Titolo di nobiltà

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Titolo di nobiltà

Messaggioda Roberto Campolongo » giovedì 8 agosto 2013, 12:39

Vorrei sapere dove verificare se la mia famiglia si sia mai fregiata di titolo nobiliare ed abbia utilizzato un proprio stemma.

Grazie

Roberto Campolongo
Roberto Campolongo
 
Messaggi: 26
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 17:32
Località: CANNA (CS)

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda smn » giovedì 8 agosto 2013, 13:15

Salve,
in ambito cosentino si trova una famiglia Campolongo che ottenne, nel 1753, il titolo di barone sul feudo di San Donato: "La famiglia Campolongo, originaria di Altomonte, ottenne, nel 1780 il feudo di San Donato con Michele Campolongo che acquistò la terra di San Donato, con seconde e terze cause, portolania e zecca, dal S.R.C., contro il patrimonio del duca Francesco Saverio Sambiase, con regio assenso 31 agosto 1780, registrato nel Quinternione 314, folio 425, come dal Cedolario 79, folio 298. Da Michele il feudo passò Nicola (deceduto il 17 agosto 1790) e da questi al fratello Francesco, cui San Donato fu intestato il 27 settembre 1793, cedolario 79, folio 487. fonte: F. von Lobstein, Settecento Calabrese ed altri scritti, Napoli, 1977, Vol. II, pag. 494.)"
Ed un' altra, secondo alcuni la stessa della prima, originaria di San Marco:
http://www.sanmarcoargentano.it/ottocento/cognomi_a_f/campolongo.htm

un' altra ottenne alcune signorie:
http://books.google.it/books?id=c1UxAQAAMAAJ&pg=PA221&lpg=PA221&dq=famiglia+campolongo&source=bl&ots=gIBCOeh-ac&sig=m9e4f1KvYsgKrSjcsMePWqbgZkY&hl=it&sa=X&ei=8HsDUuP1KJTv4QTTrYEY&ved=0CHcQ6AEwDQ#v=onepage&q=famiglia%20campolongo&f=false

Sembrerebbe che le tre famiglie sovra citate siano considerate rami della stessa casata.

Infine un' altra ancora fu nobile padovana:
http://books.google.it/books?id=diNLAAAAYAAJ&pg=PA189&lpg=PA189&dq=famiglia+campolongo&source=bl&ots=u3ZvFuFTS6&sig=UOAR7BLOJ_Vla2RfZzJoeo_HEKc&hl=it&sa=X&ei=cn0DUonNDJL44QSHioDgAg&ved=0CDkQ6AEwAjgK#v=onepage&q=famiglia%20campolongo&f=false

Per quanto riguarda l'araldica i Baroni di San Donato portavano D'oro con una montagna di tre cime al naturale movente dalla punta sormontata da tre stelle di azzurro ordinate In fascia (fonte:http://books.google.it/books?ei=zoADUt7BMeaK4ATZqYC4Bg&hl=it&id=K70gAAAAMAAJ&dq=Lo+stemma+di+essa+famiglia+vien+cos%C3%AC+descritto%3A+D%27oro+con+una+montagna+di+tre+cime+al+naturale+movente+dalla+punta+sormontata+da+tre+stelle+di+azzurro+ordinate+In+fascia&q=fascia#search_anchor)

Rimane, ovviamente, da verificare se si tratti della medesima famiglia della sua...forse qualche indicazione in più sarebbe d'aiuto per darle informazioni più precise.

Cordialmente,
E.V.
smn
 
Messaggi: 189
Iscritto il: lunedì 25 febbraio 2013, 19:22

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda GENS VALERIA » giovedì 8 agosto 2013, 13:38

Roberto Campolongo ha scritto:Vorrei sapere dove verificare se la mia famiglia si sia mai fregiata di titolo nobiliare ed abbia utilizzato un proprio stemma.


" Qual è la differenza tra nobiltà e la fedeltà ? Nessuna, esse sono ambite da molti ma si può vivere tranquillamente facendo finta che non esistano."
[Vecchio adagio cormonese ]


L'argomento è stato trattato proprio oggi , vedi:
viewtopic.php?f=3&t=17465

Ho accennato al fatto che, chi discende da famiglia di storica élite etica, lo sa per tradizione.

Chi volesse andare a fondo del " si dice in casa " eviti di farsi turlupinare da cacciatori di gonzi che confezionano genealogie impossibili e facciano una seria ricerca personale oppure con l'aiuto di ricercatori professionisti seri ed onesti, pretendendo di ottenere copie di atti conformi all'originale.

Cordiali saluti
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4912
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda smn » giovedì 8 agosto 2013, 13:48

Chiedo scusa...per la fretta ho letto male la domanda del signor Campolongo, fraintendendo la sua richiesta.
Spero di non averla tediata con quelle poche informazioni non richieste, comunque concordo col gentile moderatore che la via migliore per avere completa certezza di una passata nobiltà della famiglia (qualora non tramandata...) sia la sana ricerca genealogica, in prima persona o delegata a professionisti, assicurandosi sempre dell' autenticità delle informazioni.

Di nuovo cordialmente,
E.V.
smn
 
Messaggi: 189
Iscritto il: lunedì 25 febbraio 2013, 19:22

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda GENS VALERIA » giovedì 8 agosto 2013, 13:51

smn ha scritto:Chiedo scusa...per la fretta ho letto male la domanda del signor Campolongo, fraintendendo la sua richiesta.
Ma, visto che chiede "dove" e non "se", concordo col gentile moderatore ...


Nessun problema , qualche spunto storico non guasta :)

Saluti toto corde
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4912
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda Roberto Campolongo » giovedì 8 agosto 2013, 15:09

Il ramo da cui discendo è presente a Canna, nell'Alto Jonio cosentino, sin dalla fine del 1600, il cui capostipite e Giuseppe Campilongo, sposato con la M.ca Felice De Ursio da Senise; i figli furono due sacerdoti: Gerardo e Cesare ed il Dr. F.co Francesco Domenico coniugato con la M.ca Crizia Tarsia dei Baroni di Canna e Nocara.
Da documenti di un fratello di mio nonno, Francesco Campolongo, Proc. Gen. c/o Corte d'Appello di Napoli, si ricorda la famiglia Campolongo dei Baroni Campolongo; purtroppo, circa lo stemma di famiglia utilizzato utilizzato, non vi è traccia.
Da fonti storiche so che i Campolongo godettero di nobiltà nella città di Altomonte, San Marco Argentano e Tricarico, ma apparte ciò, non ho alcun collegamento di discendenza diretta con detti rami.

Spero che con queste poche notizie, qualcuno, a conoscenza di ulteriori fonti, possa aiutarmi nella mia ricerca.

Grazie

Roberto Campolongo
Roberto Campolongo
 
Messaggi: 26
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 17:32
Località: CANNA (CS)

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda GENS VALERIA » giovedì 8 agosto 2013, 15:40

Roberto Campolongo ha scritto:( ...) Da fonti storiche so che i Campolongo godettero di nobiltà nella città di Altomonte, San Marco Argentano e Tricarico, ma apparte ciò, non ho alcun collegamento di discendenza diretta con detti rami ( ... )

Il tuo "problema" , gentile amico è quindi duplice ma facilmente risolvibile facendo una ricerca storico - genealogica :
1) verificare la veridicità delle fonte storiche che vorrebbero i Campolongo nobili "di Altomonte, San Marco Argentano e Tricarico"
2) risalire con una ricerca genealogica ben fatta indietro nel tempo e verificare il " collegamento di discendenza diretta con detti rami " , se esistono emergeranno, se non esistono , ti rimarrà l'indubbia soddisfazione di aver ritrovato le tue radici

Cordialmente
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4912
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda Roberto Campolongo » giovedì 8 agosto 2013, 16:11

La ringrazio per i suggerimenti e approfito per chiederLe quali fonti permettono una ricostruzione genealogica antecedente il 1700, considerato che la personale ricerca ha considerato il catasto onciario, gli archivi parrocchiali e gli atti notarili; dette fonti mi hanno consentito di verificare, come già detto, tra la fine del 1600 e gli inizi del 1700, pertanto non saprei come procedere a ritroso, dal mio capostipite Giuseppe.
Quanto alla nobiltà, non già del mio ramo, ma dei Campolongo è attestata in varie fonti storiche e nella puntuale ricostruzione del Lobstein.

Attendo preziosi suggerimenti.

Grazie

Cordiali saluti

Roberto Campolongo
Roberto Campolongo
 
Messaggi: 26
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 17:32
Località: CANNA (CS)

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda GENS VALERIA » giovedì 8 agosto 2013, 16:34

Anagrafe sacramentale , atti reperibili negli archivi parrocchiali o diocesani :
atti di battesimo , matrimonio, morte , stato delle anime. Dal giorno d' oggi fino a metà '500

Atti notarili , reperibili all' Archivio di Stato della provincia di pertinenza , con particolare attenzione agli atti concernenti le doti delle figlie : si facevano sempre , anche per ... due lenzuoli , tre tovaglie e quattro camicie.
La difficoltà sta nell' individuare i notai che all'epoca rogavano in zona , comunque un discreto lavoraccio che implica molta pazienza e occhio allenato, ma vale la pena ...

[clover.gif]
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4912
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda Roberto Campolongo » venerdì 9 agosto 2013, 7:53

La ringrazio nuovamente, ma come Le dicevo, le risultanze della mia ricostruzione mi hanno limitato al capostipite di fine '600, in quanto i registri parrocchiali decorrono dal 1747 (battesimi) e 1752 (decessi); quanto ai notai, il primo rogante è Nicola Bruno, fascicolo unico del 1750, nel quale ho trovato un capitolo dotale tra Rosa campilongo e Giambattista Sanseverino deiB.ni di Calvera.
Ecco, perché Le dicevo che ho difficoltà ad agganciare il capostipite Giuseppe con atti antecedenti la fine del '600; inoltre, il laborioso lavoro del Lobstein e del B.ne Amato Campolongo, ha permesso di ricostruire la genealogia dei Campolongo dalll'XI al XVIII secolo, quindi, "dovrebbe" essere facile collegare il mio capostipite del 1670 (circa) alla ricostruzione anzidetta che copre fino a tutto il 1700, e malgrado ciò non riesco a venirne a capo.

Speravo e continuo a sperare che qualcuno possa avere ulteriori dati o genealogie ancora a me misconosciute o magare che possano venir fuori registri parrocchiali evidentemente sottratti, che permetterebbero di ricostruire con maggior precisione.
Altrimenti, dovrò rassegnarmi a credere che il ramo da cui discendo, non sia un ramo cadetto dei nobili Campolongo, bensì un ceppo di origine non aristocratica, cioè borghese; ma anche questa ipotesi mi appare peregrina, se consideriamo che nel XVII secolo solo i nobili riuscivano a laurearsi, proprio perchè la borghesia non era ancora nata.

Cordialmente

Roberto campolongo
Roberto Campolongo
 
Messaggi: 26
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 17:32
Località: CANNA (CS)

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda GENS VALERIA » venerdì 9 agosto 2013, 11:46

La sparizione dei registri parrocchiali è l'incubo dei genealogisti.
Proverei a cercare ( a cerchi concentrici ) notai che avessero rogato in villaggi , borghi , città vicine , in quasi tutte le generazioni vi erano figlie da " dotare " , beni da acquistare o alienare.

Saluti
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4912
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda Roberto Campolongo » venerdì 9 agosto 2013, 12:51

La ringrazio nuovamente.
Continuerò le mie ricerche nella direzione da Lei, cortesemente, indicata.

Ancora cordiali saluti

Roberto Campolongo
Roberto Campolongo
 
Messaggi: 26
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 17:32
Località: CANNA (CS)

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda Roberto Campolongo » giovedì 6 luglio 2017, 10:50

Dove posso reperire il testo in cui è riportata la descrizione dello stemma dei Campolongo di San Donato di Ninea?

robertocampolongo@virgilio.it


Grazie
Roberto Campolongo
 
Messaggi: 26
Iscritto il: martedì 3 aprile 2012, 17:32
Località: CANNA (CS)

Re: Titolo di nobiltà

Messaggioda GENS VALERIA » giovedì 6 luglio 2017, 17:34

In rete c'è un sito che mescola verità e storielle per ingenui , forse l' avrai visto narrare note e pubblicare stemmi .
Lo Spreti non ha mai pubblicato stemmi di una delle molteplici famiglie Campolongo che popolano l' italico Stivale ( isole comprese ) per sincerarti di ciò che affermo , controlla su https://www.leonemarinato.it/ che riporta tutti gli stemmi pubblicati dall'“ Enciclopedia Storico - Nobiliare Italiana” del Marchese Vincenzo Spreti (Milano 1928) in 6 volumi: I: A-Ba, II: Be-D, III: E-K, IV: L-O, V: P-R, VI: S-Z. e la sua appendice (Milano 1935) in 2 Volumi: I: A-C , II: D-Z"
Chi è ... è , chi non è ... non può essere.

Sergio de Mitri Valier Immagine
Avatar utente
GENS VALERIA
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 4912
Iscritto il: domenica 24 giugno 2007, 22:39
Località: Chiavari


Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot], Yahoo [Bot] e 2 ospiti