Ricca marchesi di Saballin??

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Ricca marchesi di Saballin??

Messaggioda diegocompagnoni » giovedì 28 settembre 2017, 19:27

Gentili forumisti,

qualcuno ha mai sentito parlare di una nobile famiglia 'Ricca' e soprattutto del titolo di marchese di Saballin? Non trovo alcuna informazione in merito e non riesco nemmeno a capire a cosa ovvero a quale territorio si riferisca questo predicato.
Grazie anticipatamente.
Saluti
D.C.
diegocompagnoni
 
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2011, 21:57

Re: Ricca marchesi di Saballin??

Messaggioda GENS VALERIA » venerdì 29 settembre 2017, 10:14

Famiglia Ricca


Arma: di azzurro alla fascia di rosso accompagnata da tre stelle d’oro ad otto punte, poste due nel capo e una in punta.


Della nobile famiglia napoletana Ricca si hanno poche notizie.
Fabio Ricca († 11.09.1580) nel 1573 acquistò dal Tribunale del Sacro Regio Consiglio per ducati 11.500 le terre di Pollosa e Castelpoto, in Principato ultra, vendute ad istanza dei creditori di Nicola Antonio Caracciolo 2°, marchese di Vico. Nello stesso anno tra l’Università di Cervinara e il barone di Pollosa ci fu una lite presso la Regia Camera della Sommaria in quanto gli abitanti di Cervinara chiedevano l’esenzione dal pagamento del passo di Pollosa.
Il citato Fabio, col consenso del primogenito Gaspare, vendette nel 1570 ad Ettore Brayda della città di Napoli il feudo di Polcarino per ducati 12.000.
I feudi di Pollosa e Castelpoto passarono, di padre in figlio, a Gaspare († 29.06.1625) e poi a Fabio 2° che divenne duca di Pollosa con diploma datato Madrid 11.06.1627; egli fu nominato cavaliere di S. Giacomo. Impalmò Felicita Maria Capece Piscicelli, figlia di Mario e di Isabella Brancaccio; vendette il feudo di Castelpoto a Giovan Giacomo Bartoli, dottore in legge, per ducati 18.000.
Fabio 2° Ricca rese l’anima a Dio in data 12.12.1662 senza figli e il titolo di duca di Pollosa (o Apollosa) passò al nipote Fabio Capece Piscicelli.
La famiglia Ricca viveva principalmente in Napoli nel monumentale palazzo realizzato durante il Cinquecento e ceduto nel 1616 per 10.000 ducati al Sacro Monte dei Poveri.
La famiglia possedeva due cappelle gentilizie nella Basilica di S. Pietro ad Aram. La basilica fu ampliata incorporando la prima chiesa cattolica d'Italia; l'apostolo Paolo sbarcò a Pozzuoli mentre S. Pietro, prima di recarsi a Roma, nell'anno 44 d. C. si fermò a Napoli dove celebrò la Santa Messa, battezzò e comunicò S. Candida († Napoli, 78 d.C.) e S. Aspreno, quest'ultimo diventerà il primo vescovo di Napoli. Solo la città di Napoli, oltre Roma naturalmente, ebbe il privilegio di indire il Giubileo, poi per ordine del pontefice Clemente VIII (1592 - 1605) fu murata la Porta Santa della Basilica di S. Pietro ad Aram nel 1600, per motivi squisitamente economici e non religiosi. L'ultimo Giubileo fu proclamato a Napoli nel 1576.
Alcune parentele contratte dai Ricca:
Francesca Ricca, sorella di detto Gaspare, sposò Cesare Pagano († 1599) del Sedile di Porto di Napoli, barone di Fossaceca e Pietrastornina.
Prospera Ricca sposò Ascanio Caracciolo 1° († 1605), barone di Pannarano.
Lucrezia Ricca, sorella del citato Fabio 2°, duca di Pollosa, sposò Nicola Maria Capece Piscicelli, figlia di di Mario e di Isabella Brancaccio. I coniugi generarono Fabio, Mario e Maddalena.
Gio. Vincenzo Ricca sposò Giulia de Martino, figlia di Francesco (1695 † 1774) avvocato dei poveri.
Vincenza Ricca sposò Antonio de Martino, figlio di Francesco (nato a Montefusco il 16.5.1776) e di Caterina de Attellis dei marchesi di Sant’Angelolimosano.
http://www.nobili-napoletani.it/

Non è detta che questa famiglia sia quella che cerchi , è riportata una famiglia siciliana

RICCA

Titoli: barone

Dimora: Vittoria, Palermo

Originaria del napoletano, portata in Sicilia da RINALDO al seguito di re Pietro d’Aragona; LAMBERTO capitano d’arme in Noto nel 1399; GIOVANNI senatore in Siracusa 1420/2, possedette metà del feudo di Caddeddi e Bufalefi che venne conferito al figlio RINALDO il 25 luglio 1453; ANTONIO possedette metà del feudo di Ricalcaccia con investitura del 6 giugno 1506; RICCARDO con privilegio dato in Madrid il 7 marzo 1710, esecutoriato in Messina 2 aprile 1713 ottenne la concessione del titolo di marchese Della Scaletta, senatore in Palermo 1729/30; ALFONSO, barone della Scaletta, con privilegio del 10 luglio 1748 ottenne il titolo di barone di Bruca o Villamarina; GIOACCHINO investito del titolo di barone del Sonnaro quale marito di Rosaria Parisi il 4 settembre 1768; il casato ammesso nelle “Regie Guardie del Corpo” del Regno delle Due Sicilie dalla Regia Commissione dei Titoli di Nobiltà in persona di ERASMO, guardia a cavallo della “Compagnia delle Regie Guardie del Corpo” nel 1860 che con MOSE’ alfiere del “10° Reggimento Fanteria di Linea Abruzzo”ed ANDREA 2° tenente del “14° Reggimento Fanteria di Linea Sannio” parteciparono alla difesa del Regno delle Due Sicilie contro l’invasione piemontese.

Iscritta nell’Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano anno 1922.

Arma: troncato: 1° d’argento al leone nero nascente dalla troncatura; 2° di rosso allo scaglione d’oro accompagnato da tre stelle dello stesso due in capo una in punta;

alias: d’argento a tre fasce di rosso attraversate da un leone tenente una crocette il tutto d’oro.

RICCA Piemonte
(Riche)
(da Bollengo, in Torino) conti di Quassolo

D'azzurro, alla fascia d'argento, carica di un leoncino, di rosso, illeopardito, e accompagnata da tre stelle.

http://www.vivant.it/pagine/attivita_2.htm digitare Il Guasco ed il Manno

Cordialità
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4969
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Ricca marchesi di Saballin??

Messaggioda diegocompagnoni » mercoledì 4 ottobre 2017, 13:58

Gentile Sig. De Mitri Valier,
la ringrazio per il suo intervento.
Mi riferisco ad una famiglia presumibilmente meridionale, specificamente di Castelvetrano (Trapani). Ma un matrimonio con un castelvetranese non significa essere di Castelvetrano, naturalmente. Questo predicato che ritrovo scritto in un unico documento che mi è stato gentilmente inviato da un ricercatore, non so davvero da dove provenga e non mi sembra molto siculo, devo dire. Ma questa potrebbe essere soltanto una mia impressione.
Vediamo se qualcuno ne sa qualcosa.
Cordialmente.
D.C.
diegocompagnoni
 
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2011, 21:57

Re: Ricca marchesi di Saballin??

Messaggioda Romegas » sabato 7 ottobre 2017, 12:37

Esiste anche una famiglia Ricca nobile di Montefiascone (Viterbo).
Sub hoc signo militamus
Sol per difesa io pungo
(Contrada Sovrana dell'Istrice)
Initium sapientiae timor Domini
(Sal. 111,10)
Socio A.I.O.C.
Socio I.A.G.I.
Romegas
 
Messaggi: 4063
Iscritto il: sabato 10 marzo 2012, 0:15
Località: Roma

Re: Ricca marchesi di Saballin??

Messaggioda diegocompagnoni » domenica 8 ottobre 2017, 15:42

Gentile Romegas,
la ringrazio per la sua segnalazione.
Cordialmente.
D.C.
diegocompagnoni
 
Messaggi: 139
Iscritto il: mercoledì 17 agosto 2011, 21:57


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti