Atto notarile in latino

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Atto notarile in latino

Messaggioda Vincenzo » giovedì 23 marzo 2017, 22:06

Carissimi,
c'è qualche anima pia che mi aiuterebbe nella paleografia e magari, nella traduzione, della pagina di cui al link:

https://www.dropbox.com/s/ce1c2xn8hdc7u ... 9.JPG?dl=0

E' un atto notarile, siamo nella Calabria del 1600. Dovrebbe trattarsi della vendita della casa. Sono particolarmente interessato ad eventuali dati anagrafici di Domenico Greco.
Vincenzo
 
Messaggi: 67
Iscritto il: giovedì 30 giugno 2016, 12:28

Re: Atto notarile in latino

Messaggioda Alessio Bruno Bedini » venerdì 24 marzo 2017, 7:43

Domenico Greco della terra di San Giovanni.
Da un prima lettura appare indubbio che Michele Greco sia un parente di Domenico, probabilmente il padre o fratello maggiore.
Immagine
Avatar utente
Alessio Bruno Bedini
Moderatore Genealogia, Manifestazioni e Bibliografia
 
Messaggi: 6243
Iscritto il: martedì 21 settembre 2004, 21:47
Località: Cittadino del Mondo

Re: Atto notarile in latino

Messaggioda Vincenzo » venerdì 24 marzo 2017, 8:45

Grazie mille, gentilissimo!
Vincenzo
 
Messaggi: 67
Iscritto il: giovedì 30 giugno 2016, 12:28

Re: Atto notarile in latino

Messaggioda Vincenzo » venerdì 24 marzo 2017, 21:05

Mi pare di leggere questo:

In nome domini Amen, Ansà Civanni, eius di millesimo, sexcentesimo, sexagesimo, nono, Regenti Cavalloro de Austria Reignans (?) Reges et Reina eius matre tutrice et ??? Regnorum, vero second anno gerato feti Ameri Dinevo vigesima nona M. aprilis vic Jens intra J. Jo(annis) infloris (?) nos Cavadir noves facimus s(?) quanti (?) in ??? presentia ??? contra Ioannem Mavasco Casalis Sauelle agenti et ad insita (?) omnia et singgetum parte excisa et Domenico Greco de Etui(????) S. Joannes inflore similes agentes ad inscripta (?) omnia di ???? parte ex altera ??? quid Joinor asservit ad ??? annis preteritis vendidisse et Domenico presenti quator eius domus palatiata quam ?????????? Joannes: insta domus Michaelis Greci uid qualios et alios fines Francas, prog ea in qua ad ??? habitat iste Domenicus, et hoc pro pretio ducatorum(?) triginta in eodem tempore. Evendituris (?) soluarza ipsi venditori ???? ??? exi ad num pecunie, Cap. de venditorem tunc p(re)tis nullis imperdim nulla fuit rogata scriptura Deo nunc ad cautelam d(omini) Dominici hodie ??? die et Joannes ??? et de novo ad cautelam consilis addendo sua (?) salva tamen anterioritates non vi sed sponte sui omni non p(???)didit d(omino) Domenico presenti ???? eius domus eiusdem(?) ??? iuribusque ad habentes ?? investivit in possessione s questi pene sed contra et plano et pastos ceteros ???? et ponentis et ??? et eiusdem provisione(?) ut in vé prop. de qua domi gm. e euisdem infra qua sic et alia et huic pro ??? pretio duccatorum triginta ut supra solut(???) ??? pretio ??? venditor insanie se bene contentus s. emptori et donatoris sit ??? beneficiorum non receptus ??? ultra dimidia ?? pretii

Dunque dovrebbe essere la "regolarizzazione" di una vendita precedentemente effettuata da Michele Greco, o sbaglio?
Vincenzo
 
Messaggi: 67
Iscritto il: giovedì 30 giugno 2016, 12:28

Re: Atto notarile in latino

Messaggioda Nicarinus » mercoledì 7 giugno 2017, 19:43

Un plauso per questo forum dedicato a discipline ausiliarie e documentarie della storia, che promuove e valorizza ricerche genealogiche e tradizioni di famiglia. Un vivo apprezzamento anche per il richiamo ai valori della religione cattolica, che traspare in alcuni interventi del Presidente IAGI.
La decifrazione di antichi documenti, soprattutto se in latino, è uno degli aspetti più stimolanti e coinvolgenti in questo genere di ricerche. La lingua latina mantiene intatti, attraverso i secoli, il suo vigore e il suo fascino.
Obiettivo del forum è anche che gli interventi si conformino a un tenore di scientificità. Con l’intento di non disattendere l’auspicio, a mo’ di saggio propongo una mia trascrizione - decifrando scrittura e sciogliendo abbreviature – dell’atto notarile in questione, sulla base di ormai lontani ma solidi studi classici liceali, e di poco altro.
Qualche giorno fa la foto del documento originale è scomparsa da Dropbox, impedendomi di completare la decifrazione di pochissime parole o abbreviature rimaste in sospeso (nella mia trascrizione evidenzio in corsivo o con puntini di sospensione o con parentesi alcune persistenti incertezze, anche solo su singole desinenze latine). Sarebbe secondo me molto apprezzabile che i documenti oggetto di quesiti restassero accessibili in permanenza nel forum.
Il latino burocratico seicentesco dell’atto è ovviamente alquanto lontano dal latino classico; vi è inoltre, a parer mio, qualche indiscutibile lapsus grammaticale e sintattico, nonché evidenti carenze nella punteggiatura. È un latino in gran parte di comprensione e traduzione molto facile ma contenente, soprattutto nella seconda parte del documento, rimandi a norme e codici, nonché espressioni tecnico-giuridiche che potrebbero essere tradotte e spiegate nel modo migliore da un esperto di storia del Diritto.
Riguardo ai quesiti posti dall’interessato alla comprensione del testo, oltre a concordare sul fatto che si tratti della “regolarizzazione” della vendita di una casa palaziata o palazzo (domus palatiata), segnalo che nell’atto non è specificato alcun rapporto di parentela, peraltro molto probabile, tra l’acquirente Domenico Greco e il citato Michele Greco, proprietario in San Giovanni in Fiore di una casa contigua a quella oggetto di vendita. Il venditore, Giovanni Antonio Marasco, è di Savelli.
Dal punto di vista storico mi piace notare che il prepositus regius ad contractus iudex, presente all’atto, è di stirpe austro-ungarica (de Iby): siamo ancora, come espresso nell’incipit del documento (29 aprile 1669), al tempo del dominio asburgico su Spagna, Napoli, Sicilia e altre ampie regioni non mitteleuropee; regnante ma ancora bambino, con la reggenza della madre Marianna d’Austria, Carlo II, monarca fisicamente infelice e malaticcio a causa dei troppi matrimoni dei suoi più diretti ascendenti tra stretti consanguinei, e figlio precocemente orfano di Re Filippo IV d’Asburgo.
Chiedo venia per la lunghezza di questo commento un po’ divagante rispetto al semplice quesito di partenza. Qui di seguito la mia trascrizione, riga per riga.

De Dominico Greco

(1) In Nomine Domini Amen, Anno a Circumcisione eiusdem millesimo sexcentesimo sexagesimo
(2) nono, Regnante Carolo secundo de Austria Dei Gratia Rege, et Regina eius matre Tu-
(3) trice, et Gubernatrice, Regnorum vero suorum anno quarto feliciter Amen. Die vero
(4) vigesima nona Mensis Aprilis septime indictionis in terra Sancti Ioannis in flore Nos declaramus et
(5) notum facimus qualiter in nostri presentia personaliter constitutis Ioanne Antonio Marasco Casalis
(6) Savelle agente ad infrascripta omnia pro se in perpetuum parte ex una, et Dominico
(7) Greco dicte terre Sancti Ioannis in flore similiter agente ad infrascripta omnia pro se in perpetuum
(8) parte ex altera, predictus quidem Ioannes Antonius asseruit cum iuramento annis preteritis ven-
(9) didisse dicto Dominico presenti quamdam eius domum palatiatam quam habebat iuxta
(10) in dicta terra Sancti Ioannis iuxta domum Michaelis Greci viam publicam, et alios fines francam
(11) et propinque ea, in qua ad presens habitat isdem Dominicus, et hoc pro pretio ducatorum
(12) triginta in eodem tempore dicte venditionis solutorum ipsi venditori declarando cum iuramento
(13) exceptioni non numerante pecunie. Ergo de dicta venditione tunc pro nonnullis impedimentis
(14) nulla fuit rogata scriptura. Ideo mane ad cautelam dicti Dominici hodie
(15) predicto die dictus Ioannes Antonius iterum et de novo cautelam cautelis addendo salva
(16) tamen anterioritate non vi sed sponte omni meliori modo vendidit dicto Dominico
(17) presenti suprascriptam eius domum cum omnibus iuribus ad habendum investivit in
(18) possessionem perfectam perennem cum constituto et precario et pacto cedens omne ius ponentibus
(19) et constituens eam provisionem ut in rem propositam de qua domu promittente evitationem in franca
(20) sic alias, et hoc pro supradicto pretio ducatorum triginta ut supra solutorum
(21) de quo quidem pretio dictus venditor iuravit se bene contentum. Itaque donavit
(22) dicto emptori donationis titulo inrevocabiliter inter i…os ob nonnulla grata
(23) beneficia ab eodem emptore recepta declarando cum iuramento exceptioni dictorum beneficiorum non
(24) receptorum. Nec non exceptioni ultra dimidiam iuxti pretii L 2 et cont. insa. Cod.
(25) de rescindenda venditione ac L. si unquam Cod. de revocatione et insinuatione donat et omni LL
(26) et canone(m) aureo. Pro quibus omnibus observandis dictus venditor obligat se bonam ad penam dupli
(27) medietate me Notario rato manenti pacto cum constituto et precario et pacto et
(28) quedam predicta nova sint observando vendit iurat alias ad consilium sapientis. Unde
(29) presentibus B. Francisco de Iby preposito regio ad contractus iudice } dicte terre
(30) Lutio Pignanello Antonio Catnazaro et Ioanne Antonio Blito } Sancti Ioannis
(31) Idem qui supra Notarius Paulus Franciscus Brassonius dicte terre Sancti Ioannis manu propria rogator “.

Cordialmente,

Raynaldus qui etiam Nicarinus

vagliami il lungo studio e il grande amore
Nicarinus
 
Messaggi: 4
Iscritto il: lunedì 5 giugno 2017, 19:14

Re: Atto notarile in latino

Messaggioda Vincenzo » venerdì 9 giugno 2017, 13:07

La ringrazio tantissimo, è stato incredibilmente cortese ed utile.
Vincenzo
 
Messaggi: 67
Iscritto il: giovedì 30 giugno 2016, 12:28


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 3 ospiti