CARTA: centro-nord Sardegna

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » domenica 14 dicembre 2014, 20:16

Per Lidia Carta: Grazie per le notizie sulla storia feudale della zona. Ecco, il Galcerando Requesens che hai citato non era parente stretto di altri Requesens documentati nel 400 nell'oristanese e nel resto dell'isola (ma altri erano parenti di quello).
A proposito, hai notizie di Galisay del Guilcer e dintorni? Mi chiedo se quelli recenti discendano da ramo equestre Galisay che si radicò in quella zona.

In Google Libri non trovo più il riferimento, l'altro giorno ricordavo male il nome, ma comunque mi ero segnato i dati:
il capitano di Cavalleria del Guilcer si chiamava Liberato Carta, viene detto di Aidomaggiore. Viene citato per la seconda metà del '700.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » mercoledì 18 febbraio 2015, 18:21

Per Vincenzo

dopo lungo riposo, ho ripreso in mano gli appunti relativi ai Carta di Ghilarza. Nell'elenco dei battesimi ho trovato un certo Francisco Carta - Pala, nato nel 1637 e figlio di Nicolau Carta y Caderina Pala. Lo ritrovo poi con la qualifica di notaio citato come testimone di un battesimo . Chissà se questo Nicolau sposato con una Pala, nato chissà dove intorno agli anni 1610-20, quindi n in un periodo precedente rispetto al Nicolau Carta fratello del tuo avo Filippo Carta, ti risveglia qualche associazione con Bolotana o si tratta di una pura coincidenza il fatto che si sposi addirittura con una donna dallo stesso cognome ? Un cognome questo, Pala, che mi sembra non presente nel Ghilarzese....., ma chissà !
Trovo poi questo nome Nicolay o Nicolas ripreso per tutto il 1700 nelle discendenze dei Carta di Ghilarza, compresi i miei avi.
Ciao

Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » giovedì 9 aprile 2015, 22:19

A mio avviso la presente ricorrenza storica è da postare nel presente topic, poiché rappresenta, in riferimento al XI sec., l'imminente inizio delle più antiche testimonianze documentali del cognome Carta (e di altri antichi cognomi); "l'alba" della storia, se non delle famiglie Carta, perlomeno del cognome, dato che il periodo remoto e le lacune documentali non consentono collegamenti genealogici tra il XII sec. e il '400/'500. È in programma anche un convegno.

ANNO 1065
Era il 1065 quando il Giudice di Torres Barisone I fece dono all'abate Desiderio di Montecassino (il futuro papa Vittore III) delle chiese di S. Maria di Bubalis e di S. Elia di Monte Santo "cum integro ipso monte" (il sito di S. Elia di Monte Santo fu testimone di una antica rivolta di servi e ancelle, compresa almeno una ancella Carta, la quale esibì un documento che provava antichi possessi dei suoi avi, e per tale motivo chiedeva di essere affrancata). La pergamena che testimonia la donazione, redatta nella reggia giudicale di Ardara dal chierico sardo Nicita e conservata nell'archivio di Montecassino, costituisce il più antico documento scritto del Medioevo sardo.
Agli inizi del XV secolo la monaca Antonia, una delle ultime abitanti del monastero benedettino femminile di San Pietro di Silki, parte per un pellegrinaggio in Terra Santa per genuflettersi davanti al Santo Sepolcro e non ritorna più. La sua scomparsa segna la fine definitiva di un'epoca (società curtense), ma coincide con l'inizio della storia delle famiglie (Carta, Satta, Tola etc...) citate nel presente topic e in altri topic del forum.

Immagine

(fonte notizie e immagini: MIBACT Sardegna, http://spazioinwind.libero.it/siligo/montesanto.htm , http://commons.m.wikimedia.org/wiki/Fil ... _Enoch.jpg , http://commons.m.wikimedia.org/wiki/Cat ... du_(Siligo) , http://ilmulinodeltempo.blogspot.in/201 ... ennor.html )
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » lunedì 13 aprile 2015, 18:59

Per Salvennor,

grazie molte di questa preziosa informazione che hai postato sulle prime origini del cognome, ma parli anche di un prossimo convegno su questo tema ? Mi farai sapere eventualmente la data ?
Saluti

Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » lunedì 20 aprile 2015, 10:01

Per Lidia
Scusa il ritardo.
Il notaio Carta-Pala Giovanni Francesco di Bitti,certifica le convocazioni per il Parlamento Montegliano (1698/1699),ricevute da Maria Pirellas,ufficiale della cotrada di Bitti.In seguito firma le deleghe di Don Salvatore e Don Gavino Satta in favore del proprio fratello Giovanni Francesco dimorante a cagliari,nativo di Bitti.Purtroppo non ho pututo controllare i registri parrocchiali di Bitti,mancano dal 1602 al 1662.Nel registro delle confessioni del 1739 ho trovato una Catalina Carta-Pala dell'eta di anni 53(1682).Una Gabriella Pala-Carta di 40 anni,coniuge ed i figli Don Pedro Maria,Maria Antonio Satta Appellu-Pala Carta.Sono presenti Carta Agostino e Carta Gaspare notai a Bitti.Il notaio Francesco Carta è stato convocato al Parlamento Camarassa.Da notare che i Carta sono sposati co i nobili Satta.Dejua e Fois. Il comune di Bitti confina con Benetutti.
Saluti
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 103
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » mercoledì 22 aprile 2015, 16:19

Per Vincenzo
molte grazie per questa tua risposta...Davvero singolare questa analogia tra il Francesco Carta Pala nativo di Bitti e quel Francisco Carta Pala nato a Ghilarza nel 1637 e notaio a sua volta. Questo potrebbe essere il padre di una certa Lucrezia Carta che si sposa poi stranamente a Cagliari con un Medau di Ghilarza e del cui matrimonio abbiamo già discusso con Salvennor. Inoltre a Ghilarza tale nome si ripete per gran parte del 1600: nel 1630 con Francisco Carta Sotgiu e nel 1676 con Juan Francisco Carta Pinna e ancora é esisitito un Carta Juan Francisco notaio pubblico itinerente che esercitava nella vicina villa di Nughedu tra il 1694 e il 1698 .
Juan Francisco Carta Pinna potrebbe essere un mio avo, ma ancora ho solo indizi e non certezze.
Ti ringrazio davvero molto per queste preziose informazioni che m' inducono a supporre comunque un'affinità dei Carta di Ghilarza con quelli del Goceano e del Nuorese.
Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » sabato 13 giugno 2015, 18:23

Nel web ho rilevato il seguente testo:

Il viceré Antonio Lopez Ayala Velasco, conte di Fuensalida, accorda a Tommaso Carta di Benetutti l'autorizzazione di rimettere in buono stato quelle terme, già funzionanti ai tempi dei Romani, di ricostruire le case ancora in piedi e di stabilirvisi con la sua famiglia. Questo in considerazione delle rovinose condizioni finanziarie in cui si trova e per i servizi resi da venti anni votando nei Parlamenti in favore del sovrano.
Vieta però allo stesso Carta di domandare compenso alcuno ai bagnanti e di poter accettare solo qualche amichevole regalo.
(fonte http://m.lanuovasardegna.gelocal.it/reg ... -1.7575990 )

Mi chiedevo che senso abbia tale concessione Reale, e soprattutto che senso abbia la richiesta del citato Tommaso Carta, in gravi difficoltà economiche, dato che non aveva il permesso di lucrare sull'attività delle terme.



Inserisco una sintesi grafica dei parlamentari Carta partecipanti alle Cortes di fine '600 (Parlamento Montellano). Appena ho tempo la modifico, perché mi sa che ho mischiato alcuni Carta di Cagliari nobilitati autonomamente, a quelli della linea di Francesco Carta (concess. 1520). E comunque siete invitati a segnalare errori e imprecisioni. (fonte forum IAGI, topic Carta-Centro Nord Sardegna).

Immagine
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda dengy » martedì 4 agosto 2015, 0:19

Salve a tutti. Sono appena iscritta al sito e pertanto vi prego di scusare eventuali richieste improprie.
Cercando notizie genealogiche sulla mia famiglia mi sono imbattuta in questo splendido sito e colgo l'occasione per fare a tutti voi i più sentiti complimenti per la passione e la professionalità delle vostre ricerche.
E' così che mi sono imbattuta (pag 26) con il cognome Calamida.
Qualcuno ha qualche informazione da darmi?
Io so che esistono due rami, uno della zona del Sulcis Iglesiente (Teulada, Villarios, Cagliari) ed uno di Nuoro (Oliena) e non mi è riuscito di trovare un legame fra loro. La mia ricerca comunque verte sul ramo di Teulada e Villarios e sono riuscita a risalire ad un Bernardo Calamida, figlio di Efisio, sicuramente di Villarios di cui so che due dei numerosi figli, Giuseppe e Giovanni Battista, si trasferirono a Teulada già nel 1850 ca.
Un altro dei figli di Bernardo era Efisio, curato di Masainas. Invece di Giuseppe e Giovanni Battista ci sono tracce nei registri civili (matrimoni, nascite e morti) di Teulada poichè entrambi firmavano e trascrivevano gli atti come fossero ufficiali dello stato civile.
Grazie di cuore.
dengy
 
Messaggi: 1
Iscritto il: martedì 28 luglio 2015, 0:10

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » lunedì 31 agosto 2015, 20:19

dengy ha scritto:Salve a tutti. Sono appena iscritta al sito e pertanto vi prego di scusare eventuali richieste improprie.
Cercando notizie genealogiche sulla mia famiglia mi sono imbattuta in questo splendido sito e colgo l'occasione per fare a tutti voi i più sentiti complimenti per la passione e la professionalità delle vostre ricerche.
E' così che mi sono imbattuta (pag 26) con il cognome Calamida.
Qualcuno ha qualche informazione da darmi?
Io so che esistono due rami, uno della zona del Sulcis Iglesiente (Teulada, Villarios, Cagliari) ed uno di Nuoro (Oliena) e non mi è riuscito di trovare un legame fra loro. La mia ricerca comunque verte sul ramo di Teulada e Villarios e sono riuscita a risalire ad un Bernardo Calamida, figlio di Efisio, sicuramente di Villarios di cui so che due dei numerosi figli, Giuseppe e Giovanni Battista, si trasferirono a Teulada già nel 1850 ca.
Un altro dei figli di Bernardo era Efisio, curato di Masainas. Invece di Giuseppe e Giovanni Battista ci sono tracce nei registri civili (matrimoni, nascite e morti) di Teulada poichè entrambi firmavano e trascrivevano gli atti come fossero ufficiali dello stato civile.
Grazie di cuore.


Salve. Per ora relativamente ai Calamida non dispongo di notizie diverse dalle poche riportate nel presente forum. Dunque, ricapitolando, le più antiche notizie relative ai Calamida risalgono alla seconda metà del '600. Sembrerebbe una famiglia originaria di Cagliari, precisamente del quartiere fortificato di "Marina" ("La Pola"). Da quanto ho capito i (pochi) appartenenti a tale famiglia erano (se ricordo bene) argentieri e notai (periodo inizi '700-inizi '800). Inoltre se cerca tramite Google Libri trova qualche notizia relativa alla seconda metà '800, soprattutto per la zona del Sulcis (forse i personaggi che ha citato).
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » lunedì 31 agosto 2015, 20:27

A proposito dei Carta delle linee equestri, recentemente ho scoperto che esistono ulteriori famiglie/persone discendenti probabilmente dal Francesco Carta del 1520. Alcune vivono in prov. di SS, altre erano residenti a Cagliari ma si sono trasferite, e altre persone sono residenti nella penisola. Almeno parte di queste persone discendono da personaggio censito in elenchi nobiliari precedenti al 1830. In tutto dovrebbero essere circa 15 o 20 persone. Parte di questi non sapevano con precisione la loro ascendenza. I loro avi ottocenteschi erano residenti nella zona "alto oristanese-barbagia occidentale".
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » giovedì 10 settembre 2015, 18:16

Grazie Salvennor;

i tuoi post sono sempre interessanti e i nomi dei Carta nel Ghilarzese nel 1600 richiamano alcuni di questi da te citati come Giovanni Francesco e Nicola : Bolotana e Bortigali sono del resto a un passo !
Un saluto

Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » venerdì 11 settembre 2015, 20:40

Per Lidia Carta: In effetti nei secoli passati si notano vari nomi, anche doppi nomi, che ricorrono, associati al cognome Carta, spesso in zone diverse. E non raramente anche stessi doppi cognomi. Ma secondo me solo a volte ciò dipende da parentela stretta in relazione a varie linee. A proposito di nomi, ecco un "frammento" di antico documento che riguarda alcuni Carta nati alla fine del medioevo. La fonte è una ricerca di Francesco Carboni, "Illorai, Goceano e dintorni”, e le fonti primarie sono comunque d'Archivio (anche ASC).

Archivio di Stato di Cagliari:Regio Demanio, Affari diversi ,volumi 244-265.

Anno 1495, 25 di Febbraio, la contea del Goceano è arrendata a Cristoforo Carta, lire 5115 per anni tre, lire 1705 ogni anno (fianza Antioco de Moncada di Oristano)


Ecco, quel Cristoforo Carta era omonimo di altri Cristoforo Carta documentati in quel periodo nel centro-nord Sardegna, ma anche in altre zone. Era omonimo anche del cavaliere Cristoforo Carta figlio del Francesco Carta armato cav. nel 1520. Ma escludo che siano la stessa persona; infatti come minimo questo Cristoforo arrendatore era nato verso il 1470, e dunque al limite era coetaneo di Francesco Carta, e non certo dei figli di questo. In seguito inserirò altri "frammenti" relativi a Carta dei secoli passati.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » giovedì 5 gennaio 2017, 23:20

Relativamente ad un topic che avevo inserito anni fa, visibile al link
viewtopic.php?f=6&t=9199&p=111729&hilit=Sahona#p111729
credo di essere riuscito a capire l'origine delle famiglie Savona di Cagliari.
I Savona residenti attualmente a Cagliari discendono da Giorgio e Sebastiano Savona, fratelli entrambi nati a Trapani (Sicilia) a fine '700, e in parte discendono anche da Gaetano Savona, nato a Genova nel 1841.
Sebastiano e Giorgio si sono trasferiti a Cagliari al seguito del padre a inizi '800. Invece Gaetano risulta presente a Cagliari prima del 1856 insieme a sue sorelle maggiori (genovesi), e dunque probabilmente fu il loro padre (ancora non identificato) a trasferirsi a Cagliari. Non escludo che questo possa essere un fratello o cugino dei citati Sebastiano e Giorgio, considerato anche il fatto che il nome Gaetano era assai diffuso in Sicilia, anche se era nato a Genova e sepolto nella Cap. dell'Arciconfraternita dei SS Giorgio e Caterina dei Genovesi. Altro elemento da considerare sono le caratteristiche simili; erano tutti capitani marittimi, proprietari di imbarcazioni, proprietari anche di cantieri navali, e anche dediti a commerci.
Tali Savona si imparentarono sia con famiglie di Cagliari, tipo Carta (cioe' il mio ramo, anni fa non l'avevo rilevata tale parentela), Marini (parenti anche del mio ramo), Cortese e varie altre, e con famiglie di origine esterna (siciliana, ligure, francese etc..).
Inoltre mi e' stato riferito che i Savona residenti a Malta sono sempre stati di origine siciliana, anche se la vera origine di tutti i Savona sarebbe la Liguria, nel '400.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » venerdì 28 luglio 2017, 23:13

Alcune novità.
Negli ultimi mesi ho individuato alcuni documenti che mi hanno permesso di verificare rigorosamente varie informazioni relative al mio avo più "antico" residente in Cagliari, probabilmente proprio colui che è giunto dalla zona centrale dell'isola.
Il suo nome completo risulta essere Giovanni Battista Carta, a volte indicato anche solo con uno dei due nomi.
Da controlli incrociati risulta ancora vivo nel 1849, ma sembra ormai scomparso dopo il 1856; scompare direttamente dai documenti, tranne in alcuni che lo riportano con il "fu" davanti al suo nome. Quasi contemporaneamente risulta scomparsa anche la moglie Caterina Costa. Data di nascita presunta per i due coniugi, 1795/1805 per Giovanni Battista, 1800/1810 per Caterina.
Ho verificato anche la sua professione, finora conosciuta solo tramite notizie tramandate oralmente; nei documenti viene indicato come "impiegato" (ho notato che non pochi impiegati anziani venivano indicati come "impiegato a riposo", o a volte come "intendente a riposo"). Dunque ulteriore conferma che Giovanni è morto relativamente giovane.
Viene indicato come "domiciliato in Cagliari", e non come "nato e domiciliato in Cagliari", frase relativa a chi nasceva a Cagliari. Idem la consorte.
Ma purtroppo a complicare la ricerca ho trovato anche documenti che indicano Giovanni come "negoziante". Non commerciante o bottegaio, ma proprio come "negoziante" ; a Cagliari a partire dalla seconda metà del '700 il termine "negoziante" ha sostituito in modo graduale quello di "mercante" e quello di "uomo d' affari". Questo dato non me lo aspettavo. Ovviamente si tratta della stessa persona, stessi figli, stessi parenti, stessa moglie, stessa via, stesso numero civico. Insomma questo Giovanni svolgerà due professioni, forse contemporaneamente.
E non è finita; infatti in un documento relativo alla stessa persona (con le solite verifiche) compare il termine "marinaro" per la professione, e questa indicazione però sembra essere relativa all'ultima parte della sua vita. A Cagliari spesso i mercanti, capitani e armatori venivano indicati come "marinaro". In effetti in casa mia si ricorda un non meglio identificato parente (o avo) ottocentesco che divenne proprietario di una imbarcazione abbastanza grande, insomma divenne anche "patrono marittimo", cercò di investire in tale settore.
Dunque un antenato con tre professioni, forse solo in parte coesistenti.
A mio avviso, per una serie di ragioni (che in parte ho intuito) gli affari non andarono molto bene. Una delle ragioni è che Giovanni e Caterina hanno generato nell'arco di circa ventidue anni almeno cinque figli diventati adulti e almeno tre figlie diventate adulte, oltre a vari figli morti prima dei sedici anni; io inizialmente ne avevo rilevato solo una parte, solo un terzo, e infatti a quanto pare esistono ancora alcuni rami, mentre fino pochi mesi fa pensavo all'estinzione di quasi tutta la discendenza.
Da notare che comunque una conferma di questi dati si evince anche da altre notizie riportate nel presente topic, e nei topic "Marini di Cagliari" e "I cognomi Alagna e Morteo a Cagliari".
Rimane da confermare altra notizia tramandata oralmente relativa ad avo giunto a Cagliari e/o a suo parente, notizia che lo/li vuole militari in un Corpo di inizi '800 (ma magari lo fu il padre o fratello di Giovanni, per ora non ho dati).
Ho l'impressione che avi e loro parenti vissuti prima del 1848 siano stati socialmente più elevati dei loro discendenti.
Altra caratteristica che ho notato in parte dei documenti è la presenza di cognomi quasi totalmente di origine esterna, tipo Barrago, Norfo, Dodero, Caput, De Fazio, Arcamone, Peluffo e molti altri (oltre a quelli già citati nei topic).
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » mercoledì 2 agosto 2017, 21:08

Nell'ultimo post ho dimenticato di inserire alcuni file immagine relativi a parte delle notizie riportate.
Allegati
IMG_20170731_183320.jpg
Nella seguente immagine è possibile vedere un esempio di documento che rende più chiara l'interpretazione del termine "negoziante" nella Cagliari ottocentesco. Nel testo relativo all'atto di morte di un Rossi Doria si nota, in relazione al padre Giuseppe, la professione di "negoziante". Giuseppe Rossi era un facoltoso mercante e uomo d'affari (è un esempio estremo, la maggioranza dei negozianti non erano così facoltosi a Cagliari)
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti