Martucci - Martuzzi

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Caterini Carlo » mercoledì 21 luglio 2010, 14:33

Una famiglia Martucci fiorì anche a Pignola, in Basilicata nel XVI secolo con il nobile Martutio Martucci e si estinse con Ignazio Martucci che partecipò nel 1821 ai moti carbonari.
Era nel novero della famiglie nobili locali insieme ai Zenone, Vista, Tambello, Pulcino, Olita,Verga ecc.
Cordiali saluti.
Avatar utente
Caterini Carlo
 
Messaggi: 43
Iscritto il: martedì 25 maggio 2010, 15:09

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » sabato 31 luglio 2010, 18:33

Guido5 ha scritto:se si parla di varianti ortografiche penso che tu possa aggiungere, in alcuni casi, anche Marcucci e Marcuzzi, ma questo non significa - basta aver presente come si sono formati i cognomi in Italia - che si tratti sempre della stessa famiglia. ........
Guido5

GRAZIE GUIDO dello stemma del Marcucci ....non sapevo di questo Patriarca di Costantinopoli ...sai sto ricostruendo un "puzzle" e mi interessa un po' tutto, anche se son piu' propenso che i Marcucci c'entrino poco con la mia "famiglia".

In pratica anche le variante ortografiche servono, anche se mi interessano relativamente, mi servono come traccia di ricerca, comunque per affermare un dato vado cauto, affermo dopo aver verificato
(es: ieri sono ritornato in parrocchia a Cotignola per verificare 2 atti di nascita tralasciati in quanto "femmine", ma ora ho la sicurezza matematica (3 su 3) che il Giacomo denominato Marchuzzi a Bagnacavallo era un Martuzzi a Cotignola)

In pratica, dati alla mano, si puo' dire
-che i Marchuzzi/Marcuzzi/Marcucci locali (quelli di Faenza son da verificare) sono dei Martuzzi
-che noi Martuzzi di Bagnacavallo discendiamo dalla "famiglia Cotignolese", anche se non riesco a reperire l'anello di congiunzione, la prova è data dall'atto prodotto nel 1843 per il Conte Gaetano di Bagnacavallo (in passato c'era una certa moralità, per cui lo ritengo sufficientemente valido).
-che noi Martuzzi potremmo provenire da un ramo dei Martucci, è in fase di accertamento, di certo ho trovato ben più di un atto con scambio del cognome, ma il il dubbio rimarrà sempre a meno che non convinca Gildo Martucci al test/confronto del cromosoma Y).
-che il nome Martuzzi/Martucci sia patronimico senz'altro, ovvero di Martuzzo/Martuccio (il nome Martuzzo era assai presente nel 1300 vedasi pag.18 del mio PDF on line che fa riferimento alla pag.240 del 2° vol. "La nobiltà del regno delle Due Sicilie") che poi questo derivi da MART-MARTE dio della guerra è affascinante ma tutto da vedere.

in quanto ai Marcucci di Faenza, sto cercando di indagare in quanto non trovo traccia dei seguenti Martuzzi del ramo Cotignolese (certo la peste ha imperversato nel 1630 ...pero' non trovar traccia ....):
Antonio di Alessandro di Cotignola del 1605
Domenico di Alessandro di Cotignola del 1610
Carlo di Alessandro di Cotignola del 1613
Giovanni Battista di Paolo di Barbiano del 1617
Damiano di Marchionis/Marchionne di Barbiano del 1630
Antonio di Marchionis/Marchionne di Barbiano del 1631
Matteo di Martuzzo di Barbiano del 1629
... leggendo quanto cè scritto su "ville Faentine=>Secondo una tradizione orale riportata dali attuali proprietari, la villa appartenne fin dal XV sec. alla stessa famiglia Marcucci, originaria di Sarna e che ivi è sempre risieduta ...ovvero parrebbe famiglia a sè ... ma la ricerca continua :)

In quanto alla famiglia Martuzzo Trevigiana ... pare risieda a Treviso da lunga data ...la cronaca del Savorgnan pubblicata da Apostolo Zeno, «nel 829 Basilio Tribuno, Giovanni Martuzzo e gli altri nobiliori in numero di 30, per fedeltà al Doge Giovanni, usciti dalla patria nella chiesa di S. Martino eh' è posta presso la Mestrina nel luogo chiamato Strà ...

... in questa ormai lunga ricerca devo comunque SEMPRE RINGRAZIARE tutti quelli che mi hanno aiutato (tra cui più di una persona di questo forum) ... ancor oggi mi stupisco d'aver tovato tutto quanto ho trovato...io, un NON professionista, incredibile .... a tutti grazie


saluti
B.Martuzzi
Ultima modifica di Martuzzi il sabato 14 agosto 2010, 3:40, modificato 6 volte in totale.
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » lunedì 9 agosto 2010, 0:46

Martuzzi ha scritto:...(il nome Martuzzo era assai presente nel 1300 vedasi pag.18 del mio PDF on line che fa riferimento alla pag.240 del 2° vol. "La nobiltà del regno delle Due Sicilie") ...


Riprendendo la pag.18 del mio pdf online ...
La Martuccia (Mariella) de Candida (Filangieri),sposa di Guglielmo della Leonessa,
nipote di Martuccio Filangieri e figlia di Filippo Filangieri Signore di Lapio e Candida e di Maria di Capua, quest'ultima sorella di Martuccia di Capua, moglie di Filippo Stendardo ... INDICATA PURE COME MARCTUCZIE
(tratto da "La nobiltà del regno delle Due Sicilie,Vol.2 Di Erasmo Ricca pag.260" NOTARE che e i Filangeri "figli di Angeri" sono d'origine NORMANNA
e da "Annali delle Due Sicilie: dall' origine e fondazione della Monarchia, Volume 2 Di Matteo Camera pag. 377")

ho verificato che:
I signori De Candia (anche variante dialettale de Candie, Gancia o Candida), discendenti di Desiderio di Brescia, sono una antica famiglia nobile Longobarda di "Castrum Candiaco" nel Dauphiné/Francia ... entrò nel Piemontese a Candia Canavese, ... A partire dal 1242 sono presenti nel Mezzogiorno (Regno di Sicilia) e, dal 1700, nel Regno di Sardegna dove la famiglia trasferì la propria corte ... (fonte Wikipedia)

ebbene ...
ritornando ai Brienne ... I MARTUCCI VENGONO AL SEGUITO DI GUALTIERI VI di BRIENNE ... e il Gualtieri è un DE/di CANDIA !
vedi: http://it.wikipedia.org/wiki/Giovanni_di_Brienne
Giovanni de Candia, conte di Brienne, nato Jean de Candia-Nevers (1168? – Costantinopoli, 23 marzo 1237), (1246 – c.1260), Re di Gerusalemme
# Ugo di Brienne (c. 1260 – 1296), fratello del precedente
# Gualtieri V di Brienne (1296 – 1311), figlio del precedente, Duca d'Atene
# Gualtieri VI di Brienne (1311 – 1356), figlio del precedente



Anche se si trattasse di Candida Comune di Avellino x la Martuccia Filangeri
e di Candia=isola di Creta per i Brienne
...è una coincidenza ... sorprendente


che segue quest'altra strana coincidenza ...una stampa del mio Paese appesa a fianco della Chiesa della Pergola-Faenza http://img705.imageshack.us/f/pergola.jpg/ (dopo verifica è risultata insignificante ma comunque strana)

VEDASI ANCHE topic DE CANDIA: http://www.iagiforum.info/viewtopic.php?f=3&t=11902
Ultima modifica di Martuzzi il mercoledì 7 dicembre 2011, 18:52, modificato 1 volta in totale.
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda pierluigic » giovedì 26 agosto 2010, 11:05

.



Stimolato dal topic sui Tuzzi sono finito a Guardare il Topic sui Martuzzi = Martucci


La famiglia Martuzzi e' sicuramente molto interessante



Premesso che trovo il legame dei Martuzzi di Bagnocavallo con i Martuzzi di Cotignola di alta probabilita' anche se deve essere trovato il punto di congiunzione genealogico.

Premesso che ritengo giusto indagare a 360 gradi ed anche su cose apparentemente irrilevanti e approvo in via di ipotesi qualunque interpretazione anche la piu' ardita


Vorrei far notare alcune incongruenze che a me sono parse esservi nel discorso

Il sito sui Martucci di Canosa Sannita (CH), non e' attendibile nella esposizione dei fatti infatti cio' che e' detto in una pagina e' contraddetto in un'altra fornendo cronologie diverse ( a parte che l'anno della cacciata del Duca d'Atene e' il 1343 e non il 1342 ( ma questo puo' essere un refuso ).


Poi

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Libri Google

Nell'almanacco nobiliare del napoletano di Enrico Detken 1890

Martucci (Passata all'Ord. di Malta — Resid: Napoli ed Altamura) Per quanto si attesta da antichi e reputati scrittori questa famiglia è di origine greca e venne in Italia seguendo il Duca di Atene. ...



------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Quindi gia' i Martucci napoletani si attribuiscono legami col Duca di Atene .
Chi sbaglia ? Oppure che legami ci sono tra le due stirpi ?


Quali sono i documenti su cui e' basata la presenza dei Martucci a Firenze nel 1343 ? e su che cosa e' basata la loro egira in mezza Italia ?

Alcuni Martucci in fuga da Firenze si spostano a Cotignola e di qui a Bagnocavallo altri a Canosa Sannita e altri a Rossano ( oppure meglio altri da Cotignola si spostano a Canosa e altri a Rossano) E' difficile supporre un cammino inverso :

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

MARTUZZI ANTICA FAMIGLIA DI COTIGNOLA ISCRITTA NELL'ELENCO DEI NOMI NEL 1407

I Martuzzi erano annoverati con gli Attendoli fra i “PRIMI HOMINES” ai quali il pubblico di Cotignola
aveva concesso il privilegio di inserire il COTOGNO nel proprio stemma.

Nel secolo XV “Aurelius Martutius Cotiniolae” è menzionato come capitano dello Sforza;


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Lo stemma col cotogno e' evidentemente legato a Cotignola

Viene da Lei proposto uno stemma inquartato con leone e albero come stemma originario dei Martuzzi di Cotignola


Un ricordo del cotogno , teoricamente , se lo portano dietro i Martucci che si spostano a Rossano che lo mutano in pino e aggiungono una martora ma lo stemma rimane molto simile
( Non ho capito pero' quale sia lo stemma dei Martucci di Canosa )


Piu' tardi i Martuzzi di Bagnocavallo ( nell'ottocento ) presentano uno stemma del tutto diverso contenente un cotogno una capra un ramarro


Il conte Martuzzi aggiunge un cavaliere a terra ed un cavallo

In definitiva : a me viene da pensare che l'inquartato sia un errore di chi ha redatto lo stemmario e che ha confuso i Martuzzi con i Martucci



In definitiva un ipotesi Martuzzi = Martucci che necessita' di elementi documentari , mentre nel nostro caso quasi tutti gli elementi sono basati sul " si dice " e su ipotesi senza prova




Come premesso dato che in passato anch'io ho fatto le stesse cose nell'ebbrezza della ricerca , lanciandomi in ipotesi arditissime ( battendo pero' molto spesso di naso ) , trovo questa ricerca molto stimolante .

So che talvolta le ipotesi ardite sono il motore senza cui il passo della ricerca si farebbe lento

Quindi , per esperienza personale , invito il sig Martuzzi a seguitare , cercando pero' di definire le conclusioni solo sulle prove documentali evitando di fidarsi dei "si dice" e degli eruditi dei secoli scorsi che troppo spesso non documentavano i loro studi . Insomma comunque mettere in dubbio continuamente tutta la costruzione cercandone i punti deboli .



Un saluto
Pierluigi


.
pierluigic
 
Messaggi: 924
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » giovedì 26 agosto 2010, 20:57

pierluigic ha scritto:... In definitiva un ipotesi Martuzzi = Martucci che necessita' di elementi documentari , mentre nel nostro caso quasi tutti gli elementi sono basati sul " si dice " e su ipotesi senza prova ...


Salve Pierluigi, ti (scusa del "tu" ma noi vecchi siam portati a dar del "tu" a tutti)
invito a guardare da pagina 16 a pagina 19 di questo mio PDF
http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI_STORY.pdf

vedrai che ho più di una prova documentale che il nome Martuzzi era intercambiabile con Martucci
per cui siamo sicuramente dei Martucci che in Romagna hanno avuta una propria "autonomia"
si badi bene, non abbiamo nulla da invidiare ai Martucci attuali, anzi si impreziosicono loro.

Dopo questi ritrovamenti ho cercato di seguire un filo logico ...
e per quanto attesta il Dott.Gildo Martucci, non ho motivo di dubitare ciò che mi ha detto
(sò che si e' iscritto a questo forum recentemente ... per cui eventualmente se vuole documentare, spetta a lui
... la sua "famiglia" è imparentata con quella di Rossano Calabro e sò che sta cercando notizie sulla sua trisnonna, la contessa Muñoz Miranda De Olivedo, spagnola del metà Ottocento ... non sò poi se questa sia imparentata con il Felez Muñoz, NIPOTE DEL CID Campeador)


Da parte mia sui Martucci ho più volte detto che sono ipotesi e curiose coincidenze,
comunque tutte le ipotesi che ho proposto sono suffragate da testi piuttosto antichi

così come per il suffisso Mart, che è di facile associazione a Marte, io non escludo altra ipotesi,
anzi io propendo che possa provenire dalla parola greca MARTYS (viene pronunciata MARTUS)
... sia in Grecia che in Castiglia (vedi LIBRO 13 DELL'APOCALISSE) ha il significato di "martureo" DARE TESTIMONIANZA
per cui non è da escludere l'unione di MARTUS con TUCCI (Dare testimonianza di Tucci ... inteso come Tucci "città")
... vedasi: http://www.solagrazia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=77:apocalisse-sdt&catid=34:documenti&Itemid=68(L’Apocalisse è il libro del “martirio” anche in un altro senso, quello che riguarda più direttamene l’etimologia di questo termine. I cristiani sono un popolo di “testimoni” di Cristo, grande e supremo «testimone» (martys) (Apocalisse 1:5; 3:14)) ...

mi sono spostato nella ricerca in Spagna seguendo l'ipotesi Catalana...e da qui sono sceso in Andalusia e ho trovato questa Martos ex Tucci ....piuttosto particolare ...

naturalmente è un'ipotesi (ma con più di un'ipotesi convergenti ...)

saluti
B.Martuzzi

P.S.
Sapevo della data sbagliata di un anno, e l'ho precisato nel mio pdf, ma io ho riportato quanto scritto nel sito web, e sicuramente è stato preso l'anno dell'insediamento a capo della Signoria e non la sua cacciata (ma non cambia la sostanza)
come so' dell'errata indicazione della legione III al posto della 4 Macedonica nel sito Spagnolo che faccio riferimento (ma anche se manca una semplice I, non cambia ... in "Corpus inscriptionum Latinarum, Volume 2 è regolarmente scritto "Legiones ... IIII ..." )
Ultima modifica di Martuzzi il lunedì 3 gennaio 2011, 20:36, modificato 10 volte in totale.
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda pierluigic » giovedì 26 agosto 2010, 22:07

.


E' effettivamente molto meglio il tu

Non riesco ad aprire il tuo pdf --non so perche' ----

Io credo ci sia differenza tra la forma volgare e la forma latina di un cognome

La forma latina serviva sugli atti ed era talvolta alterata in modo anche vistoso dal notaio o dal prete
La forma volgare non cambiava perche' era quella con cui erano gli altri a chiamarci

Ovviamente i figli di Martuzzo erano i Martuzzi

I Martucci erano i figli di Martuccio e non poteva esserci errore specie in piccole localita'

Emigrando in luoghi diversi poteva darsi che gli altri corrompessero il nostro cognome e ci sta Martuzzi=Martucci


Non capisco perche' ti avvii su un terreno cosi impervio come quello dei Tucci .

I nostri cognomi cominciano a nascere nel XII--XIII secolo per affermarsi poi solo col concilio di Trento

Non ho esperienza di genesi cosi elaborate

--------------------------------------------------------------------

così come per il suffisso Mart, che è di facile associazione a Marte, io non escludo altra ipotesi,
anzi io propendo che possa provenire dalla parola greca MARTYS (viene pronunciata MARTUS)
... sia in Grecia che in Castiglia (vedi LIBRO 13 DELL'APOCALISSE) ha il significato di DARE TESTIMONIANZA
per cui non è da escludere l'unione di MARTUS con TUCCI (Dare testimonianza di Tucci) ....seguendo l'ipotesi Catalana mi sono spostato nella ricerca in Spagna ...e da qui sono sceso in Andalusia e ho trovato questa Martos ex Tucci ....piuttosto particolare naturalmente è un'ipotesi (ma con più di un'ipotesi convergenti si crea poi la realtà)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

perche' insisto NON SIAMO NOI CHE CI DIAMO UN COGNOME MA SONO GLI ALTRI e lo fanno molto ma molto semplicemente

il figlio del fabbro
il figlio del rosso
il figlio del milanese
il figlio di Peruzzo
dall'osteria
………………………………………….


Mi piacerebbe molto parlare col conte Martucci per capire la storia dei nove Martucci a Firenze ,sono appassionato di storia fiorentina e la cosa mi sfugge.



Per il resto come ti ho detto trovo la storia dei Martuzzi molto molto interessante





Un caro saluto pieno di simpatia per il lavoro che stai facendo e per l'entusiasmo quasi quasi piu' grande del mio

Pierluigi


.
pierluigic
 
Messaggi: 924
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » domenica 24 ottobre 2010, 11:19

Almeno è affascinante che il mio cognome derivi dalla parola greca Martys ( μάρτυς pronuncia: Martus )
e che

"martys", "martyrion", "martyria" e i verbi corrispondenti indicano il testimone, la prova, la testimonianza e sono largamente usati dagli oratori attici e dagli storici: perché la storia è una narrazione fondata su testimonianze e prove, una narrazione che deve dare ragione di ciò che narra, a differenza della favola, dell'epica, del romanzo, che come la storia narrano, ma ciò che non è mai avvenuto o che può avvenire, non ciò che è avvenuto: la storia narra il probabile, ciò di cui si possono fornire le prove, e che può essere anche inverosimile, non il possibile o il verosimile.

(riporto questa frase senza modificare una virgola....tratta da un'interpretazione del passo dell'Apocalisse ma che poi è il fine a cui miriamo tutti noi ... )

saluti
B.Martuzzi
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda giemme43 » sabato 1 gennaio 2011, 21:32

Cari signor Pierluigic e Martuzzi, scusate per il ritardo con cui rispondo alla vostra "chiamata", ma solo oggi per caso cercando notizie sulla mia trisavola paterna di origini spagnola Munez Miranda de Olivedo, mi sono imbattuto nella discussione. Per quanto riguarda la curiosità sullo stemma della mia famiglia, è visibile nella home page del sito del Museo di famiglia. In riferimento ai legami con i Martucci Marchesi di Scarfizzi di Rossano calabro(Marchesi di Scarfizzi da eredità Malena, Maria sposò Saverio Martucci). Inoltre sulla nostra antica tomba di famiglia una lapide ricorda Aprigliano Calabro ( le due località non sono distanti, sempre in provincia di Cosenza, e gli Scarfizzi ad Aprigliano possedevano grandi appezzamenti di terreno). Per quanto rigurda le fonti si tratta solo di notizie orali tramandate nella famiglia. Purtroppo i miei antenati dediti tutti completamente all'arte della guerra, non si sono mai interessati ad effettuare delle ricerche sulle origini della famiglia. Distinti saluti e buona "caccia" ! Cap. Giemme43
giemme43
 
Messaggi: 1
Iscritto il: lunedì 16 agosto 2010, 22:42

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » domenica 21 gennaio 2018, 19:06

Mi è ricapitato di riguardare gli stemmari faentini ... ora online ... e devo riferire che avevo tralasciato lo stemma indicato nello stemmario Baccarini in quanto era indicato come Martucci e a prima vista poteva sembrare la martora dei Martucci accanto all'albero ...ma ad un più attento esame devo precisare che è sicuramente raffigurata la capra saliente ...in quanto pure la fascia è esattamente bianca con stelle d'oro e non rossa con stelle d'argento ...Immagine Il puzzle si sta ricomponendo

Un saluto
B.Martuzzi
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » martedì 17 dicembre 2019, 14:43

Ultimo e probabilmente conclusivo aggiornamento della mia ricerca genealogica
https://www.academia.edu/41334597/MEMORIA_GENEALOGICA_DELLA_FAMIGLIA_MARTUZZI_Vers.4.0.2020
è stato un lavoro impegnativo ma altamente appagante ...

Un doveroso ringraziamento ai tanti frequentatori di IagiForum che mi hanno fin qui aiutato,
e un sincero augurio di buone feste
B.Martuzzi
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » martedì 11 febbraio 2020, 19:01

Ultimo ritrovamento:
Un jovanni Martucci in Romagna nel 1200 (0vvero non è il classico nome medievale, ma è già cognome, non è latinizzato ed è presente ben prima dell'arrivo di Galtieri di Brienne a Firenze nel 1342)
https://books.google.it/books?id=vwNAAAAAcAAJ&pg=RA1-PA331&dq=rimino+martucci&hl=it&sa=X&ved=0ahUKEwjKztGu-MnnAhULcZoKHdBjDdkQ6AEIKzAA#v=onepage&q=martucci&f=false
Nell'atto notarile riportato in questo libro del 1617, Fiorenza (ovvero Fiorenzuola di Forcara, Castello cinque miglia distante da Pesaro) si pose sotto la protezione di Rimini, e fu celebrato il tre di dicembre dell'anno millesimo duecento nella Cattedrale Santa Colomba di Rimini.

saluti
B.Martuzzi
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda pierluigic » mercoledì 12 febbraio 2020, 15:34

scusami
ma come fai ad affermare che quel Giovanni Martucci e' un cognome ?
E' una lista di nomi che possono essere benissimo dei patronici cioe' Giovanni figlio di Martuccio
solo l'ereditarieta' permette di distinguere il cognome , il che implica conoscenza dei documenti coevi e non conoscenza di un solo documento

Poi spiegami finalmente questa fantasia dei nove fratelli Martucci che fuggono da Firenze alla cacciata del Duca di Atene
(su cui tu basi molte delle tue considerazioni )
Mi dici quale documento coevo la conferma ? Non citare eruditi ne tradizioni orali cita documenti verificabili e coevi (ASFirenze )
( Del governo del Duca di Atene si conosce molto quindi molto e' verificabile )
In mancanza e' solo una delle tante favole che la nobilta' amava costruire nei secoli xvi --xix quando la ricerca genealogica era sempre al limite col fantastico
Fantasie tutte tramandate senza straccio di prova se non a mezzo affermazioni erudite ( molto interessate ) che oggi fanno solo sorridere
pierluigic
 
Messaggi: 924
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda Martuzzi » mercoledì 12 febbraio 2020, 17:40

Probabilmente “pierluigic” non hai letto la mia ricerca,
Al punto numero 1° scrivo :
Potrebbe essere verosimile l’ipotesi che uno dei nove fratelli Martucci, (link di riferimento alla pagina web Museo della guerra) ...
devo puntualizzare però che non si ha la prova documentata sull’affermazione del numero dei fratelli, il Dott. Gildo Martucci, proprietario del palazzo-museo cinquecentesco di Canosa Sannita non ne è certo e non esclude la mia supposizione che possa essere un numero simbolico (come le 9 monete del ns. stemma, potrebbero rappresentare le 9 palle visibili della corona da Conte).

In quanto al cognome … per me un nome al seguito di un’altro nome nel periodo che và dal X al XII secolo è rappresentativo di un gruppo familiare … (il cognomen infatti poteva essere originato dal nome paterno o materno, da un soprannome, dalla nazione o dalla località di provenienza, dal mestiere o dalla professione).

Con questo NON dico che il Martucci indicato in data 1200 sia del mio stesso gruppo familiare; Come NON dico che la “famiglia” sia di origine greca o Catalan/spagnola... anzi quel ritrovamento lì mette proprio in dubbio tutto.
Dico solo che ho trovato varie strane coincidenze … e più coincidenze trovo pìù aumentano le probabilità che possono essere vere … ma son ben conscio che è praticamente impossibile da provare e/o da smentire…

In quanto alle certezze … non son certo neppure di quello che dice lo Spreti e il Crollalanza (visto che entrambi hanno indicato la data errata del passaggio della famiglia da Cotignola a Bagnacavallo). Di certezze documentali per linea diretta arrivo solo fino al 1623 …
x cui non farmi dire cose che non ho mai detto ...

saluti
B.Martuzzi
MEMORIA GENEALOGICA DEI MARTUZZI (Monografia in OPAC Forlì)
L'ultimo versione del pdf, completo di FamilyTree, è a fondo pagina in:

http://xoomer.virgilio.it/sir_io/Martuzzi/MARTUZZI.htm
Avatar utente
Martuzzi
 
Messaggi: 115
Iscritto il: mercoledì 19 novembre 2008, 23:33
Località: Romagna

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda pierluigic » mercoledì 12 febbraio 2020, 21:16

ho letto
quello che dico e' un opinione fanne quello che vuoi

Non ti contesto il numero dei fratelli ti contesto la presenza di individui Martucci a fianco del Duca di Atene a Firenze
Quindi o hai un documento coevo che provi che io mi sbaglio oppure e' una favola

cognome
per me il nostro e' Giovanni figlio di Martuccio fino a prova contraria e non indica nessuna famiglia Martucci
Fino al secolo xiii ed oltre era preponderante l'individuazione attraverso il patronimico
prendiamo un individuo di nome Anastasio figlio di Procopio di Tizio di Caio di Sempronio
troviamo sui documenti in sequenza
Anastasio Procopi Tizii o Anastasio Procopi
nelle generazioni precedenti
Procopio Tizii Cai o Procopio Tizii
Tizio Cai Semproni o Tizio Cai
Caio Semproni x o Caio Semproni
veniva usato un latino volgarizzato , e non il latino classico
E' per questo che superata la soglia del cognome e' cosi difficile trovare i legami genealogici sempre piu' a rischio omonimia e nella morsa dei patronimici

errori sugli atti
tieni conto che per l'Italia i secoli dal XVI al XIX sono stati secoli di analfabetismo ( la gente era piu' istruita nel XV e nel XIV ) se il notaio o il prete sbagliava il nome difficilmente i contraenti erano in grado di correggere
Quindi gli atti vanno guardati con analisi del documento accettando la presenza anche di eventuali errori


Crollalanza e compagni .........tuttologi della genealogia scrivevano raffazzonando relazioni di collaboratori , scritti eruditi , tradizioni orali , favole ed invenzioni Oggi rappresentano un modo superato ( non piu' valido ) di fare genealogia
Sono affidabili ? Contengono del vero e contengono del falso , dato che raramente documentano quello che scrivono vero e falso sono scarsamente distinguibili. Sono inaffidabili ma servono ugualmente se utilizzati con buon senso
Non sono pero' fonti accettabili senza la prova documentaria

Per ultimo ancora sul cognome
salvo eccezioni che confermano la regola non siamo noi ma sono gli altri a darcelo e per cause scarsamente lambiccose ma molto immediate
il cognome e' il sistema di coordinate con cui gli altri ci incasellano nella loro mappa mentale . Nella loro mappa non nella nostra
Con la possibilita' che prima e dopo negli spostamenti da un luogo all'altro il cognome sia cambiato , ma questo lo vedi seguendo un filo genealogico
pierluigic
 
Messaggi: 924
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

Re: Martucci - Martuzzi

Messaggioda pierluigic » giovedì 13 febbraio 2020, 9:57

Insomma
la tua ricostruzione storica e' una bella ricostruzione
credo che tu debba evitare cose che al momento non c'entrano per non renderla dispersiva e poco credibile
( Marte , i Greci , il Duca di Atene e altre disquisizioni poetiche , gli stemmi ............. capisco benissimo che stai facendo delle ipotesi e che stai facendo brainstorming ma sinceramente non e' facile poi distinguere i fatti concreti )
Penso che visto l'ambito ristretto dei luoghi i tuoi Martuzzi abbiano buone probabilita' di essere questi Martuzzi di Cotignola
La famiglia Martuzzi di Cotignola e' sicuramente una famiglia storica e tu ne stai conservando la memoria
Quindi hai farina con cui lavorare e non ti servono le invenzioni

Per quanto riguarda il Martuzzi trasferitosi nel Napoletano come da affermazioni del Crollalanza qualche traccia documentale dovrebbe esserci
Il fatto che si dia un periodo di estinzione porta a pensare positivo ed inoltre che il cognome fosse stato mantenuto anche nel Napoletano
Magari domandando a qualche ricercatore universitario di storia napoletana qualcosa salta fuori

Penso che i Martucci che tu hai contattato siano famiglie completamente diverse
Come ti ho detto ritengo una invenzione la storia dei Martucci col Duca di Atene a Firenze , Senza base documentaria storica
e quindi al momento non hai agganci per alcuna consorteria con loro

Hai sul sito una collocazione per gli allegati , aggiungi una sezione per le ipotesi di lavoro e relega questo tuo brainstorming in quel luogo
pierluigic
 
Messaggi: 924
Iscritto il: lunedì 5 settembre 2005, 22:40
Località: la spezia pierluigi18faber@libero.it

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti