CARTA: centro-nord Sardegna

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » martedì 18 novembre 2014, 19:49

Per Salvennor

in rapporto ai tuoi precedenti post mi tornano alla mente le parole del Carta-Raspi scritte sulla sua" Storia della Sardegna" che ho altre volte avuto modo di segnalare nel forum.In sintesi lo storico sosteneva che i Carta che parteciparono al primo Parlamento sardo del 1421, dietro raccomandazione dello stesso Cubello, non erano cavalieri nel vero senso del termine, ma piuttosto "milites" probabilmente imparentati con lo stesso Marchese di Oristano Leonardo Cubello-Arborea. Mi chiedo allora se questo Leonardo Carta che partecipò alla spedizione militare nel regno di Napoli per il Re aragonese Alfonso, non fosse un parente dello stesso Cubello che aveva degli ascendenti con i Deana-Carta nel feudo del Mandrolisai e se non erro tali Carta erano del medesimo ceppo di quelli di Oliena imparentati anche nello stesso periodo con gli Angoy di Orani.
Di fatto io non ho mai potuto consultare gli elenchi dei partecipanti alle Cortes del 1421, né mi pare che altri lo abbia fatto in questo forum. La cosa invece sarebbe davvero interessante.
Un saluto
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » venerdì 21 novembre 2014, 17:17

Dopo una lunga mlattia ho ripreso le ricerche.
In data del 5 ottobre 1686,presso l'archivio di stato di Nuoro,ho reperito il testamento del Rev. Juan Agostino Carta Salaris,già rettore di Bolotana.Nel testamento risultano suoi fratelli Carta Nicola Salaris (già deceduto) Filippo Carta Salaris capitano di guerra.
Nello stesso atto ,fra le altre cose,che Filippo delle eredità di Nicola ha avuto ( quindici iscudos) che ha utilizzato per l' ufficialia del Campidanu Maggiore, su privilegio al Conte de Lemos, su sigillu de Nicola , su privilegiu di cavaliere che portò in Tempio. Purtroppo per m manca il nome del genitore.
Nello stesso atto risulta che Gregorio Carta Nativo (naturale) della villa di ottana domiciliato a Cagliari è loro cugino (fradile meu e suo) convocato al Parlamento Camarassa.
Saluti a tutti
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 103
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » venerdì 21 novembre 2014, 19:21

Per Vincenzo

Grazie Vincenzo, ci sei mancato...! Spero bene per la tua salute. Ora non sono sicura di ricordare bene, ma un ceppo dei Carta-Salaris di Bolotana era lo stesso che poi é approdato a Macomer e quindi ad Aidomaggiore ? Mi chiedo infatti se tale Nicolas e Vincente, nomi che ricorrono nel Ghilarzese non siano da collegare a tale ceppo.
Grazie molte per aver pubblicato i risultati delle tue interessanti ricerche. Auguri di buona salute !

Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » venerdì 21 novembre 2014, 21:46

Vincenzo Carta, Bentornato nel forum! L'importante è che si sia ristabilito in salute.
Grazie per le nuove notizie postate. La notizia sul citato Gregorio, cugino di Filippo, è una ulteriore conferma sullo stipite comune a vari rami Carta titolati che gravitavano tra Bolotana e zone più o meno limitrofe.
Ma il sigillo del citato Nicola che funzione aveva? Era un sigillo legato al titolo di Cavaliere ered.? Sigilli simili erano in possesso di tutti i convocati alle Cortes o solo di alcuni?
Ha visto nei post sopra il nominativo di quella donna Odilia Carta madrina di un Castelvì citata in Araldica Sardegna?
A proposito, viene descritto che "Il Capitano di Guerra Filippo Carta porta in Tempio con se il privilegio di Cavaliere". Ma nel senso che portò con se un Diploma? O nel senso di documento/credenziali che specificavano anche la qualità di Cavaliere?

Per Lidia Carta: Nel post dell'altro giorno scrivi "Lo storico Carta Raspi afferma che i Carta presenti al Parlamento del 1421 non erano Cavalieri veri e propri, ma piuttosto erano il marchese di Oristano stesso...".
Ma allora è storicamente provato che già nel 1421 parteciparono al Parlamento alcuni Carta? Compreso Leonardo? Erano una sorta di delegati dal marchese di Oristano?
Mi pare che online avevo rilevato l'elenco (non so se completo) dei partecipanti alle Cortes del 1421; ora lo cerco, ma mi pare che erano assenti Carta, ma anche molti altri cognomi citati nel forum.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » sabato 22 novembre 2014, 16:42

+Salve.
Parlamento Banavides:Gregorio Carta,di Ottana,diciliato a Cagiari nell,apendice della Lapola (cioè quartiere della Marina)dell'età 56 anni,testimone citato con giuramento.E' che saranno piu di quaranta che abita in città eche ha conosciuto i fratelli Gaspare e Agostino Carta eche sa quelli sono figli del fu Francesco Carta della villa di cuglieri e che abitava ordinariamente in casa del Nobile Don Paolo di Caltelvi,cognato del marchese Settefuentes,nel quale lo stesso testimone pure abitava ordinariamente,servendo Don Paolo e per questa ragione conobbe Francesco Carta e senti dire che quello era figlio di Zacaria Carta della villa di benetutti al quale si fece grazia del privilegio militare(cioe colui che ebbe il privilegio),e cioe il seddetto Francesco Carta discese il teste (cioe lo stesso Gragorio Carta che testimonia)come figlio di Giovanni Battista Carta di Bolotana figlio di Serafino (Seraghi) di benetutti e questo discendente Francesco Carta Senior della villa di benetutti e percio so stesso teste(Gregorio Carta) ha sempre trattato con Gapare Giovanni Agostino Carta come Parenti.
Saluti a tutti.
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 103
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leocarta » lunedì 24 novembre 2014, 9:00

Ciao a tutti per un brevissimo intervento.
Nicola e Filippo Carta Salaris di Bolotana compaiono per la prima volta nel Parlamento Lemos 1653-1656. Se non sbaglio, spuntano come funghi senza nessuna notizia relativa alla loro ascendenza o al loro titolo

Colgo l'occasione di questo mio sporadico intervento per specificare, per motivi di giustizia e di correttezza, che una buona fetta della biografia del Vescovo Sebastiano Carta che scrissi molte pagine indietro l'ho tratta da un interessantissimo articolo scritto da Marco Antonio Scanu nel Bollettino Bibliografico [...] della Sardegna, XV 24. Colgo l'occasione per riangraziarlo per i suoi preziosi studi.
carlo
leocarta
 
Messaggi: 40
Iscritto il: venerdì 20 agosto 2010, 10:08

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda vincenzo carta » venerdì 28 novembre 2014, 16:04

Una breve cosiderazione.
La genealogia di Cregorio Carta dovrebbe essere questa:
Gregorio,nato ad Ottana di Giovanni Battista Carta di Bolotana,figlio di Serafino carta di Benetutti,discende da Francesco Carta di Benetutti che ebbe il cavalierato nel 1520.
Pertanto Gregori


di Giovanni Battista era cugino di Nicola,Giovanni Agostino sacerdore e Filippo Carta Salaris,tutti convocati al parlamento,Carta Salaris sono figli di un atro figlio di Serafino,di cui non conosco il nome.
Saluti a tutti
Vincenzo
vincenzo carta
 
Messaggi: 103
Iscritto il: mercoledì 26 maggio 2010, 19:43

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda leone passante » sabato 29 novembre 2014, 19:05

dagli atti parlamentari risulta che il capitano di guerra della Gallura Filippo Carta e suo fratello Nicola erano figli di un altro Nicola.
leone passante
 
Messaggi: 295
Iscritto il: domenica 29 gennaio 2012, 1:19

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » mercoledì 3 dicembre 2014, 17:46

Per Salvennor ,

mi scuso per la citazione non del tutto precisa postata in precedenza sulla base di miei ricordi tratti dalla lettura della Storia della Sardegna di Carta Raspi e perciò riporto il brano preso a pag 727 del medesimo testo (ed.Mursia '74 dal capitolo "le classi sociali. I vassalli") : Coi feudatari facevano parte del braccio militare anche i cavalieri : non sappiamo però se ancora nel XVI e XVII secolo fossero i "milites" di due secoli prima, non nobili eppure.......Alcuni sardi sembrerebbero ne fossero insigniti per essere stati in precedenza "donnos", come è il caso dei Carta di Oristano che conosciamo nel trattato stipulato da Leonardo Arborea col luogotenente aragonese e che poi fecero parte,come cavalieri,del braccio militare del primo Parlamento riunito da Alfonso V nel 1421, onorificenza indubbiamente sollecitata dal marchese di Oristano."
L'impressione dello storico é che i cavalieri più recenti (XVI-XVII sec.) non fossero propriamente milites e che il titolo di cavaliere fosse semplicemente onorifico, concesso a persone abbienti e influenti che risiedevano preval. nelle città o nelle ville non infeudate.
Anche io credo di aver già cercato questi Carta del 1421 senza trovarne traccia tra i partecipanti del primo Parlamento sardo del 1421.
Resta tuttavia questa testimonianza di uno storico di tutto rispetto !
Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » mercoledì 3 dicembre 2014, 21:21

Grazie a Vincenzo Carta per le ulteriori interessanti notizie, e Grazie a Leocarta e a leone passante per le precisazioni e dati postati.

Per Lidia Carta: Grazie per la risposta. Comunque era già chiaro il tuo post precedente; mi chiedevo appunto le fonti primarie a cui si riferiva il citato storico per affermare ciò. Potrebbe anche essere che abbia visionato antichi documenti che successivamente sono sfuggiti a altri studiosi; infatti lui parla proprio di personaggi Carta e dei vertici del Marchesato di Oristano.
Ho individuato l'estratto online dei partecipanti alle Cortes del 1421:

http://www.araldicasardegna.org/storia_ ... s_1421.htm

In questa versione, non saprei se completa, non sono presenti nominativi Carta, e neanche altri cognomi citati nel forum.
Da notare che alle Cortes parteciparono ecclesiastici, poi i rappresentanti delle varie suddivisioni amministrative, e inoltre i feudatari; ma di tutti questi solo una parte erano nobili giuridicamente.
Per quanto riguarda la qualità di Cavalieri e Nobili tra seconda metà '500 e fine '600 secondo il Carta Raspi, forse lui intendeva dire che solo una minoranza di questi erano insigniti per meriti militari. Infatti credo che la nobiltà sarda che fiorì tra seconda metà '300 e metà '500 era caratterizzata da notevoli proprietà terriere (anche latifondo), a volte anche capacità mercantili, potere locale, e conseguentemente vari personaggi potevano sostenere attività militari importanti. E infatti in certi documenti coloro che accompagnarono Re Alfonso nelle guerre da lui sostenute vengono definiti "gentiluomini" e "magnati"; magari erano "nobili di fatto" nell'ambito del sistema giudicale (ormai al tramonto), ma i titoli e riconoscimenti (aragonesi) vennero in periodi successivi.
Lidia Carta (ma la domanda è rivolta a tutti), secondo te quale motivo può avere impedito che il Leonardo Carta del 1421 sia stato insignito del Cavalierato ered. (o magari della Generosità)? E come lui anche altri, penso. Invece altri furono investiti di concessioni feudali e poco dopo di titoli.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » venerdì 5 dicembre 2014, 19:15

Per Salvennor

non saprei rispondere alla tua domanda, ma farei alcune considerazioni di carattere storico. Ho visto che nell'elenco dei partecipanti alle Cortes del 1421 viene citato comunque Giovanni De Jana, strettamente imparentato per via materna con i Carta e sposato con una Carta. Forse é la sua presenza alle Cortes del 1421 che venne sollecitata dal Marchese di Oristano ? Certamente si... Non dimentichiamo che nella convenzione di San Martino del 1410, il Cubello-Arborea ottiene dal Re aragonese non solo il titolo di Marchese di Oristano e Conte del Goceano ( previo versamento di 30.000 fiorini), ma l'infeudazione del suocero Giovanni De Iana sulle Barbagie di Ollolai e del Mandrolisai che tornano in eredità allo stesso Cubello tramite sua moglie Quirica De Jana Carta. Insomma questo Marchese di Oristano, accentra su di sé molti altri territori del Centro-Sardegna e diventa il più ricco e potente feudatario dell'Isola proprio nel periodo di cui stiamo parlando. Fuori dall'ambito feudale,secondo lo stesso storico Carta-Raspi,i sardi delle città Regie erano una ristretta borghesia "non molto danarosa e poco influente". Dunque per quanto valorosi capitani d'armi, avevano la forza economica per poter contribuire alle spese militari ? Non credo, forse erano al seguito dello stesso Cubello tramite il De Iana ? Non saprei ...sto andando per intuizione più che per documentazione storica, perchè non ho capito se questo Leonardo Carta citato nel documento da te postato risulta realmente di Benetutti o sia un altro personaggio.
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » venerdì 5 dicembre 2014, 20:49

Per Lidia Carta: In effetti non è facile dare una possibile risposta a tali domande, che comunque devono poi sempre essere verificate dal punto di vista documentale.
Per quanto riguarda il Leonardo Carta del 1421, penso proprio che anche lui era nativo della villa di Benetutti. Ho notato infatti una notevole concentrazione numerica di Carta in tale centro (viene indicata la villa di origine, Benetutti, o a volte la regione del Goceano), per il '400 e per il '500, e il contesto per molti di questi personaggi era caratterizzato da legami con l'amministrazione di Aragona (e ancor prima dovevano sussistere legami con l'amministrazione giudicale Arborense). Sia ben chiaro che parte di questi Carta probabilmente erano figli e nipoti di Leonardo, ma molti altri erano quasi certamente di rami collaterali ma con parentela più o meno stretta con il ramo di Leonardo/Ambrogio/Giovanni/Francesco Carta. Pensa che in un documento si evince un legame, anche di collaborazione, tra un Carta di Benetutti (diverso da quelli più noti) e un certo Moncada residente in Oristano, legato anche quest'ultimo all'amministrazione aragonese. Mi chiedo se questo mossen Moncada era titolato, magari imparentato con rami Moncada iberici importanti; ho trovato in documenti coevi (sempre '400) addirittura un paio di Requesens, almeno uno residente in Oristano, ma diversi da quelli più noti che in genere sono presenti in alberi genealogici storici. Comunque tutti questi da qualche parte saranno saltati fuori, non si saranno materializzati dal nulla, e probabilmente avevano una lontana parentela con loro omonimi più noti e più importanti.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » sabato 6 dicembre 2014, 16:57

Per Salvennor

anche io mi sono accorta che il Goceano é stato per lungo periodo il territorio di diramazione di molte famiglie; alcune poi sono cresciute tra il XVI ed il XVII secolo, mentre i Carta,come abbiamo visto ad Orani, sono passati talora in secondo piano anche se alcune donne hanno sposato rampolli di famiglie affermate anche a Cagliari... I Requesens per un breve periodo ebbero anche in feudo il Guilcer, prima che lo stesso territorio divenisse direttamente di pertinenza esclusivamente Reale. Se t'interessa in seguito potrò essere più precisa con le date.
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Salvennor » sabato 6 dicembre 2014, 20:30

Per Lidia Carta: Posta pure i dati su tale argomento, quando puoi; aiuteranno a illustrare meglio le caratteristiche di quel territorio per i secoli passati.
Per quanto riguarda i feudatari Requesens, molto probabilmente essi erano di linea diversa da vari altri Requesens, compresi quelli che ho citato ieri. Per esempio il Requesens residente in Oristano nella seconda metà del '400 era "solo" un luogotenente della Procurazione Reale, e a volte viene qualificato solamente come "cittadino di Oristano" (in lingua catalana ovviamente). Ma probabilmente parente alla lontana (difficile provarlo). Invece il Moncada citato ieri, residente anche lui in Oristano nel '400, appare pure lui legato all'amministrazione aragonese, anche tramite "arrendamenti", ma per ora non si capisce se è lo stesso Moncada qualificato anni prima come "mercante di Iglesias". Comunque verso il 1556/1558 è esistito in Oristano il magnifico mossen Antioco Moncada, procuratore di detta città; secondo me era il nipote del Moncada vissuto 70/80 anni prima. Ma non sembrano della stessa linea dei Moncada viceré, ma magari erano imparentati alla lontana. Ma il fatto più interessante è appunto che questi personaggi di origine iberica avevano legami con vari Carta, specie con quelli di Benetutti e del resto del Goceano.

A proposito, avevo già postato la notizia relativa a Libero Carta, Capitano della Cavalleria della tua zona verso il 1780? Mi pare di no, ho provato a controllare; in seguito posto il riferimento documentale. Secondo me era titolato, anche se non è scontato.
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1014
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: CARTA: centro-nord Sardegna

Messaggioda Lidia Carta » lunedì 8 dicembre 2014, 17:47

Per Salvennor

Dopo la confisca dei feudi ai Merchesi di Oristano, Ghilarza, Abbasanta, Aidomaggiore finirono per passare al Demanio Regio alla fine del 1400, mentre le località di Sedilo e altri paesi della contrada detta " Canales" vennero infeudati nel 1485 a D. Galcerando Requesens e restarono in possesso degli eredi fino al 1537 quando furono venduti, con autorizzazione Regia, a Nicolò Torresani e Pietro Mora.
Ciao

Lidia
Lidia Carta
 
Messaggi: 154
Iscritto il: venerdì 18 settembre 2009, 14:59

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 10 ospiti