I notai potevano commettere errori?

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

I notai potevano commettere errori?

Messaggioda FP » giovedì 13 aprile 2017, 13:48

In un atto del 1743, redatto a L'Aquila, un soggetto viene definito "qm." e quindi defunto, ma mi risulta che ebbe figli almeno fino al 1757.
Può il notaio aver commesso un errore? Avete testimonianze simili?

Grazie.
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1458
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Re: I notai potevano commettere errori?

Messaggioda Vincenzo » giovedì 13 aprile 2017, 16:09

Mi è capitato diverse volte. Una volta anche con il sesso sbagliato.
Vincenzo
 
Messaggi: 67
Iscritto il: giovedì 30 giugno 2016, 12:28

Re: I notai potevano commettere errori?

Messaggioda FP » venerdì 14 aprile 2017, 10:01

Vincenzo ha scritto:Mi è capitato diverse volte. Una volta anche con il sesso sbagliato.

Grazie mille. In particolare l'atto riguarda la cessione di beni che un tale Carlo effettua in favore di un canonico aquilano, i quali beni provengono ab hereditate prefati qm. Ioannis Dominici eorum patris et per cessionem ipsi Carolo facta a qm. Alexandro ... eius fratre.
Quindi sono beni ereditati dal padre Giandomenico e ceduti dal fratello Alessandro, ma quest' ultimo, secondo altre fonti da me visionate, era tutt'altro che "quondam" nel 1743 e visse almeno fino al 1757 generando diversi figli.
Volevo sapere se qualcuno ha registrato casi analoghi.
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1458
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39

Re: I notai potevano commettere errori?

Messaggioda Messanensis » venerdì 14 aprile 2017, 12:55

FP ha scritto:
Vincenzo ha scritto:Mi è capitato diverse volte. Una volta anche con il sesso sbagliato.

Grazie mille. In particolare l'atto riguarda la cessione di beni che un tale Carlo effettua in favore di un canonico aquilano, i quali beni provengono ab hereditate prefati qm. Ioannis Dominici eorum patris et per cessionem ipsi Carolo facta a qm. Alexandro ... eius fratre.
Quindi sono beni ereditati dal padre Giandomenico e ceduti dal fratello Alessandro, ma quest' ultimo, secondo altre fonti da me visionate, era tutt'altro che "quondam" nel 1743 e visse almeno fino al 1757 generando diversi figli.
Volevo sapere se qualcuno ha registrato casi analoghi.


In questo caso può ben essere una svista.
Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1397
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Re: I notai potevano commettere errori?

Messaggioda FP » sabato 15 aprile 2017, 1:26

Grazie, se hai riscontrato casi simili sarebbe interessante approfondire la questione.
~ Tua vivimus luce ~
FP
 
Messaggi: 1458
Iscritto il: giovedì 20 marzo 2003, 15:39


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 6 ospiti