conti ORSI (Marche?)

Per discutere sulla storia di famiglia e sulla genealogia / Discussions on family history and genealogy

Moderatori: Alessio Bruno Bedini, Messanensis, GENS VALERIA

conti ORSI (Marche?)

Messaggioda stefano86 » martedì 23 agosto 2011, 18:39

Cari amici,

nelle mie ricerche mi sono imbattuto nel conte Giovanni ORSI, testimone di nozze di miei parenti sposatisi in Ancona, nella 2° metà del 1800. risulta una famiglia comitale ORSI delle Marche?

Ringrazio in anticipo per l'aiuto!

Cordialmente,
Stefano
stefano86
 
Messaggi: 664
Iscritto il: martedì 3 luglio 2007, 13:57
Località: Viterbo

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda Antonio De Battisti » martedì 23 agosto 2011, 22:40

Caro Stefano,
la fonte è l' Enciclopedia storico-nobiliare di Vittorio Spreti.

ORSI
Arma : D'azzurro a tre pali d'oro scorciati, nel capo accompagnati da tre stelle dello stesso di 6 punte ordinate nel capo.
Dimora : Forlì, Osimo, Roma
Immagine

Famiglia forlivese anticamente chiamata DEDDI. Il primo personaggio di cui si abbia certa menzione è NICOLO', discendente da quel Francesco che fu architetto della magnifica torre di S. Mercuriale costruita dal 1777 al 1781.
Da lui nacque DEDDO, vivente nel 1386, marito di Beniamina DALL'ASTE da cui BARTOLOMEO, che conseguì da Antonio I Ordelaffi molti impieghi militari e nel 1440, fu nominato Castellano di Forlimpopoli.
Questi fu padre di ANDREA (1456) che per la sua natura pelosa fu soprannominato < l'orso >, donde l'attuale cognome. Si rese molto celebre per avere avuto gran parte nelle lotte politiche della sua patria, ed ebbe anche il privilegio che la sua casa venisse dichiarata luogo di franchigia per qualunque delitto.
Finì infaustamente di vivere con la demolizione del suo palazzo e la confisca dei beni, per la congiura tramata insieme ai figliuoli per la uccisione di Girolamo Riario.
CHECCO, di lui primogenito alle disgrazie della famiglia cercò onorato impiego nelle armi e morì capo squadra in Manfredonia l'anno 1496.

Il secondogenito LUDOVICO, ridonò alla famiglia lo splendore. Fu da Pino Ordelaffi, generale dell'esercito fiorentino contro Ferdinando Re di Napoli, nominato suo supremo luogotenente nell'anno 1477 ; adempiuto onorevolmente questo incarico militare, si dette allo studio delle leggi e fu nominato senatore di Roma nel 1481.
Figlio del predetto Checco di Andrea, fu BARTOLOMEO, consigliere e patrizio di Forlì il 12 settembre 1512 e da lui nacque altro CHECCO, padre di GIOVANNI BATTISTA che da Violante CORBINI ebbe CHECCO, creato cavaliere e conte Palatino da Papa Clemente VIII, nel 1599.
Questi ebbe due figli GIOVANNI BATTISTA, che militò nella guerra di Urbano VIII col grado di condottiero di corazze l'anno 1648 e FRANCESCO, consigliere in Forlì nel 1635, che da Eufemia MONSIGNANI ebbe CHECCO, che in prime nozze sposò Lucrezia ALBICINI ed in seconde, Contessina del Conte Traiano MANGELLI, dalla quale ultima nacque PAOLO, capostipite del ramo che, per distinguersi dal primo, ha aggiunto il cognome MANGELLI.

LUIGI, del predetto Checco e della marchesa Lucrezia ALBICINI, fu consigliere in Forlì nel 1737, sposò Elena dei marchesi BAVIERA di Senigallia, da cui FRANCESCO ANTONIO, consigliere di Forlì nel 1771, che da Liberata del conte Domenico MAZZOLANI ebbe GIOVANNI BATTISTA, creato cavaliere di S.Stefano il 31 dicembre 1580.
Questi sposò la contessa Caterina BENTIVOGLIO di Bologna, dalla quale nacque FRANCESCO, che in età di anni 4 (sic !) fu decorato di giustizia dell'Ordine Gerosolimitano, con bolla 18 giugno 1762 e fu in seguito gentiluomo di camera dei Pontefici Gregorio XVI e Pio IX.
Da questi nacquero LUIGI (1818-1865) che da Melite GRAZIANI CISTERNI, di Rimini, ebbe :
- CAMILLO
- GIOVANNI
- GIROLAMO, medico
- ALBERTO

La famiglia è iscritta nel Libro d'Oro della Nob. Ital. e nell' El. Uff. Nob. Ital. coi titoli di patrizio di Forlì (m) ed è rappresentata da :
Camillo, di Luigi, marito di Marianna BACELLI, da cui :
- LUIGI (* 1882)
- MELITE (* 1884)
- RENATO (* 1888)

Alessandro di Giovanni, con le figlie :
- CARMEN (* 1887)
- BEATRICE (* 1889)

Alberto, di Giuseppe (* 1867)


Antonio
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda bardo » martedì 23 agosto 2011, 23:17

Inserisco l'arma Orsi tratta dal Supplemento istorico dell'antica città di Forlì (1678) di Sigismondo Marchesi.

Immagine

un saluto ;)
Luca
Tempus loquendi, tempus tacendi.

Associazione Storico-Culturale RiminiSparita
Avatar utente
bardo
 
Messaggi: 1444
Iscritto il: martedì 23 marzo 2010, 1:45
Località: Rimini

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda stefano86 » giovedì 25 agosto 2011, 8:58

Carissimi Antonio e Luca, grazie mille! [thumb_yello.gif]

Stefano
stefano86
 
Messaggi: 664
Iscritto il: martedì 3 luglio 2007, 13:57
Località: Viterbo

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda parrotia22 » lunedì 16 gennaio 2012, 23:10

Salve
sto eseguendo albero genealogico(molto allargato) della mia famiglia e ho letto l'articolo a proposito di Giovanni Orsi Mangelli e volevo avere dettagli più esaurienti sulla stessa famiglia ; mio zia Maria (figlia di Silvia Mordo Pavia e Mario Tripcovich fratello della mamma di mia mamma) ha sposato Orsino Orsi Mangelli
ringrazio anticipamente
parrotia22
 
Messaggi: 3
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2012, 19:41

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda Antonio De Battisti » martedì 17 gennaio 2012, 2:56

parrotia22 ha scritto:Salve
sto eseguendo albero genealogico(molto allargato) della mia famiglia e ho letto l'articolo a proposito di Giovanni Orsi Mangelli e volevo avere dettagli più esaurienti sulla stessa famiglia ; mio zia Maria (figlia di Silvia Mordo Pavia e Mario Tripcovich fratello della mamma di mia mamma) ha sposato Orsino Orsi Mangelli
ringrazio anticipamente

Gentile Parrotia22,

al fine di evadere la Sua petizione, mi deve concedere non meno di 24 ore considerata la messe di notizie insita nell' Enciclopedia dello Spreti.

Cordiali saluti
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda antonio33 » martedì 17 gennaio 2012, 10:53

Mi si consenta una nota fuori argomento per evidenziare e ringraziare Antonio De Battisti per la consueta cortesia verso tutti i forumisti, compreso il sottoscritto.
Antonio [thumb_yello.gif] [clapping.gif]
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1110
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda Antonio De Battisti » mercoledì 18 gennaio 2012, 3:20

Gentile Parrotia22,
la fonte è l' Enciclopedia storico-nobiliare del marchese Vittorio Spreti.

ORSI MANGELLI
Arma riconosciuta : Partito : nel 1°d'azzurro a tre bande d'oro, col capo d'azzurro carico di tre stelle di sei raggi d'oro, male ordinate ; nel 2°d'azzurro all'albero di pino sradicato, al naturale, attraversato nel tronco da un bue passante d'oro. (Decreto Ministeriale di Riconoscimento 22 dicembre 1929).
Ornamenti : Corona di Conte Palatino col cercine e gli svolazzi d'azzurro e d'oro.
Dimora : Forlì e Milano.
Immagine

E' opportuna una breve osservazione : prima che il ramo Orsi prendesse questo nome, dato nel secolo XV a quell'Andrea che fu padre dei congiurati contro Girolamo Riario e scontò per essi le ire di Caterina Sforza, ebbe alcuni membri col nome Deddo, che alle volte si intercalava con Francesco e Checco.
Di qui alcuni scrittori hanno preso motivo di parlare addirittura di un cognome Deddi, dimenticando forse che Franciscus Deddi non vuol dire < Francesco Deddi > ma vuol dire < Francesco di Deddo >, pur essendovi molti casi, nei quali il secondo nome è diventato effettivamente un cognome.
La Cronaca di Giovanni di Pedrino al n. 1022, anno 1437, ha Deddo di Checco di Deddo, non senza probabilità collegato dagli scrittori con quel Franciscus Deddi che secondo il libro < Biscia > dell'Archivio Comunale eresse dal 1177 e 1181 la magnifica torre della Chiesa di S. Mercuriale.

Della famiglia Orsi, prima chiamata Deddi se ne hanno notizie fin dal sec. XII traendo le sue origini da un capostipite NICOLO'. Nel 1177 un FRANCESCO Deddi fu l'architetto della monumentale torre Campanaria di San Mercuriale in Forlì.
Nel sec. XV questa famiglia assunse il cognome Orsi da un ANDREA, soprannominato l'Orso, uomo assai valente nei commerci, che fondò la prima ricchezza della casata e salì a tale potenza ed autorità in Romagna che il suo palazzo godeva, come le chiese e le Corti, il diritto di inviolabile asilo.
Ebbe questi per figlio un FRANCESCO, autore di quella congiura per la quale nel 1488 fu trucidato Girolamo Riario, marito di Caterina Sforza e signore di Forlì e di Imola ;
in conseguenza gli Orsi furono esiliati dalla città e messo a ferro e a fuoco il loro palazzo sulle cui rovine fu poi eretto l'attuale Monte di Pietà.
Soltanto un membro della Casa potè salvarsi nella villa di Casemurate. Il predetto Francesco morì in Manfredonia nel 1497.

Suo fratello LODOVICO fu distinto legale e valoroso guerriero ed era stato creato cavaliere da Pino III degli Ordelaffi che lo lasciò, in qualità di luogotenente generale, nel 1477, a comandare l'esercito fiorentino contro Ferdinando d'Aragona re di Napoli ; nel 1480 fu nominato Senatore di Roma e poichè anch'egli aveva partecipato alla congiura per l'uccisione di Girolamo Riario, dovette fuggire dalla città, e morì esule nel 1497 a Camerino ove aveva coperto la carica di Pretore.
Morta Caterina Sforza, moglie del Riario e caduta in Forlì quella Signoria, gli Orsi poterono ritornare in patria ove ben presto ripresero il primitivo splendore.
Il citato Lodovico, che sposò una figlia di Azzo GURIOLI di Cesena, lasciò una discendenza che in un vecchio albero genealogico della famiglia, compilato nel 1788, risulterebbe estinta verso la fine del sec. XVII.

Il Cecco invece, suo fratello primogenito lasciò tra gli altri un BARTOLOMEO che fu padre di altro CECCO che generò un GIOVANNI BATTISTA, marito di Lucrezia di Filippo BALDI che lo rese padre di un altro CECCO, cavaliere, che nel 1609 sposò in prime nozze Francesca, di Giuseppe ALBICINI, e nel 1617, rimasto vedovo, Francesca di Francesco MERLINI.
Da questo matrimonio nacquero :
- GINEVRA che andò sposa a Marco di Ghinolfo SERUGHI
- GIOVANNI BATTISTA che fu capitano e morì senza prole in Albano nel 1663
- FRANCESCO, continuatore della linea, che impalmò Eufemia di Alessandro MONSIGNANI dalla quale nacquero quattro figli dei quali soltanto altro CECCO ebbe discendenza.
Egli nel 1663 sposò in prime nozze Lucrezia dei Marchesi ALBICINI che gli generò un LUIGI che impamò Elena BAVIERA di Senigallia e fu il capostipite del ramo degli Orsi che prese sede nelle Marche e a Roma.

Il soprannominato Checco Orsi, mortagli la moglie, sposò in seconde nozze nel 1672 Contessina, figlia primogenita di Traiano MANGELLI che da Ferdinando III imperatore fu creato Conte Palatino con Diploma dato da Ratisbona il 26 gennaio 1654.
La predetta Contessina, con la sorella Paola Maria, erano le uniche figlie superstiti dell'antichissima nobile famiglia Mangelli di Forlì le cui origini risalivano al secolo XII e alla quale avevano appartenuto un ANDREA, versatissimo nelle leggi, Nunzio in Ispagna nel 1655 e poi in Fiandra, stimatissimo dal Re Filippo IV il Cattolico e dall'Arciduca Leopoldo ; un PAOLO, principe di Meldola per la Pamphili e che fu padre del sullodato Traiano ; un ORAZIO che fu creato Conte Lateranense e fu colonnello delle Armi di Casa Farnese ; un Monsignor FRANCESCO, abate di Sant'Angelo, Referendario di ambo le Segnature e ambasciatore alla Corte Romana pei Duchi di Parma.

Dal secondo matrimonio di Checco ORSI con Contessina MANGELLI nacquero PAOLO e BATTISTA. Quest'ultimo fu Vescovo di Cesena http://www.catholic-hierarchy.org/bishop/borsigb.html, mentre Paolo I, che unì al proprio il cognome Mangelli per sè e discendenti inquartando anche l'arma di questa famiglia, sposò Luciana della nobile famiglia ZAULI e generò un altro CHECCO che nel 1758 sposò Antonia del Conte Vincenzo SEVEROLI di Faenza e fu creato Conte Lateranense coi suoi discendenti maschi legittimi e naturali in infinito da Papa Clemente XIII con Bolla in data 10 marzo 1761.
Formatosi il nuovo ramo Orsi-Mangelli, FRANCESCO con Bolla di Clemente XIII il 10 marzo 1761, fu insignito del titolo di Conte in questi termini : < Facciamo e creiamo conti della nostra Aula Lateranense e Palazzo Apostolico, Te e i tuoi discendenti maschi legittimi e naturali in infinito, i quali perdurino nella sincerità della fede e obbedienza alla Santa Sede, e li aggreghiamo favorevolmente al numero e consorzio degli altri consimili conti, e a te e ai tuoi discendenti predetti concediamo e largiamo che possano e potranno usare fruire e godere liberamentee lecitamente i privilegi, grazie, indulti, esenzioni e prerogative di cui gli altri conti, per diritti, uso e consuetudine o in altro modo qualsiasi usano, fruiscono e godono. >

Dal matrimonio del predetto Checco con Antonia del Conte Vincenzo SEVEROLI di Faenza nacquero :
- VINCENZO che fu cavaliere gerosolimitano e morì senza discendenza mascolina
- tre femmine che vestirono tutte l'abito religioso di San Francesco
- PAOLO, nato il 30 ottobre 1762, che compiuti in Roma col fratello gli studi maggiori sotto la direzione dei Gesuiti e laureatosi in giurisprudenza, nel 1804 sposò la contessa Elisabetta VALMARANA, Patrizia Veneta, che gli generò 8 figliuoli dei quali 4 morirono in tenera età.
Il Conte Paolo fu presidente dell'Amministrazione Dipartimentale del Rubicone per la Repubblica Italiana e come tale assistette in Milano all'incoronazione dell'Imperatore Napoleone. Successivamente fu membro del Consiglio di Prefettura dello stesso dipartimento, impiego che tenne fino alla caduta dell'impero napoleonico ; fu membro della Congregazione governativa di Romagna fino a tutto il settembre 1816.
Mortagli il 31 ottobre 1817 la nobile consorte, si trasferì poi a Roma nel 1820 ed entrò nella prelatura ; nel dicembre 1820 Pio VII lo nominò suo Cameriere d'Onore e il 4 gennaio 1821 Prelato domestico, indi Referendario di ambo le Segnature.
Nel marzo 1821 fu inviato dal Pontefice a Benevento quale legato per ristabilire l'ordine in quella provincia, poi nel 1823 quale delegato apostolico a Civitavecchia, nel 1824 ad Ancona, nel 1826 a Perugia.
Il 3 aprile 1827 Papa Leone XII lo nominò Chierico di Camera e nel 1828 fu Presidente dell'Annona e Grascia ; nel 1829 membro della Congregazione di revisione ; il 12 dicembre 1830 fu destinato pro-Legato al governo della provincia di Ferrara ; ritornato a Roma il 6 aprile 1835 il Pontefice Gregorio XVI lo nominò presidente della Comarca di Roma.
Il 2 febbraio 1838 fu nominato Protonotario Apostolico partecipante ; il 29 marzo 1840 salì al Sacerdozio ed il 24 gennaio 1842 il predetto Pontefice lo nominò Uditore Generale della Rev. Camera Apostolica conferendogli le Abbazie dei SS. Clemente e Pancrazio.
Il Pontefice Gregorio XVI nel Concistoro del 27 gennaio 1843 lo creò Cardinale col titolo di S. Maria della Scala.
Questa nobilissima figura di prelato e di alto dignitario della Chiesa, amatissimo per probità, giustizia, saggezza e sapere, ritornando nella sua Forlì nel 1843 ricevette dai suoi concittadini le più onorevoli dimostrazioni di affetto e si spense poi a Roma nella notte dal 3 al 4 marzo 1846 e fu sepolto nella Chiesa di Santa Maria della Vittoria, ove gli fu eretto un monumento con lodevolissima epigrafe.
http://www.araldicavaticana.com/mx015.htm
http://www2.fiu.edu/~mirandas/bios1843.htm#Mangelli
Gli altri quattro figliuoli che il citato Cardinale Paolo ebbe da Elisabetta Valmarana furono :
- GIUSEPPE, morto in Roma nel 1831 di 22 anni
- CHIARA che sposò un MANNI di Tivoli
- FRANCESCO ed ANTONIO autori dei due rami fiorenti degli Orsi Mangelli


Ramo primogenito di FRANCESCO, di Paolo

FRANCESCO, nato nel 1805, morto nel 1888, letterato e poeta, fu Ciambellano del Granduca Leopoldo di Toscana e Cameriere Segreto soprannumerario di Spada e Cappa dei Pontefici Gregorio XVI e Pio IX ; sposò in prime nozze la baronessa GAVOTTI di Roma ed in seconde nozze Paola dei Marchesi CURTI-LEPRI dalla quale nacquero diverse femmine ed un solo maschio, RAFFAELE, nato a Roma il 20 dicembre 1855, morto nel 1930, sposato il 12 giugno 1878 con Rosa MISCHI di Cesena, dalla quale nacque il vivente Conte PAOLO, http://www.residenzapietrozangheri.it/b ... =&pagina=3
che dà tuttora grande incremento all'agricoltura e alle industrie ed introdusse nelle campagne forlivesi le prime macchine agricole. Nel 1911 impiantò i primi frutteti razionali come normale lavoro poderile, vincendo i pregiudizi e l'ostilità dei coloni. Nel 1913 persuase anche i più increduli alla intensa coltivazione del tabacco e alla industrializzazione della terra.
Aprì in tal guisa all'agricoltura romagnola il commercio redditizio delle piante industriali. Nello stesso anno iniziò l'industria del caseificio, totalmente ignorata in Romagna, che doveva, per suo merito, assurgere ad importanza grandissima.
Con lui incominciano le importazioni del bestiame svizzero ed i tentativi di acclimatazione : il che costò enormi sacrifici di denaro, cure sapienti, esperimenti difficili, il tutto però coronato, per la ferma volontà del Conte, dal più completo successo.
Così mentre a San Mauro Pascoli, i Principi Torlonia davano ai campi di Romagna i monumentali buoi da lavoro e da carne, in Carpinello di Forlì il Conte Orsi Mangelli acclimatava ed allevava un tipo di mucca da latte che oggi forma la ricchezza migliore di ciascun podere.
Come ausilio ed incitamento alle coltivazioni di tabacco, ha poi costruito un vasto e moderno < essiccatoio >, al quale possono avviare a maturazione i loro raccolti anche i piccoli coltivatori.

Da questi fatti, precisa testimonianza di una illuminata concezione dei problemi agricoli, emerge chiarissima la perfetta, potente e moderna organizzazione aziendale della Casa Orsi Mangelli, in grado di superare ogni crisi e fronteggiare tutte le concorrenze. E sono poderi modello, stalle perfette, campi sperimentali, case coloniche provviste d'ogni comodità, impianti irrigatori, vivai, svelti servizi amministrativi che fiancheggiano l'opera, gli consentono di accudire ai suoi compiti con decoro e serenità rendendoli profondamente interessati al progresso dell'Azienda.
Non meno complessa ed ardita si presenta l'attività industriale del patrizio Forlivese che assicura un pane onesto a tante braccia. Oltre 4000 persone hanno il lavoro assicurato nelle aziende industriali del Conte Orsi Mangelli.
A Jesi nelle Marche, a Sezzadio in Piemonte, a Bergamo, Villa d'Adda, Terno d'Isola, Gessate, Osio Sotto, lavora una maestranza di complessive 2000 unità, per la filatura della seta naturale ; si tratta di stabilimenti che per la loro modernità di mezzi e di sistemi hanno potuto sostenere tutti i gravi squilibri del mercato delle sete, e continuare il lavoro in piena efficienza.

Le industrie che più segnalano però l'ardimento del Conte Orsi Mangelli, sono quelle sorte a Forlì nel decennio dell'Era Fascista. Il Conte Paolo, per reverente omaggio al Duce, volle infatti tentare la sua maggiore impresa a Forlì, malgrado le enormi difficoltà tecniche e di ambiente.
Creò nel 1925 uno stabilimento per la lavorazione della seta artificiale (viscosa) che dà una produzione giornaliera di 7000 kg con l'impiego fisso di una maestranza di 1500 unità.
Nel 1929, secondo i dettami e le scoperte più recenti della chimica industriale, fondò un secondo stabilimento per la fabbricazione della < cellophane > che è il primo sorto in Italia ed ha notevolmente alleggerito il capitolo delle importazioni. Questa azienda che occupa 650 persone, ed è avviata ad un sicuro avvenire, è diretta dal Conte Ing. PIER FRANCESCO Orsi Mangelli, primogenito del Conte Paolo, che dal padre suo trae l'esempio più significativo per perpetuare, nella rinnovata attività, la tradizione gloriosa della storica famiglia.
Questa industria importantissima oltre ad aver liberato da ogni importazione - in ciò consiste la significativa bellezza del gesto ardito del Conte Paolo e del figlio - inizia ed aiuta il sorgere di un nuovo artigianato che, abbandonando la decaduta lavorazione della paglia, si volge al filato della cellophane che, per resistenza, tinte brillanti ed impermeabili, si presta ad ogni specie di intrecci e tessuti, si piega alle forme eleganti e durevoli ; permette policromie mai ottenute con la paglia naturale.
Anche nell'allevamento del cavallo da corsa, il Conte Paolo si è segnalato e posto all'avanguardia creando uno dei più importanti e selezionati allevamenti dei trottatori di Europa, e dedicando cure amorose alla tenuta modello < Le Budrie >, che è fra le più importanti d'Italia.
http://www.quellideltrotto.it/riproduzi ... trotto-10/
Immagine
http://it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Orsi_Mangelli

Tutte le provvidenze del Partito, dagli iniziali tentativi dell'Opera Nazionale Balilla all'attuale rigoglioso Ente Opere Assistenziali, ebbero ed hanno in lui il fedele e cospicuo benefattore. La sostanziale opera politica del Conte Orsi Mangelli si esplicò nell'assumersi il grave carico di Primo Preside della Provincia Fascista, nell'applicazione della riforma voluta dalla legge 27 dicembre 1928 N. 2962. Il periodo della sua presidenza di circa tre anni fu caratterizzato da una dinamica realizzazione di tutte le istituzioni volute dalla legge.
Fra i suoi meriti figura primissimo quello di avere instancabilmente propugnato il ritorno dell'indimenticabile Arnaldo Mussolini al governo della Provincia, il che gli consentì di rimettere nelle mani del Grande Scomparso i risultati delle proprie fatiche.
Così egli ha inteso la nobiltà grande di una missione. Di lui egli fu ed è interprete efficacissimo, continuando la tradizione magnifica di due famiglie che hanno gettato, nei tempi, il raggio luminoso di opere stupende.


Ramo secondogenito di ANTONIO, di Paolo

ANTONIO, di Paolo, fu stimatissimo direttore del Debito Pubblico sotto il Governo pontificio ; sposò in prime nozze Blandina dei Conti VERZAGLIA di Cesena ed in seconde Elisabetta ZOLI di Forlì dalla quale nacque il 19 settembre 1863 GIUSEPPE, morto il 10 febbraio 1919 che dalla moglie Flaminia MONTENERO ebbe : Elena, Antonio, Alberto ed Elisabetta, attuali rappresentanti del ramo secondogenito.
La famiglia è iscritta nel Libro d'Oro della Nob. Italiana e nell' Elenco Uff. Nob. Ital. del 1933 coi titoli di :
- Conte Palatino (Conte) (m)
- Patrizio di Forlì (m)
- Nobile dei Conti (f)
- Nobile di Ancona (mf)
in virtù dei Decreti Ministeriali di Riconoscimento 22 dicembre 1929 :

Ramo primogenito
Paolo, di Raffaele, di Francesco (* Forlì, 15.VIII.1880), Comm. della Corona d'Italia, benemerito agricoltore ed industriale,
spos. a Jesi 6 giugno 1904 con Giselda GIROLIMINI.
Figli :
- PIERFRANCESCO (* Forlì, 19.III.1905), Ingegnere chimico
- ORSINO (* ivi, 07.III.1909) http://www.orsimangelli.com/eng/index_e.htm
- BARBERINA (* ivi, 07.III.1912)

Ramo secondogenito
Antonio, di Giuseppe, di Antonio (* Roma, 11.III.1891), ingegnere, Cavaliere della Corona d'Italia
Fratelli :
- ELENA (* Roma, 19.III.1890), spos.a Roma col Conte Filippo MAGGIORI
- ALBERTO (* Roma, 22.I.1895), Cav. della Corona d'Italia e dell'Ordine Equestre di Sant'Agata, vice podestà di Forlì, morto nel 1932
- MARIA ELISABETTA (* Roma, 18.X.1903)

http://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Orsi_Mangelli

Gli Orsi Mangelli sono stati i titolari del marchio OMSA (acronimo per Orsi Mangelli Società Anonima), specializzato nella produzione di calze. La sede di Faenza, in seguito, è stata acquisita dalla Golden Lady di Castiglione delle Stiviere (MN) http://bresciaincontriamoci.blogspot.co ... ci-in.html
http://www.youtube.com/watch?v=eMnSv6J3L3o (il mitico ' Carosello' stante a pubblicizzare le calze OMSA)
http://www.youtube.com/watch?v=O-bt66sptJI

http://www.anvgd.it/index.php?option=co ... Itemid=144 (TRIPCOVICH)


Cordiali saluti
Antonio De Battisti
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: martedì 6 gennaio 2009, 18:28

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda parrotia22 » mercoledì 18 gennaio 2012, 19:37

Ringrazio tantissimo per le informazioni che mi ha dato
cordiali saluti
Marco
parrotia22
 
Messaggi: 3
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2012, 19:41

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda antonio33 » giovedì 19 gennaio 2012, 0:34

Si desume da questo resoconto accurato il collegamento stretto della famiglia Orsi Mangelli con il regime fascista. Peraltro e purtroppo amaro fu il destino dell'Omsa.
Altra famiglia notabile della zona fu quella dei Paolucci de Calboli.
Non so quale componente di quest'ultima famiglia (Fulcieri?) cadde eroicamente durante la prima guerra mondiale e fu decorato con medaglia d'oro al valor militare alla memoria.
Per motivi familiari gradirei molto notizie in merito.

Ringraziando anticipatamente chi volesse aiutarmi, cordialmente auguro buona notte a tutti.
Antonio
Ultima modifica di antonio33 il giovedì 19 gennaio 2012, 1:30, modificato 1 volta in totale.
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1110
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda antonio33 » giovedì 19 gennaio 2012, 1:29

Mi metto in castigo da solo...col cappello da somaro e dietro la lavagna: CERCA in alto a destra e ho trovato tutto. [sorry.gif] [bangin.gif]
Scusate.
Antonio
Princeps probitas iusti
Avatar utente
antonio33
 
Messaggi: 1110
Iscritto il: domenica 19 giugno 2011, 13:21

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda bardo » giovedì 19 gennaio 2012, 19:41

Nel Cimitero Monumentale di Forlì si trova la tomba della famiglia Orsi Mangelli.
Ecco lo stemma:

Immagine

un saluto ;)
Luca
Tempus loquendi, tempus tacendi.

Associazione Storico-Culturale RiminiSparita
Avatar utente
bardo
 
Messaggi: 1444
Iscritto il: martedì 23 marzo 2010, 1:45
Località: Rimini

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda parrotia22 » martedì 24 gennaio 2012, 11:47

Mi mancano dati Famiglia Tripcovich (tripkovic) discendenza Elia marito di Donna Catherina e padre di Matteo, (morto 1762 a 63anni circa)marito di Donna Maria Jvanovic e padre di stefano 1842-1834 (moglie???) padre di Luka Nikov (unico figlio?)padre di Andrea-Niko-Dario Milena Viscorich ? e Slavio............
Sarebbe interessante avere i dati antenati Traiano Mangelli padre di Paola Maria e sua sorella contessina ....... ??
ringraziando anticipamente
Marco
parrotia22
 
Messaggi: 3
Iscritto il: venerdì 13 gennaio 2012, 19:41

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda lauras » sabato 2 giugno 2012, 13:42

C'è qualcuno che mi sa dire chi erano i genitori di Melite Graziani Cisterni e qualche notizia che riguarda questa donna? Grazie
lauras
 
Messaggi: 50
Iscritto il: domenica 8 febbraio 2009, 20:49

Re: conti ORSI (Marche?)

Messaggioda bardo » sabato 9 giugno 2012, 16:40

lauras ha scritto:C'è qualcuno che mi sa dire chi erano i genitori di Melite Graziani Cisterni e qualche notizia che riguarda questa donna? Grazie


Melite Graziani Cisterni in Orsi morì all'età di 49 anni il 12 agosto del 1880. E' sepolta nel cimitero di Rimini, nella sezione del cimitero monumentale, nel sepolcro del Cav. Angelo Legnani.

un saluto ;)
Luca
Tempus loquendi, tempus tacendi.

Associazione Storico-Culturale RiminiSparita
Avatar utente
bardo
 
Messaggi: 1444
Iscritto il: martedì 23 marzo 2010, 1:45
Località: Rimini

Prossimo

Torna a Storia di Famiglia e Genealogia / Family History and Genealogy



Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti