Pagina 1 di 1

Plebe nobiliare e nobili "normali"

MessaggioInviato: sabato 6 febbraio 2021, 14:43
da Sannita1998
Buongiorno a tutti
Recentemente mi ha incuriosito il tema della plebe nobiliare, su cui ho la sensazione si sappia poco, ma che era presente ovviamente anche in Italia.Quei nobili cioé che avevano sangue nobile ed antenati di spicco, ma che a causa di qualche rovescio o di una poco oculata gestione
del proprio patrimonio, non sono sono stati piú capaci di mantenere un tenore di vita adeguato al loro rango. Ho letto che questo fenomeno di impoverimento fu molto evidente nel XVIII sec.Comunque non si riducevano quasi mai ad essere contadini o artigiani, ma ottenevano spesso impieghi di scarso prestigio nella burocrazia o nell'esercito, che gli consentivano un tenore di vita "piccolo borghese".Quello che mi chiedevo é quale atteggiamento avessero i nobili "normali" nei confronti di questi nobili impoveriti. Li consideravano ancora parte della loro classe, oppure li vedevano come "casi persi", lontani da loro in tutti gli aspetti e da considerare ormai "plebei"?