Etimologia di alcuni cognomi

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda mezzanotte » lunedì 6 febbraio 2017, 16:16

Una nobile famiglia siciliana Bucceri compare nella Mastra Nobile della città di Caltagirone del 1569, mentre, tra le famiglie "civili" della cittadina siciliana di Mineo (non distante da Caltagirone) in un elenco della mastra nobile risalente alla seconda metà del 1700, è presente la "famiglia Receputo e Buccieri"
(F.Spadaro di Passanitello, Le mastre nobili, 1938).
mezzanotte
 
Messaggi: 32
Iscritto il: martedì 15 gennaio 2013, 15:48

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda antonio33 » martedì 7 febbraio 2017, 11:44

Gabardo89 ha scritto:. Quanto ai Beccaria so che alcuni hanno ipotizzato una origine etimologica longobarda del cognome: o da ''berk'' + ''(s)karia'' = ''uomo della difesa'' oppure da ''behhari'', che stava ad indicare una sorta di coppa cerimoniale.
[hmm.gif]

Molto più semplice (... e attendibile!) la teoria che li vede in origine "beccai" di Pavia, o provenienti dal quartiere cittadino dove c'erano i macellai. :D

Saluto tutti.
Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1072
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Furio » martedì 7 febbraio 2017, 12:11

Gentile signor Gabardo, ha pienamente ragione a proposito dei Reina, un cognome comune non vuol dire che ci sia una comune origine, in Spagna e in Sicilia i convertiti furono moltissimi prima e in occasione dell’espulsione degli ebrei del XV secolo, ne segnalavo quindi la possibilità.
Per i Beccarla l’origine longobarda mi pare interessante e possibile vista la presenza degli stessi in terra longobarda ma non ho competenze sulla lingua e in ogni caso per la storia di una famiglia l’etimologia va abbinata alle prove storiche, al luogo di provenienza ecc, da non trascurare lo stemma che dà talvolta notizie probanti riguardo l’origine o le imprese di una famiglia.
Cordiali saluti Furio
Furio
 
Messaggi: 197
Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 14:52

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Furio » martedì 7 febbraio 2017, 12:13

Per Messanensis

Se lei dubita della comune origine per delle variazioni ortografiche nel corso dei secoli allora non ci sono famiglie antiche! Nella sua terra non troverà menzione dei Moncada ma dei Montecateno, non i Lanza ma i Lancia, Claromonte e non Chiaramonte, gli Agliata e non Alliata, Abbatellis e non Patella, Vigintimiglia e non Ventimiglia, Bologna e non Beccadelli, Santapau e non Ademari, ecc. ecc.
I Bucceri sono compresi nella Mastra nobile di Siracusa dello Spadaro di Passanitello che ne enumera i senatori e le memorie ab immemorabile, sottolineandone il ruolo di primo piano nella città, ancor oggi in una piazza di Siracusa si ammira Palazzo Bucceri Lanza, quindi citare il Codex Diplomaticus che parla di Ruggero BUSCEL, Giustiziere in Val di Noto e Castellano di Siracusa nel 1196, mi sembrava logico e interessante fermo restando che ognuno è libero di creder quel che gli pare!
Furio
 
Messaggi: 197
Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 14:52

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Messanensis » martedì 7 febbraio 2017, 13:13

Furio ha scritto:Per Messanensis

Se lei dubita della comune origine per delle variazioni ortografiche nel corso dei secoli allora non ci sono famiglie antiche! Nella sua terra non troverà menzione dei Moncada ma dei Montecateno, non i Lanza ma i Lancia, Claromonte e non Chiaramonte, gli Agliata e non Alliata, Abbatellis e non Patella, Vigintimiglia e non Ventimiglia, Bologna e non Beccadelli, Santapau e non Ademari, ecc. ecc.
I Bucceri sono compresi nella Mastra nobile di Siracusa dello Spadaro di Passanitello che ne enumera i senatori e le memorie ab immemorabile, sottolineandone il ruolo di primo piano nella città, ancor oggi in una piazza di Siracusa si ammira Palazzo Bucceri Lanza, quindi citare il Codex Diplomaticus che parla di Ruggero BUSCEL, Giustiziere in Val di Noto e Castellano di Siracusa nel 1196, mi sembrava logico e interessante fermo restando che ognuno è libero di creder quel che gli pare!


Mi dispiace ma io credo solo alle prove documentali. Le variazioni dei cognomi delle famiglie che cita sono attestate in documenti con i quali si dimostra la modifica nel corso del tempo.
Lei invece prende un Ruggero Buscel e lo pone come capostipite della famiglia Bucceri senza fornire alcun riferimento documentale per supportare tale tesi, da ritenere pertanto priva di alcuna scientificità fino a prova contraria.
Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1397
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda antonio33 » martedì 7 febbraio 2017, 17:16

Furio ha scritto:Per i Beccarla l’origine longobarda mi pare interessante e possibile vista la presenza degli stessi in terra longobarda ma non ho competenze sulla lingua e in ogni caso per la storia di una famiglia l’etimologia va abbinata alle prove storiche, al luogo di provenienza ecc, da non trascurare lo stemma che dà talvolta notizie probanti riguardo l’origine o le imprese di una famiglia.


Quindi, tanto per parlare, erano detti Macellai, ma solo per pura coincidenza. Un po' come se un tizio si fosse chiamato Marangoni casualmente, e non perché un suo avo avesse esercitato l'antica arte della falegnameria.
Qualora un cognome segnali un origine umile, spesso si ricorre a una scappatoia, a volte ridicola, per nobilitarla. E, per di più, si cerca di invertire l'onere della prova: si deve dimostrare che l'antenato del Beccaria fosse un macellaio, e non un nobile signore della Longobardia. Beccaro solo di nome ma non di fatto...
E ci si dimentica anche che il primo di una stirpe a essere nobile patentato, di solito, nacque plebeo.
Come se fosse una vergogna aver avuto un trisavolo macellaio...
Bello comunque constatare l'etimo in comune tra Buccheri e Beccaria, tra nord e sud tanto distanti e, a quei tempi, profondamente diversi. [thumb_yello.gif]

Saluto tutti.
Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1072
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Titolabieno » mercoledì 8 febbraio 2017, 16:39

E' tutto bello e fantasticare è lecito, ma per "determinare" occorre la verità documentale. In genealogia esistono due livelli :
1) "l'Indagine" dove tutto è lecito, indagare, supporre, collegare, ipotizzare, fantasticare etc etc etc
2) "Il documentare" dove si certifica lo stato dell'arte
Nella seconda fase non sono ammesse fantasie, quello che emerge dai documenti salvo prova di falsità degli stessi, è "verità documentale", tant'è che l'albero genealogico vero è quello documentato e certificato, ovvero quello ricostruito a mezzo prova documentale e quindi inconfutabile, ovvero realtà storica accertata.
La fantasia, l'ipotizzare, la voglia di scoprire è il sentimento che alberga in ognuno di noi e ci spinge a fare ricerche, spendendo spesso anche soldini, ma la verità documentale è quella a cui ci si deve riferire, oltre la quale non si può andare.
Nel caso in questione, è lecito asserire con certezza solo quanto ricostruito con documenti, il fatto che esista un Buscel, è un fatto certo documentato, ma per far si che diventi un fatto certo l'idea che sia il capostipite della famiglia Bucceri occorrono documenti che colleghino con certezza questo personaggio con gli antenati più recenti del forumendolo.
Tutto il resto sono solo ipotesi legittime, ma non confermate e quindi non acquisibili a prova definitiva.
Faccio l'esempio del mio albero genealogico. Iniziato con grande curiosità, non nella speranza di trovare antenati nobili, ma per la voglia di capire da dove provenissimo, quali vicende avessero interessato i miei antenati, per conoscere i loro nomi etc etc. La mia ricerca documentale accertata, si è fermata all'anno 1545 circa con Giovanni Francesco Del Marchegiano a Staffolo in provincia di Ancona.
Quindi oggi posso dire con assoluta certezza che stante i documenti individuati, la mia famiglia proviene dal comune di Staffolo in provincia di Ancona, luogo dove era stabilita già dalla prima metà del 1500. Possiamo affermare con assoluta certezza che l'attuale cognome Marchegiani, all'epoca era Del Marchegiano.
E qui al momento finisce la storia vera documentata. Tutto il resto sono ipotesi, legittime quanto vogliamo, ma non documentate.
Per esempio, a proposito di etimologia, siamo tutti d'accordo che il mio cognome è un cognome che trae origine dalla Marca Anconetana, ma poi insieme anche ad altri genealogisti di professione abbiamo ipotizzato che il primo ad aver assunto questo cognome, fosse nato fuori dalla Marca, questo perchè altrimenti non avrebbe avuto senso chiamarlo figlio Del Marchegiano ovvero di colui che viene dalla Marca. Pertanto è lecito "pensare" che il capostipite fosse nato in una zona limitrofa ed avendo la necessità di distinguerlo dalla massa, fosse stato appellato ........ del Marchigiano. Bene ipotesi plausibile, credibile, ma mera ipotesi non suffragata da nessun documento certo, pertanto posso parlare solo col beneficio di inventario, al condizionale, poichè non c'è documento che mi dimostri che il primo avo che assunse questo cognome sia nato in Umbria, in Emilia, nel Lazio. Infatti se ci pensate bene i cognomi non nascono nel 1500 ma circa 500 anni prima, per cui potrebbe anche essere che prima di Giovanni Francesco del Marchegiano, il cognome fosse ancora diverso etc etc.
Anche io cercando e cercando, ho trovato un volume anzi due, che parlano di un nobile tal cavaliere "Maso del Marchigiano" signore del Castello di Cornazzano a sud del lago di Bracciano, che sposò una nobile della famiglia Orsini, che fece costruire all'interno della Basilica dell'Ara Coeli una cappellina dedicata a S Gregorio Magno dove tra l'altro si fece seppellire nel 1407. Ma dire che sia il mio capostipite ce ne passa. Mi stuzzica l'idea, mi conferma l'ipotesi che Del Marchegiani nacque probabilmente fuori dalla Marca d'Ancona pur provenendo da essa, ma tra l'anno 1407 (morte di Maso) e il 1545 (probabile nascita di Giovanni Francesco Del Marchegiano) ci sono circa 130/140 anni. Fintanto che non emergeranno documenti che ricolleghino le due famiglie, la mia ricerca è ferma all'anno 1545 senza alcun collegamento con il Cav. Maso che rimane solo un soggetto al momento isolato. Esiste anche la Strada dritta del Marchigiano alle porte di Orvieto, altro elemento che rafforza l'ipotesi di una presenza antecedente al 1500 di questo cognome fuori dalla Marca, ma non ci sono documenti che ci dicono che questa strada sia collegata alla mia famiglia.
Pertanto senza documenti certi che coprano l'arco temporale tra Buscel e Bucceri, si può solo fantasticare, la ricerca vale solo fino a dove i documenti certificano la storia della famiglia e del cognome. [euro.gif]
Titolabieno
 
Messaggi: 73
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda antonio33 » mercoledì 8 febbraio 2017, 20:07

Titolabieno ha scritto:Per esempio, a proposito di etimologia, siamo tutti d'accordo che il mio cognome è un cognome che trae origine dalla Marca Anconetana, ma poi insieme anche ad altri genealogisti di professione abbiamo ipotizzato che il primo ad aver assunto questo cognome, fosse nato fuori dalla Marca, questo perchè altrimenti non avrebbe avuto senso chiamarlo figlio Del Marchegiano ovvero di colui che viene dalla Marca. Pertanto è lecito "pensare" che il capostipite fosse nato in una zona limitrofa ed avendo la necessità di distinguerlo dalla massa, fosse stato appellato ........ del Marchigiano. Bene ipotesi plausibile, credibile, ma mera ipotesi[euro.gif]


Ebbene, comunque mi pare che si concordi, in quanto evidente, che il cognome Marchegiani abbia a che fare con le Marche.
Onde per cui, il cognome Buccheri dovrebbe indicare originario di Buccheri o macellaio... Ipotesi plausibile e credibile, soprattutto rispetto ad altre fantasiose interpretazioni non supportate da alcuna documentazione.

Saluto tutti.
Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1072
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Messanensis » mercoledì 8 febbraio 2017, 20:14

antonio33 ha scritto:
Ebbene, comunque mi pare che si concordi, in quanto evidente, che il cognome Marchegiani abbia a che fare con le Marche.
Onde per cui, il cognome Buccheri dovrebbe indicare originario di Buccheri o macellaio... Ipotesi plausibile e credibile, soprattutto rispetto ad altre fantasiose interpretazioni non supportate da alcuna documentazione.


[thumb_yello.gif]
Ogni erba si conosce per lo seme.
Dante
Messanensis
Moderatore Forum Genealogia
 
Messaggi: 1397
Iscritto il: mercoledì 15 gennaio 2003, 19:47
Località: Messina

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Titolabieno » mercoledì 8 febbraio 2017, 23:20

antonio33 ha scritto:
Titolabieno ha scritto:Per esempio, a proposito di etimologia, siamo tutti d'accordo che il mio cognome è un cognome che trae origine dalla Marca Anconetana, ma poi insieme anche ad altri genealogisti di professione abbiamo ipotizzato che il primo ad aver assunto questo cognome, fosse nato fuori dalla Marca, questo perchè altrimenti non avrebbe avuto senso chiamarlo figlio Del Marchegiano ovvero di colui che viene dalla Marca. Pertanto è lecito "pensare" che il capostipite fosse nato in una zona limitrofa ed avendo la necessità di distinguerlo dalla massa, fosse stato appellato ........ del Marchigiano. Bene ipotesi plausibile, credibile, ma mera ipotesi[euro.gif]


Ebbene, comunque mi pare che si concordi, in quanto evidente, che il cognome Marchegiani abbia a che fare con le Marche.
Onde per cui, il cognome Buccheri dovrebbe indicare originario di Buccheri o macellaio... Ipotesi plausibile e credibile, soprattutto rispetto ad altre fantasiose interpretazioni non supportate da alcuna documentazione.

Saluto tutti.
Antonio


Per essere precisi precisi possiamo dire che l'attuale Marchegiani è un cognome che sicuramente appartiene a quei cognomi che prendono origine da luoghi geografici, ma non da Marche che è un toponimo recente, ma da Marca Anconetana. La regione Marche non esisteva come nome tal quale, ma parte di essa era denominata Marca Anconetana, non tutta la regione ma una parte di essa seppur consistente. Lo possiamo affermare perchè c'è una ricerca documentale che accerta questo fino alla prima metà del 1500, periodo in cui il cognome era Del Marchegiano (come a dire "figlio del Marchegiano"). Prima ancora non sappiamo però se il cognome era diverso, se sia nato come Del Marchigiano o se quest'ultimo sia una derivazione di un altro cognome, non abbiamo documenti che ci fanno risalire con certezza all'origine effettiva, certo è che nel 1407 c'era già questo cognome fuori dalla Marca. Su Buccheri invece non ho capito se il forumendolo abbia fatto una ricerca genealogica documentata e fino a che periodo sia riuscito a tornare indietro. Non sappiamo se anticamente Buccheri era sempre Buccheri, o se l'attuale cognome derivi da qualcosa di diverso. L'attuale cognome Buccheri potrebbe derivare dal comune di Buccheri in provincia di Siracusa, oppure il termine Bucchero sta ad indicare la ceramica etrusca color nero, Degno di nota è il fatto che buccheri graffiti di manifattura ceretana o veiente raggiungono già nella seconda metà del VII sec. a.C. la Sicilia (frammenti di kàntharoi dall'area sacra di Naxos e dall'abitato di Megara Hyblaea) appunti tratti da Enciclopedia dell'arte antica.
Il bucchero tra l'altro è un tipo di terra rossastra fine ed odorosa, utilizzata soprattutto alla fine del Seicento in farmacia e in profumeria.
Quindi il cognome oltre a poter essere indicativo di una provenienza geografica siciliana, potrebbe avere a che fare con un mestiere legato alla produzione di ceramica, o alla produzione farmaceutica. Oppure potrebbe essere un derivato di un qualche termine dialettale. Oppure potrebbe avere a che fare con una caratteristica fisica come il colore della pelle simile alla terra rossastra.
Per fare chiarezza occorre una ricerca genealogica documentale sul campo, che ci chiarisca innanzitutto se Buccheri è stato sempre Buccheri, o sia la derivazione di un qualche altro termine. Al momento l'ipotesi più plausibile è quella della provenienza dal territorio del comune di Buccheri, ma senza documenti siamo solo nel campo delle ipotesi senza alcun valore.
Titolabieno
 
Messaggi: 73
Iscritto il: giovedì 4 giugno 2015, 9:25
Località: Cingoli

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Salvennor » giovedì 9 febbraio 2017, 0:30

A proposito di etimologia dei cognomi, di cui al titolo del presente topic, mi stavo chiedendo se qualcuno conosce con un buon grado di attendibilità l'origine e l'etimologia del cognome "Peluffo" (anche Pelufo), e anche del cognome "Scelefre" (a volte scritto Scilet in capo alle medesime persone) ma oggi nella variante "Scilef". Ho rilevato tali cognomi nel mio ramo, negli ultimi mesi (direttamente imparentati), e inizialmente mi sono sembrati molto strani, specie il secondo. Ovviamente sul web ho già controllato, ma con scarsi risultati (al limite si parla di termine dialettale, per il primo cognome).
AntonMaria
Avatar utente
Salvennor
 
Messaggi: 1009
Iscritto il: giovedì 1 gennaio 2009, 17:19
Località: CAGLIARI

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Gennaro » giovedì 9 febbraio 2017, 17:32

Salvennor ha scritto:A proposito di etimologia dei cognomi, di cui al titolo del presente topic, mi stavo chiedendo se qualcuno conosce con un buon grado di attendibilità l'origine e l'etimologia del cognome "Peluffo" (anche Pelufo),


Non potrebbe trattarsi di una errata trascrizione del più comune "Peluso"?
Avatar utente
Gennaro
 
Messaggi: 210
Iscritto il: lunedì 16 gennaio 2012, 16:09
Località: Caserta

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Furio » venerdì 10 febbraio 2017, 13:21

Condivido che l’ origine dei nomi a prescindere dal contesto storico e geografico è causa di grossolani errori, come dice sopra il signor Grimaldi, io che non conosco quasi nulla dei longobardi, non avrei mai saputo vedere in Beccaria < una origine etimologica longobarda del cognome: o da ''berk'' + ''(s)karia'' = ''uomo della difesa'' oppure da ''behhari'', che stava ad indicare una sorta di coppa cerimoniale.>come riporta Gabardo.
Tornando quindi sulla etimologia di Buscel è attestato in Normandia e nell’Inghilterra normanna, significa ceppo ed è portato da una nobile famiglia normanna francese, che ragionevolmente avrebbe potuto diramarsi in Sicilia al seguito degli Altavilla. Uguale l’origine del cognome Bush inglese e si trova in Sicila il buccellato, dolce natalizio a forma di ceppo o tronchetto d’albero. Siccome la storia dice che un Ruggero BUSCEL era Giustiziere in Val di Noto e Castellano di Siracusa nel 1196 l’origine normanna mi pare evidente. Successivamente il Beato Guglielmo Bucceri salvò Federico II da un pericoloso cinghiale che l’aveva assalito, e il sovrano a memoria dell’eroismo del Bucceri gli aggiunse un cinghiale nello stemma, se ne conserva pure il nome in un Bosco detto di Bucceri.
Il detto beato Guglielmo (che abitò pure a Caltagirone) morì a Siracusa dove (il suo avo?) Ruggero era castellano e dove dei Bucceri, nobili decurioni e senatori risiedono sino ad oggi.
Un’altra “pista” etimologica è nello stemma dei Bucceri dove campeggiava un “Bouc” (pronuncia buc) che in francese e presumo pure in antico normanno significa montone, gli araldisti hanno tradotto montone rendendo meno evidente il segno parlante del nome.
In questo caso il cognome sarebbe equivalente di Montoni, quel tipo di nomi detti <totemici> come Orsi, Vitelli, Leoni, Leopardi, che usano cioè un animale-totem come nome e blasone attorno al quale si riunisce il clan o famiglia.
E per gli altri cognomi proposti dal Vicerè mi sembra che: Gusman e Raneri siano patronimici, Impellizzeri potrebbero essere Pellicciai, , Scaravilli è da mettere in relazione con “scaro” e il suffisso “villi” (città o villici?), invece per La Reina, La Rosa, si dice che i cognomi femminili preceduti dall’articolo denotano l’origine da una schiava , ma non bisogna generalizzare! infine per Brancatelli, diminutivo di branca, se d’origine italiana lo metterei in relazione con i simili Branca, Brancaleone, se di origine siciliana con “vranca”, Brancato.
Furio
 
Messaggi: 197
Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 14:52

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Furio » venerdì 10 febbraio 2017, 15:01

Ringrazio coloro che mi attribuiscono della fantasia, Umberto Eco diceva che per l’etimologia ci vuole rigore scientifico e fantasia, senza la quale non si può penetrare l’essenza della parola.
Trovo invece poco cortese e cacofonico il mal riuscito epiteto di Titolabieno < forumendolo> e mi auguro che sia un lapsus calami, infine ad “Antonio33” che vuole fare tutti macellai e Beccari chiedo se pensa che gli aristocratici siano un’invenzione fantastica e non siano mai esistiti… Cesare Beccaria è una delle glorie italiane e mondiali come scienziato e giurista, aveva un titolo e a Milano e a Parigi lo consideravano gran signore e nessuno avrebbe osato scherzare sul suo cognome! Per il vecchio discorso ripreso dal Parini : E ci si dimentica anche che il primo di una stirpe a essere nobile patentato, di solito, nacque plebeo. >
E’ sicuramente vero per i nobili patentati o di privilegio, le grandi famiglie però non hanno un capostipite nobilitato, figlio di un plebeo, in Francia facevano la distinzione tra : 1 Noblesse de race (da sempre) , 2 noblesse d’épée (cioè di spada cominciata in genere con le crociate) 3 Noblesse de robe (acquisita da magistrati, parlamentari o altri nobili funzionari) 4 Noblesse de privilege, l’ultima in rango e la meno illustre che presupponeva appunto un avo plebeo.
Cordiali saluti Furio
Furio
 
Messaggi: 197
Iscritto il: venerdì 13 giugno 2008, 14:52

Re: Etimologia di alcuni cognomi

Messaggioda Gabardo89 » venerdì 10 febbraio 2017, 16:15

Sono d'accordo col signor Furio. La nobiltà di molte famiglie lombarde fu riconosciuta anche senza l'esibizione di diplomi di concessione proprio perché quella nobiltà rimontava ad un'età così remota da non potersi rinvenire alcun diploma, ammesso che sia mai esistito. Non è infatti un'idea balzana ritenere quelle famiglie discendenti dai signori dell'epoca longobarda: che dire dei Martinengo, degli Aliprandi, dei Secco Suardo, dei Carcano? Sugli Aliprandi non sono certo fonti isolate a parlare delle loro origini longobarde e dei Secco mi pare che lo stesso Spreti parli di una radice germanica del cognome. Non vedo perché per i Beccaria, altra antica famiglia lombarda, debba essere diverso o quanto meno escludibile a priori.
Gabardo89
 
Messaggi: 13
Iscritto il: venerdì 3 giugno 2011, 23:02

PrecedenteProssimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti