Pagina 2 di 2

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: domenica 30 giugno 2019, 11:39
da Arciduca
Gianfranco De Turris ha avuto giudizi lusinghieri su Giulio Evola? Ma Gianfranco De Turris e il segretario della Fondazione Evola. Mi sembra ovvio e scontato che ne parli bene...

Marcello Veneziani ha elogiato il pensiero di Giulio Evola? ma se per questo ha fatto molto di più, ha proposto il duce come uomo dell'anno nel 2017...
https://www.iltempo.it/politica/2017/12 ... 7-1042780/

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: domenica 30 giugno 2019, 12:09
da Arciduca
De Turris è il segretario della Fondazione Evola per cui ovviamente parla bene di Giulio Evola
Veneziani ha addirittura promosso il Duce come l'uomo dell'anno 2017.
https://www.iltempo.it/politica/2017/12 ... 7-1042780/
Magari fra qualche anno promuoverà Evola come uomo del secolo.

Cacciari ne parla bene. Buon per lui. Anche Lucio Dalla e Roberto Saviano ( che è di origine ebraica e ha anche elogiato Israele, cosa che forse a Giulio non sarebbe piaciuta molto ) hanno detto di averlo letto .Magari lo hanno letto anche Celentano e Iva Zanicchi...ma qui stiamo parlando della sua presunta e molto probabilmente millantata nobiltà. Che poi, magari contro la sua volontà sia stato preso come ispiratori di movimenti terroristici negli anni 70, può essere che il suo pensiero sia stato travisato. In fondo negò sia di essere fascista sia di essere nazista. Perse le gambe sotto un bombardamento sovietico affermando che lo fece per sfidare la morte anche di questo non c'è nessuna prova di ciò, per quanto ne sappiamo , potrebbe essere stato una vittima comune come gli altri, Magari però essere "come gli altri" gli dava fastidio. Per questo forse lasciò correre la diceria sulla sua nobiltà...

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: domenica 30 giugno 2019, 14:33
da fabrizio guinzio
Carissimi, l'Ammiraglio Birindelli ha lasciato in rete un lusinghiero giudizio sul comandante Borghese, alla sfilata del 2 giugno dell'anno scorso il settore incursori ha gridato Decima Marinai Decima Comandante(i tempi cambiano, un'epoca è "virtualmente" finita, i sovietici russi erano liberatori ed ora i monumenti che li celebravano sono stati distrutti in quasi tutta l'Europa orientale che, ahimè, commemora i tedeschi come, altro orrore, liberatori) e quindi credo che il suo parere possa essere importante. Tornando ad Evola, fondamentalmente è un pensatore monarchico, quindi fautore di una istituzione super partes! Ciao,

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: domenica 30 giugno 2019, 20:59
da fabrizio guinzio
Dobbiamo comunque cercare di scrivere di dare giudizi storici ed in particolare araldici(addirittura la Treccani sembra essere in errore, araldicamente, sul Nostro) ma se copiazziamo Wikipedia siamo finiti, in qualsiasi campo. Rimando ai commenti di Giulio Vignoli su quel sito. Carissimo Arciduca, mi piace che ti identifichi con quel glorioso titolo per eccellenza asburgico austriaco, a presto,

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: domenica 30 giugno 2019, 23:41
da Elmar Lang
fabrizio guinzio ha scritto:(...) I sovietici russi erano liberatori ed ora i monumenti che li celebravano sono stati distrutti in quasi tutta l'Europa orientale che, ahimè, commemora i tedeschi come, altro orrore, liberatori)


I monumenti ai "liberatori" sovietici, son stati in parte (non quasi tutti) demoliti o "depotenziati". Comunque, a Vienna e Berlino esistono ancora, così come a Budapest (che, anch'essa fu "conquistata", non "liberata"), a Sofia e, temo, anche a Praga ed a Varsavia.

Non mi sembra che nei paesi dell'Est Europa si guardi ora ai tedeschi come liberatori. Come tali, li accolse l'Ucraina nel '41, pentendosene poi amaramente a causa degli orrori perpetrati dalle SS, che portarono la popolazione a considerare i crimini dell' NKVD come il male minore...

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: lunedì 1 luglio 2019, 11:32
da fabrizio guinzio
Carissimo Elmar, le distruzioni dei monumenti comunisti e sfilate naziste celebrative della caduta del socialismo h anno riguardato, per quanto ho letto e informazioni ricevute, in particolare Lituania Lettonia Estonia e Slovacchia.Grazie per le tue ulteriori informazioni. Quest'anno, il 9 novembre, si celebreranno i trent'anni dalla caduta delle dittature di sinistra in Europa orientale. Ma tornando ad Evola, possibile che su uno scrittore così conosciuto ci siano tanti misteri e fandonie, addirittura sulla massima enciclopedia italiana? Ciao,

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 7:22
da Tilius
fabrizio guinzio ha scritto:Ma tornando ad Evola, possibile che su uno scrittore così conosciuto ci siano tanti misteri e fandonie, addirittura sulla massima enciclopedia italiana?

Quando è il diretto interessato ad alimentare il proprio mito con fantasiose storielle, non solo è possibile: è inevitabile.
Una nutrita schiera di devoti estimatori (troppo devoti per essere obiettivi) ha fatto il resto.

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: mercoledì 3 luglio 2019, 9:23
da Elmar Lang
Una domanda, forse sciocca: quando e per quale ragione, il nome del Nostro, passò da Giulio a Julius?

Re: Nobiltà Julius Evola

MessaggioInviato: venerdì 5 luglio 2019, 17:16
da fabrizio guinzio
Mi sembra che emergano elementi che ci possano dare qualche chiarimento(e ulteriori domande). I genitori del Nostro chiamano il figlio Giulio Cesare(con ulteriori nomi, more nobilium), lo allevano probabilmente incuncadogli idee di un grande futuro di una grande fama et cetera, non potrebbero essere loro anche gli autori delle "fantasie" araldiche? Un'altra domanda è: ho letto in Italia biografie di personaggi anche minimi, mai una biografia di Evola. Mai sposato e senza figli, in un regime come quello fascista! Esistono notizie su fratelli cugini lontani parenti? Pur avendo letto tantissimo dei suoi scritti, lui è per me un totale mistero! E rimane la domanda di Elmar: perchè e quando Julius?