Pagina 1 di 11

Montecuccoli

MessaggioInviato: giovedì 27 settembre 2007, 15:41
da AndreaSperelli
Vorrei gentilmente chiedervi se siete a conoscenza di un attuale erede diretto della famiglia Montecuccoli. Questa famiglia è presente all’interno della prima edizione del Libro d’oro della nobiltà italiana (1910) e nel Libro d’oro dell’illustrissima comunità Modenese con il titolo di “Marchese”. Mi chiedo questo visto che un amico insiste nel dire che sono “estinti”, ma da bravo genealogista io non credo fin che non ho prove tangibili :wink: .

Re: Montecuccoli

MessaggioInviato: giovedì 27 settembre 2007, 20:54
da Davide Shamà
AndreaSperelli ha scritto:Vorrei gentilmente chiedervi se siete a conoscenza di un attuale erede diretto della famiglia Montecuccoli. Questa famiglia è presente all’interno della prima edizione del Libro d’oro della nobiltà italiana (1910) e nel Libro d’oro dell’illustrissima comunità Modenese con il titolo di “Marchese”. Mi chiedo questo visto che un amico insiste nel dire che sono “estinti”, ma da bravo genealogista io non credo fin che non ho prove tangibili :wink: .


i Montecuccoli sono vivi e vegeti. Sono divisi in due rami che hanno i titoli riconosciuto dalle autorità araldiche dell'ex regno d'Italia e dell'ex impero austriaco.

La linea Montecuccoli Laderchi risiede a Vienna ed è rappresentata dal marchese Alberto (* 1935). Un suo cugino, Raimondo (* 1934), vive in Italia. Titoli spettanti: Marchese di Guiglia, Rocchetta, Pieve di Trebbio, Monterastello, Marano, Samone, Missano, Gainazzo, Castellino, Rocca Malatina e Ciano (per maschio primogenito); Conte di Montecuccolo, Renno, Gaiato, San Martino, Montespecchio, Casellano e Baldiola, Conte di Montecenere, Olina, Camatta, Sassostorno, Sassorosso e Burgone (per maschi); Patrizio di Modena (per maschi); Conte e Contessa (dell'impero austriaco) (per maschi e femmine). A questa branca appartenne il Cardinale Giovanni Battista Montecuccoli Caprara (1733-1810), che incoronò Napoleone Re d'Italia a Monza nel 1805.

La linea Montecuccoli degli Erri risiede in Italia e in Austria. Il primogenito è il Marchese Federico Montecuccoli degli Erri (* 1934). Titoli: Marchese di Polinago, Vaglio, Susano, Pigneto e Prignano (per maschio primogenito), Patrizio di Modena (per maschi). Una linea cadetta risiede in Austria, ma è oggi rappresentata da sole donne.

La linea principale dei Principi del SRI, rappresentata dal celebre generale imperiale Raimondo Montecuccoli, è invece estinta dal 1697.

I Montecuccoli sono presenti nell'Elenco Ufficiale della Nobiltà Italiana e nel Libro d'Oro (ma non sono aggiornati da molto tempo).

MessaggioInviato: giovedì 27 settembre 2007, 23:45
da San Marco
Immagine

Stemma dei conti Montecuccoli reperibile presso la Biblioteca Estense in Modena.

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 12:13
da Reginella
E gli attuali Montecuccoli in che modo sono legati al ramo principale della famiglia, quello di Raimondo :2: per intenderci?
Ho una passione sfrenata per quell'omo, fortuna che non è un contemporaneo :roll: .....

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 15:09
da Tilius
...l'oggetto di cotanta passione...
Immagine

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 15:42
da Davide Shamà
Reginella ha scritto:E gli attuali Montecuccoli in che modo sono legati al ramo principale della famiglia, quello di Raimondo :2: per intenderci?
Ho una passione sfrenata per quell'omo, fortuna che non è un contemporaneo :roll: .....


i Montecuccoli Laderchi sono una linea più vicina, staccata nel XVI secolo. I Montecuccoli degli Erri si sono staccati dal ceppo originario nel XIII secolo.

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 19:19
da Reginella
Non conoscevo quel ritratto, santapaletta...io mi rifacevo su questo :wink:
Grazie a entrambi!
Immagine

immagine

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 19:46
da curiosa
Secondo me la foto postata da Tilius ha aggiunto un tocco di realismo 8)
Tolto il parruccone e sfilata l'armatura...ecco il vero Raimondo in ossa...e tanta carne!!! :D :D :D

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 23:09
da Tilius
...in gioventù aveva linea più slanciata...
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine
...anche se i ritratti meno idealizzati delineano un volto paffutello, segno di una chiara tendenza generale alla pinguedine. :mrgreen:
É sorprendente come quello che in definitiva era nato nobilotto di provincia, vieppiù italiano, abbia saputo elevarsi al più alto grado militare dell'Impero.

MessaggioInviato: sabato 29 settembre 2007, 23:13
da Tilius
Stemma Montecuccoli Laderchi (tratto da Antonio Manno, Stemmi di famiglie nobili modenesi, Civelli, Roma 1912)
Immagine

Montecuccoli Laderchi

MessaggioInviato: domenica 30 settembre 2007, 12:16
da curiosa
Perdonate la domanda scema: quello che si vede nello stemma Montecuccoli Laderchi è un monte di tre cime all'italiana?

MessaggioInviato: domenica 30 settembre 2007, 13:55
da San Marco
Nel " Libro d' Oro della Nobiltà Italiana " sono presenti tre famiglie Montecuccoli:
Montecuccoli degli Erri, March. di Polinago, Vaglio, Susano, Pigneto, Prignano, Patr. di Modena.
Montecuccoli, Co.
Montecuccoli Laderchi. March. di Guiglia.

Lo stemma che gentilmente Tilius ci ha proposto è quello come gistamente riportato dei Marchesi Montecuccoli Laderchi che è uguale a quello degli Erri con la " variante " che quest' ultimo ha: Sul tutto d' azzurro alla torre merlata alla ghibellina di tre d'oro aperta e finestrata del campo.



Immagine

domanda

MessaggioInviato: domenica 30 settembre 2007, 14:00
da curiosa
Gentile San Marco,
perché nello stemma inquartato dei Montecuccoli c'è un monte di sei cime e in questo stemma Montecuccoli Laderchi il monte è di tre cime?

MessaggioInviato: domenica 30 settembre 2007, 16:29
da San Marco
Gentile curiosa come giustamente fatto notare il numero dei monti negli stemmi inquartati dai Montecuccoli varia da tre a sei. Essa non è però la sola differenza.
C'à anche la posizione.
In quello dei Conti reperibile presso la Biblioteca Estense i colli del monte all'italiana raffigurati nel secondo e terzo quarto sono sei ed a piramide (1.2.3.), mentre in quello degli Erri e dei Laderchi sono tre ed accollati ai fianchi.
Oltre a quello da Lei segnalato ci sono altre due disuguaglianze ben visibili dalla prima alle altre due Armi:
a) la presenza di un arbusto accollato al naturale ai sei colli;
b) la corona principesca con tocco di rosso.

Nel volume " Araldica " a cura di Giovanni Santi Mazzini esiste un'altra " variante":

Immagine

dove si può notare che l'Arma degli Erri ha si un monte all'italiana di tre cime, ma non accollate. Esse sono posizionate a piramide (1.2).

A dire la verità sarei anch'io felice di sapere il perchè di tutte queste diversità.

Montecuccoli

MessaggioInviato: domenica 30 settembre 2007, 16:49
da curiosa
Grazie della risposta, San Marco!
Spero che qualche collega del forum sia in grado di spiegare l'arcano riguardante questi monti....