dame e uniformi

Divise, medaglieri personali, nastrini, autorizzazioni.
Uniforms, personal decorations, ribbons use and authorization.

Moderatori: Tilius, Mario Volpe, nicolad72

Re: dame e uniformi

Messaggioda T.G.Cravarezza » venerdì 31 marzo 2017, 17:44

Colonel Warden ha scritto:Le decorazioni SMOM per le dame sono storicamente diverse da quelle per i cavalieri perché si volle eliminare il riferimento a trofei d'armi, elmi, spade, etc. che si presupponeva le dame non dovessero mai maneggiare.
Dal momento che tutti i ruoli delle FF.AA. in s.p.e. sono, ormai da qualche decennio, aperti alle donne, tale accortezza finisce per non porsi per tutte quelle dame inquadrate in ogni grado delle stesse in s.p.e.
Pertanto, il mio parere è che le dame ufficiali, sottufficiali, etc, indossino sull'uniforme le medesime corrispondenti decorazioni maschili nella stessa foggia e con le stesse modalità. Ogni altra soluzione è priva di significato, essendo non necessaria oltre che antiestetica.


Come giustamente ha scritto Nicola e lo avevo fatto presente anche io nell'elencazione delle possibili soluzioni alla numero 2, il problema di imporre l'uso della foggia maschile delle decorazioni in uso al personale militare femminile sarebbe forse auspicabile dal lato meramente estetico, ma andrebbe inevitabilmente a violare le norme e l'autonomia degli ordini cavallereschi non nazionali (per non nazionali intendo tutti gli ordini che non appartengono allo Stato Italiano, quindi quelli dinastici, quelli degli Stati, della Santa Sede che prevedono il fiocco per le insignite donne, lo SMOM...).

Specificato ciò, però, la sua tesi non è così peregrina e sarebbe interessante, magari in altra discussione creata ad hoc, dibattere sul significato ed origine del trofeo d'armi presente su molte decorazioni cavalleresche. Effettivamente la distinzione, anche estetica, tra uomini e donne all'interno degli ordini cavallereschi, soprattutto quelli militanti e di antica origine, con la presenza del trofeo d'armi per i cavalieri uomini (per l'appunto denominati "cavalieri") e di un fiocco senza trofeo d'armi per le dame (anche il titolo più confacente alla natura non "guerriera" della donna) esprime un chiaro concetto che però oggi rischia di perdere parte del suo storico significato nel momento in cui quelle "dame" sono appunto dei militari, dei guerrieri che combattono per lo Stato indossando "armatura e spada". Sarebbero quindi da intendersi ancora "dame" oppure sono dei "cavalieri"?

Ovvio che il tutto ci può far sorridere e, per alcuni, anche inorridire (me compreso che sono sempre stato e lo sono ancora contrario alla presenza femminile nelle Forze Armate, più per motivi pratici che non meramente filosofici), ma laddove vi sono dei cambiamenti sociali (e le mansioni della donna nel 2000 rispetto al 1200 sono "lievemente" differenti, compreso il rivestire uniformi e impugnare armi) bisogna anche tenerne conto e discuterne e non solo relegarli con un "è sempre stato così!".

Rimane l'indubbio fatto che, come scritto all'inizio dell'intervento, non può (potrebbe) essere lo Stato Italiano a indicare alle donne militari quale foggia delle decorazioni indossare se tali decorazioni non provengono dal suo patrimonio onorifico. Lo Stato può solo prendere atto che per alcuni ordini la foggia prevista per le donne è il fiocco e quindi ha due scelte: vietare alle donne di indossare tali decorazioni oppure acconsentire di indossare anche le decorazioni a fiocco, ma sarebbe opportuno che specificasse nei suoi regolamenti le modalità d'uso (quanti fiocchi, esattamente dove...), cosa che per il momento non ha fatto e questo, per me, lascia dubbi sul loro uso.
Tomaso Giuseppe Cravarezza
---------------------------------
"Vince te ipsum"
Avatar utente
T.G.Cravarezza
Amministratore
 
Messaggi: 6093
Iscritto il: sabato 11 gennaio 2003, 22:49
Località: Torino

Re: dame e uniformi

Messaggioda nicolad72 » venerdì 31 marzo 2017, 21:43

T.G.Cravarezza ha scritto:Specificato ciò, però, la sua tesi non è così peregrina e sarebbe interessante, magari in altra discussione creata ad hoc, dibattere sul significato ed origine del trofeo d'armi presente su molte decorazioni cavalleresche. Effettivamente la distinzione, anche estetica, tra uomini e donne all'interno degli ordini cavallereschi, soprattutto quelli militanti e di antica origine, con la presenza del trofeo d'armi per i cavalieri uomini (per l'appunto denominati "cavalieri") e di un fiocco senza trofeo d'armi per le dame (anche il titolo più confacente alla natura non "guerriera" della donna) esprime un chiaro concetto che però oggi rischia di perdere parte del suo storico significato nel momento in cui quelle "dame" sono appunto dei militari, dei guerrieri che combattono per lo Stato indossando "armatura e spada". Sarebbero quindi da intendersi ancora "dame" oppure sono dei "cavalieri"?


Lo status militare e lo status equestre sono ontologicamente differenti... hanno di fatto dei punti in comune (l'arte della guerra... altri non me ne sovvengono) ma la cavalleria, per come si è evoluta nei secoli è mooooooolto di più. L'esempio è - e lo ribadisco con forza - riduttivo, frutto di una ermeneutica originale, visto che forza la logica, la storia, il diritto assimilando istituzioni tra di loro differenti elevando quella militare e declassando quella equestre. Un sillogismo (vieppiù semplice come quello, per una argomentazione efficace ci vuole molto di più) che si fonda su un presupposto errato (l'equiparazione tra istituti assai differenti) porta a conclusioni inevitabilmente errate... Poi la virulenza del personaggio che non accetta critiche, e che aggredisce il contraddittore con improperi di bassa lega, anziché confutare con argomenti validi le tesi avverse... è meglio perderlo che trovarlo. E' a causa di soggetti come lui che abbiamo perso importanti conoscitori della materia che erano il vero valore aggiunto del forum che assomiglia sempre più ad un prontuario per la patacca facile... e di questo sai che ti ritengo responsabile.
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9780
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: dame e uniformi

Messaggioda Tilius » sabato 1 aprile 2017, 15:04

nicolad72 ha scritto:Non condivido... per nulla.
L'interpretazione - assai originale per ermeneutica - svilisce l'autonomia statutaria degli ordini. Direi che debba essere rigettata senza se e senza ma.

Non penso che il preoccuparsi del dignitoso porto delle insegne di un ordine ne svilisca l'autonomia statutaria. Tuttalpiù sarà di sprone per l'ordine medesimo a provvedere alle adeguate revisioni statutarie onde determinare per le donne in uniforme l'utilizzo delle equipollenti insegne maschili. Cosa che ovviamente deve necessariamente essere definita per via statutaria, non potendo essere un arbitrio della Difesa o di qualsivoglia altro ente.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11699
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: dame e uniformi

Messaggioda Tilius » sabato 1 aprile 2017, 16:06

T.G.Cravarezza ha scritto:sono sempre stato e lo sono ancora contrario alla presenza femminile nelle Forze Armate, più per motivi pratici che non meramente filosofici.

Non ne sono certo (Nicola, help) ma ritengo che simili affermazioni possano essere perseguite in sede penale.
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11699
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Re: dame e uniformi

Messaggioda nicolad72 » sabato 1 aprile 2017, 17:42

Tilius ha scritto:
nicolad72 ha scritto:Non condivido... per nulla.
L'interpretazione - assai originale per ermeneutica - svilisce l'autonomia statutaria degli ordini. Direi che debba essere rigettata senza se e senza ma.

Non penso che il preoccuparsi del dignitoso porto delle insegne di un ordine ne svilisca l'autonomia statutaria. Tuttalpiù sarà di sprone per l'ordine medesimo a provvedere alle adeguate revisioni statutarie onde determinare per le donne in uniforme l'utilizzo delle equipollenti insegne maschili. Cosa che ovviamente deve necessariamente essere definita per via statutaria, non potendo essere un arbitrio della Difesa o di qualsivoglia altro ente.


Cosa che se accadesse violerebbe (svilendola) l'autonomia statutaria dell'Ordine Cavalleresco.
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9780
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: dame e uniformi

Messaggioda nicolad72 » sabato 1 aprile 2017, 17:43

Tilius ha scritto:
T.G.Cravarezza ha scritto:sono sempre stato e lo sono ancora contrario alla presenza femminile nelle Forze Armate, più per motivi pratici che non meramente filosofici.

Non ne sono certo (Nicola, help) ma ritengo che simili affermazioni possano essere perseguite in sede penale.


Per ora non ancora... ma se passa l'idea di certi reati d'opinioni sostenuti con forza da certe organizzazioni multicolor e da certe forze politiche potrebbe...
Immagine
Avatar utente
nicolad72
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 9780
Iscritto il: lunedì 30 ottobre 2006, 18:29
Località: Imperia

Re: dame e uniformi

Messaggioda Tilius » sabato 1 aprile 2017, 18:18

Tomaso, hai la Legge dalla tua. [dev.gif]
Maurizio Tiglieri
Immagine
Avatar utente
Tilius
Moderatore Forum Ordini Cavallereschi
 
Messaggi: 11699
Iscritto il: mercoledì 25 aprile 2007, 19:35
Località: Gefürstete Grafschaft Tirol

Precedente

Torna a Uniformologia



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite