Magister e Dominus in Sicilia

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda Beppe Inci » venerdì 12 febbraio 2021, 11:31

Buongiorno.
Tutto quello che riferirò di seguito trova conferma in documenti d'archivio coevi.

Ci troviamo in Sicilia, seconda metà del 1700.
Famiglia di antica aristocrazia feudale documentata sin dal 1300.
Un soggetto che risulta, nel suo atto di battesimo, figlio di un Magister, da adulto verrà appellato in tutti i documenti ritrovati fino al suo atto di morte come Dominus.
Un suo figlio anch'egli Dominus ma il primogenito sempre Magister.

Come lo spieghereste con motivazioni logico-scientifiche?

Altra domanda.

Regno delle due Sicilie, tra il 1820 e il 1860.

Un medico, nei documenti come ad esempio l'atto di Matrimonio, come poteva essere appellato? Io ho trovato "Magister", è possibile?

Vi ringrazio per l'eventuale interesse.

Beppe
Beppe Inci
 
Messaggi: 13
Iscritto il: sabato 23 gennaio 2021, 11:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda Messanensis » venerdì 19 febbraio 2021, 16:55

Beppe Inci ha scritto:Ci troviamo in Sicilia, seconda metà del 1700.
Famiglia di antica aristocrazia feudale documentata sin dal 1300.
Un soggetto che risulta, nel suo atto di battesimo, figlio di un Magister, da adulto verrà appellato in tutti i documenti ritrovati fino al suo atto di morte come Dominus.


E' sicuro il collegamento genealogico tra la "famiglia di antica aristocrazia documentata sin dal 1300" e il "Magister"? Potrebbe trattarsi di semplice omonimia.

Un suo figlio anch'egli Dominus ma il primogenito sempre Magister.

Come lo spieghereste con motivazioni logico-scientifiche?


Siamo sicuri che nei documenti ci sia scritto davvero "dominus" e non "don"?
In ogni caso in quel periodo non è così difficile incontrare un padre agiato e benestante ed il figlio che si arrangia a fare l'artigiano o viceversa. Vi erano famiglie in ascesa che cercavano di elevarsi socialmente e passavano, magari anche grazie a qualche buon matrimonio, dalla classe degli artigiani a quella di benestanti proprietari trattati col "don" (magari questo passaggio non riusciva a tutti i figli o a tutti i nipoti del "mastro" e qualcuno continuava a fare l'artigiano).

Altra domanda.

Regno delle due Sicilie, tra il 1820 e il 1860.

Un medico, nei documenti come ad esempio l'atto di Matrimonio, come poteva essere appellato? Io ho trovato "Magister", è possibile?



Non è possibile in quel periodo un medico appellato col solo titolo di "magister" (sarebbe stato possibile se fosse stato un documento del XIV secolo).

Bisognerebbe vedere i documenti e quello che c'è scritto esattamente per poter rispondere in maniera precisa ad entrambe le domande.
Rosario Basile

Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1636
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda Beppe Inci » venerdì 19 febbraio 2021, 19:55

Gentile Messanensis, grazie x la risposta.

Si, la genealogia è documentata con atti d'archivio pubblico ed è la stessa famiglia.

In effetti, negli atti (battesimo, matrimonio, morte) è scritto non Dominus ma D. nome cognome; ma ad esempio tra i testimoni scritti nello stesso modo appaiono membri di famiglie sicuramente nobili come i Norarbartolo.

Domanda: Questi Magister, all'epoca, facevano quindi un "mestiere vile" oppure potevano considerarsi come gli odierni imprenditori?

Grazie. Beppe
Beppe Inci
 
Messaggi: 13
Iscritto il: sabato 23 gennaio 2021, 11:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda VictorIII » sabato 20 febbraio 2021, 2:47

Faccio qualche piccolo contributo basato sulla mia lunga ricerca sui documenti di Caltanissetta (di ogni genere dal notaio al riveli all'ecclesiastico, periodi 1540-1800) sulla classe dei mastri. In primo luogo, devo chiarire che, sebbene ci siano alcuni malintesi sui mastri della Sicilia, spesso si tratta di una questione di terminologia. " Certo come sappiamo negli anni del 1400 e prima il titolo di magister aveva significati diversi, e dal 1700 si parla quasi sempre della classe artigiani, ma la mia ricerca si concentra su pochi casi unici che possono essere utilizzati come dati scientifici dell'epoca e del luogo specifici di Caltanissetta negli anni precedenti al 1700.

Nella mia ricerca ho qualificato tre diverse classi di mastri di Sicilia.

Frammenti della mia ricerca che condivido con piacere:
“È stato davvero inaspettato ma man mano che lo studio andava avanti mi sentivo sempre più a mio agio nella ricerca dei più antichi documenti ecclesiastici, riveli e notarili. Ho anche sviluppato un metodo di controllo totale, richiedendo una trascrizione totale di ogni documento disponibile da ciascuna comunità prima che una ricerca possa essere considerata "scientifica". Ogni famiglia doveva anche essere esaminata collateralmente lungo tutti i rami del cugino per eseguire la sintesi più completa. Ci sono volute dalle 8 alle 10 ore della mia vita dopo il lavoro negli ultimi 15 anni ... davvero un lavoro d'amore monumentale.

Durante tutta questa ricerca ho studiato oltre 100.000 documenti del 1400-1800 e ho sviluppato diverse ipotesi sulla situazione sociale più fluida di quella comunemente accettata nell'Italia meridionale in vari periodi. Continuando il lavoro penso che la mia ricerca potenzialmente più interessante coinvolga la master class della Sicilia. Troppo spesso le classi nel regno di Sicilia o più tardi nelle due Sicilie sono troppo categoricamente raggruppate in poche classi. Ad esempio, è spesso semplificato in nobili, poi notabili / civili, poi artigiani, poi contadini di vario grado, poi volgare. E così spesso gli storici o i nobili più snob parlavano come se tutti i nobili vivessero la vita delle grandi famiglie titolate e appena entrati nei mastri ci si trovava a trattare con artigiani. (Noto anche qui che non mi riferisco al grande moderatore Sig. Basile! quando dice che i mastri erano artigiani, ed infatti credo che il gentilissimo moderatore concorderà in generale con quanto ho trovato (e inoltre mi limito a presentare i dati così come li ho trovati negli archivi di Caltanissetta, forse la situazione a Messina era diverso)

Certo, l'ampia delineazione esisteva, ma era molto più complessa e fluida dalla mia ricerca.

Ho scoperto che l'editto della fine del 1700 di Ferdinando IV sulla nobiltà ebbe un grande impatto sulla comprensione dei mastri. In questo importante documento si getta una seria ombra sui mastri proprietari delle botteghe - definendo la proprietà di una bottega una professione “vile”, eliminando così i maestri proprietari di bottega dai nobili consigli delle loro città.

Prima di questo periodo in Sicilia, possiamo accettare dalle opere di diversi studiosi che la classe dei mastri in Sicilia non funzionava con le loro mani (ma ovviamente c'erano i veri maestri artigiani che usavano le loro mani per creare la loro bellissima arte. In effetti questo fatto importante e spesso frainteso era stato addirittura spiegato anni prima dal nostro intelligente moderatore, i veri mastri padroni non erano manovali!) In effetti, l'Oxford Dictionary cita l'artigiano "un operaio in un mestiere specializzato, specialmente uno che coinvolge la fabbricazione di cose a mano". tuttavia, come sappiamo dal gentile Basile e da altri storici, i mastri nel vero senso della parola non lavoravano effettivamente con le loro mani, quindi qui sta un conflitto immediato della comprensione e definizione tradizionale della classe. Anche nei documenti notarili e del Sacro Patrimonio che ho visionato, nel 1700 a Caltanissetta c'è una classe di mastri muratori che sono pubblici ufficiali "*estimatorum** publicum" e "esperti pubblici" e in realtà non si possono chiamare in nessun modo "artigiani (nel senso classico della produzione di oggetti artigianali)", davvero funzionari esperti di valutazioni.

Possiamo anche accettare da studiosi del passato e confermato anche dal mio lungo studio che alcuni dei mastri più ricchi furono ammessi nei reggimenti / consigli di mastra nobile della loro città. E dal mio studio seguo più famiglie a Caltanissetta dal trattamento dei "mastri" del 1600 al 1700 fino a un sorprendente modo di vivere nobilmente della fine del 1500 / inizio 1600 con diversi servitori, vaste terre e tenimenti di casi con elementi decorativi "con suo porticato" che sarebbe poi stato ulteriormente formalizzato nei palazzi barocchi del secolo successivo. Per tutto il tempo essendo eletto ai nobili consigli della città, e mai chiamato mastro. Quindi iniziamo a vedere una situazione molto dinamica e mutevole in questo lungo periodo di tempo.

Possiamo accettare da studiosi del passato e ancora dal mio studio che nel periodo del XVII secolo e prima, in effetti, alcune delle famiglie che diventano sinonimo di nobiltà, scritte nell'ultimo libro d'oro del regno, ecc ecc. , sono infatti riconducibili a un ramo detto mastro che vive una vita mercantile e l'altro detto don / magnifico o nobile.

Infatti due casi anche diversi dai tanti che cito di seguito, un uomo chiamato "nobili" nei documenti cinquecenteschi della città produce due rami, uno che si chiama mastro e l'altro che si chiama notario, il ramo dei mastri lentamente sposarsi nella borghesia della città mentre il ramo del notario prosegue i matrimoni migliori. (E questa traiettoria non è stata data per tutti i maestri, questo dato è semplicemente utilizzato perché abbiamo controllato tutti gli omonimi e sicuramente il padre sia del mastro del XVI secolo che del notaio del XVI secolo è chiamato nobile). Poi un caso diverso, una famiglia sul mastra nobile / squittinio di Caltanissetta nel 1616, il padre chiamò don in alcuni documenti ma non tutti (e anche lui in un'altra città mastra nobile negli anni '90 del 1590) i due fratelli che entrano nel mastra nobile di Caltanissetta nel 1616 non si chiamano don, e uno dei loro figli viene chiamato mastro nel periodo 1650-1680, eppure tutti i figli del "mastro" si sposano in realtà titolati famiglie nobili e la stirpe è addirittura scritta nel libro d ' oro e tutte le principali pubblicazioni (ovviamente mai nessuna menzione del mastro tra tutte le generazioni nobili !, ma lo confermo in tutti i modi ora anche con altri due esperti della città).

Tuttavia questa transizione non deve essere trascurata e deve essere esaminata attentamente. Se accettiamo che in un secolo un magister fosse una cosa più alta in Sicilia, allora come può improvvisamente diventare completamente diverso nel prossimo secolo? Ovviamente queste cose sono avvenute gradualmente, più velocemente in alcune città che in altre, e hanno avuto davvero il culmine dell'editto di Ferdinando IV che definiva vili i proprietari di bottega, ma prima di questo era un argomento del tutto torbido che non era esatto! E poi ancora più in là, letteralmente nel mio studio notarile, ho trovato numerosi casi di transazioni settecentesche di compravendita di botteghi da parte dei veri titolati di Caltanissetta. (ovviamente molti storici lo hanno sempre saputo, che alcune famiglie nobili avevano anche attività di varia produzione negli anni prima del 1800, ma lo sottolineo perché scientificamente questo ci dimostra che il semplice possedere una bottega non era sempre perché era l'artigianato del famiglia, a volte hanno semplicemente acquistato un'attività e altri la gestiscono)

E poi non bisogna trascurare l'importante passaggio degli architetti (e ingegnere) siciliani, chiamati sia Mastro / magister / architetto nei periodi 1400-1600, e divenuti finalmente noti unicamente come architetti senza riferimento alla maestria alla fine del 1600.

(sebbene io abbia anche un bellissimo caso aneddotico di un'altra famiglia di architetti - i Lo Piano, che rimangono invariabilmente “architetto”, “fabricatore”, “don” e “mastro” tutti nello stesso periodo del 1700, per poi diventare semplicemente don negli ultimi decenni di quel secolo.) Eppure nel XVI secolo non sono padroni e producono l'arciprete e molti altri della famiglia chiamati Don anche in quei primi anni.

E davvero affascinante è anche l'attuale vicenda storica del mio parente Lo Piano, anch'egli architetto nei primi decenni dell'Ottocento (e anche successivamente intendente della città), ed a torto chiamato "mastro muratore" in una lettera di una città al intendente di Caltanissetta quando hanno firmato il contratto per l'assunzione dell'architetto Lo Piano ... e l'intendente di Caltnaissetta risponde subito dicendo 'no no no Lo Piano è * NON * un mastro muratore, hai parlato vilmente, è il capo architetto della regione di caltanissetta '. Questo è stato veramente bello per me perché in un documento storico si vede che dall'Ottocento ovviamente un architetto aveva una elevazione maggiore (soprattutto per la rapidissima correzione inviata da Caltanissetta sul nome del titolo e della professione) di un mastro muratore .. eppure, in tutti i modi, l'altra città della Sicilia pensava comunque di assumere Lo Piano pensando che fosse un "mastro muratore"! Oh l'ilarità di tutto questo! Quindi vediamo anche abbastanza letteralmente anche in questo tardo periodo, mentre ovviamente il nome era di "qualità" inferiore "un mastro muratore veniva persino assunto da città e chiese per eseguire l'esatto lavoro dell'architetto. (Ora di nuovo, faccio il punto che questi sono casi insoliti e non sempre il caso di tutti i mastri ovviamente).

Quindi sì, molti mastri possedevano effettivamente la bottega con i dipendenti, ma c'era una classe di mastri ancora più ricchi, che vivevano più come civili / vivevano la vita anche more nobilium, e non usavano mai le mani per il lavoro manuale. Questi mastri altissimi; anche più ricchi dei mastri proprietari della bottega - i loro lavori erano ** progettuali! ** (lavorerò su una parola vera per questo ...), progetti contrattuali in natura, vs produzione di merci / artigianato.

Questi mastri più alti spesso impiegavano molti più di 10 dipendenti - spesso i primi architetti / fabbricanti e ingegneri erano di questa classe dei mastri altissimi che potevano in tutti i modi anche discendere da genitori nobili e potevano anche produrre una prole che sposa la vera nobiltà. Comunque io do il contributo che le famiglie "nobili" con cui questi mastri si sposavano erano solitamente la nobiltà civica regionale o locale, molto raramente i vecchi grandi feudatari.

Quindi definisco tre classi di mastri dei secoli 16-18 in Sicilia:

1. Mastri altissimi: i cui impiegati erano più di 10, e il cui lavoro era più contrattuale ma anche specificamente a progetto basato sulla natura. Erano di questa classe dei più alti mastri che sposavano famiglie della notabili e nobilita civica. Un altro esempio è stato visto sul forum IAGI con una famiglia di mastro muratore che ha anche sollevato stemma ... mastri Di Lorenzo! (granted this situation was not in Sicily but it was the same Kingdom). Alcuni storici hanno riconosciuto una classe più alta di mastri e uno ha anche parlato brevemente di una disputa siciliana tra i mastri altissimi e quelli più bassi, ma non ho mai incontrato un completare il lavoro su questo importante argomento.

Spesso questi massimi mastri sono le famiglie che diventano architetti o semplicemente possidente, benestante o civili dal 18 secolo. I mastri dei rami più giovani dei piccoli "nobili civici" regionali - sono in realtà di solito di questa classe e nettamente ancora al di sopra di entrambi i corsi di perfezionamento inferiori. Tutti possidente / civile negli atti civili del 19 ° secolo, e spesso sposando nobili in quegli anni. (L'ascesa sociale di cui parla i nobile Sig. Basile)

Ad esempio nella mia ricerca di Caltanissetta sicuramente confermo molte famiglie nel secolo 17 che avevano alcuni fratelli sul mastra nobile consiglio / squittinio di Caltanissetta e altri fratelli della stessa identica famiglia sono chiaramente chiamati magister o mastro nei documenti ecclesiastici di questo stesso periodo . quindi sicuramente in tutti i modi confermo scientificamente che molte di queste famiglie hanno fratelli, per esempio, uno su di loro che guadagna chiaramente la nobiltà civica e un altro chiamato padrone e vive una vita mercantile.

D'altra parte ho degli antenati a Caltanissetta che possono anche essere usati come testimonianze aneddotiche della tesi che presento. I miei antenati de Arena di Caltanissetta traccio di generazione in generazione dal Ottocento al mio antenato del XVI secolo Sebastiano / Bastiano de Arena / d’Arena. Nel rivelo del 1616 del mio antenato Bastiano de Arena vediamo che vive con ** 8 ** garzoni / servitori in una grande tenimenti di case che collega più case “con suo porticato”, ovviamente l'elemento decorativo in una casa del 1616 e un personale di 8 servi ci danno una visione incredibile civilmente di questa famiglia in quel momento. Conosciamo anche il mio Sebastiano de Arena (... e suo padre era nei consigli del XVI secolo per i moncada) negli anni Venti del Seicento è un esperto mensuratore, probabilmente un primo ingegnere/agrimensore... ma mai artigiano e anzi la famiglia non chiamò mai mastro fino al 1699 quando si sposò con i mastri Lunetta, (e in particolare mentre vengono chiamati mastri producono molti preti e suore e continuano a possedere vaste terre e svariate attività economiche, quindi non era come se iniziassero a vivere una vita inferiore. (Penso davvero che sia solo che in quegli anni di transizione non era ancora socialmente deciso se il termine mastro fosse veramente vile o no, quindi Ferdinando IV cambiò il pensiero della società più rapidamente con la verbosità "vile"). Eppure, affascinante ... nel 1700 l'Arena è sicuramente chiamata “magister” nei documenti di Caltanissetta, anche se nel 1600 non si usano le mani, vive con più personale / servi di alcuni piccoli rami dei moncada, e dal 1800 nei documenti civili chiamato possidenti, civili, don, ed entrando nel primo decurionato dei primi dell'800.

Eppure una rapida visione di queste mie Arena nel 1700 e il nome “magister” darebbero a molti pigri ricercatori motivo di pensare che fossero dei bassi “artigiani”. Sicuramente non lo erano!

Un altro esempio è il mio Lo Piano. Chiamato magister nel XVII secolo in concomitanza con altre filiali Lo Piano/Lo Chiano a Caltanissetta chiamate Don dal XVII secolo, possedendo anche grande terre e proprietà, e cambiato da magistrato a don per la maggior parte della famiglia nel XVIII secolo ... ma vediamo erano così architetti (infatti nei documenti napoletani vediamo che il mio antenato del 1700 si chiama D. Michele Lo Piano architetto eppure a volte a Caltanissetta era chiamato magister in quegli anni.). Poi i suoi discendenti si sposano con i baroni bartoccelli (sposano la nipote del barone girolamo, per l'esattezza) e altre famiglie nobili nel XIX secolo ... un altro caso in cui vedendo la famiglia nei secoli XVI e XVII sono Don e vivere una vita civile / ma poi chiamati magister o mastro nel periodo 1650-1750, e poi finalmente, sul decurionato e vivendo "more nobilum" dal successivo periodo del 1800 in poi ... (e infatti come procura per capire quale fosse realmente la loro prima professione era rintracciare due rami lontani della famiglia, separati da un comune progenitore sin dagli anni del XVII secolo ... eppure entrambi questi rami di Lo Piano diventano architetti e don in il 1800 ... 200 anni dopo ... eppure in tutti i modi i lontani rami cugini vivono allo stesso modo e della stessa professione. per me è stato un bel test.

un caso di famiglia in nessun modo possono essere chiamati "artigiani" in nessun momento, essi per questo motivo erano architetti sempre e talvolta chiamati solo mastro. e mentre possiamo dire sicuramente un altissimo mastro “contrattuale”, mai operante con le proprie mani e addirittura “al di sopra” dei proprietari di bottega diventati “vili”. (ma ci tengo a precisare che il semplice possesso di una bottega non poneva un mastro nel gruppo borghesia secondo mastri come si evince dai dati dei nobili proprietari anche della bottega)

Ulteriormente rivelato nella mia ricerca è stato il consistente commercio di bottega tra famiglie nobili e da e verso padroni a nobili e viceversa. Quindi un altro errore che viene commesso spesso è che un ricercatore troverà una famiglia proprietaria di una bottega che produce un determinato oggetto, ad esempio vasi, e il ricercatore chiamerà erroneamente la famiglia vasaio quando in realtà e in realtà la famiglia possedeva più aziende e botteghi di varie produzioni tra cui speziali e vendita di vino, terre vaste, e sempre gestite da garzoni e servi ... in nessun modo erano gli artigiani di famiglia che potremmo chiamare vasaio!

2. I mastri borgeshi / 2a classe di mastri (anche mastri artigiani) che spesso possedevano una bottega, ma solo 1, forse 2: impiegano 1-10 dipendenti, dopo il decreto di Ferdinando IV la proprietà della bottega divenne “vile” quindi anche questa seconda classe dei mastri, anche se al di sopra del terzo, è cresciuto in un'identità decisamente più borghese dal secolo 19 (mentre quasi tutti i "mastri altissimi" del xvi-xviii secolo sono sicuramente "possidente" e "civile" entro il 1800 nella mia profonda ricerca ). E ancora, utilizzo la proprietà delle bottega come qualificatore di questa classe per collocarle come piccolo proprietario al di sopra degli artigiani più piccoli, ma comunque con un'identità molto più artigianale rispetto agli mastri altissimi (ma a volte sia nobili di Caltanissetta che vari "mastri altissimi" possiedono più botteghi di produzioni diverse come accennavo prima, quindi davvero pensiamo a questa 2a classe di mastri come a quelli che al massimo possiedono due bottega o meno, e producono effettivamente un mestiere specifico

3. mastri artigiani / 3a classe di mastri: semplici artigiani che lavorano con le loro mani, producendo bellissimi mestieri artigianali (e dovrebbero essere giustamente celebrati!), Sposando famiglie di altri bassi mastri/semplici artigiani e non uso in modo dispregiativo il termine artigiano semplice, (è una bella classe da rispettare e capire e sicuramente diversa da alcuni detti mastri),spesso sposando famiglie di contadini, queste famiglie sono quasi sempre impoverite e contadini o ancora qualche artigiano del XIX secolo e ancora chiamato mastro nel XIX secolo quando i (1) * altissimi * mastri sono tutti in decurionato, chiamati possidente, civili ecc. in questo stesso periodo. Sicuramente possiamo confermare scientificamente tre classi molto diverse di mastri in Sicilia 1500-1800!

Queste distinzioni sono qualcosa su cui ho lavorato per molti anni e spero di presentare un giorno come tesi universitaria. Le varie ricerche che ho svolto sono attualmente lunghe più di 1.000 pagine su un documento word ... e probabilmente ho ancora diversi anni di lavoro per studiare e perfezionare i miei concetti. Devo anche notare che è un vero piacere poter aggiungere un po 'della mia esperienza dopo il lungo studio d'archivio - in effetti, ho imparato così tanto da questo forum per molti anni prima di iniziare effettivamente la ricerca d'archivio io stesso, quindi era davvero con una maggiore conoscenza di tutto ciò che ho imparato qui che sono entrato nello studio d'archivio
VictorIII
 
Messaggi: 448
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda Beppe Inci » sabato 20 febbraio 2021, 11:51

Buongiorno Victor III e grazie per la molto bella spiegazione.
Le dico subito che le mi ricerche confermano le sue nel senso che la famiglia da me studiata apparteneva con certezza ad antica nobiltà, intorno al 1700 trovo sia Magister che Dominus (tra padri e figli o fratelli), anche quando sono chiamati Magister comunque sposano famiglie nobili e/o del Decurionato e infine nei documenti del 1800 anche io ho trovato i termini possidente, proprietario, ecc.

I padrini di battesimo e i testimoni di nozze erano sempre chiamati Dominus o Domina.

Studiando battesimi e matrimoni settecenteschi e ottocenteschi, appunto, ho potuto vedere persone chiamate Dominus (pochissime e sempre di famiglie nobili), Magister (poche), senza qualifica (moltissime); da qui, un dubbio: le persone senza qualifica erano, dal punto di vista della classe, "superiori" ai Magister (quindi subito sotto ai Domini) oppure al di sotto?

Insomma, erano civili/borghesi o contadini? o da questi atti non erano dirimenti in tal senso?

In quest'ultima considerazione, perchè quindi qualificare una classe socialmente "inferiore" (magister/artigiani) e lasciare "anonima" una classe socialmente "superiore" come i borghesi/civili proprietari?

Potreste spiegarmi? Grazie. Beppe
Beppe Inci
 
Messaggi: 13
Iscritto il: sabato 23 gennaio 2021, 11:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda VictorIII » sabato 20 febbraio 2021, 19:44

le risposte possono arrivare solo con la ricerca più completa dei documenti notarili e riveli ... quindi con quella ricerca più completa vedrai chiaramente come viveva la famiglia. avevano servi a casa loro? quanti? che cosa avevano dei beni che possedevano? con chi hanno effettuato transazioni? chi hanno sposato?

e prima di poter concludere che ogni nuovo matrimonio sia importante, è necessario eseguire la lunga e probabilmente pluriennale ricerca anche su quei rami collaterali ... vale la pena dedicare tanto tempo anche ad antenati collaterali più lontani? per alcuni no ... ma se fai la domanda e vuoi davvero conoscere le risposte ti incoraggio a fare la ricerca più completa per scoprirlo. infatti molti dei cataloghi riveli sono disponibili per l'acquisto ... fatemi sapere se avete bisogno di aiuto in quella direzione

come è passata e trasferita la loro ricchezza dai tanti rami nel corso di molte generazioni? poi come accennavo, per una sintesi più completa va fatta una ricerca completa anche sui rami dei cugini lontani nei secoli anche ... senza una ricerca così profonda non si avrà mai la risposta completa. un titolo onorifico o di mastro da solo non è un modo per indicare che tipo di famiglia fosse, ovviamente bisogna completare la ricerca nei riveli e nei notarili per capirne di più. riguardo alle qualifiche che faccio, la denominazione di esse non è importante, ma mi limito a presentare i dati così come si trovano a Caltanissetta e da ciò traggo la delineazione logica che si adatta al contesto storico del tempo e del luogo.

Best wishes
VictorIII
 
Messaggi: 448
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda VictorIII » sabato 20 febbraio 2021, 21:41

For your interest, the case that I mentioned
"Il sindaco Emanuele Sarri si attivò subito e pro - pose all’Intendente di affidare il progetto all’ing. Musumeci di Catania. Ma dopo tre mesi non si era avuto alcun riscontro. Allora il Decurionato tornò alla carica con un’altra delibera, di sollecito, nella quale rinnovava la richiesta della nomina dell’ing. Musumeci, suggerendo anche che lo stesso venis - se autorizzato a redigere la perizia per il teatro, per la casa comunale e per il lago della Bordoneria. E propose anche, in alternativa, tre altri nominativi, l’ingegnere provinciale di Girgenti (Agrigento); il capo mastro Sig. Lo Piano di Caltanissetta; il Mastro Salvatore Iacono di Ragusa che aveva costruito la strada di Chiaramonte o “qualun - que perito che all’intendente piacerà, desiderando soltanto la sollecita determinazione”. La risposta dell’Intendente questa volta fu immediata: “La pretesa di Musumeci mi pare ardua. Potrebbe scegliersi Don Gaetano Lo Piano di Caltanissetta, il quale non è un capo Mastro, ma l’architetto di quella Provincia e lo credo prattico per quella commessione della strada rotabile”. “Ma – raccomandava l’intendente – la perizia si deve ridurre a tale opera ed al più anche alla Casa Comunale”. Immediatamente il sindaco accetta la designazione del Lo Piano e riesce a strappare anche un altro intervento di ristrutturazione, relativo al Fonte Canale con annesso abbeveratoio (in fondo a Via Gaeta) perché “trovansi prossimi alla totale distruzione. Ho il bene sommetterle essere questa operazione d’assoluta necessità, poiché negli anni di siccità questo fonte essendo sempre perenne, provvede d’acqua la maggior parte degli uomini e delle bestie”
VictorIII
 
Messaggi: 448
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda VictorIII » mercoledì 24 febbraio 2021, 21:11

Un'altra interessante aneddotica dei registri di Caltanissetta ... nel 1811 il "reggio agrimensore" della provincia firma tutti i riveli come Mastro Francesco Jonni, reggio agrimensore. Questo è interessante perché nello stesso regno e nello stesso periodo catastali sappiamo che la prima classe comprendeva l'agrimensore, e un reggio agrimensore è un ufficio ufficiale ancora più alto (infatti nel Cinquecento il titolare di questa carica veniva solitamente chiamato addirittura magnifico)... eppure nell'interessante terra di Caltanissetta ancora chiamata mastro (e ancora, sicuramente non si può in alcun modo definirlo un artigiano. Questa informazione conferma anche quello che ho trovato su Arena, famiglia di esperti mensuratori del XVII secolo, riferita specificamente a periti ed esperti di valutazione, non artigiani).

in fact, in that same period and kingdom, others of the same office are called Don.
Nel 1813 i Borboni si rivolsero ai più cospicui cittadini della Sicilia per sentirne i pareri sui miglioramenti da introdursi alle condizioni agricole dell ' isola . Cosi D . Corrado Errigo , regio agrimensore

detto ciò, ogni caso va esaminato singolarmente e con rigore e sospetto che gli archivi di Caltanissetta siano probabilmente diversi dalle altre regioni.
VictorIII
 
Messaggi: 448
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda VictorIII » giovedì 25 febbraio 2021, 4:11

E dati ancora più interessanti relativi alla mia ricerca. l'erede della stessa famiglia Arena che produce l'esperto mensuratore del 1630 è nel 1811 D. Salvadore Arena ... detto Don e attualmente professione di agrimensore pubblico. Quindi questi sono i dati che presento per due motivi: 1. continuiamo a vedere alcuni uomini della stessa professione anche a Caltanissetta chiamati maestro e don 2. la professione di agrimensore non era quella degli artigiani ma a Caltanissetta alcune persone ricoprivano questo incarico e la professione è maestro (dimostra che non tutti i maestri sono artigiani).

Anche nel regno dei catasti di napoli c'era una divisione

"il Catasto Onciario del Regno di Napoli divideva la popolazione in tre ceti (civile, mediocre e inferiore):

"Dovendosi procedere alla discussione delle rivele esibite dalli sei deputati eletti* per la formazione del General Catasto di questo Casale di Porcile, devesi da questa nostra Università in publico parlam[en]to fare elezione d'altre trè persone per Deputati, uno de Civili, uno de mediocri, ed un'altro del ceto inferiore che possano fare la discussione delle revele di detti sei deputati, come pure eliggere altri due estimatori, uno Cittadino, ed un 'altro Forastiere prattici, idonei, e versati in simili apprezzi, acciò debbano apprezzare gli stabili degli Apprezzatori prima eletti (....)

*Il primo ceto era costituito da coloro che vivevano nobilmente, traendo onoratamente la sussistenza dalla rendita dei propri beni, non esercitavano arte o mestiere particolare ed avevano l'appellativo di 'magnifico'. Magnifici erano detti, altresì, coloro che esercitavano arti liberali (dottor fisico, ossia medico, notaio, agrimensore, speziale di medicina ossia farmacista ecc.)...

*******Il secondo ceto era formato da massari ed artigiani.**********" (R. Bisignani, "San Donato di Ninea e la sua realtà economica nel settecento", Archivio Storico per la Calabria e la Lucania, Anno LI (1984), pp. 86-87.
(previously cited from Sig. Basile)

Quindi continuiamo a vedere un conflitto nei mastri come una classe, non era una classe, ma composta da membri di classi e professioni diverse che vanno dagli artigiani agli esperti di valutazioni che io chiamo gli altissimi mastri (o esperti di pianificazione e design come gli ingegneri e gli architetti prima che la loro identità si fosse più pienamente formata).

i de Arena è davvero interessante in quanto si va dal periodo 1547-1699 senza titolo di mastro e vivendo sempre la vita civilmente e alla maniera dei nobili in quel lungo periodo. (Faccio anche notare che nella ricerca di Caltanissetta gli uomini del XVI e XVII secolo chiamati mastri, che i Arena non è stata chiamata, molto raramente hanno servi, e quando lo fanno è inferiore a 2 e anche allora spesso con i 10 membri della famiglia, dove le famiglie che possiamo qualificare come viventi civilmente è un'immagine domestica completamente diversa - da 2 a 3 membri della famiglia con 5-10 servitori sempre, vite molto diverse). Eppure poi nel Settecento i Arena svolgono sicuramente lo stesso lavoro, accresce addirittura la loro ricchezza, chiamandosi improvvisamente mastri 1699-1800, trovandoli poi nel 1811 chiamati don e tuttora la stessa professione di agrimensore / mensuratore. È una storia molto interessante per me e penso molto rilevante per queste discussioni. Beppe - Sarebbe molto interessante se tu potessi continuare la tua ricerca per scoprire che tipo di maestri era la tua famiglia e forse sosterrà la mia ricerca o forse la sfiderà. fammi sapere se posso aiutarti
VictorIII
 
Messaggi: 448
Iscritto il: lunedì 18 maggio 2009, 17:35

Re: Magister e Dominus in Sicilia

Messaggioda Beppe Inci » giovedì 25 febbraio 2021, 16:30

Grazie Victor.
Beppe
Beppe Inci
 
Messaggi: 13
Iscritto il: sabato 23 gennaio 2021, 11:35


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti