Joannes Baroncini de Aritio legumdoctore

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Joannes Baroncini de Aritio legumdoctore

Messaggioda Michele Baroncini » mercoledì 1 settembre 2004, 10:28

Signori buongiorno,

forse qualcuno di Voi potrà essermi d'aiuto per togliermi quello che è più che altro uno "sfizio" di tipo accademico.

Ripercorrendo le tappe della storia della mia famiglia ho avuto modo di appurare che il personaggio di maggiore rilievo era un tal "Iohanne Baroncini de Aritio, legumdoctore", Vicario a Lucca di Ranieri della Gherardesca, conte di Donoratico, Capitano Generale di Pisa e di Lucca.

Datosi che chi scrive è studente di Giurisprudenza (e si augura pure di divenire presto "legumdoctore" :wink: ), mi piacerebbe sapere se alcuno di voi che risieda in terre toscane abbia notizia di alcune compilazioni e glosse di diritto feudale che il personaggio in parola avrebbe firmato e che dovrebbero trovarsi conservate in qualche città toscana alla quale non mi è stato posssibilie risalire con certezza.

Egualmente dicasi per le opere di tal Francesco Baroncini (umanista pisano della seconda metà del secolo XV).

Cordialità a voi tutti

Michele Baroncini
Michele Baroncini
 

Messaggioda FP » mercoledì 1 settembre 2004, 11:26

Le consiglio di dare un'occhiata a

http://archivi.beniculturali.it/ASLU/pa ... ttori.html

dove ci sono molti riferimenti a tal Giovanni Baroncini d'Arezzo.

Ho trovato quanto Lei afferma sul sito http://www.melegnano.net

A presto.
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Messaggioda FP » mercoledì 1 settembre 2004, 11:43

Gentile Sig. Baroncini,
ho trovato tra la serie digitizzata delle pergamene dell'Archivio di Stato di Roma, la seguente pergamena:

ATTO NOTARILE:
19 ottobre 1476
Rogatario: Francesco Baroncini sacerdote, not.

Testo: La vedova Antonia Papa dona ai Girolamini di S. Onofrio 2 sue case in Trastevere, con orti, riservandosene l'usufrutto finché vivrà.

Le mando l'immagine con la firma di Francesco Baroncini al più presto.
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Ringraziamenti

Messaggioda Michele Baroncini » mercoledì 1 settembre 2004, 12:31

Caro Amico,

La ringrazio di cuore per gli spunti di ulteriore ricerca che ha avuto la gentilezza di offrirmi.

Purtroppo, risiedendo in Friuli, dovrò attendere di avere qualche momento di tempo libero per dedicarlo ad approfondimenti "in loco".

Effettivamente non avevo pensato :oops: ad uno dei luoghi più fruttuosi per un tale tipo di ricerca: le sterminate raccolte di dati degli Archivi di Stato.

Attendo con interesse la firma di Francesco Baroncini (pare proprio che il personaggio in questione fosse un ecclesiastico).

Nel rinnovarLe i miei ringraziamenti mi auguro di potermi sdebitare essendole di qualche aiuto in futuro... nella misura in cui me lo permetteranno le mie modeste conoscenze! :wink:

La saluto

Michele Baroncini
Michele Baroncini
 

Messaggioda FP » mercoledì 1 settembre 2004, 13:25

Caro Michele,
sei giovane come me quindi ti dò del tu,
vista la tua ansietà ti pubblico subito un'immagine (ma te ne manderò un'altra migliore):

Immagine

Ciao e a presto :wink:

P.S. Non ti devi sdebitare di nulla, è un hobby per me! :wink:
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Messaggioda Michele Baroncini » mercoledì 1 settembre 2004, 13:35

Davvero interessante... grazie ancora...

Anche per me è un hobby (che per ora coltivo da non molto tempo)...

... ma fa sempre piacere rendersi utile ad un amico!

Ciao! :wink:

Michele
Michele Baroncini
 

Messaggioda FP » mercoledì 1 settembre 2004, 18:24

Ciao Michele,

Ho trascritto il pezzo perché l’immagine non l’ho ancora preparata, e per aiutarti (lo spero!) a comprenderne il significato:

[...] Et ego Francischus de Baroncinis de Urbe pbr et rectore parrocchialis ecclesiae Sancti Ioanis de Ponte Sixto dei gratia publicus Imperiali auctoritate notarius quia predictis omnibus et singulis dum sic agerentur vina cu prenoiatis testibus inter fui et pns fui ca qz sic fieri vidi intellexi et notavi Idarcho ca rogatus scriber scripsi subscripsi qz ac publicavi manu propria et signum quod consucui apposui rogatus et specialiter requisitus i fidem omnibus et singulorum p missorum.

De Baroncinis [sigla]

Ho notato qualcosa di « sospetto » che presto ti farò sapere sul Baroncini…

Ciao! :wink:

P.S. Se vuoi vedere tutta la pergamena devi registrarti sul sito dell’Archivio:
http://www.asrm.archivi.beniculturali.it/index.html
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Messaggioda Michele Baroncini » mercoledì 1 settembre 2004, 21:20

Grazie Conte (non so il Tuo nome... immagino che io possa chiamarti così :wink: ),

sei stato preziosissimo.

Grazie per la trascrizione, mi ha confermato che avevo tradotto bene (il latino è un'altra passione! :wink: ).

Qualcosa di sospetto su don Francesco dici? Oh mein lieber Gott!

Inizio a preoccuparmi :shock: .... sarà mica stato un eretico, un usuraio o chissa che altro...

Aspetto con ansia!

Buona notte e grazie ancora!



Michele Baroncini
Michele Baroncini
 

Messaggioda FP » mercoledì 1 settembre 2004, 21:29

No Conte Schweinfurt è uno pseudonimo. Mi chiamo Francesco Pompili.

Nulla di preoccupante su D.Francesco, solo la famigerata frase agerentur vina che mi fa pensare ad un'azienda vinicola Baroncini molto famosa!

Anche per me il latino è una passione. Quanti punti abbiamo in comune, Michè!

Ciao
Francesco.
Ultima modifica di FP il domenica 7 ottobre 2012, 0:35, modificato 2 volte in totale.
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1496
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Vino e blasoni

Messaggioda Michele Baroncini » giovedì 2 settembre 2004, 10:49

Molto piacere, Francesco...

...hai proprio ragione...

...conosco l´Azienda che produce ottimo vino peraltro :D

benche´ con i proprietari non ci si conosca nemmeno, appartengono alla stessa stirpe discendente da Ioannes Baroncini de Aritio e portano lo stesso stemma che ho ritrovato in alcuni documenti del mio bisnonno (e che si puó trovare anche nel loro sito) Desiderato Baroncini (di Sasso Pisano), blasonato come segue: partito, a sinistra d´azzurro pieno, a destra d`argento alla sbarra cucita in oro (tale blasonatura viene riportata anche dal Dizionario storico-blasonico del Crollalanza... in un`appendice integrativa :oops: ... non e´che la famiglia fosse cosí conosciuta in fondo... ).

Cittá d´origine della famiglia (anche secondo il Crollalanza) é Pisa... vero é infatti che il famoso Ioannes non era di Lucca (benché ne reggesse il governo), secondo la consuetudine dei signori di quei tempi di preporre al governo dellloro cittá persone fidate della propria cerchia, ma non originarie delle stesse; il tutto al fine di evitare che queste creassero legami troppo forti con il territorio amministrato o potessero essere deviati dal loro dovere da "conflitti d´interesse" (consuetudine poi sapientemente ripresa in etá comunale).

A quanto pare, concluso il prorpio mandato a Lucca, il buon Joannes si sarebbe trasferito in quel di Pisa, presso Ranieri delle Gherardesca ad adempiere a vari "incarichi amministrativi di fiducia" affidatigli dal conte e morendo, a quanto sembra, in etá avanzatissima.

Forse peró sono riuscito a concludere che il don Francesco in questione non é l´umanista... il quale pare vestisse abito camaldolese e conducesse vita piuttosto ritirata...

In ogni casó é tutto da appurare e comunque, nel caso in cui non vi fosse identitá... tanto meglio... io ho scoperto un antenato di cui non sospettavo l´esistenza... e mi rimane ancora qualche ricerchina con cui divertirmi... :wink:

Ma giá che ci sono approfitto ancora della tua competenza.... anni addietro, svolgendo le ricerche che mi han portato a definire quanto sopra ti dicevo, essendo proprio alle prime armi, mi son imbattuto in un sito (a dire il vero di reputazione e competenza assai discutibile in ambito araldico, cosí come scopersi piú tardi) ove si attribuiva al nome dei Baroncini uno scudo totalmente diverso e blasonato, molto semplicemente, come segue: di rosso a un giglio bianco.

Ora, io sono propenso a ritenere che il tutto non abbia alcun fondamento poiché di tale arma non ho trovato alcuna traccia in Toscana... ma potrebbe anche darsi che fosse lo stemma di qualche altra stirpe omonima... magari dell´Emilia Romagna ove, dopo la Toscana, tale cognomizzazione ha la sua maggiore diffusione.

Mi piacerebbe sapere che ne pensi e se ne sai qualcosa.

Ti saluto!

Michele Baroncini[/i]
Michele Baroncini
 


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti