Provenienza cognomi bambini esposti

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Messanensis, Alessio Bruno Bedini, GENS VALERIA

Provenienza cognomi bambini esposti

Messaggioda domemo77@virgilio.it » sabato 26 dicembre 2020, 22:47

Salve a tutti, io sono Loredana. ho scoperto questo interessantissimo sito-Forum solo pochi giorni fa, ringrazio anticipatamente l' amministratore che mi ha dato la possibilità di attivare il mio account. Scrivo con la speranza, dopo anni di ricerche presso Comuni, Archivi di Stato, Registri dello stato delle Anime, Archivi Vescovili, Iscrizione ad Ancestry, Archivio dei Mormoni e tanto altro, di ricevere maggiori chiarimenti circa la possibile provenienza del mio cognome. cercherò di raccontarvi brevemente la storia di mio nonno, papà di mio padre.
Il 6 aprile del 1903 nacque, presumibilmente in questa data, mio nonno lasciato da una donna che non acconsentì di essere nominata presso la allora esistente Ruota degli Esposti affidata alle Suore di S. Chiara in Foggia, in via Basilica n.34. Il bambino fu lasciato con una camicina, un corpettino, una cuffietta ed un solo pedalino. L' Ufficiale di stato Civile presente in Comune in quel giorno, sempre quello di Foggia, alla presenza dei testimoni nonchè gestori della Ruota, diede al piccolo il nome di BERLANTINI Pasquale.
Dalle ricerche che ho effettuato negli anni, totalmente eseguite in maniera da" autodidatta" , ho scoperto che è esistita un'unica BERLANTINI, aldilà della mia famiglia, di nome Colomba, nata il 20 aprile del 1841, anch'essa stranamente esposta alla Ruota di S. Spirito de l'Aquila. Ho seguito per quanto ho potuto la vita di questa donna vissuta a Tione, che a sua volta ha avuto una figlia da padre ignoto per il Comune, a cui ha dato il suo cognome ,BERLANTINI Antonia. di quest' ultima si sono perse le tracce poichè dai documenti che ho recuperato, pare essersi trasferita in America.
Le mie ricerche si sono bloccate qui.
Ovunque io sia andata mi è stato sempre risposto che tale cognome è nato dalla fantasia dell'Ufficiale di Stato Civile presente in Comune in quel giorno. Mi sorgono di conseguenza queste domande:
1) considerando la particolarità di tale cognome, come è stato possibile che nel 1841 fosse assegnato ad un altro esposto?
2) esiste una lista di cognomi d'invenzione da assegnare agli esposti?
3) dato che i 100 anni legali di tempo dall' abbandono sono scaduti abbondantemente, qualcuno mi saprebbe indicare qualche tipologia o criterio di ricerca per poter risalire alle origini del cognome per eventualmente risalire alla madre di mio nonno ?
Mille grazie per l'ascolto.
Un caro saluto a tutti.
Loredana Berlantini
domemo77@virgilio.it
 
Messaggi: 4
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 13:21

Re: Provenienza cognomi bambini esposti

Messaggioda d.menottipratesi » giovedì 21 gennaio 2021, 15:31

Gentile Loredana,

tento di risponderle in base a quelle che sono le mie competenze.

Storicamente, gli esposti assumevano un cognome "standard" (Degl'Innocenti a Firenze, Colombo a Milano, Esposito a Napoli, ecc.) che veniva imposto dall'ente stesso presso cui veniva lasciato il neonato. Solo in seguito (mi perdoni ma non ricordo il periodo esatto) si decise di modificare questa prassi, in quanto essa rivelava senza possibile dubbio l'origine famigliare di un individuo, il che spesso poteva avere esiti poco felici. Una delle nuove regole assunte - per esempio in alcune aree della Lombardia - fu quella di dare ai trovatelli nome e cognome inizianti per la medesima lettera, la quale cambiava ogni anno (l'anno X con la A, quello seguente con B, poi C e via discorrendo); in altre città / regioni, la scelta era totalmente "di fantasia" (una mia amica avevo il nonno di nome Antonio Corallo, cognome inventato dato che l'istituto presso il quale venne lasciato da infante aveva l'abitudine di dare nomi di piante e animali ai bambini).

Per rispondere ai suoi quesiti:

1) considerando la particolarità di tale cognome, come è stato possibile che nel 1841 fosse assegnato ad un altro esposto? Facendo una rapida ricerca in rete trovo svariati Berlantini viventi, il che mi fa pensare che ce ne fossero diversi già in tempi addietro (magari non molti, ma di certo più di un unico maschio). Potrebbe essere un caso, o forse la più antica Berlantini Antonia deriva il proprio cognome da un errore di trascrizione (frequentissimi fino a non troppi decenni fa).

2) esiste una lista di cognomi d'invenzione da assegnare agli esposti?
Non credo, in virtù di quanto le ho scritto sopra. Magari sbaglio, e nel caso attendiamo la risposta di qualcuno meglio informato di me.

3) dato che i 100 anni legali di tempo dall' abbandono sono scaduti abbondantemente, qualcuno mi saprebbe indicare qualche tipologia o criterio di ricerca per poter risalire alle origini del cognome per eventualmente risalire alla madre di mio nonno ? Dal racconto che ha fatto mi sembra di capire che la madre naturale di suo nonno non abbia voluto lasciare traccia di sé: non potrà quindi rintracciarla in nessun modo oggi.

Cordialmente,

D.M.P.
d.menottipratesi
 
Messaggi: 6
Iscritto il: giovedì 15 ottobre 2020, 15:37
Località: Milano

Re: Provenienza cognomi bambini esposti

Messaggioda domemo77@virgilio.it » venerdì 22 gennaio 2021, 14:07

Gentilissimo Sig. D. M. P.,
sono lieta che qualcuno abbia preso in considerazione la mia richiesta!
Tutti i "Berlantini" che lei ha trovato in rete sono miei congiunti delle mie parti o trasferitisi altrove, in quanto, mio nonno, Berlantini Pasquale (classe 1903 esposto), ha avuto 6 figli.
Oltre a questi ho trovato solo Berlantini Colomba (proietta 1841 presso la ruota de' L'Aquila) e Antonia (sua figlia naturale a cui diede il suo cognome), che non hanno nessuna connessione con i miei familiari di cui sopra.
Da qui le mie tre domande...sarà una semplice coincidenza?
Ancora infinite grazie,
Loredana Berlantini
domemo77@virgilio.it
 
Messaggi: 4
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 13:21

Re: Provenienza cognomi bambini esposti

Messaggioda Titolabieno » mercoledì 10 febbraio 2021, 18:39

Sulla possibilità di individuare la mamma, la vedo dura, giustamente come Le ha risposto il forumendolo sopra, la mamma non volle essere identificata, per cui vien da pensare che le tracce siano scomparse, ma mai dire mai, non sempre è come pensiamo, resta il fatto che sarà ben difficile individuare la mamma.
Sull'origine dei cognomi trovatelli, è vero che in alcune zone vi erano cognomi standard come Esposito etc etc, ma non sempre era così. Molti cognomi sono facilmente individuabili come Esposito, Degli Esposti, oppure quelli beneauguranti come Crescimbeni (Cresci Bene), Sperandini (Spera in Dio), Lausdei etc etc, ma ci sono casi in cui alcuni cognomi spregevoli appartenevano a trovatelli, quasi fossero assegnati con sarcasmo e cinismo a quelle creature sfortunate, ciò avveniva se magari si aveva sentore che quel bambino era figlio della vergogna, o di una prostituta, di un adulterio etc etc. Non sempre la mamma del trovatello era ignota, veniva detto che era ignota ma i paeselli specialmente erano piccoli e anche le pietre parlavano, si sapeva ma non si diceva etc etc.
nelle mie ricerche per esempio mi sono imbattuto in un cognome TRANSILVANI, all'inizio mi ha incuriosito perchè è un cognome sconosciuto nella mia zona (Cingoli in prov di Macerata), ho pensato derivasse dal fatto che la famiglia venisse dalla Transilvania, oppure avesse a che fare con i boschi, le foreste, TRANS Silvani poteva significare al di là della selva. Insomma lavoravo di fantasia cercando di capire l'origine di questo cognome, finchè ad un certo punto mi imbatto in un atto di nascita di un trovatello a cui viene dato il nome xxxxx e cognome Transilvani. Questo per dire che la questione iniziativa personale dell'addetto alla registrazione non aveva limiti.
La mia nonna paterna, ha una storia simile alla sua, fu trovata come scritto nel documento in un cesto vestita con una cuffietta, ed una veste di panno bianco etc etc etc. Nel mio caso però non c'è una mamma che non vuol essere identificata, ma si dice che il cesto fu trovato sull'uscio del Brefotrofio. Inoltre l'infante aveva con se una mezza medaglietta di latta con raffigurata la Santa Casa di Loreto, mi è stato spiegato poi che era costume da parte della madre lasciare mezza medaglietta e tenere l'altra mezza medaglietta per se affinchè un giorno, forse, si sarebbero potute reincontrare, e se le due parti della medaglietta coincidevano, era una sorta test del dna che certificava che quelle erano mamma e figlia. Inoltre l'infante all'interno della veste aveva con se un foglietto manoscritto con la dicitura "Con viva preghiera di chiamarla Giovannina Raffaela". Il fatto che il foglietto era manoscritto poteva significare due cose, o uno dei genitori sapeva scrivere (cosa rara all'epoca) o se lo era fatto scrivere da qualcuno letterato (cosa che comunque avrebbe lasciato traccia del genitore), nel primo caso probabilmente la bambina era nata da un genitore almeno letterato e quindi non certo povero. Il cognome che le fu dato era Bozzoni, cognome che a Cingoli non esiste, non è un termine dialettale locale, non è il nome di una località. Quindi sicuramente fu un cognome di fantasia, ma anche la fantasia comunque originava da una motivazione. Cercando i fogli matricolari dei miei nonni e bisnonni poi, mi sono imbattuto in un soldato originario di Camerino che portava il cognome Bozzoni. Bisognerebbe vedere se anche lui era trovatello, in questo caso il cognome BOZZONI non era un cognome di fantasia ma rappresentava una piccola costante nel mondo dei trovatelli locali, se invece non era un trovatello, c'è da capire perchè l'impiegato dell'epoca diede questo cognome a mia nonna. Non è un cognome comune da noi, anzi a parte mia nonna ed il soldato di Camerino, non ho altri riscontri
Titolabieno
 
Messaggi: 89
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Provenienza cognomi bambini esposti

Messaggioda domemo77@virgilio.it » mercoledì 10 febbraio 2021, 22:48

Gentilissimo, grazie per le sue illuminanti riflessioni, tuttavia a differenza sua, in cui il cognome Bozzoni , aldilà della sua zona di provenienza, è comunque presente già a partire dalla seconda metà dell ottocento in numerose zone di Napoli, Modena e altre località, il mio cognome Berlantini, aldilà di tutti i miei parenti sparsi in giro, in tutta Italia è presente solo in questo unico caso dell Aquila, Berlantini Colomba, anch essa trovatella, con figlia naturale Berlantini Antonia, che non hanno alcun collegamento con mio nonno. Deduco che tale cognome, pochissimo utilizzato, era comunque uno tra i tanti scelti per i trovatelli in una ipotetica lista.
domemo77@virgilio.it
 
Messaggi: 4
Iscritto il: giovedì 24 dicembre 2020, 13:21


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti