Pagina 1 di 1

marammiere, fabbriciere - architetti ... e fabricatori?

MessaggioInviato: sabato 9 febbraio 2019, 23:46
da VictorIII
In Sicilia, nel 17 ° secolo, trovo un uomo che sembra svolgere la professione di mastro muratore o architetto, chiamato magister, e talvolta nei documenti dei suoi nipoti chiamati architetto o mastro muratore.
 
Suo nipote è nato nei primi decenni del 18 ° secolo, trattamento di Don (ovviamente sapendo che ciò significa semplicemente rispettato nella comunità) e professione di architetto. Nella seconda metà del XVIII secolo troviamo questo nipote, capo mastro marammiere del restauro di una cattedrale - ovviamente una sorta di deputato di un consiglio ecclesiastico. Da lui discende due rami fratelli, possiamo dire la Lunetta e il Spagnolo (le mogli che i suoi figli hanno sposato). Del ramo Lunetta, sicuramente, abbiamo generazione per generazione continuando la tradizione dell'architetto per altri 150 anni fino alla fine del 19 ° secolo.

Del ramo Spagnolo, vediamo anche il trattamento di don, ma le professioni delle seguenti generazioni diventano più spesso la condizione di proprietario e possidente senza un riferimento alla professione. Di questo stesso ramo Spagnolo, dalla metà del XIX secolo, nipote dell'architetto / capo mastro marammiere, troviamo che la sua condizione è proprietario / possidente ma senza professione menzionata, tranne quando espressamente indicato come * fabbriciere * di la stessa cattedrale che suo nonno era capo mastro marammiere. La nuova generazione del ramo Spagnolo, pronipote dell'architetto marammiere, è solo proprietario o possidente senza identificazione di una specifica professione.

In Sicilia, in questi due diversi periodi, possiamo assumere che fabbriciere e marammiere intendano la stessa posizione o simili (ovviamente sempre accogliendo eventuali aggiunte o miglioramenti a queste affermazioni).

Tuttavia, basta questo per concludere che il membro del ramo spagnolo che menziono è stato anche coinvolto nella professione di architettura di famiglia, poiché era un fabbriciere e l'informazione sui rami e sugli antenati dei cugini? In genere sia le fabbriciere che le marammiere avevano come professioni qualcosa di simile all'architettura o il fabbriciere era più un consiglio di chiesa che non si concentrava solo sull'architettura e sui restauri?

e poi, un'altra domanda, il ramo di Spangolo tra il fabbriciere e il capo mastro marammiere / architetto, è in realtà un tempo chiamato "fabricatore" nel XVIII secolo, ricevendo anche il trattamento di don. Il ramo cugino di questa generazione nella Lunetta diventa l'architetto e l'ingegnere regionale. Il fabricatore tra architetti e proprietario, ma anche il trattamento di don ... era coinvolto anche in architettura ?, ma perché lo chiamò fabricatore ?? forse era anche in alcuni documenti non trovati chiamati architetto?

Grazie mille per ogni ulteriore prospettiva