I Buonaparte e il loro cromosoma Y

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Re: I Buonaparte e il loro cromosoma Y

Messaggioda Pallante » martedì 11 agosto 2015, 0:46

Salve a tutti,
riprendo la discussione sul DNA dei Bonaparte pur essendo del tutto nuovo in questo sub forum e molto ignorante in merito, ma molo affascinato da questo nuovo strumento per conoscere le nostre origini.
Chiacchierando con un amico francese è venuto fuori Napoleone III (perché i francesi ci tengono molto a dire che l'Italia è stata fatta per concessione francese, ma poi fingono di non sapere che i loro grandi imperatori veri francesi non erano) e, volendo rinfrescarmi la mente sul soggetto, ho scorso la pagina a lui dedicata su wikipedia: qui si rimanda a questo articolo pubblicato su Il Giornale nel 2014, che riprende un articolo di Le Figaro, e che getta forti dubbi sulla paternità di Napoleone III che avrebbe un aplogruppo y differente da quello dello zio Napoleone I.
Qual è la vostra opinione sull'attendibilità di questo studio ?
Ultima modifica di Pallante il venerdì 14 agosto 2015, 21:30, modificato 1 volta in totale.
Pallante
 
Messaggi: 17
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:40

Re: I Buonaparte e il loro cromosoma Y

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » martedì 11 agosto 2015, 8:31

Due anni fa chiesi un parere a due professionisti che si occupano di fare test del DNA su persone decedute.
Mi dissero che fare test su ciocche di capelli non è consigliabile se non addirittura possibile.
Questo perché il DNA tende a degradarsi dopo un certo numero di anni e nei capelli ha un alta degradabilità anche solo dopo un paio di anni dalla morte.
Loro effettuano il test del DNA su ossa grandi come il femore e in questo modo c'è una buona possibilità di riuscita del test.
Questo significherebbe che il test effettuato sui capelli di Napoleone III è poco attendibile.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6224
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: I Buonaparte e il loro cromosoma Y

Messaggioda Pallante » venerdì 14 agosto 2015, 21:46

Grazie per la risposta. In effetti mi sembra strano riuscire ad ottenere dei risultati attendibili da vecchie ciocche di capelli.
Ad ogni modo l'autore dello studio è il professor Gérard Lucotte che ha firmato anche l'altro studio su Napoleone I e sui suoi attuali discendenti riportato da lei in un suo precedente intervento (oltre ad essere l'autore di un discutibile (?) studio sulla discendenza del falso Luigi XVII anche questo basato su materiale degradato inquinato).
Pallante
 
Messaggi: 17
Iscritto il: sabato 18 maggio 2013, 13:40

Re: I Buonaparte e il loro cromosoma Y

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » venerdì 14 agosto 2015, 22:50

Ho letto da qualche pare che di solito quando si fa questo genere di test su cadaveri è quasi un obbligo testare anche persone viventi per avere un riscontro migliore ed immediato.
Anche il test sui presunti resti di Riccardo III è stato infatti fatto in questo modo.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6224
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Napoleone Bonaparte E-M34.

Messaggioda Cawdor » martedì 27 giugno 2017, 17:24

http://www.lanazione.it/massa-carrara/c ... -1.3229051

qualcuno conosce qualcosa in più del aplogruppo E-M34?
grazie
Avatar utente
Cawdor
 
Messaggi: 589
Iscritto il: martedì 29 aprile 2008, 14:48

Re: Napoleone Bonaparte E-M34.

Messaggioda Tilius » mercoledì 28 giugno 2017, 9:15

Dall'articolo parrebbe evincersi l'appartenenza allo stesso gruppo familiare, più che essere "discendente diretto di Napoleone", come roboantemente si annuncia in apertura. O no?
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11485
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: I Buonaparte e il loro cromosoma Y

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » mercoledì 28 giugno 2017, 9:47

La persona che ha fatto la scoperta dei lontani parenti di Napoleone in Toscana é un nostro utente del forum. Spero vorrà lui stesso raccontarci qualcosa.
La sua analisi nell'articolo mi sembra molto corretta.

Ecco il 'cugino' di Napoleone: "Lo dice il Dna"
La clamorosa scoperta di un farmacista. «Abita in Val di Magra»
di Roberto Oligeri

Massa, 27 giugno 2017 - «Non ci sono dubbi: quell’uomo è un discendente diretto di Napoleone». Parole di Dna, di studi meticolosi, ricerche accurate fatte con le tecnologie più moderne. E il risultato è sorprendente. Da sempre appassionato di storia, genealogie e genetica, Marco Grassi 51enne farmacista di Castelnuovo Magra , ha recentemente coinvolto, in questo genere di ricerche un gruppo di persone, originarie della Lunigiana e della Val di Magra, sulle quali sono stati effettuati test genetici. «Tre sono i tipi di test – dice Grassi – da effettuare: del cromosoma Y che si trasmette solo per via paterna, del Dna mitocondriale (trasmesso per via materna) ed l’autosomico, cioè il test sugli altri cromosomi che ci consente di trovare ed individuare non solo parenti vicini e lontani, ma anche la corrispondenza geografica dei propri antenati». E la scoperta più sorprendente è arrivata dal cromosoma Y.

«Abbiamo ricevuto i risultati di un componente la storica famiglia Cipollini di Nicola di Ortonovo della quale, i documenti, ci provano la presenza già a partire dalla metà del 1500. Si tratta di un signore di mezza età che appartiene allo stesso aplogruppo di Napoleone Bonaparte: E-M34. Si tratta di un aplogruppo estremamente raro, del resto quello di Napoleone è un ramo molto particolare: dopo aver inserito i risultati di questa persona nella ‘banca mondiale’ del cromosoma Y abbiamo constatato che lui è il più vicino alla famiglia Bonaparte. A quel punto abbiamo effettuato il test inviando i campioni alla società «Y Seq» di Berlino. Sono state analizzate zone particolari del cromosoma Y: è emerso che Cipollini ha una ‘distanza genetica’ da Napoleone uguale a 7 ed uguale a 6 da due altri discendenti, rispettivamente da un figliastro di Napoleone e da un discendente del fratello Luciano Bonaparte. Grazie a documenti storici, sappiamo che la famiglia Bonaparte viveva a Sarzana già nel 1200, ma è stato dimostrato prima ancora che proveniva da Stadano. Recentemente, analizzando uno studio condotto nel 2003 su un centinaio di persone abitanti di Fivizzano e Pontremoli, ho trovato 7 aplotipi con una certa vicinanza ai Bonaparte. Con i risultati di Cipollini, la genetica ha dimostrato definitivamente che i Bonaparte erano originari della nostra zona.

Solo pochi giorni fa, il dottor Tofanelli dell’Università di Pisa, mi ha confermato la presenza di E-M34 nella nostra zona anche in un altro studio effettuato qui da noi. Ora, resta da eseguire un test molto più approfondito il Big Y con cui riusciremmo a calcolare il tempo in cui visse un antenato comune fra Napoleone e Cipollini. Sarà importante e necessario verificare se la famiglia Cipollini, prima che a Nicola, vivesse nella zona di Aulla oppure a Luni. Da questo test infatti si può azzardare l’ipotesi che,l’antenato comune, visse fra 1500 e 1000 anni fa»
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6224
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Precedente

Torna a Genealogia genetica - DNA



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite