RobertoC
 

Messaggioda MMT » sabato 5 novembre 2005, 14:55

eugubino ha scritto:La scrittrice Patricia Cornwel aveva acquistato e fatto analizzare (anche i reperti conservati dalla polizia inglese) alcune letere - magari avrà pure preso qualche fregatura - appartenute a quello che lei presumeva essere Jack lo squartatore. Ci ha scritto pure un libro.


Peccato per lei però che il suo accusato, il celebre pittore Walter Sicker, si sia fatto cremare! :D

Michele Tuccimei di Sezze
MMT
 
Messaggi: 4651
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Messaggioda eugubino » sabato 5 novembre 2005, 15:32

:wink:
Avatar utente
eugubino
 
Messaggi: 1567
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2005, 15:29
Località: Gubbio

Messaggioda Cottoneum » mercoledì 9 novembre 2005, 17:26

Mio padre, insigne biologo e patologo, mi ha detto che circa il 4% delle persone non è figlio del padre legale... chissà cosa si scoprirebbe con queste ricerche...
Avatar utente
Cottoneum
 
Messaggi: 826
Iscritto il: sabato 30 ottobre 2004, 23:15
Località: Milano

Messaggioda MMT » mercoledì 9 novembre 2005, 17:43

Gio Cairo ha scritto:Mio padre, insigne biologo e patologo, mi ha detto che circa il 4% delle persone non è figlio del padre legale... chissà cosa si scoprirebbe con queste ricerche...


E' anche quello che in modo scherzoso ha affermato l'altrettanto insigne, nonchè amico, prof. Carlo Tibaldeschi al Convegno di San Marino. :wink:


Michele.
MMT
 
Messaggi: 4651
Iscritto il: lunedì 13 gennaio 2003, 17:01
Località: Roma

Messaggioda eugubino » mercoledì 9 novembre 2005, 20:39

Ogni innovazione tecnologica e scientifica ha le sue controindicazioni che, quasi empre, sono legate all'uso che se ne fa.

Staremo a vedere.
Avatar utente
eugubino
 
Messaggi: 1567
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2005, 15:29
Località: Gubbio


Torna a Genealogia genetica - DNA



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti