Pagina 1 di 16

La famiglia più antica al mondo

MessaggioInviato: domenica 24 ottobre 2004, 15:31
da Alessio Bruno Bedini
Ho letto un libro di genealogia britannica e ho scoperto che esistono tutt'oggi discendenti di antichissimi re britanni e sassoni.

A semplice titolo di curiosità sapete quale sia al mondo la famiglia che possiede la genealogia documentata più antica?

In poche parole la più antica famiglia :wink:

MessaggioInviato: domenica 24 ottobre 2004, 16:34
da MMT
Caro sig. Bedini,
se sono vere quelle leggende che vogliono i Del Banzo discenti di uno dei tre Re Magi e i Massimo dalla Gens Fabia... oppure i Malspina le cui origini risalgono all'VIII secolo con Oberti In conte di Luni.

Per ora, così a memoria, mi vengono in mente queste Schiatte.


Michele Tuccimei di Sezze

MessaggioInviato: domenica 24 ottobre 2004, 16:56
da FP
Sarebbe bello sapere la famiglia che, tutt'ora esistente, ha menzioni più antiche...perchè alla fine ognuno di noi può poter discendere da un principe sassone o vichingo e non saperlo!! Chissà con quanti grandi nobili (ma anche povere e anonime persone...) saremo imparentati!!! :lol:

MessaggioInviato: lunedì 25 ottobre 2004, 13:13
da San Celestino
xxx

Antichità.......

MessaggioInviato: lunedì 25 ottobre 2004, 13:54
da Grimaldi
Egr. signori,
la domanda della discussione mi sembra molto interessante e gradirei apportarvi il mio piccolo contributo.
Vorrei comunque ricordare innanzitutto che l'umanità è tutta un'unica grande famiglia (e non è un concetto retorico ma dimostrato oggi grazie alla genetica) e che sarebbe davvero divertente conoscere la reale genealogia di ognuno.....
Ma veniamo al punto.
Qual'è la famiglia documentata più antica?
Nel mondo, stando al Libro dei guinness dei primati, sarebbe quella dei discendenti di Confucio (dicono VIII sec. a.C.), ma tutto sta a dimostrare se è vero, studiando le fonti e gli atti, generazione per generazione di questa casata che avrebbe dell’incredibile!
Altra casata antichissima è quella della famiglia Imperiale Giapponese, che avrebbe in Jimmu Tenno (VII sec. a.C.) il loro capostipide (http://www.cronologia.it/storia/mondiale/giapp000.htm).
Venendo all'Europa credo che la famiglia più antica (da ciò che mi risulta) sia quella discesa dai Capetingi, che deriverebbe dal Conte Lamberto (VII sec. dopo Cristo) e di cui i Borbone sono un ramo moderno (http://www.realcasadiborbone.it/ita/arc ... ero_01.htm).
La maggioranza delle famiglie “antiche” non arriva al medioevo, poche riescono a far risalire la propria genealogia in tale periodo (ma non prima dei sec. XII-XIII) e pochissime, rare davvero, le casate che arrivano alle epoche dei sec. X-XI.
In Italia credo che le casate più antiche che esistano siano pochissime; alcune di origine longobarda (come i Della Gherardesca) ed altre di origine locale, documentate nelle grandi città (come i Colonna, discesi dai conti di Tuscolo) o alcuni casati veneziani.
Invito quindi chi volesse a stilare con me un elenco più dettagliato delle famiglie italiane più antiche, sempre che ciò interessi a qualcuno.
Lasciamo però da parte le leggende di cui amavano adornare le loro origini remote i casati nobiliari (soprattutto quelli rinascimentali, secondo la moda del tempo) e lasciamo da parte i troppi casati “moderni” che NON possono dimostrare la loro genealogia per riallacciarsi con certezza storica a casati antichi.
A presto,


Giovanni Grimaldi

MessaggioInviato: lunedì 25 ottobre 2004, 14:55
da San Celestino
xxx

Genealogie storiche e altre di fantasia

MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2004, 16:17
da Grimaldi
Egregi signori,
la mia "proposta" di elencare tutti insieme le famiglie più antiche di cui si abbia notizia è riferita ovviamente solo alle famiglie attualmente esistenti e che possono provare, con documenti coevi, copie, trascrizioni e/o altro, tutte le loro generazioni, una ad una, fino al loro capostipite.
Quindi famiglie come i Massimo NON possono provare che discendono dalla ominima gens romana, così come altre famiglie non possono dimostrare di discendere da illustri casati (come, putroppo, gli stessi Degli Uberti, come ricorda nel suo celebre libro il dott. Pier Felice Degli Uberti, che non hanno i documenti che provano la loro genealogia fino ai Degli Uberti fiorentini).
Evitando questi casi, quindi, rilancio la mia proposta, nella convinzione che l'argomento possa interessare vari associati di questo forum.
A presto,

Giovanni Grimaldi

MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2004, 16:22
da San Celestino
xxx

Solo?

MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2004, 17:29
da Grimaldi
Sesta crociata? Dal sec. XIV quindi...?
Beh... ci sono casate ben più antiche......
Dovremmo limitare la ricerca ai secc. X-XII......
Aspettiamo volenterosi che ci informino, se vogliono, sull'argomento.
Ciao,

G.G.

Famiglie antiche

MessaggioInviato: martedì 26 ottobre 2004, 17:48
da Grimaldi
Egregi signori,
sulla scia della domanda che ha originato questa discussione vorrei dunque fare un appello a coloro che, se vogliono, possono apportare il loro contributo a questo argomento che, lungi dall'essere una futile "classifica" di antichità, è invece motivo di spunto e di riflessione per discutere criticamente su quali famiglie davvero, su basi storiche provate, possono davvero dirsi discendenti da casati di quasi mille anni.
Nelle indicazioni di tali casati dovremmo però porre il capostipite certo (e provato) e l'epoca in cui era vivente.
Per es. Caracciolo: Teodoro Caracciolo (Caraziolus) (+ 976), patrizio della città di Napoli.
A presto,

Giovanni Grimaldi

Famiglie antichissime

MessaggioInviato: giovedì 28 ottobre 2004, 14:26
da Grimaldi
Egregi signori,
continuando su questa interessante discussione, elenco alcuni casati dunque, anche dietro indicazione di amici.
(1) Alermaici e diramazioni (X secolo, Saluzzo e del Carretto i discendenti);
(2) d'Aquino (di origine longobarda, X secolo, e anche prima se discendenti dei principi di Capua),
(3) del Balzo (X secolo, se sono discendenti veri quelli attuali),
(4) della Gherardesca (di origine longobarda sec. X, anche se con incertezze genealogiche),
(5) Caracciolo (sec. X);
(6) Colonna (discesi dai Conti di Tuscolo, IX-X sec.);
(7) Obertenghi (e diramazioni Estensi, ecc., attuali Pallavicini + Malaspina ecc.) (X secolo),
(otto) Guidi (di origine longobarda X sec.),
(9) de Sangro (XI sec., ma discesi dai Conti dei Marsi)

Questi alcuni dei casati più antichi di Italia.
In attesa di aggiunte, saluto i signori del forum.

Giovanni Grimaldi

Re: Famiglie antichissime

MessaggioInviato: giovedì 28 ottobre 2004, 15:13
da Alessio Bruno Bedini
Grimaldi ha scritto:(1) Alermaici e diramazioni (X secolo, Saluzzo e del Carretto i discendenti);
(2) d'Aquino (di origine longobarda, X secolo, e anche prima se discendenti dei principi di Capua),
(3) del Balzo (X secolo, se sono discendenti veri quelli attuali),
(4) della Gherardesca (di origine longobarda sec. X, anche se con incertezze genealogiche),
(5) Caracciolo (sec. X);
(6) Colonna (discesi dai Conti di Tuscolo, IX-X sec.);
(7) Obertenghi (e diramazioni Estensi, ecc., attuali Pallavicini + Malaspina ecc.) (X secolo),
(otto) Guidi (di origine longobarda X sec.),
(9) de Sangro (XI sec., ma discesi dai Conti dei Marsi)



Sapevo dei 'Caracciolo', dei 'della Gherardesca' e naturalmente dei 'Colonna'

La famiglia più antica di mia conoscenza, però, resta quella di Ugo Capeto, il cui avo Roberto I nel 764 era Duca di Esbaye. Da lui ai giorni nostri dovrebbe esserci discendenza diretta e ininterrotta.

Credo pero che in europa esistano famiglie piu antiche. Si hanno notizie dei Merovingi e dei Carolingi?

MessaggioInviato: giovedì 28 ottobre 2004, 16:13
da fra' Eusanio da Ocre
Il vecchio frate ricorda che, secondo gli studi di alcuni ricercatori britannici svolti al'incirca 25 anni or sono, i toscani Ugurgieri sarebbero fra le famiglie italiane più antiche e tuttora fiorenti.

La loro ascendenza dovrebbe essere stata ricostruita fino all'XI secolo.

Bene :D valete

MessaggioInviato: giovedì 28 ottobre 2004, 17:23
da MMT
Caro Giovanni,
cosa intende al punto 3 a proposito dei del Balzo con "se sono discendenti veri quelli attuali"!?


Un saluto,
Michele.

Del Balzo........

MessaggioInviato: giovedì 28 ottobre 2004, 17:49
da Grimaldi
Caro Michele,
i Del Balzo attuali (Presenzano ecc.) reputano di discendere dai Del Balzo francesi, ramo dei Duchi d'Andria e sulla questione ci sono dubbi.
Le riporto la posizione degli studiosi del sito "Genealogie delle Dinastie Italiane"
http://www.sardimpex.com/files/DEL%20BALZO.htm

"Secondo alcune genealogie ottocentesche qui dovrebbe stare un certo Bianchino, capostipite dei del Balzo Duchi di Caprigliano e Presenzano. Il personaggio in questione è di dubbia esistenza perché non è menzionato da alcuna fonte coeva, non è citato neanche nel testamento di suo padre Francesco, né in documenti riguardanti i fratelli e non se ne ha notizia alcuna prima del 1615. Compare, improvvisamente, come capostipite nel processo del 615 (v. a tale proposito del Balzo di Presenzano/Caprigliano). Tutte queste circostanze fanno propendere per la sua inesistenza. Non appare mai citato neanche in testi o atti cinquecenteschi/seicenteschi. Nessuno dei vari autori del periodo (della Marra, Ammirato, De Lellis o altri) che si occuparono dei del Balzo mai citano dei discendenti, illegittimi o legittimi, del Duca Francesco I d’Andria con prole arrivata fino ai loro tempi. Il Serra di Gerace, l’unico autore che ha indagato a fondo i dati anagrafici delle casate napoletane utilizzando testi autentici (documenti depositati all’Archivio di Stato di Napoli), fa cominciare il filo genealogico sicuro dalla metà del XVI secolo. I del Balzo moderni appaiono documentati lacunosamente nelle cronache solo dalla fine XV secolo (dall’epoca di Re Ferdinando I) e già allora mancano prove della loro relazione con i celebri Duchi d’Andria. Per correttezza d’informazione riportiamo che altri autori, Antonello del Balzo, Noblemaire e Barthélemy considerano Bianchino come esistente e danno spiegazioni differenti in proposito alle prime tre, lacunose, generazioni dei del Balzo moderni)."

Questi quindi i dubbi in merito.

G.G.